Risorse per la migrazione delle applicazioni ad Azure Active Directory

Risorse di supporto per la migrazione dell'accesso e dell'autenticazione delle applicazioni ad Azure Active Directory (Azure AD).

Risorsa Descrizione
Migrazione delle app ad Azure AD Questo white paper presenta i vantaggi della migrazione e descrive come pianificare la migrazione in quattro fasi ben delineate: individuazione, classificazione, migrazione e gestione continua. Verranno fornite istruzioni dettagliate per riflettere sul processo e suddividere il progetto in parti facilmente utilizzabili. Nel documento vengono forniti collegamenti a importanti risorse di supporto per l'utente durante il processo.
Esercitazione per sviluppatori: AD FS per Azure AD playbook di migrazione delle applicazioni per sviluppatori Questo set di esempi di codice ASP.NET e le esercitazioni associate consentono di apprendere come eseguire in modo sicuro e sicuro la migrazione delle applicazioni integrate con Active Directory Federation Services (AD FS) a Azure Active Directory (Azure AD). Questa esercitazione è rivolta agli sviluppatori che non solo devono imparare a configurare le app sia in AD FS che in Azure AD, ma anche a essere consapevoli e sicuri delle modifiche che la codebase richiederà in questo processo.
Strumento: script per la conformità alla migrazione di Active Directory Federation Services Si tratta di uno script è possibile eseguire nel server Active Directory Federation Services (AD FS) locale per determinare la conformità delle app per la migrazione ad Azure AD.
Piano di distribuzione: migrazione da AD FS alla sincronizzazione dell'hash delle password Con la sincronizzazione dell'hash delle password, gli hash delle password degli utenti vengono sincronizzati da Active Directory locale ad Azure AD. In questo modo Azure AD può autenticare gli utenti senza interagire con l'istanza locale di Active Directory.
Piano di distribuzione: migrazione da AD FS all'autenticazione pass-through L'autenticazione pass-through di Azure AD consente agli utenti di accedere ad applicazioni sia locali sia basate sul cloud usando la stessa password. Questa funzionalità migliora l'esperienza degli utenti, che avranno una password in meno da ricordare. Inoltre, riduce i costi dell'help desk IT perché gli utenti, avendo una sola password da ricordare, sono meno portati a dimenticare la procedura di accesso. Quando gli utenti eseguono l'accesso tramite Azure AD, la funzionalità ne convalida direttamente le password rispetto ad Active Directory locale.
Piano di distribuzione: abilitazione di Single Sign-On in un'app SaaS con Azure AD Single Sign-On permette di accedere a tutte le app e le risorse necessarie per le attività aziendali consentendo di eseguire l'accesso una sola volta con un singolo account utente. Dopo aver eseguito l'accesso, l'utente può ad esempio spostarsi da Microsoft Office a SalesForce e successivamente a Box senza dover effettuare nuovamente l'autenticazione, ad esempio con la digitazione di una password.
Piano di distribuzione: estensione delle app ad Azure AD con il proxy dell'applicazione Per poter accedere alle applicazioni locali dai portatili e da altri dispositivi dei dipendenti, sono sempre state necessarie reti private virtuali (VPN) o reti perimetrali. Queste soluzioni non sono solo complesse e difficili da proteggere, ma sono anche costose da configurare e gestire. Azure AD Application Proxy consente di accedere alle applicazioni locali più facilmente.
Piani di distribuzione Altri piani di distribuzione per la distribuzione di funzionalità come l'autenticazione a più fattori, l'accesso condizionale, il provisioning utenti, l'accesso SSO facile, la reimpostazione della password self-service e altro ancora.
Migrazione di app da Symantec SiteMinder a Azure AD Ottenere istruzioni dettagliate sulle opzioni di integrazione e migrazione delle applicazioni con un esempio che illustra la migrazione delle applicazioni da Symantec SiteMinder a Azure AD.