Che cos'è Power BI Premium?

È possibile usare Power BI Premium per accedere a funzionalità e capacità disponibili solo in Premium e offrire scalabilità e prestazioni maggiori per il contenuto di Power BI nell'organizzazione. Power BI Premium consente a più utenti dell'organizzazione di ottenere il massimo da Power BI con prestazioni e tempi di risposta migliori. Con Power BI Premium, ad esempio, l'amministratore e gli utenti dell'organizzazione possono ottenere le funzionalità seguenti:

  • Scalabilità e prestazioni maggiori per i report di Power BI
  • Flessibilità di acquisire le licenze in base alla capacità
  • Funzionalità ottimali per la visualizzazione dei dati e l'estrazione di informazioni dettagliate, ad esempio l'analisi basata su intelligenza artificiale, i flussi di dati componibili e riutilizzabili e i report impaginati
  • Unificazione della business intelligence self-service e aziendale con svariate capacità solo Premium che supportano carichi di lavoro più pesanti e richiedono livelli di scalabilità aziendali
  • Licenza inclusa per estendere le funzionalità di business intelligence locali con Server di report di Power BI
  • Supporto della residenza dei dati per area (più aree geografiche) e delle chiavi di crittografia gestite dal cliente per i dati inattivi (BYOK)
  • Possibilità di condividere il contenuto di Power BI con chiunque (anche all'esterno dell'organizzazione) senza acquistare una licenza per utente

Screenshot del portale di amministrazione di Power BI.

Questo articolo presenta le funzionalità principali di Power BI Premium. Dove necessario, sono forniti collegamenti a ulteriori articoli con informazioni più dettagliate. Per altre informazioni su Power BI Pro e Power BI Premium, vedere la sezione Confronto tra funzionalità di Power BI di Prezzi di Power BI.

Power BI Premium generazione 2

Power BI Premium ha rilasciato di recente una nuova versione di Power BI Premium, Power BI Premium - Seconda generazione, denominata Premium Gen2 per praticità.

Per altre informazioni su Premium Gen2, vedere Che cos'è Power BI Premium Gen2?

Sottoscrizioni e licenze

Power BI Premium è una sottoscrizione di Microsoft 365 a livello di tenant disponibile in due famiglie di SKU (Stock-Keeping Unit):

  • SKU P (P1-P5) per funzionalità di incorporamento ed Enterprise, che richiedono un impegno mensile o annuale, con fatturazione mensile, e includono una licenza per l'installazione di Server di report di Power BI in locale.

  • SKU EM (EM1-EM3) per l'incorporamento organizzativo, richiedono un impegno annuale, con fatturazione mensile. Le SKU EM1 ed EM2 sono disponibili solo attraverso piani di contratti multilicenza. L'acquisto diretto non è possibile.

Acquisto

Le sottoscrizioni di Power BI Premium vengono acquistate dagli amministratori nell'interfaccia di amministrazione di Microsoft 365. In particolare, solo gli amministratori globali o gli amministratori fatturazione possono acquistare SKU. Dopo l'acquisto, il tenant riceve un numero corrispondente di memorie centrali virtuali per l'assegnazione delle capacità, chiamati pool di vCore. Ad esempio, l'acquisto di una SKU P3 fornisce al tenant 32 memorie centrali virtuali. Per altre informazioni, vedere Come acquistare Power BI Premium.

Power BI Premium per utente

Power BI Premium per utente consente alle organizzazioni di concedere in licenza le funzionalità Premium per singoli utenti. Premium per utente (PPU) include tutte le capacità della licenza Power BI Pro e aggiunge funzionalità come report impaginati, intelligenza artificiale e altre capacità disponibili solo per i sottoscrittori della licenza Premium. Per altre informazioni su Premium per utente, tra cui un confronto delle funzionalità e altre informazioni, vedere l'articolo Power BI Premium per utente.

