Backup di macchine virtuali di Azure in insiemi di credenziali di Servizi di ripristino

Questa esercitazione illustra i passaggi per creare un insieme di credenziali dei servizi di ripristino e per eseguire il backup di una macchina virtuale (VM) di Azure. Gli insiemi di credenziali dei servizi di ripristino proteggono:

  • VM distribuite in Azure Resource Manager
  • Macchine virtuali classiche
  • Macchine virtuali di Archiviazione Standard
  • Macchine virtuali di Archiviazione Premium
  • Macchine virtuali in esecuzione su Managed Disks
  • VM crittografate usando Crittografia dischi di Azure, con BEK e KEK
  • Backup coerente con le applicazioni di macchine virtuali Windows tramite VSS e di macchine virtuali Linux tramite script pre-snapshot e post-snapshot personalizzati

Per altre informazioni sulla protezione di macchine virtuali di Archiviazione Premium, vedere l'articolo Backup e ripristino di macchine virtuali di Archiviazione Premium. Per altre informazioni sul supporto per macchine virtuali con Managed Disks, vedere Backup e ripristino di macchine virtuali in Managed Disks. Per altre informazioni sul framework di script pre-snapshot e post-snapshot per il backup di macchine virtuali Linux, vedere Backup coerente con le applicazioni di VM Linux di Azure.

Per altre informazioni sui casi in cui è possibile o non è possibile eseguire il backup, fare riferimento qui

Nota

Questa esercitazione presuppone che sia disponibile una VM nella sottoscrizione di Azure e che al servizio Backup sia stato concesso l'accesso alla VM.

Il servizio Backup di Azure presenta insiemi di credenziali di due tipi: l'insieme di credenziali per il backup e l'insieme di credenziali dei servizi di ripristino. L'insieme di credenziali per il backup è stato creato per primo. L'insieme di credenziali dei servizi di ripristino è stato creato in seguito per supportare le distribuzioni Resource Manager espanse. Se non è specificamente necessaria una distribuzione classica, è consigliabile usare distribuzioni Resource Manager.

Distribuzione Portale Insieme di credenziali
Classico Classico Backup
Gestione risorse Azzurro Servizi di ripristino
Nota

Le credenziali per il backup non consentono di proteggere le soluzioni distribuite con Resource Manager. Tuttavia, per proteggere le VM e i server distribuiti in modo tradizionale, è possibile utilizzare un insieme di credenziali dei servizi di ripristino.

A seconda del numero di macchine virtuali da proteggere, è possibile iniziare da diversi punti. Se si desidera eseguire il backup di più macchine virtuali in un'unica operazione, passare all'insieme di credenziali di Servizi di ripristino e avviare il processo di backup nel dashboard dell'insieme di credenziali. Se si desidera eseguire il backup di una singola macchina virtuale, è possibile avviarne il processo dal pannello di gestione della macchina virtuale.

Configurare il processo di backup dal pannello di gestione della macchina virtuale

Usare i passaggi seguenti per configurare il processo di backup dal pannello di gestione della macchina virtuale nel portale di Azure. Questi passaggi non si applicano alle macchine virtuali nel portale classico.

  1. Accedere al portale di Azure.
  2. Scegliere Altri servizi dal menu Hub e digitare Macchine virtuali nella finestra di dialogo Filtro. Durante la digitazione verrà filtrato l'elenco di risorse. Dopo averla individuata, selezionare la voce Macchine virtuali.

    Nel menu Hub, fare clic su Altri servizi per aprire una finestra di dialogo testuale. Digitare Macchine virtuali

    Verrà visualizzato l'elenco di macchine virtuali (VM) nella sottoscrizione.

    Verrà visualizzato l'elenco di macchine virtuali nella sottoscrizione.

  3. Dall'elenco selezionare la macchina virtuale di cui eseguire il backup.

    Verrà visualizzato l'elenco di macchine virtuali nella sottoscrizione.

