Sincronizzazione di dati offline nelle app per dispositivi mobili di Azure

Che cos'è la sincronizzazione di dati offline?

La sincronizzazione di dati offline è una funzionalità dell'SDK client e server delle app per dispositivi mobili di Azure che permette agli sviluppatori di creare con facilità app che possono essere usate anche senza connessione di rete.

Quando l'app è in modalità offline, è comunque possibile creare e modificare i dati, che vengono salvati in un archivio locale. Quando l'app torna online, può sincronizzare le modifiche locali con il back-end dell'app per dispositivi mobili di Azure. Questa funzionalità include anche il supporto per il rilevamento di conflitti quando lo stesso record viene modificato nel client e nel back-end. I conflitti possono essere gestiti sul server o sul client.

La sincronizzazione offline presenta diversi vantaggi:

  • Migliorare la velocità di risposta dell'app memorizzando i dati del server nella cache locale del dispositivo
  • Creare app affidabili che possono essere usate anche in caso di problemi di rete
  • Permettere agli utenti finali di creare e modificare i dati anche in mancanza di accesso alla rete, supportando scenari con connettività scarsa o assente
  • Sincronizzare i dati tra più dispositivi e rilevare i conflitti quando lo stesso record viene modificato da due dispositivi
  • Limitare l'uso della rete in reti a latenza elevata o a consumo

Le esercitazioni seguenti illustrano come aggiungere la sincronizzazione offline ai client mobili mediante le app per dispositivi mobili di Azure:

Informazioni sulla tabella di sincronizzazione

Per accedere all'endpoint "/tables", gli SDK del client mobile di Azure offrono interfacce quali IMobileServiceTable (SDK del client .NET) o MSTable (client iOS). Queste API si connettono direttamente al back-end dell'app per dispositivi mobili di Azure e hanno esito negativo se il dispositivo client non ha una connessione di rete.

Per supportare l'uso offline, l'app deve usare invece le API della tabella di sincronizzazione, ad esempio IMobileServiceSyncTable (SDK del client .NET) o MSSyncTable (client iOS). Tutte le operazioni CRUD (Create, Read, Update, Delete) funzionano con le API della tabella di sincronizzazione, ma la lettura o la scrittura vengono effettuate in un archivio locale. Prima di poter eseguire qualsiasi operazione sulla tabella di sincronizzazione, è necessario inizializzare l'archivio locale.

Informazioni sull'archivio locale

Un archivio locale è un livello di persistenza dei dati nel dispositivo client. Gli SDK del client delle app per dispositivi mobili di Azure forniscono un'implementazione predefinita dell'archivio locale. In Windows, Xamarin e Android è basato su SQLite, mentre in iOS è basato su Core Data.

Per usare l'implementazione basata su SQLite in Windows Phone o Windows Store 8.1, è necessario installare un'estensione SQLite. Per altre informazioni, vedere Abilitare la sincronizzazione offline per l'app di Windows. Android e iOS includono una versione di SQLite nel sistema operativo stesso del dispositivo, quindi non è necessario fare riferimento a una versione specifica di SQLite.

Gli sviluppatori possono anche implementare il proprio archivio locale. Ad esempio, per archiviare dati in un formato crittografato nel client mobile, è possibile definire un archivio locale che usa SQLCipher per la crittografia.

Informazioni sul contesto di sincronizzazione

Un contesto di sincronizzazione è associato a un oggetto client mobile, ad esempio IMobileServiceClient o MSClient, e tiene traccia delle modifiche apportate con le tabelle di sincronizzazione. Il contesto di sincronizzazione gestisce una coda operazioni, che include un elenco ordinato di operazioni CUD (Create, Update, Delete) che viene inviato successivamente al server.

Un archivio locale è associato al contesto di sincronizzazione tramite un metodo di inizializzazione, ad esempio IMobileServicesSyncContext.InitializeAsync(localstore) nel .NET SDK per client.

