Conversione di WordPress in un multisito in Servizio app di Azure

Panoramica

Autore: Ben Lobaugh, Microsoft Open Technologies Inc.

In questa esercitazione si apprenderà come accedere a un'app Web WordPress esistente creata tramite la raccolta in Azure e convertirla in un'installazione multisito WordPress. Si apprenderà inoltre come assegnare un dominio personalizzato a ogni sito secondario all'interno dell'installazione.

Si presuppone che sia già disponibile un'installazione esistente di WordPress. In caso contrario, attenersi alle indicazioni fornite in Creare un sito Web WordPress dalla raccolta in Azure.

La conversione di un'installazione per singolo sito WordPress esistente in un multisito è in genere un'operazione abbastanza semplice. Alcuni dei passaggi iniziali sono in pratica identici a quelli della pagina Create A Network (Creare una rete) in WordPress Codex.

Di seguito sono riportati i requisiti iniziali.

Abilitare il multisito

È necessario prima abilitare il multisito tramite il file wp-config.php con la costante WP_ALLOW_MULTISITE. Per modificare i file dell'app Web sono disponibili due metodi: il primo tramite FTP, il secondo tramite Git. Se non si è esperti di configurazione tramite FTP o Git, fare riferimento alle esercitazioni seguenti:

Aprire il file wp-config.php con l'editor preferito e aggiungere quanto segue sopra la riga /* That's all, stop editing! Happy blogging. */.

/* Multisite */

define( 'WP_ALLOW_MULTISITE', true );

Salvare il file e caricarlo di nuovo nel server.

Configurazione della rete

Accedere all'area wp-admin del sito Web. Si noterà un nuovo elemento Configurazione di rete nel menu Strumenti. Fare clic su Configurazione di rete e inserire i dettagli relativi alla rete.

Schermata di configurazione della rete

In questa esercitazione viene usato lo schema di sito Sub-directories che dovrebbe essere sempre funzionante. I domini personalizzati per ogni sito secondario verranno configurati più avanti in questa esercitazione. Dovrebbe tuttavia essere possibile configurare un'installazione di sottodominio se si mappa un dominio tramite il Portale di Azure e si configura correttamente il DNS con caratteri jolly.

Per altre informazioni sulla differenza tra le configurazioni di sottodomini e sottodirectory, vedere l'articolo Types of multisite network (Tipi di rete multisito) in WordPress Codex.

Abilitare la rete

La rete è stata configurata nel database, ma per abilitare la funzionalità di rete è necessario eseguire un ulteriore passaggio. Finalizzare le impostazioni di wp-config.php e verificare che web.config reindirizzi in modo corretto ciascun sito.

Dopo aver fatto clic sul pulsante Installa nella pagina Configurazione della rete, WordPress proverà ad aggiornare i file wp-config.php e web.config. È tuttavia consigliabile controllare sempre i file per verificare la riuscita degli aggiornamenti. In caso contrario, in questa schermata verranno visualizzati gli aggiornamenti necessari. Modificare e salvare i file.

Dopo aver effettuato gli aggiornamenti, sarà necessario disconnettersi e riconnettersi al dashboard wp-admin.

Sulla barra di amministrazione dovrebbe ora essere presente un ulteriore menu denominato My Sites. Tale menu consente di controllare la nuova rete tramite il dashboard Network Admin .

Aggiunta di domini personalizzati

Con il plug-in WordPress MU Domain Mapping è semplicissimo aggiungere domini personalizzati a qualsiasi sito della rete. Per il corretto funzionamento del plug-in è necessario eseguire alcune operazioni aggiuntive di configurazione sul portale, nonché presso il registrar.

Abilitare il mapping di dominio all'app Web

Con il plug-in gratuito Servizio App non supporta l'aggiunta di domini ad App Web. È quindi necessario passare alla modalità condivisa o standard. A tale scopo, seguire questa procedura:

  • Accedere al portale di Azure e individuare l'app Web.
  • Fare clic sulla scheda Scala verticalmente in Impostazioni.
  • In Generale selezionare CONDIVISO o STANDARD
  • Fare clic su Save

È possibile che venga ricevuto un messaggio in cui si chiede di verificare la modifica e di accettare che, a seconda dell'utilizzo e delle altre opzioni di configurazione impostate, l'app Web possa comportare costi.