    Quando si seleziona la macchina virtuale, l'elenco di macchine virtuali si sposta a sinistra e si aprono il pannello di gestione e la dashboard della macchina virtuale.
    Pannello di gestione della VM

  4. Nel pannello di gestione della macchina virtuale, nella sezione Impostazioni fare clic su Backup.

    Opzione di backup nel pannello di gestione della macchina virtuale

    Verrà aperto il pannello Abilita backup.

    Opzione di backup nel pannello di gestione della macchina virtuale

  5. Per l'insieme di credenziali di Servizi di ripristino, fare clic su Seleziona esistente e scegliere l'insieme di credenziali dall'elenco a discesa.

    Procedura guidata Abilita backup

    Se non sono presenti insiemi di credenziali di Servizi di ripristino o se si desidera usare un nuovo insieme, fare clic su Crea nuovo e inserire un nome per il nuovo insieme di credenziali. Viene creato un nuovo insieme nello stesso gruppo di risorse e nello stesso percorso della macchina virtuale. Se si desidera creare un insieme di credenziali di Servizi di ripristino con valori diversi, vedere la sezione su come creare un insieme di credenziali di Servizi di ripristino.

  6. Per visualizzare i dettagli dei criteri di backup, fare clic su Criteri di backup.

    Viene visualizzato il pannello Criteri di backup che indica i dettagli del criterio selezionato. Se sono presenti altri criteri, usare il menu a discesa per scegliere un diverso criterio di backup. Per creare un criterio, selezionare Crea nuovo dal menu a discesa. Per istruzioni sulla definizione di un criterio di backup, vedere Definizione di un criterio di backup. Per salvare le modifiche al criterio di backup e tornare al pannello Abilita backup, fare clic su OK.

    Selezionare il criterio di backup

  7. Nel pannello Abilita backup, fare clic su Abilita backup per distribuire il criterio. La distribuzione del criterio consente di associarlo all'insieme di credenziali e alle macchine virtuali.

    Pulsante Abilita backup

  8. È possibile monitorare l'avanzamento della configurazione tramite le notifiche visualizzate nel portale. L'esempio seguente mostra che la distribuzione ha avuto inizio.

    Notifica di Abilita backup

  9. Dopo aver completato la configurazione, fare clic su Backup nel pannello di gestione della macchina virtuale per aprire il pannello Elemento di backup e visualizzare i dettagli.

    Visualizzazione dell'elemento di backup della macchina virtuale

    Fino al completamento del backup iniziale, lo stato dell'ultimo backup è Avviso (backup iniziale in sospeso). Per visualizzare la data e l'ora del processo di backup pianificato successivo, fare clic sul nome del criterio in Criteri di backup. Viene visualizzato il pannello Criteri di backup in cui viene indicata l'ora del backup pianificato.

  10. Per eseguire un processo di backup e creare il punto di ripristino iniziale, fare clic su Esegui backup ora nel pannello Insieme di credenziali di backup.

    Fare clic su Esegui backup ora per eseguire il backup iniziale

    Si apre il pannello Esegui backup ora.

    mostra il pannello Esegui backup ora

  11. Nel pannello Esegui backup ora fare clic sull'icona del calendario, usare il comando del calendario per selezionare l'ultimo giorno di conservazione di tale punto di ripristino e fare clic su Esegui backup.

    impostare l'ultimo giorno di conservazione del punto di ripristino di Esegui backup ora

    Le notifiche sulla distribuzione consentono di sapere che il processo di backup è stato attivato e che è possibile monitorare lo stato di avanzamento del processo nella pagina Processi di backup.

Configurare il processo di backup dall'insieme di credenziali di Servizi di ripristino

Per configurare il processo di backup, seguire questa procedura.

  1. Creare un insieme di credenziali di Servizi di ripristino per una macchina virtuale.
  2. Usare il portale di Azure per selezionare uno scenario, impostare criteri di backup e identificare gli elementi da proteggere.
  3. Eseguire il backup iniziale.