Capacità riservate

Con Power BI Premium si ottengono capacità riservate. A differenza di una capacità condivisa in cui l'elaborazione dell'analisi dei carichi di lavoro viene eseguita per risorse di elaborazione condivise con altri clienti, una capacità riservata è destinata all'uso esclusivo da parte di un'organizzazione. Questo tipo di capacità è isolata con risorse di elaborazione riservate che offrono prestazioni affidabili e coerenti per il contenuto ospitato. Si noti che l'elaborazione dei seguenti tipi di contenuto di Power BI viene archiviata nella capacità condivisa anziché nella capacità riservata:

Le aree di lavoro si trovano all'interno delle capacità. Ogni utente di Power BI ha un'area di lavoro chiamata Area di lavoro personale. È possibile creare aree di lavoro aggiuntive chiamate aree di lavoro per consentire la collaborazione. Per impostazione predefinita le aree di lavoro, incluse le aree di lavoro personali, vengono create nella capacità condivisa. Se si hanno capacità Premium, a queste possono essere assegnate sia aree di lavoro personali che aree di lavoro.

Le aree di lavoro personali degli amministratori della capacità vengono assegnate automaticamente alle capacità Premium.

Nodi delle capacità

Come descritto nella sezione Sottoscrizioni e licenze, sono disponibili due famiglie di SKU di Power BI Premium: EM e P. Tutte le SKU di Power BI Premium sono disponibili come nodi delle capacità e ogni nodo rappresenta una quantità impostata di risorse costituite da processore, memoria e archiviazione. Oltre alle risorse, ogni SKU ha limiti operativi relativi al numero di connessioni DirectQuery e dinamiche al secondo e al numero di aggiornamenti di modello paralleli. Sebbene vi sia una grande sovrapposizione nelle funzionalità per le due famiglie di SKU, solo lo SKU P Premium offre agli utenti gratuiti la possibilità di usare contenuto ospitato nella capacità Premium. GLI SKU EM vengono usati per l'incorporamento del contenuto.

L'elaborazione avviene tramite un determinato numero di vCore, suddiviso equamente tra back-end e front-end.

I vCore di back-end sono responsabili della funzionalità principali di Power BI, tra cui elaborazione delle query, gestione della cache, esecuzione dei servizi R, aggiornamento dei modelli e rendering sul lato server di report e immagini. Ai vCore di back-end viene assegnata una quantità fissa di memoria che viene usata principalmente per ospitare i modelli, noti anche come set di dati attivi.

I vCore di front-end sono responsabili della gestione dei documenti relativi a servizio Web, dashboard e report, della gestione dei diritti di accesso, della pianificazione, delle API, dei caricamenti e dei download e in genere di tutto ciò che riguarda l'esperienza utente.

L'archiviazione è impostata su 100 TB per nodo di capacità.

Le risorse e i limiti di ogni SKU Premium (e della SKU A di dimensioni equivalenti) sono descritti nella tabella seguente:

SKU di capacità Totale vCore vCore back-end vCore front-end Memoria (GB) Connessione DirectQuery/Live (al secondo) Memoria massima per query (GB) Parallelismo aggiornamento modello1
EM1/A1 1 0.5 0.5 3 3,75 1 1
EM2/A2 2 1 1 5 7,5 2 2
EM3/A3 4 2 2 10 15 2 3
P1/A4 8 4 4 25 30 6 6
P2/A5 16 8 8 50 60 6 12
P3/A6 32 16 16 100 120 10 24
P4/A72 64 32 32 200 240 10 48
P5/A82 128 64 64 400 480 10 96

1 I limiti di parallelismo di aggiornamento del modello si applicano solo ai carichi di lavoro del set di dati per capacità.

2 SKU maggiori di 100 GB non sono disponibili in tutte le aree. Per richiedere l'uso di questi SKU nelle aree in cui non sono disponibili, contattare il gestore account Microsoft.

Nota

L'uso di un singolo SKU più grande (ad esempio uno SKU P2) può essere preferibile per combinare SKU più piccoli (per instace due SKU P1). È ad esempio possibile usare modelli di dimensioni più grandi e ottenere un migliore parallelismo con P2.

Carichi di lavoro delle capacità

I carichi di lavoro delle capacità sono servizi resi disponibili agli utenti. Per impostazione predefinita, le capacità Premium e Azure supportano solo il carico di lavoro di un set di dati associato all'esecuzione delle query di Power BI. Il carico di lavoro del set di dati non può essere disabilitato. È possibile abilitare carichi di lavoro aggiuntivi per intelligenza artificiale (Servizi cognitivi), flussi di dati e report impaginati. Questi carichi di lavoro sono supportati solo nelle sottoscrizioni Premium.

