Introduzione a State Configuration di Automazione di Azure

Questo articolo descrive come eseguire le attività più comuni in State Configuration di Automazione di Azure, come la creazione, l'importazione e la compilazione di configurazioni, l'abilitazione delle macchine virtuali da gestire e la visualizzazione di report. Per una panoramica di State Configuration, vedere Panoramica di State Configuration. Per la documentazione di DSC (Desired State Configuration, Configurazione dello stato desiderato), vedere Panoramica di Windows PowerShell DSC (Desired State Configuration).

Nota

Prima di abilitare l'State Configuration di Automazione, è opportuno sapere che una versione più recente di DSC è ora disponibile in anteprima, gestita da una funzionalità di Criteri di Azure configurazione guest denominata. Il servizio di configurazione guest combina funzionalità di estensione DSC, Automazione di Azure State Configuration e le funzionalità più comunemente richieste dai clienti. La configurazione guest include anche il supporto di computer ibridi tramite server abilitati per Arc.

Se si preferisce un ambiente di esempio già configurato senza dover seguire i passaggi descritti in questo articolo, è possibile usare il modello di nodo gestito di Automazione di Azure. Questo modello configura un ambiente State Configuration (DSC) completo, inclusa una macchina virtuale di Azure gestita da State Configuration (DSC).

Prerequisiti

Per completare gli esempi di questo articolo, è necessario quanto segue:

Creare una configurazione DSC

Verrà creata una configurazione DSC semplice che assicura la presenza o l'assenza della funzionalità di Windows (IIS) Web-Server, a seconda di come vengono assegnati i nodi.

I nomi di configurazione in Automazione di Azure devono essere limitati a non più di 100 caratteri.

  1. Avviare VSCode (o qualsiasi altro editor di testo).

  2. Digitare il testo seguente:

    configuration TestConfig
    {
        Node IsWebServer
        {
            WindowsFeature IIS
            {
                Ensure               = 'Present'
                Name                 = 'Web-Server'
                IncludeAllSubFeature = $true
            }
        }
    
        Node NotWebServer
        {
            WindowsFeature IIS
            {
                Ensure               = 'Absent'
                Name                 = 'Web-Server'
            }
        }
    }
    
  3. Salvare il file come TestConfig.ps1.

Questa configurazione chiama una risorsa in ogni blocco di nodo, la risorsa WindowsFeature. Questa risorsa garantisce la presenza o l'assenza della funzionalità Web-Server.

Importare una configurazione in Automazione di Azure

Successivamente, la configurazione verrà importata nell'account di automazione.

  1. Accedere al portale di Azure.

  2. A sinistra fare clic su Tutte le risorse e quindi fare clic sul nome dell'account di Automazione.

  3. Nella pagina Account di automazione selezionare State Configuration (DSC) in Gestione della configurazione.

  4. Nella pagina State Configuration (DSC) fare clic sulla scheda Configurazioni e quindi su Aggiungi.

  5. Nel riquadro Importa configurazione selezionare il file TestConfig.ps1 nel computer.

    Screenshot of the Import Configuration blade

  6. Fare clic su OK.

Visualizzare una configurazione in Automazione di Azure

Dopo aver importato una configurazione, è possibile visualizzarla nel portale di Azure.

  1. Accedere al portale di Azure.

  2. A sinistra fare clic su Tutte le risorse e quindi fare clic sul nome dell'account di Automazione.

  3. Nella pagina Account di automazione selezionare State Configuration (DSC) in Gestione della configurazione.

  4. Nella pagina State Configuration (DSC) fare clic sulla scheda Configurazioni e quindi su TestConfig. Si tratta del nome della configurazione importata nella procedura precedente.

  5. Nel riquadro Configurazione TestConfig fare clic su Visualizza origine configurazione.

    Screenshot of the TestConfig configuration blade

    Verrà visualizzata una pagina Origine configurazione TestConfig contenente il codice PowerShell per la configurazione.

Compilare una configurazione in Automazione di Azure

Per poter applicare uno stato desiderato a un nodo, è prima necessario compilare una configurazione DSC che definisce tale stato in una o più configurazioni di nodo (documenti MOF) e inserire tale configurazione DSC nel server di pull di Automation DSC. Per una descrizione più dettagliata della compilazione di configurazioni in State Configuration (DSC), vedere Compilare configurazioni in State Configuration di Automazione di Azure. Per altre informazioni sulla compilazione di configurazioni, vedere Configurazioni DSC.