Creare l'insieme di credenziali dei servizi di ripristino per una macchina virtuale

Un insieme di credenziali dei servizi di ripristino è un'entità che archivia tutti i backup e i punti di ripristino che sono stati creati nel corso del tempo. L'insieme di credenziali dei servizi di ripristino contiene anche i criteri di backup applicati alle VM protette.

Nota

Il backup delle VM è un processo locale. Non è possibile eseguire il backup delle VM da una località a un insieme di credenziali dei servizi di ripristino in un'altra località. Quindi in ogni località di Azure con VM di cui eseguire il backup deve esistere almeno un insieme di credenziali dei servizi di ripristino.

Per creare un insieme di credenziali dei servizi di ripristino:

  1. Se questa operazione non è già stata eseguita, accedere al portale di Azure, usando la sottoscrizione di Azure.
  2. Scegliere Altri servizi dal menu Hub e digitare Servizi di ripristino nella finestra di dialogo Filtro. Durante la digitazione verrà filtrato l'elenco di risorse. Quando viene visualizzato, fare clic su Insiemi di credenziali dei servizi di ripristino nell'elenco.

    Creare un insieme di credenziali dei servizi di ripristino - Passaggio 1

    Se nella sottoscrizione sono disponibili insiemi di credenziali di Servizi di ripristino, verranno elencati.

    Creare un insieme di credenziali dei servizi di ripristino - Passaggio 2

  3. Scegliere Aggiungi dal menu Insiemi di credenziali dei servizi di ripristino.

    Creare un insieme di credenziali dei servizi di ripristino - Passaggio 2

    Verrà visualizzato il pannello degli insiemi di credenziali dei servizi di ripristino, in cui viene richiesto di specificare Nome, Sottoscrizione, Gruppo di risorse e Località.

    Creare un insieme di credenziali dei servizi di ripristino - Passaggio 3

  4. Nel campo Nomedigitare un nome descrittivo per identificare l'insieme di credenziali. Il nome deve essere univoco per la sottoscrizione di Azure. Digitare un nome che contenga tra i 2 e i 50 caratteri. Deve iniziare con una lettera e può contenere solo lettere, numeri e trattini.

  5. Nella sezione Sottoscrizione usare il menu a discesa per scegliere la sottoscrizione di Azure. Se si usa una sola sottoscrizione, questa verrà visualizzata e sarà possibile andare al passaggio successivo. Se non si è certi di quale sottoscrizione usare, usare la sottoscrizione predefinita (o suggerita). Sono disponibili più scelte solo se l'account dell'organizzazione è associato a più sottoscrizioni di Azure.

  6. Nella sezione Gruppo di risorse:

    • Selezionare Crea nuovo se si vuole creare un gruppo di risorse. Or
    • Selezionare Usa esistente e fare clic sul menu a discesa per visualizzare l'elenco di gruppi di risorse disponibili.

    Per informazioni complete sui gruppi di risorse, vedere Panoramica di Azure Resource Manager.

  7. Fare clic su Località per selezionare l'area geografica per l'insieme di credenziali. La scelta determina l'area geografica in cui vengono inviati i dati di backup.

    Importante

    Se si non è certi della località della macchina virtuale, chiudere la finestra di dialogo di creazione dell'insieme di credenziali e passare all'elenco di macchine virtuali nel portale. Se si hanno macchine virtuali in più aree, creare un insieme di credenziali di Servizi di ripristino in ogni area. Creare l'insieme di credenziali nella prima località prima di passare a quella successiva. Non è necessario specificare gli account di archiviazione usati per archiviare i dati di backup, perché l'insieme di credenziali di Servizi di ripristino e il servizio Backup di Azure gestiscono l'archiviazione automaticamente.