Ogni carico di lavoro aggiuntivo consente di configurare la memoria massima, come percentuale della memoria di capacità totale disponibile, che può essere usata dal carico di lavoro. I valori predefiniti per la memoria massima sono determinati dalla SKU. È possibile ottimizzare le risorse disponibili della capacità abilitando solo i carichi di lavoro aggiuntivi in uso. È possibile modificare le impostazioni della memoria solo quando le impostazioni predefinite determinate non soddisfano i requisiti relativi alle risorse della capacità. Gli amministratori delle capacità possono abilitare e configurare i carichi di lavoro per una capacità usando Impostazioni di capacità nel portale di amministrazione o usando le API REST delle capacità.

Abilitare i carichi di lavoro

Per altre informazioni, vedere Configurare i carichi di lavoro in una capacità Premium.

Come funzionano le capacità

Il servizio Power BI usa sempre al meglio le risorse delle capacità senza superare i limiti imposti sulla capacità.

Le operazioni della capacità sono classificate come interattive o in background. Le operazioni interattive includono richieste di rendering e risposta alle interazioni utente (filtro, query Q&A e così via). Le operazioni in background includono gli aggiornamenti dei flussi di dati e dei modelli di importazione e la memorizzazione nella cache delle query sui dashboard.

È importante sapere che le operazioni interattive hanno sempre priorità sulle operazioni in background per garantire la miglior esperienza utente. Se non sono presenti risorse sufficienti, le operazioni in background vengono aggiunte a una coda fino a quando non si liberano le risorse. Le operazioni in background, come gli aggiornamenti dei set di dati, possono essere interrotte durante l'elaborazione dal servizio Power BI, aggiunte a una coda e recuperate in seguito.

I modelli di importazione devono essere caricati completamente nella memoria per poter essere sottoposti a query o aggiornati. Il servizio Power BI usa algoritmi sofisticati per gestire equamente l'utilizzo della memoria, ma in rari casi può verificarsi un sovraccarico della capacità se non sono disponibili risorse sufficienti per soddisfare le richieste in tempo reale dei clienti. Sebbene la capacità possa archiviare molti modelli di importazione in un archivio permanente (fino a 100 TB per capacità Premium), non è necessario che tutti i modelli si trovino nella memoria contemporaneamente, altrimenti le dimensioni del set di dati in memoria potrebbero superare facilmente il limite di memoria della capacità. Oltre alla memoria necessaria per caricare i set di dati, è necessaria memoria aggiuntiva per l'esecuzione delle query e le operazioni di aggiornamento.

Per questa ragione, i modelli di importazione vengono caricati e rimossi dalla memoria in base all'utilizzo. Un modello di importazione viene caricato quando vengono eseguite query (operazione interattiva) o quando deve essere aggiornato (operazione in background).

L'eliminazione di un modello dalla memoria è chiamata rimozione. È un'operazione che Power BI può eseguire rapidamente a seconda delle dimensioni dei modelli. Se la capacità non subisce un numero eccessivo di richieste di memoria e il modello non è inattivo (ad esempio, in uso attivamente), il modello può risiedere in memoria senza essere eliminato. Quando Power BI determina che non è disponibile memoria insufficiente per caricare un modello, la servizio Power BI tenterà di liberare memoria eliminando modelli inattivi, in genere definiti come modelli caricati per operazioni interattive che non sono state usate negli ultimi tre minuti. Se non sono presenti modelli inattivi da rimuovere, il servizio Power BI cerca di rimuovere i modelli caricati per le operazioni in background. Un'ultima opzione, dopo 30 secondi di tentativi non riusciti, consiste nel non riuscire nell'operazione interattiva. In questo caso, l'utente del report riceve una notifica di errore con il suggerimento di riprovare più tardi. In alcuni casi è possibile che i modelli vengano scaricati dalla memoria a causa di operazioni del servizio.

È importante sottolineare che la rimozione dei set di dati è un comportamento normale nella capacità. La capacità deve bilanciare l'utilizzo della memoria gestendo il ciclo di vita in memoria dei modelli in modo trasparente per gli utenti. Una percentuale di rimozione elevata non indica necessariamente che la capacità non ha risorse sufficienti. Può, tuttavia, diventare un problema se le prestazioni delle query o degli aggiornamenti diminuiscono a causa dell'overload dovuto al caricamento e alla rimozione ripetuta dei modelli in un breve intervallo di tempo.

