Ridimensionamento di app in un ambiente del servizio app

Nel servizio app di Azure è possibile ridimensionare tre aspetti:

  • piano tariffario
  • dimensioni dei processi di lavoro
  • numero di istanze.

In un ambiente del servizio app non è necessario selezionare o modificare il piano tariffario. In termini di funzionalità il livello è già quello del piano tariffario Premium.

L'amministratore dell'ambiente del servizio app può quindi assegnare le dimensioni della risorsa di elaborazione da usare per ogni pool di lavoro, rispetto alle dimensioni del processo di lavoro. Questo significa che, se necessario, è possibile avere il pool di lavoro 1 con risorse di calcolo P4 e il pool di lavoro 2 con risorse di calcolo P1, di conseguenza non è necessario che i pool siano ordinati in base alle dimensioni. Per informazioni dettagliate sulle dimensioni e sui relativi prezzi, vedere il documento Prezzi del servizio app di Azure. In tal modo le opzioni di ridimensionamento per app Web e piani di servizio app in un ambiente del servizio app sono:

  • selezione del pool di lavoro
  • numero di istanze

Per modificare uno di questi elementi, usare l'interfaccia utente appropriata visualizzata per i piani di servizio app ospitati nell'ambiente del servizio app.

Non è possibile aumentare il numero di risorse del piano ASP oltre il numero di risorse di calcolo disponibili nel pool di lavoro in cui si trova il piano ASP. Se sono necessarie altre risorse di calcolo nel pool di lavoro, è necessario chiedere all'amministratore dell'ambiente del servizio app di aggiungerle. Per informazioni sulla riconfigurazione dell'ambiente del servizio app, vedere Come configurare un ambiente del servizio app. Può anche essere utile sfruttare le funzionalità di scalabilità automatica dell'ambiente del servizio app per aumentare la capacità in base alla pianificazione o alla metrica. Per altri dettagli sulla configurazione della scalabilità automatica per l'ambiente del servizio app, vedere Come configurare la scalabilità automatica per un ambiente del servizio app.

È possibile creare più piani del servizio app usando risorse di calcolo da diversi pool di lavoro oppure è possibile usare lo stesso pool di lavoro. Ad esempio, se il pool di lavoro 1 include (10) risorse di calcolo disponibili, è possibile scegliere di creare un piano del servizio app usando (6) risorse di calcolo e un secondo piano del servizio app che usa (4) risorse di calcolo.

Ridimensionamento del numero di istanze

Quando si crea per la prima volta l'app Web in un ambiente del servizio app, il servizio viene avviato con una istanza. È quindi possibile aumentare il numero di istanze per offrire risorse di calcolo aggiuntive all'app.

Se la capacità dell'ambiente del servizio app è sufficiente, questa operazione è abbastanza semplice. Passare al piano di servizio app che contiene i siti per cui aggiungere le istanze e selezionare Ridimensiona. Viene aperta l'interfaccia utente in cui è possibile impostare manualmente la scalabilità per il piano ASP o configurare le regole di scalabilità automatica per il piano ASP. Per ridimensionare manualmente l'app, è sufficiente impostare Ridimensiona di su numero di istanze immesso manualmente. Trascinare quindi il dispositivo di scorrimento sulla quantità desiderata oppure immetterla nella casella accanto al dispositivo di scorrimento.

Le regole di scalabilità automatica per un piano ASP in un ambiente del servizio app funzionano come sempre. È possibile selezionare Percentuale CPU in Ridimensiona di e creare regole di scalabilità automatica per il piano ASP in base alla percentuale di CPU oppure è possibile creare regole più complesse usando l'impostazione regole per la pianificazione e le prestazioni. Per dettagli più completi sulla configurazione della scalabilità automatica, vedere la guida Aumentare le prestazioni di un'app nel servizio app di Azure.

selezione del pool di lavoro

Come indicato in precedenza, è possibile accedere alla selezione del pool di lavoro tramite l'interfaccia utente del piano di servizio app. Aprire il pannello del piano di servizio app in cui aumentare il numero di risorse e selezionare Pool di lavoro. Verranno visualizzati tutti i pool di lavoro configurati nell'ambiente del servizio app. Se è presente un solo pool di lavoro, l'elenco conterrà solo tale pool. Per cambiare il pool di lavoro in cui si trova il piano di servizio app, è sufficiente selezionare il pool di lavoro in cui spostare il piano di servizio app.

Prima di spostare il piano ASP da un pool di lavoro a un altro, è importante assicurarsi che la capacità disponibile per il piano ASP sia sufficiente. Nell'elenco dei pool di lavoro non è indicato solo il nome del pool di lavoro, ma è anche possibile vedere quanti processi di lavoro sono disponibili nel pool. Assicurarsi che il numero di istanze disponibili sia sufficiente per contenere il piano di servizio app. Se sono necessarie altre risorse di calcolo nel pool di lavoro a cui passare, chiedere all'amministratore dell'ambiente del servizio app di aggiungerle.

Nota

Lo spostamento di un piano ASP da un pool di lavoro comporterà un avvio a freddo delle app in tale piano ASP. Ciò può provocare il rallentamento dell'esecuzione delle richieste, perché l'app viene avviata a freddo nelle nuove risorse di calcolo. L'avvio a freddo può essere evitato usando la funzionalità di preparazione dell'applicazione nel servizio app di Azure. Il modulo di inizializzazione dell'applicazione illustrato nell'articolo è applicabile anche agli avvii a freddo, perché il processo di inizializzazione viene richiamato anche quando le app vengono avviate a freddo in nuove risorse di calcolo.

Introduzione

Per iniziare a usare gli ambienti del servizio app, vedere Come creare un ambiente del servizio app

Per altre informazioni sulla piattaforma del servizio app di Azure, vedere Servizio app di Azure.