Funzionamento della sincronizzazione offline

Quando si usano le tabelle di sincronizzazione, il codice client controlla quando le modifiche locali vengono sincronizzate con un back-end dell'app per dispositivi mobili di Azure. I dati vengono inviati al back-end solo quando viene effettuata una chiamata per il push delle modifiche locali. Analogamente, l'archivio locale viene popolato con nuovi dati solo quando viene effettuata una chiamata per il pull dei dati.

  • Push: l'operazione push viene effettuata sul contesto di sincronizzazione e invia tutte le modifiche CUD apportate dopo l'ultimo push. Si noti che non è possibile inviare solo le modifiche di una singola tabella, perché ciò potrebbe alterare l'ordine di invio delle operazioni. L'operazione push esegue una serie di chiamate REST al back-end dell'app per dispositivi mobili di Azure, che a sua volta modifica il database del server.
  • Pull: l'operazione pull viene effettuata per ogni singola tabella e può essere personalizzata con una query, in modo da recuperare solo un subset dei dati del server. Gli SDK del client mobile di Azure inseriscono quindi i dati risultanti nell'archivio locale.
  • Push impliciti: se un'operazione pull viene eseguita in una tabella con aggiornamenti locali in sospeso, il pull esegue prima un'operazione push() sul contesto di sincronizzazione. Questo push consente di ridurre al minimo i conflitti tra le modifiche già in coda e i nuovi dati dal server.
  • Sincronizzazione incrementale: il primo parametro dell'operazione pull è un nome query usato solo nel client. Se si usa un nome di query non Null, Azure Mobile SDK esegue una sincronizzazione incrementale. Ogni volta che un'operazione pull restituisce un set di risultati, il timestamp updatedAt più recente di tale set di risultati viene archiviato nelle tabelle di sistema locali dell'SDK. Le operazioni pull successive recuperano solo i record successivi a tale timestamp.

    Per usare la sincronizzazione incrementale, il server deve restituire valori updatedAt significativi e deve anche supportare l'ordinamento in base a questo campo. Poiché tuttavia l'SDK aggiunge il proprio ordinamento al campo updatedAt, non è possibile usare una query pull con una clausola orderBy specifica.

    Il nome della query può essere una stringa qualsiasi, ma deve essere univoco per ogni query logica dell'app. In caso contrario, diverse operazioni pull potrebbero sovrascrivere lo stesso timestamp di sincronizzazione incrementale e le query potrebbero restituire risultati non corretti.

    Se la query ha un parametro, è possibile creare un nome di query univoco incorporando il valore del parametro. Ad esempio, se si applica un filtro in base all'ID utente, il nome della query potrebbe essere analogo al seguente (in C#):

      await todoTable.PullAsync("todoItems" + userid,
          syncTable.Where(u => u.UserId == userid));
    

    Se si intende rifiutare esplicitamente la sincronizzazione incrementale, passare null come ID di query. In questo caso, vengono recuperati tutti i record in ogni chiamata a PullAsync, potenzialmente inefficace.

  • Eliminazione: è possibile eliminare i contenuti dell'archivio locale usando IMobileServiceSyncTable.PurgeAsync. La ripulitura potrebbe essere necessaria se il database client include dati non aggiornati o se si vogliono eliminare tutte le modifiche in sospeso.

    L'operazione di ripulitura cancella una tabella dall'archivio locale. Se sono presenti operazioni in attesa di sincronizzazione con il database del server, la ripulitura genera un'eccezione, a meno che non sia impostato il parametro force purge.

    Come esempio di dati non aggiornati sul client, si supponga che Device1 nell'esempio "todo list" esegua il pull solo di elementi non completati. Un elemento todoitem "Buy milk" viene contrassegnato come completato nel server da un altro dispositivo. Device1 include ancora tuttavia l'elemento todoitem "Buy milk" nell'archivio locale, perché esegue il pull solo degli elementi non contrassegnati come completi. Questo elemento non aggiornato viene cancellato da un'operazione di ripulitura.

Passaggi successivi