  1. Accedere al portale di Azure.

  2. A sinistra fare clic su Tutte le risorse e quindi fare clic sul nome dell'account di Automazione.

  3. Nella pagina Account di automazione fare clic su State Configuration (DSC) in Gestione della configurazione.

  4. Nella pagina State Configuration (DSC) fare clic sulla scheda Configurazioni e quindi su TestConfig. Si tratta del nome della configurazione importata in precedenza.

  5. Nella pagina Configurazione TestConfig fare clic su Compila e quindi su . Verrà avviato un processo di compilazione.

    Screenshot of the TestConfig configuration page highlighting compile button

Nota

Quando si compila una configurazione in Automazione di Azure, tutti i file MOF delle configurazioni di nodo creati vengono distribuiti automaticamente nel server di pull.

Visualizzare un processo di compilazione

Dopo avere avviato una compilazione, è possibile visualizzarla nel riquadro Processi di compilazione nella pagina Configurazione. Nel riquadro Processi di compilazione vengono visualizzati i processi attualmente in esecuzione, completati e non riusciti. Aprendo il riquadro di un processo di compilazione vengono visualizzate informazioni sul processo, inclusi gli eventuali errori o avvisi rilevati, i parametri di input usati nella configurazione e i log di compilazione.

  1. Accedere al portale di Azure.

  2. A sinistra fare clic su Tutte le risorse e quindi fare clic sul nome dell'account di Automazione.

  3. Nella pagina Account di automazione fare clic su State Configuration (DSC) in Gestione della configurazione.

  4. Nella pagina State Configuration (DSC) fare clic sulla scheda Configurazioni e quindi su TestConfig. Si tratta del nome della configurazione importata in precedenza.

  5. In Processi di compilazione selezionare il processo di compilazione da visualizzare. Viene visualizzato il riquadro Processo di compilazione, con la data di avvio del processo di compilazione come etichetta.

    Screenshot of the Compilation Job page

  6. Fare clic su qualsiasi sezione nel riquadro Processo di compilazione per visualizzare altri dettagli sul processo.

Visualizzare le configurazioni dei nodi

Con il completamento di un processo di compilazione vengono create una o più configurazioni di nodo. Una configurazione di nodo è un documento MOF che viene distribuito nel server di pull ed è disponibile per il pull e l'applicazione da parte di uno o più nodi. È possibile visualizzare le configurazioni dei nodi dell'account di Automazione nella pagina State Configuration (DSC). Il formato del nome di una configurazione è ConfigurationName.NodeName.

  1. Accedere al portale di Azure.

  2. A sinistra fare clic su Tutte le risorse e quindi fare clic sul nome dell'account di Automazione.

  3. Nella pagina Account di automazione fare clic su State Configuration (DSC) in Gestione della configurazione.

  4. Nella pagina State Configuration (DSC) fare clic sulla scheda Configurazioni compilate.

    Screenshot of the Compiled Configurations tab

Abilitare una macchina virtuale di Azure Resource Manager per la gestione con State Configuration

È possibile usare State Configuration per gestire macchine virtuali di Azure (sia classiche sia Resource Manager), macchine virtuali locali, computer Linux, macchine virtuali AWS e computer fisici locali. In questo articolo viene descritto come abilitare solo le macchine virtuali di Azure Resource Manager. Per informazioni sull'abilitazione di altri tipi di computer, vedere Abilitare computer per la gestione tramite State Configuration di Automazione di Azure.

  1. Accedere al portale di Azure.

  2. A sinistra fare clic su Tutte le risorse e quindi fare clic sul nome dell'account di Automazione.

  3. Nella pagina Account di automazione fare clic su State Configuration (DSC) in Gestione della configurazione.

  4. Nella pagina State Configuration (DSC) selezionare la scheda Nodi e quindi fare clic su Aggiungi.

    Screenshot of the DSC Nodes page highlighting the Add Azure VM button

  5. Nel riquadro Macchine virtuali selezionare la macchina virtuale.

  6. Nel riquadro dei dettagli della macchina virtuale fare clic su + Connetti.

    Importante

    La macchina virtuale deve essere una macchina virtuale di Azure Resource Manager che esegue un sistema operativo supportato.

  7. Nella pagina Registrazione selezionare il nome della configurazione del nodo da applicare alla macchina virtuale nel campo Nome della configurazione del nodo. Specificare un nome in questo passaggio è facoltativo. È possibile modificare la configurazione del nodo assegnata dopo l'abilitazione del nodo.