Gli aggiornamenti dei modelli di importazione comportano sempre un utilizzo intensivo della memoria poiché i modelli devono essere caricati in memoria. Per l'elaborazione è necessaria anche memoria intermedia aggiuntiva. Un aggiornamento completo può usare circa il doppio della quantità di memoria richiesta dal modello perché Power BI gestisce uno snapshot esistente del modello in memoria fino al completamento dell'operazione di elaborazione. In questo modo è possibile eseguire query sul modello anche quando è in fase di elaborazione. Le query possono essere inviate allo snapshot esistente del modello fino a quando l'aggiornamento non è stato completato e i nuovi dati del modello sono disponibili.

L'aggiornamento incrementale esegue l'aggiornamento della partizione anziché un aggiornamento completo del modello. In genere è più veloce e richiede una quantità inferiore di memoria e può ridurre notevolmente l'utilizzo delle risorse della capacità. Anche gli aggiornamenti possono richiedere un utilizzo elevato della CPU per i modelli, in particolare quelli con trasformazioni Power Query complesse o tabelle o colonne calcolate complesse o basate su dati di grandi dimensioni.

Gli aggiornamenti, analogamente alle query, richiedono il caricamento del modello in memoria. Se la memoria non è sufficiente, il servizio Power BI cerca di rimuovere i modelli inattivi e, se l'operazione non è possibile perché tutti i modelli sono attivi, il processo di aggiornamento viene inserito in coda. Gli aggiornamenti richiedono in genere un utilizzo elevato della CPU, ancora di più delle query. Per questo motivo, viene imposto un limite al numero di aggiornamenti simultanei, calcolato in una volta e mezzo il numero di v-core del back-end. Se sono presenti troppi aggiornamenti simultanei, l'aggiornamento pianificato viene messo in coda fino a quando non è disponibile uno slot di aggiornamento e il completamento dell'operazione richiede più tempo. Gli aggiornamenti su richiesta, ad esempio quelli attivati da una richiesta utente o una chiamata API, eseguono tre tentativi. Se le risorse non sono ancora sufficienti, l'aggiornamento non viene eseguito.

Supporto locale

Quando si crea una nuova capacità, gli amministratori globali e gli amministratori del servizio Power BI possono specificare l'area in cui risiederanno le aree di lavoro assegnate alla capacità. Questa funzionalità è chiamata Multi-Geo. Con Multi-Geo, le organizzazioni possono soddisfare i requisiti di residenza dei dati distribuendo il contenuto nei data center in un'area specifica, anche se è diversa dall'area in cui risiede la sottoscrizione di Microsoft 365. Per altre informazioni, vedere Supporto Multi-Geo per Power BI Premium.

Gestione delle capacità

La gestione delle capacità Premium comporta creazione o eliminazione delle capacità, assegnazione degli amministratori, assegnazione delle aree di lavoro, configurazione dei carichi di lavoro, monitoraggio e modifiche per l'ottimizzazione delle prestazioni della capacità.

Gli amministratori globali e gli amministratori del servizio Power BI possono creare capacità Premium dai vCore disponibili o modificare le capacità Premium esistenti. Quando viene creata una capacità, vengono specificate le dimensioni e l'area geografica della capacità e viene assegnato almeno un amministratore della capacità.

Quando vengono create le capacità, la maggior parte delle attività amministrative vengono eseguite nel portale di amministrazione.

Screenshot del portale di amministrazione di Power BI con Area di lavoro personale selezionato.

Gli amministratori della capacità possono assegnare le aree di lavoro alla capacità, gestire le autorizzazioni utente e assegnare altri amministratori. Gli amministratori della capacità possono anche configurare i carichi di lavoro, modificare le allocazioni di memoria e, se necessario, riavviare una capacità reimpostando le operazioni in caso di overload della capacità.

Screenshot della gestione della capacità nel portale di amministrazione di Power BI.

Gli amministratori della capacità possono anche verificare che una capacità venga eseguita correttamente. Possono monitorare l'integrità della capacità direttamente nel portale di amministrazione o usando l'app per le metriche delle capacità Premium.

Per altre informazioni sulla creazione delle capacità, sull'assegnazione degli amministratori e sull'assegnazione delle aree di lavoro, vedere Gestione delle capacità Premium. Per altre informazioni sui ruoli, vedere Ruoli di amministratore correlati a Power BI.

