Autenticazione pass-through di Azure Active Directory - Limitazioni correnti

Importante

L'autenticazione pass-through di Azure AD è attualmente in fase di anteprima. È una funzionalità gratuita e non serve alcuna delle edizioni a pagamento di Azure AD per utilizzarla. L'autenticazione pass-through è disponibile solo nell'istanza di Azure AD a livello mondiale, non in Microsoft Cloud per la Germania o nel cloud di Microsoft Azure per enti pubblici.

Scenari supportati

Gli scenari seguenti sono completamente supportati in fase di anteprima:

  • L'utente accede a tutte le applicazioni basate su Web browser.
  • L'utente accede ad applicazioni client di Office 365 che supportano l'autenticazione moderna.
  • Aggiunta ad Azure AD per dispositivi Windows 10.

Scenari non supportati

Gli scenari seguenti non sono supportati in fase di anteprima:

  • L'utente accede ad applicazioni client legacy di Office ed Exchange ActiveSync (ad esempio, le applicazioni di posta elettronica native sui dispositivi mobili). Le organizzazioni sono incoraggiate a passare all'autenticazione moderna, se possibile. L'autenticazione moderna, infatti, consente di supportare l'autenticazione pass-through e contribuisce a proteggere le identità usando le funzionalità di accesso condizionale come l'autenticazione a più fattori.
  • L'utente accede alle applicazioni client di Skype for Business.
  • L'utente accede a PowerShell v 1.0. È consigliabile tuttavia usare PowerShell 2.0.
Importante

Come soluzione alternativa per gli scenari non supportati, abilitare la sincronizzazione dell'hash della password nella pagina Funzionalità facoltative della procedura guidata di Azure AD Connect. La sincronizzazione dell'hash della password funziona come fallback solo per gli scenari precedenti (e non come fallback generico per l'autenticazione pass-through). Se questi scenari non sono necessari, disabilitare la sincronizzazione dell'hash della password.

Passaggi successivi