  8. Nella parte inferiore del pannello Insieme di credenziali dei servizi di ripristino fare clic su Crea.

    La creazione dell'insieme di credenziali dei servizi di ripristino può richiedere alcuni minuti. Monitorare le notifiche di stato nell'area superiore destra del portale. L'insieme di credenziali, dopo essere stato creato, viene visualizzato negli insiemi di credenziali di Servizi di ripristino. Se l'insieme di credenziali non viene visualizzato dopo qualche minuto, fare clic su Aggiorna.

    Fare clic sul pulsante Aggiorna

    Dopo la visualizzazione dell'insieme di credenziali nell'elenco corrispondente per i Servizi di ripristino, è possibile configurare la ridondanza di archiviazione.

Ora che l'insieme di credenziali è stato creato, è possibile apprendere come impostare la replica di archiviazione.

Impostare la replica di archiviazione

L'opzione della replica di archiviazione consente di scegliere tra l'archiviazione con ridondanza geografica e l'archiviazione con ridondanza locale. Per impostazione predefinita, l'insieme di credenziali prevede l'archiviazione con ridondanza geografica. Se l'insieme di credenziali di Servizi di ripristino è il backup primario, lasciare l'opzione impostata sull'archiviazione con ridondanza geografica. Se si vuole un'opzione più economica ma non altrettanto permanente, scegliere l'archiviazione con ridondanza locale. Per altre informazioni sulle opzioni di archiviazione con ridondanza geografica e con ridondanza locale, vedere la panoramica Replica di Archiviazione di Azure.

Per modificare le impostazioni di replica di archiviazione:

  1. Nel pannello Insieme di credenziali dei servizi di ripristino selezionare il nuovo insieme di credenziali.

    Selezionare il nuovo insieme di credenziali dall'elenco corrispondente per Servizi di ripristino

    Quando si seleziona l'insieme di credenziali, si aprono il pannello Impostazioni, con il nome dell'insieme di credenziali nella parte superiore, e il pannello dei dettagli dell'insieme di credenziali.

    Visualizzare la configurazione dell'archiviazione per il nuovo insieme di credenziali

  2. Nel pannello Impostazioni del nuovo insieme di credenziali usare il dispositivo di scorrimento verticale per passare alla sezione Gestisci e fare clic su Infrastruttura di backup. Verrà visualizzato il pannello Infrastruttura di backup.

  3. Nel pannello Infrastruttura di backup fare clic su Configurazione backup per aprire il pannello Configurazione backup.

    Impostare la configurazione dell'archiviazione per il nuovo insieme di credenziali

  4. Scegliere l'opzione di replica di archiviazione appropriata per l'insieme di credenziali.

    opzioni di configurazione dell'archiviazione

    Per impostazione predefinita, l'insieme di credenziali prevede l'archiviazione con ridondanza geografica. Se si usa Azure come endpoint di archiviazione di backup primario, continuare a usare l'opzione Con ridondanza geografica. Se non si usa Azure come endpoint di archiviazione di backup primario, scegliere l'opzione Con ridondanza locale, che riduce i costi di archiviazione di Azure. Per altre informazioni sulle opzioni di archiviazione con ridondanza geografica e con ridondanza locale, vedere Panoramica della ridondanza di archiviazione.

Selezionare un obiettivo di backup, impostare i criteri e definire gli elementi da proteggere

Prima di registrare una macchina virtuale in un insieme di credenziali, eseguire il processo di individuazione per verificare che vengano identificate le eventuali nuove macchine virtuali aggiunte alla sottoscrizione. Il processo esegue una query su Azure per ottenere l'elenco delle macchine virtuali disponibili nella sottoscrizione, insieme ad altre informazioni come il nome del servizio cloud e l'area. Nel portale di Azure lo scenario fa riferimento a ciò che si inserirà nell'insieme di credenziali dei servizi di ripristino. I criteri determinano la pianificazione relativa alla frequenza e al momento in cui acquisiti i punti di ripristino. I criteri includono anche il periodo di mantenimento dati per i punti di ripristino.