Monitoraggio

Il monitoraggio delle capacità Premium consente agli amministratori di verificare le prestazioni delle capacità. È possibile monitorare le capacità nel portale di amministrazione o tramite l'app per le metriche delle capacità Premium di Power BI.

Il monitoraggio nel portale offre una visualizzazione rapida con metriche di alto livello che indicano i carichi e l'utilizzo medio delle risorse da parte della capacità negli ultimi sette giorni.

Screenshot dell'integrità della capacità nel portale di amministrazione di Power BI.

L'app per le metriche delle capacità Premium di Power BI offre informazioni dettagliate sulle prestazioni delle capacità. L'app include un dashboard di alto livello e report più dettagliati.

Dashboard dell'app per le metriche

Nel dashboard dell'app è possibile fare clic sulla cella di una metrica per aprire un report dettagliato. I report offrono metriche dettagliate e una funzionalità di filtro per eseguire il drill-down sulle informazioni più importanti necessarie per eseguire correttamente le capacità.

Picchi periodici delle attese delle query indicano una potenziale saturazione della CPU

Per altre informazioni sul monitoraggio delle capacità, vedere Monitoraggio nel portale di amministrazione di Power BI e Monitoraggio con l'app per le metriche delle capacità Premium di Power BI.

Ottimizzazione delle capacità

Usare al meglio le capacità è fondamentale per garantire le migliori prestazioni agli utenti e ottenere il maggior valore dall'investimento Premium. Il monitoraggio delle metriche chiave consente agli amministratori di individuare il modo migliore per risolvere i colli di bottiglia ed eseguire le azioni necessarie. Per altre informazioni, vedere Ottimizzazione delle capacità Premium e Scenari delle capacità Premium.

API REST delle capacità

Le API REST di Power BI includono una raccolta di API Capacità. Le API consentono agli amministratori di gestire a livello di codice molti aspetti delle capacità Premium, tra cui l'abilitazione e la disabilitazione dei carichi di lavoro, l'assegnazione di aree di lavoro a una capacità e altro ancora.

Set di dati di grandi dimensioni

A seconda della SKU, Power BI Premium supporta il caricamento di file modello di Power BI Desktop (file con estensione pbix) fino alle dimensioni massime di 10 GB. Dopo il caricamento, il modello può essere pubblicato in un'area di lavoro assegnata a una capacità Premium. È quindi possibile aggiornare il set di dati fino alle dimensioni massime di 12 GB.

Considerazioni sulle dimensioni

I set di dati di grandi dimensioni possono essere a elevato utilizzo delle risorse. È necessario avere almeno uno SKU P1 o A4 per tutti i set di dati maggiori di un GB. Anche se la pubblicazione di set di dati di grandi dimensioni in aree di lavoro supportate da SKU A fino ad A3 può funzionare, il relativo aggiornamento non funzionerà.

La tabella seguente mostra gli SKU consigliati per il caricamento o la pubblicazione di un file con estensione pbix nel servizio Power BI:

SKU Dimensioni PBIX
P1/A4 Fino a 3 GB
P2/A5 Fino a 6 GB
P3/A6, P4/A7 e P5/A8 Fino a 10 GB

Nota

Quando si usa una capacità PPU, è possibile caricare o pubblicare file con estensione pbix fino a 10 GB di dimensioni.

Formato di archiviazione del set di dati Large

Se si abilita l'impostazione Formato di archiviazione del set di dati Large per un set di dati, le limitazioni relative alle dimensioni del file con estensione pbix sono valide sia per il caricamento sia per la pubblicazione del file. Il limite di dimensioni di caricamento non è influenzato dal formato di archiviazione per i set di dati di grandi dimensioni. Tuttavia, quando vengono pubblicati nel servizio, con l'aggiornamento incrementale e il formato di archiviazione per i set di dati di grandi dimensioni abilitato, i set di dati possono superare notevolmente questi limiti. Con il formato di archiviazione per i set di dati di grandi dimensioni, le dimensioni del set di dati sono limitate solo dalle dimensioni della capacità di Power BI Premium.

