Introduzione alla rete CDN di Azure

Questo argomento descrive in dettaglio l'abilitazione della rete CDN di Azure creando un nuovo profilo di rete CDN e un endpoint.

Importante

Per un'introduzione al funzionamento della rete CDN e per un elenco delle funzionalità, vedere Panoramica della rete CDN.

Creare un nuovo profilo di rete CDN

Un profilo di rete CDN è una raccolta di endpoint della rete CDN. Ogni profilo contiene uno o più endpoint della rete CDN. Si consiglia di usare più profili per organizzare gli endpoint della rete CDN tramite il dominio internet, l’applicazione web o altri criteri.

Nota

Una sottoscrizione di Azure ha limiti predefiniti per le risorse seguenti:

  • Numero di profili CDN che possono essere creati
  • Numero di endpoint che possono essere creati in un profilo CDN
  • Numero di domini personalizzati di cui è possibile eseguire il mapping a un endpoint

Per informazioni sui limiti delle sottoscrizioni CDN, vedere Limiti relativi alla rete CDN.

I prezzi della rete CDN vengono applicati a livello di profilo della rete CDN. Se si vuole usare una combinazione di piani tariffari della rete CDN di Azure, è necessario avere più profili CDN.

Per creare un nuovo profilo di rete CDN

  1. Nel portale di Azurefare clic su Nuovoin alto a sinistra. Nel pannello Nuovo selezionare Web e dispositivi mobili e quindi Rete CDN.

    Viene visualizzato il pannello del nuovo profilo di rete CDN.

    Nuovo profilo di rete CDN

  2. Inserire un nome per il profilo di rete CDN.
  3. Selezionare un percorso. Questo è il percorso di Azure in cui verranno archiviate le informazioni relative al profilo di rete CDN. Non incide sulle posizioni dell’endpoint di rete CDN.
  4. Selezionare o creare un gruppo di risorse. Per altre informazioni sui gruppi di risorse, vedere Panoramica di Azure Resource Manager.
  5. Selezionare un Piano tariffario. Per un confronto tra i piani tariffari, vedere Panoramica della rete CDN .

    Selezione del piano tariffario della rete CDN

  6. Selezionare la Sottoscrizione per questo profilo di rete CDN.
  7. Per creare il nuovo profilo, fare clic sul pulsante Crea .

Creare un nuovo endpoint della rete CDN

Per creare nuovo endpoint della rete CDN

  1. Nel portale di Azurepassare al profilo della rete CDN. Lo si potrebbe aver bloccato nel dashboard nel passaggio precedente. Se così non fosse, è possibile trovarlo facendo clic su Esplora, quindi su Profili rete CDN e facendo clic sul profilo in cui si prevede di aggiungere l'endpoint.

    Viene visualizzato il pannello del profilo di rete CDN.

    Profilo di rete CDN

  2. Fare clic sul pulsante Aggiungi Endpoint .

    Pulsante Aggiungi endpoint

    Viene visualizzato il pannello Aggiungi un endpoint .

    Pannello Aggiungi endpoint

  3. Immettere un Nome per questo endpoint della rete CDN. Questo nome viene usato per accedere alle risorse memorizzate nella cache nel dominio <endpointname>.azureedge.net.
  4. Nell'elenco a discesa Tipo origine selezionare il tipo di origine. Selezionare Archiviazione per un account di archiviazione di Azure, Servizio Cloud per un servizio cloud di Azure, App Web per un'app Web di Azure oppure Origine personalizzata per qualsiasi altra origine di server Web accessibile pubblicamente, ospitata in Azure o altrove.

    Tipo di origine della rete CDN

  5. Nell'elenco a discesa Nome host origine selezionare o digitare il dominio di origine. Nell'elenco a discesa compaiono tutte le origini disponibili del tipo specificato nel passaggio 4. Se è stato selezionato l’elemento Origine personalizzata come Tipo di origine, si digiterà nel dominio di origine personalizzato.
  6. Nella casella di testo Percorso origine inserire il percorso per le risorse che si desidera memorizzare nella cache oppure lasciare vuoto per consentire la memorizzazione nella cache di qualsiasi risorsa nel dominio specificato nel passaggio 5.
  7. Nell’ Intestazione dell’host di origine, inserire l'intestazione dell’host che si desidera che la rete CDN invii con ogni richiesta di immettere, o lasciare il valore predefinito.

    Avviso

    Per alcuni tipi di origini, ad esempio Archiviazione di Azure e App Web, è necessario che l'intestazione host corrisponda al dominio dell'origine. A meno che non si abbia un'origine che richiede un'intestazione host diversa dal dominio, è consigliabile lasciare il valore predefinito.

  8. Per Protocollo e Porta dell'origine specificare i protocolli e le porte usate per accedere alle risorse in corrispondenza dell'origine. È necessario selezionare almeno un protocollo (HTTP o HTTPS).

    Nota

    Porta dell'origine interessa solo la porta usata dall'endpoint per recuperare informazioni dall'origine. L'endpoint stesso è disponibile solo per i client finali sulle porte HTTP e HTTPS (80 e 443), indipendentemente dalla porta dell'origine.

    Rete CDN di Azure da Akamai non consentono l'intera gamma di porte TCP per le origini. Per un elenco delle porte di origine non consentite, vedere l'articolo relativo ai Azure CDN from Akamai Allowed Origin Ports(Porte di origine consentite in Rete CDN di Azure da Akamai).

    L'accesso al contenuto della rete CDN tramite HTTPS presenta i vincoli seguenti:

    • È necessario usare il certificato SSL fornito dalla rete CDN. I certificati di terze parti non sono supportati.
    • Il supporto di HTTPS per i domini personalizzati della rete CDN di Azure è disponibile solo con i prodotti rete CDN di Azure fornita da Verizon (Standard e Premium). Non è supportata nella rete CDN di Azure fornita da Akamai. Per altre informazioni, vedere Abilitare HTTPS in un dominio personalizzato della rete CDN di Azure.

Usare il dominio fornito dalla rete CDN, <endpointname>.azureedge.net, per accedere al contenuto HTTPS. Il supporto HTTPS non è disponibile per i nomi di dominio personalizzati (CNAME) perché la rete CDN attualmente non supporta i certificati personalizzati.

  1. Per creare il nuovo endpoint, fare clic sul pulsante Aggiungi .
  2. Dopo la creazione, l'endpoint sarà visualizzato in un elenco di endpoint per il profilo. Nella visualizzazione elenco sono mostrati gli URL da usare per accedere a contenuti memorizzati nella cache, oltre al dominio di origine.
![Endpoint della rete CDN][cdn-endpoint-success]

> [!IMPORTANT]
> L'endpoint non sarà disponibile immediatamente per l'uso, perché la propagazione della registrazione nella rete CDN richiede tempo.  Per <b>Rete CDN di Azure da Akamai</b> la propagazione in genere viene completata entro un minuto.  Per i profili della <b>rete CDN di Azure fornita da Verizon</b>, la propagazione in genere viene completata entro 90 minuti, ma in alcuni casi può richiedere più tempo.
> 
> Gli utenti che provano a usare il nome di dominio della rete CDN prima che la configurazione dell'endpoint sia stata propagata ai POP riceveranno codici di risposta HTTP 404.  Se sono trascorse diverse ore da quando è stato creato l'endpoint e si ricevono ancora risposte 404, vedere l'articolo relativo alla [risoluzione dei problemi degli endpoint della rete CDN che restituiscono stati 404](cdn-troubleshoot-endpoint.md).
> 
> 

Vedere anche