  1. Se è già aperto un insieme di credenziali dei servizi di ripristino, procedere al passaggio 2. Altrimenti, scegliere Altri servizi dal menu Hub e nell'elenco di risorse digitare Servizi di ripristino, quindi fare clic su Insiemi di credenziali dei servizi di ripristino.

    Creare un insieme di credenziali dei servizi di ripristino - Passaggio 1

    Verrà visualizzato l'elenco degli insiemi di credenziali dei servizi di ripristino.

    Visualizzazione dell'elenco degli insiemi di credenziali dei Servizi di ripristino

    Nell'elenco degli insiemi di credenziali di Servizi di ripristino selezionare un insieme di credenziali per aprire il relativo dashboard.

    Pannello dell'insieme di credenziali aperto

  2. Scegliere Backup dal menu del dashboard dell'insieme di credenziali per aprire il pannello Backup.

    Pannello Backup aperto

    Si aprono i pannelli Backup e Obiettivo del backup.

    Pannello Scenario aperto

  3. Nel pannello Obiettivo di backup selezionare Azure dal menu Dove è in esecuzione il carico di lavoro. Dal menu a discesa What do you want to backup? (Elementi per il backup), scegliere Macchina virtuale, quindi fare clic su OK.

    Queste azioni registrano l'estensione della macchina virtuale nell'insieme di credenziali. Il pannello Obiettivo di backup si chiude e viene visualizzato il pannello Criterio di backup.

    Pannello Scenario aperto

  4. Nel pannello Criterio di backup selezionare il criterio di backup che si vuole applicare all'insieme di credenziali.

    Selezionare il criterio di backup

    I dettagli dei criteri predefiniti vengono elencati nel menu a discesa. Per creare un criterio, selezionare Crea nuovo dal menu a discesa. Per istruzioni sulla definizione di un criterio di backup, vedere Definizione di un criterio di backup. Fare clic su OK per associare il criterio di backup all'insieme di credenziali.

    Il pannello Criterio di backup si chiude e viene visualizzato il pannello Seleziona macchine virtuali.

  5. Nel pannello Seleziona macchine virtuali scegliere le macchine virtuali da associare al criterio specificato e fare clic su OK.

    Selezionare il carico di lavoro

    Viene convalidata la macchina virtuale selezionata. Se le macchine virtuali non sono visibili, controllare che esistano nello stesso percorso di Azure dell'insieme di credenziali di Servizi di ripristino. La posizione dell'insieme dei credenziali dei Servizi di ripristino viene visualizzata nel dashboard dell'insieme.

  6. Dopo aver definito tutte le impostazioni per l'insieme di credenziali, nel pannello Backup fare clic su Abilita backup per distribuire il criterio nell'insieme di credenziali e nelle macchine virtuali. La distribuzione del criterio di backup non crea il punto di ripristino iniziale per la macchina virtuale.

    Abilita backup

Dopo avere abilitato correttamente il backup, il criterio di backup verrà eseguito come pianificato. Tuttavia, procedere con l'avvio del primo processo di backup.

Backup iniziale

Distribuire un criterio di backup nella macchina virtuale non significa eseguire il backup dei dati. Per impostazione predefinita, il primo backup pianificato (definito nel criterio di backup) è il backup iniziale. Fino all'esecuzione del backup iniziale, lo stato dell'ultimo backup nel pannello Processi di Backup è Avviso (backup iniziale in sospeso).

Backup in sospeso

A meno che l'avvio del backup iniziale non sia imminente, è consigliabile scegliere l'opzione Esegui backup ora.

Per eseguire il processo di backup iniziale:

  1. Nel dashboard dell'insieme di credenziali fare clic sul numero sotto Elementi di backup oppure fare clic sul riquadro Elementi di backup.
    Icona Impostazioni

    Si apre il pannello Elementi di backup .

    Elementi di backup

  2. Nel pannello Elementi di backup selezionare l'elemento.

    Icona Impostazioni

    Si apre l'elenco Elementi di backup.