I set di dati di Power BI possono archiviare i dati in una cache in memoria altamente compressa per ottimizzare le prestazioni delle query, consentendo interazioni veloci con l'utente su set di dati di grandi dimensioni. In precedenza, i set di dati in Power BI Premium erano limitati a 10 GB dopo la compressione. Con i modelli di grandi dimensioni, questa limitazione viene rimossa e le dimensioni dei set di dati sono limitate solo dalle dimensioni della capacità o dalle dimensioni massime impostate dall'amministratore. L'abilitazione di dimensioni così grandi per i set di dati consente di allineare meglio le dimensioni dei set di dati di Power BI alle dimensioni dei modelli di Azure Analysis Services.

I file con estensione pbix rappresentano i dati in stato di compressione molto elevata. I dati si espandono quando vengono caricati in memoria e potrebbero espandersi ulteriormente più volte durante l'aggiornamento dei dati.

L'aggiornamento pianificato dei set di dati di grandi dimensioni può richiedere molto tempo e usare una quantità elevata di risorse. È importante evitare di pianificare un numero eccessivo di aggiornamenti sovrapposti. È consigliabile configurare l'aggiornamento incrementale, perché è più veloce, più affidabile e usa una quantità minore di risorse.

Il caricamento del report iniziale dei set di dati di grandi dimensioni può richiedere molto tempo se il set di dati non è stato usato di recente. La barra di caricamento per i report a caricamento prolungato visualizza lo stato di avanzamento dell'operazione.

Sebbene i vincoli di tempo e memoria per query siano molto più elevati nella capacità Premium, è consigliabile usare filtri e filtri dei dati per limitare la visualizzazione degli oggetti visivi solo a quelli necessari.

Aggiornamento incrementale

L'aggiornamento incrementale è parte integrante della gestione di set di dati di grandi dimensioni in Power BI Premium e Power BI Pro. L'aggiornamento incrementale offre molti vantaggi, ad esempio gli aggiornamenti sono più veloci perché solo i dati modificati devono essere aggiornati. Gli aggiornamenti sono più affidabili poiché non è necessario mantenere connessioni con esecuzione prolungata a origini dati volatili. L'utilizzo delle risorse risulta ridotto poiché l'aggiornamento di una minor quantità di dati riduce l'utilizzo complessivo della memoria e di altre risorse. I criteri di aggiornamento incrementale vengono definiti in Power BI Desktop e applicati nel servizio. Per altre informazioni, vedere Aggiornamento incrementale per i set di dati.

Report impaginati

I report impaginati, supportati in tutti gli SKU EM, A e P in Premium Gen2, si basano sulla tecnologia RDL (Report Definition Language) in SQL Server Reporting Services. Sebbene basato sulla tecnologia RDL, non equivale a Server di report di Power BI che è una piattaforma di report scaricabile che è possibile installare in locale, inclusa anche in Power BI Premium. I report impaginati sono formattati per essere contenuti in una pagina che può essere stampata o condivisa. I dati sono visualizzati in una tabella, anche se la tabella si estende su più pagine. Usando l'applicazione desktop di Windows gratuita Generatore report di Power BI, gli utenti creano i report impaginati e li pubblicano nel servizio.

In Power BI Premium i report impaginati sono un carico di lavoro che deve essere abilitato per una capacità usando il portale di amministrazione. Gli amministratori della capacità possono abilitare e quindi specificare la quantità di memoria come percentuale delle risorse di memoria complessive della capacità. A differenza di altri carichi di lavoro, Premium esegue i report impaginati in uno spazio contenuto all'interno della capacità. Viene usata la memoria massima specificata per questo spazio, indipendentemente dal fatto che il carico di lavoro sia attivo o meno. Il valore predefinito è 20%.

Funzionalità Premium univoche per i flussi di dati

I flussi di dati sono supportati per Power BI Pro, Premium per utente (PPU) e Power BI Premium utenti. Alcune funzionalità sono disponibili solo con una sottoscrizione Power BI Premium o una licenza PPU (Premium Per Utente). Questo articolo descrive e descrive in dettaglio le funzionalità premium per utente (PPU) e solo Premium e i relativi usi.

Per altre informazioni, vedere Funzionalità Premium univoche per i flussi di dati.

Pipeline di distribuzione

Lo strumento delle pipeline di distribuzione consente ai creatori di BI di gestire il ciclo di vita del contenuto aziendale. Si tratta di uno strumento efficiente e riutilizzabile per i creatori che operano in un'azienda con capacità Premium. Le pipeline di distribuzione consentono ai creatori di sviluppare e testare il contenuto di Power BI nella servizio Power BI, prima che il contenuto venga usato dagli utenti. I tipi di contenuto includono report, report impaginati, dashboard e set di dati.