L'elaborazione delle nuove impostazioni richiede alcuni secondi, pertanto è consigliabile iniziare subito a configurare il dominio.

Verifica del dominio

Prima che App Web di Azure consentano di mappare un dominio al sito, è necessario verificare di disporre dell'autorizzazione per il mapping del dominio. A tale scopo, è necessario aggiungere un nuovo record CNAME alla voce DNS.

  • Accedere al gestore DNS del dominio.
  • Creare un nuovo CNAME awverify
  • Impostare awverify in modo che punti a awverify.DOMINIO.azurewebsites.net

L'applicazione delle modifiche DNS può richiedere tempo, pertanto se i passaggi seguenti non funzionano immediatamente, attendere qualche minuto prima di riprovare.

Aggiungere il dominio all'app Web

Tornare all'app Web tramite il Portale Azure e fare clic su Impostazioni, quindi suDomini personalizzati e SSL.

Quando vengono visualizzate le impostazioni SSL , appariranno campi in cui immettere tutti i domini a cui si desidera assegnare l'app Web. Se un dominio non è incluso nell'elenco, non sarà disponibile per il mapping in WordPress, indipendentemente dalla modalità di configurazione del DNS del dominio.

Finestra di dialogo Manage custom domains

Dopo aver digitato il dominio nella casella di testo, Azure verificherà il record CNAME creato in precedenza. Se il DNS non è stato completamente propagato, verrà visualizzato un indicatore rosso. Se invece l'operazione è riuscita, verrà visualizzato un segno di spunta verde.

Prendere nota dell'indirizzo IP indicato nella parte inferiore della finestra di dialogo in quanto sarà necessario per configurare il record A per il dominio.

Configurare il record A del dominio

Se gli altri passaggi sono stati completati correttamente, è possibile assegnare il dominio all'app Web di Azure tramite un record A DNS.

È importante notare che in App Web di Azure vengono accettati sia record CNAME che A, tuttavia è necessario utilizzare un record A per abilitare il mapping del dominio corretto. Un CNAME non può essere inoltrato a un altro CNAME, ovvero a quello creato da Azure con DOMINIO.azurewebsites.net.

Se si utilizza l'indirizzo IP del passaggio precedente, tornare al gestore DNS e configurare il record A in modo che punti a tale IP.

Installare e configurare il plug-in

La modalità multisito di WordPress non include al momento un metodo incorporato per mappare i domini personalizzati. Esiste tuttavia un plug-in denominato WordPress MU Domain Mapping che consente di aggiungere tale funzionalità. Accedere alla parte Network Admin del sito e installare il plug-in WordPress MU Domain Mapping .

Dopo aver installato e attivato il plug-in, fare clic su Impostazioni > Domain Mapping per configurarlo. Nella prima casella di testo Server IP Addressimmettere l'indirizzo IP utilizzato per configurare il record A per il dominio. Impostare le eventuali opzioni di dominio desiderate (anche se le impostazioni predefinite sono spesso adeguate), quindi fare clic su Save.

Mappare il dominio

Visualizzare il Dashboard relativo al sito a cui mappare il dominio. Fare clic su Tools > Domain Mapping e digitare il nuovo dominio nella casella di testo, quindi fare clic su Add.

Per impostazione predefinita, il nuovo dominio verrà riscritto nel dominio del sito generato automaticamente. Se si desidera che tutto il traffico venga inviato al nuovo dominio, selezionare la casella Primary domain for this blog prima di salvare. È possibile aggiungere a un sito un numero illimitato di domini, tuttavia solo uno può essere quello primario.

Ripetere l'operazione

App Web di Azure consente di aggiungere un numero illimitato di domini a un'app Web. Per aggiungere altri domini, sarà necessario eseguire per ciascun dominio le operazioni descritte nelle sezioni Verificare il dominio e Configurare il record A del dominio.

Nota

Per iniziare a usare il servizio app di Azure prima di registrarsi per ottenere un account Azure, andare a Prova il servizio app, dove è possibile creare un'app Web iniziale temporanea nel servizio app. Non è necessario fornire una carta di credito né impegnarsi in alcun modo.

Modifiche apportate