    Processo di backup attivato

  3. Nell'elenco Elementi di backup fare clic sui puntini di sospensione ... per aprire il menu di scelta rapida.

    Menu di scelta rapida

    Si apre il menu di scelta rapida.

    Menu di scelta rapida

  4. Nel menu di scelta rapida fare clic su Esegui backup ora.

    Menu di scelta rapida

    Si apre il pannello Esegui backup ora.

    mostra il pannello Esegui backup ora

  5. Nel pannello Esegui backup ora fare clic sull'icona del calendario, usare il comando del calendario per selezionare l'ultimo giorno di conservazione di tale punto di ripristino e fare clic su Esegui backup.

    impostare l'ultimo giorno di conservazione del punto di ripristino di Esegui backup ora

    Le notifiche sulla distribuzione consentono di sapere che il processo di backup è stato attivato e che è possibile monitorare lo stato di avanzamento del processo nella pagina Processi di backup. A seconda delle dimensioni della macchina virtuale, la creazione del backup iniziale potrebbe richiedere un po' di tempo.

  6. Per visualizzare o tenere traccia dello stato del backup iniziale, nel dashboard dell'insieme di credenziali, nel riquadro Processi di backup fare clic sul riquadro In corso.

    Riquadro dei processi di backup

    Si apre il pannello dei processi di backup.

    Riquadro dei processi di backup

    Nel pannello Processi di backup è possibile visualizzare lo stato di tutti i processi. Controllare se il processo di backup per la macchina virtuale è ancora in corso o se è terminato. Al termine del processo di backup, lo stato è Completato.

    Nota

    Come parte dell'operazione di backup, il servizio Backup di Azure esegue un comando nell'estensione di backup in ogni VM per scaricare tutte le scritture e creare uno snapshot coerente.

Definizione di un criterio di backup

Un criterio di backup definisce una matrice relativa a quando sono stati acquisiti gli snapshot dei dati e per quanto tempo tali snapshot vengono conservati. Quando si definisce un criterio per il backup di una VM è possibile attivare un processo di backup una volta al giorno. Quando si crea un nuovo criterio, viene applicato all'insieme di credenziali. L'interfaccia del criterio di backup è simile alla seguente:

Criterio di backup

Per creare un criterio:

  1. Immettere un nome in Nome criterio.
  2. Gli snapshot dei dati possono essere acquisiti a intervalli giornalieri o settimanali. Usare il menu a discesa Frequenza di backup per scegliere se acquisire gli snapshot dei dati ogni giorno o ogni settimana.

    • Se si sceglie un intervallo giornaliero, usare il controllo evidenziato per selezionare l'ora del giorno per lo snapshot. Per modificare l'ora, deselezionarla e selezionare quella nuova.

      Criterio di backup giornaliero

    • Se si sceglie un intervallo settimanale, usare i controlli evidenziati per selezionare uno o più giorni della settimana e l'ora del giorno in cui acquisire lo snapshot. Nel menu dei giorni selezionare uno o più giorni. Nel menu delle ore selezionare un'ora. Per modificare l'ora, deselezionare quella selezionata e selezionare quella nuova.

      Criterio di backup settimanale

  3. Per impostazione predefinita, tutte le opzioni di Intervallo conservazione sono selezionate. Deselezionare i limiti dell'intervallo di conservazione che non si vuole usare. Specificare quindi uno o più intervalli da usare.

    Gli intervalli di conservazione mensili e annuali consentono di specificare gli snapshot basati su un incremento settimanale o giornaliero.

    Nota

    Quando si protegge una VM, una volta al giorno viene eseguito un processo di backup. L'ora in cui il backup viene eseguito è la stessa per ogni intervallo di conservazione.

  4. Dopo avere impostato tutte le opzioni per il criterio, nella parte superiore del pannello fare clic su Salva.

    Il nuovo criterio verrà immediatamente applicato all'insieme di credenziali.