Per altre informazioni, vedere Introduzione alle pipeline di distribuzione.

Server di report Power BI

Incluso in Power BI Premium, Server di report di Power BI è un server di report locale con un portale Web. È possibile creare un ambiente BI locale e distribuire i report dietro il firewall dell'organizzazione. Server di report offre agli utenti l'accesso a report interattivi avanzati e le funzionalità di creazione di report aziendali di SQL Server Reporting Services. Gli utenti possono esplorare visivamente i dati e individuare rapidamente modelli per prendere decisioni migliori e più rapide. Server di report offre una governance personalizzata. Quando opportuno, Server di report di Power BI semplifica la migrazione nel cloud dove l'organizzazione può usare al meglio tutte le funzionalità di Power BI Premium.

Per altre informazioni, vedere Server di report di Power BI.

Condivisione dei contenuti illimitata

Con SKU P Premium, chiunque sia all'interno o all'esterno dell'organizzazione può visualizzare il contenuto di Power BI, inclusi i report impaginati e interattivi senza acquistare licenze individuali. GLI SKU P consentono agli utenti di Power BI di accedere gratuitamente alle app Power BI e al contenuto condiviso, nell'servizio Power BI. GLI SKU EM Premium non supportano la condivisione di contenuti illimitata, anche se supportano l'incorporamento nelle applicazioni.

Condivisione dei contenuti

Premium consente la distribuzione diffusa di contenuto da parte degli utenti Pro senza richiedere licenze Pro o Premium per utente (PPU) per i destinatari che visualizzano il contenuto. Le licenze pro o Premium per utente (PPU) sono necessarie per i creatori di contenuti. Gli autori si connettono alle origini dati, modellano i dati e creano report e dashboard che vengono offerti come app di aree di lavoro. Gli utenti senza una licenza PPU (Pro o Premium Per Utente) possono comunque accedere a un'area di lavoro in Power BI Premium capacità, purché abbiano solo un ruolo Visualizzatore. Per altri ruoli è necessaria una licenza Pro o PPU.

Per altre informazioni, vedere Licenze di Power BI.

Analysis Services in Power BI Premium

Sotto il cofano, il motore VertiPaq di Microsoft Analysis Services ha dimostrato di potere Power BI Premium aree di lavoro e set di dati. Analysis Services offre programmabilità e supporto delle applicazioni client e degli strumenti tramite librerie client e API che supportano il protocollo XMLA standard aperto. Per impostazione predefinita, i carichi di lavoro dei set di dati di capacità di Power BI Premium supportano le operazioni di sola lettura da applicazioni client e strumenti Microsoft e di terze parti tramite un endpoint XMLA. Gli amministratori della capacità possono disabilitare o consentire le operazioni di lettura/scrittura anche tramite l'endpoint.

Con l'accesso in sola lettura, gli strumenti Microsoft come SQL Server Management Studio (SSMS) e SQL Server Profiler e le app di terze parti come DAX Studio e le applicazioni di visualizzazione dei dati possono connettersi a set di dati Premium ed eseguire query su di essi tramite XMLA, DAX, MDX, DMV e TraceEvent. Con l'accesso in lettura/scrittura, gli strumenti di modellazione dei dati aziendali, ad esempio Visual Studio con l'estensione di Analysis Services per i progetti o l'editor tabulare open source, possono distribuire modelli tabulari sotto forma di set di dati in un'area di lavoro Premium. E con strumenti come SSMS gli amministratori possono usare il linguaggio TMSL (Tabular Model Scripting Language) per creare script per la modifica dei metadati e per scenari avanzati di aggiornamento dei dati.

Attenzione

L'endpoint XMLA e gli strumenti di terze parti consentono alle organizzazioni di creare prospettive. Power BI non rispetta le prospettive quando si creano report su modelli o report live connect. Power BI punta invece al modello principale una volta pubblicato nella servizio Power BI, che mostra tutti gli elementi nel modello di dati. Se il modello di Azure Analysis Services usa prospettive, non è consigliabile spostare o eseguire la migrazione di tali modelli in Power BI Premium.

Per altre informazioni, vedere Connettività ai set di dati con l'endpoint XMLA.

SSMS

Passaggi successivi