  8. Selezionare Riavvia il nodo se necessario e quindi fare clic su OK.

    Screenshot of the Registration blade

    La configurazione del nodo specificata viene applicata alla macchina virtuale in base agli intervalli specificati dal valore impostato per Frequenza modalità di configurazione. La macchina virtuale controlla la disponibilità di aggiornamenti alla configurazione del nodo in base agli intervalli specificati dal valore Frequenza di aggiornamento. Per altre informazioni sul modo in cui vengono usati questi valori, vedere Configuring the Local Configuration Manager(Configurazione di Gestione configurazione locale).

Azure avvia il processo di abilitazione della macchina virtuale. Al termine, la macchina virtuale viene visualizzata nella scheda Nodi della pagina State Configuration (DSC) nell'account di Automazione.

Visualizzare l'elenco dei nodi gestiti

È possibile visualizzare l'elenco di tutte le macchine virtuali abilitate per la gestione nell'account di Automazione nella scheda Nodi della pagina State Configuration (DSC).

  1. Accedere al portale di Azure.
  2. A sinistra fare clic su Tutte le risorse e quindi fare clic sul nome dell'account di Automazione.
  3. Nella pagina Account di automazione fare clic su State Configuration (DSC) in Gestione della configurazione.
  4. Nella pagina State Configuration (DSC) fare clic sulla scheda Nodi.

Visualizzare report per i nodi gestiti

Ogni volta che State Configuration esegue una verifica di coerenza su un nodo gestito, il nodo invia un report di stato al server di pull. È possibile visualizzare tali report nella pagina per il nodo.

  1. Accedere al portale di Azure.

  2. A sinistra fare clic su Tutte le risorse e quindi fare clic sul nome dell'account di Automazione.

  3. Nella pagina Account di automazione fare clic su State Configuration (DSC) in Gestione della configurazione.

  4. Nella pagina State Configuration (DSC) fare clic sulla scheda Nodi. Qui è possibile visualizzare la panoramica di Configurazione stato e i dettagli di ogni nodo.

    Screenshot of Node page

  5. Sempre dalla scheda Nodi, fare clic sul record del nodo per aprire i report. Fare clic sul report desiderato per visualizzare dettagli aggiuntivi.

    Screenshot of the Report blade

Nel pannello per un singolo report è possibile visualizzare per la verifica di coerenza corrispondente le informazioni di stato seguenti.

  • Report sullo stato. I valori possibili sono:
    • Conforme - Il nodo è conforme al controllo.
    • Operazione non riuscita - La configurazione non ha superato il controllo.
    • Non conforme - Il nodo si trova in modalità ApplyandMonitor e lo stato della macchina virtuale non è quello desiderato.
  • Ora di inizio della verifica di coerenza.
  • Runtime totale della verifica di coerenza.
  • Tipo di verifica di coerenza.
  • Eventuali errori, con codice e messaggio di errore.
  • Tutte le risorse DSC usate nella configurazione e lo stato di ogni risorsa (se il nodo si trova nello stato desiderato per la risorsa). È possibile fare clic su ogni risorsa per ottenere informazioni più dettagliate per tale risorsa.
  • Nome, indirizzo IP e modalità di configurazione del nodo.

È anche possibile fare clic su Visualizza report non elaborato per visualizzare i dati effettivi inviati dal nodo al server. Per altre informazioni sull'uso di tali dati, vedere Using a DSC report server(Uso di un server di report DSC).

Dopo l'abilitazione di un nodo, può trascorrere tempo prima che sia disponibile il primo report e potrebbe essere necessario attendere fino a 30 minuti.

Riassegnare un nodo a una diversa configurazione di nodo

È possibile assegnare un nodo in modo che usi una configurazione di nodo diversa rispetto a quella inizialmente assegnata.

  1. Accedere al portale di Azure.

  2. A sinistra fare clic su Tutte le risorse e quindi fare clic sul nome dell'account di Automazione.

  3. Nella pagina Account di automazione fare clic su State Configuration (DSC) in Gestione della configurazione.

  4. Nella pagina State Configuration (DSC) fare clic sulla scheda Nodi.

  5. Nella scheda Nodi fare clic sul nome del nodo da riassegnare.

  6. Nella pagina per il nodo fare clic su Assegna configurazione nodo.

    Screenshot of the Node details page highlighting the Assign node configuration button

  7. Nella pagina Assegna configurazione nodo selezionare la configurazione che si vuole assegnare al nodo e quindi fare clic su OK.

    Screenshot of the Assign Node Configuration page

Annullare la registrazione di un nodo

Se non si vuole più che un nodo venga gestito da State Configuration, è possibile annullarne la registrazione. Vedere How to remove a configuration and node from Automation State Configuration (Come rimuovere una configurazione e un nodo da Automation State Configuration).

Passaggi successivi