Installare l'agente di macchine virtuali nella macchina virtuale

Queste informazioni vengono fornite nel caso in cui siano necessarie. Per il funzionamento dell'estensione di backup, l'agente di macchine virtuali deve essere installato nella macchina virtuale di Azure. Se tuttavia la macchina virtuale è stata creata dalla raccolta di Azure, l'agente di macchine virtuali è già installato. Nelle macchine virtuali di cui viene eseguita la migrazione da data center locali l'agente di macchine virtuali non è installato. In tal caso l'agente di macchine virtuali deve essere installato. In caso di problemi con il backup della macchina virtuale di Azure, assicurarsi che l'agente di macchine virtuali di Azure sia installato correttamente nella macchina virtuale (vedere la tabella seguente). Se si crea una VM personalizzata, assicurarsi che la casella di controllo Installa l'agente di macchine virtuali sia selezionata prima che venga effettuato il provisioning della macchina virtuale.

Per altre informazioni, vedere gli articoli sull'agente di macchine virtuale e sulla relativa installazione.

La tabella seguente fornisce informazioni aggiuntive sull'agente di macchine virtuali per macchine virtuali Windows e Linux.

Operazione Windows Linux
Installazione dell'agente di macchine virtuali
  • Scaricare e installare il file MSI per l'agente. Per completare l'installazione sono necessari privilegi di amministratore.
  • Aggiornare le proprietà della VM per indicare che l'agente è stato installato.
  • Installare l' agente Linux più recente da GitHub. Per completare l'installazione sono necessari privilegi di amministratore.
  • Aggiornare le proprietà della VM per indicare che l'agente è stato installato.
  • Aggiornamento dell'agente di VM L'aggiornamento dell'agente di VM è semplice quanto la reinstallazione dei file binari dell'agente di VM.
    Assicurarsi che non siano in esecuzione operazioni di backup durante l'aggiornamento dell'agente di VM.
    Seguire le istruzioni sull'aggiornamento dell'agente di macchine virtuali Linux .
    Assicurarsi che non siano in esecuzione operazioni di backup durante l'aggiornamento dell'agente di VM.
    Convalida dell'installazione dell'agente di macchine virtuali
  • Passare alla cartella C:\WindowsAzure\Packages nella VM di Azure,
  • che dovrebbe includere il file WaAppAgent.exe.
  • Fare clic con il pulsante destro del mouse sul file, scegliere Proprietà e quindi selezionare la scheda Dettagli. Il campo Versione prodotto deve essere 2.6.1198.718 o superiore.
  • N/D

    Estensione di backup

    Dopo aver installato l'agente di macchine virtuali nella macchina virtuale, il servizio Backup di Azure installa l'estensione di backup nell'agente di macchine virtuali. Il servizio Backup di Azure applica aggiornamenti e patch all'estensione di backup senza ulteriore intervento dell'utente.

    Il servizio Backup installa l'estensione di backup anche se la VM non è in esecuzione. Una macchina virtuale in esecuzione consente di ottenere un punto di ripristino coerente con l'applicazione. Il servizio Backup di Azure continua tuttavia a eseguire il backup della macchina virtuale, anche se questa è spenta e non è stato possibile installare l'estensione. Questo tipo di backup è noto come macchina virtuale offline e il punto di ripristino è coerente con l'arresto anomalo.

    Informazioni sulla risoluzione dei problemi

    In caso di problemi nell'esecuzione di alcune attività di questo articolo, vedere le indicazioni per la risoluzione dei problemi.

    Prezzi

    Il costo del backup delle macchine virtuali di Azure è basato sul numero di istanze protette. Per una definizione di istanza protetta, vedere Che cos'è un'istanza protetta?. Per un esempio di calcolo del costo del backup di una macchina virtuale, vedere Modalità di calcolo delle istanze protette. Per informazioni sui prezzi per Backup, vedere la pagina relativa ai prezzi di Backup di Azure.

    Domande?

    In caso di domande o se si vuole che venga inclusa una funzionalità, è possibile inviare commenti e suggerimenti.