Limitazioni di Azure Cloud Shell

Di seguito vengono descritte le limitazioni note di Azure Cloud Shell:

Limitazioni generali

Persistenza e stato del sistema

Il computer che distribuisce la sessione Cloud Shell è temporaneo e viene riciclato dopo 20 minuti di inattività della sessione. Cloud Shell richiede l'implementazione di una condivisione file. La sottoscrizione, quindi, deve essere in grado di configurare le risorse di archiviazione per accedere a Cloud Shell. Altre considerazioni di cui tenere conto:

  • Con l'archiviazione montata vengono rese persistenti soltanto le modifiche apportate all'interno della directory clouddrive. In Bash anche la directory $Home è resa persistente.
  • Le condivisioni file possono essere implementate solo dall'interno dell'area assegnata.
    • In Bash, eseguire env per trovare l'area geografica impostata come ACC_LOCATION.
  • File di Azure supporta solo account di archiviazione con ridondanza locale e account di archiviazione con ridondanza geografica.

Supporto browser

Cloud Shell supporta le versioni più recenti di Microsoft Edge, Microsoft Internet Explorer, Google Chrome, Mozilla Firefox e Apple Safari. Safari in modalità privata non è supportato.

Copiare e incollare

  • Windows: Ctrl-insert per copiare e Shift-insert per incollare. Facendo clic con pulsante destro del mouse sull'elenco a discesa è possibile abilitare Copia e Incolla.
    • FireFox o Internet Explorer potrebbero non supportare correttamente le autorizzazioni per gli appunti.
  • Mac OS: Cmd-c per copiare e Cmd-v per incollare. Facendo clic con pulsante destro del mouse sull'elenco a discesa è possibile abilitare Copia e Incolla.

Per un determinato utente, può essere attiva una sola shell

Gli utenti possono avviare solo un tipo di shell contemporaneamente, Bash o PowerShell. Tuttavia, si possono avere più istanze di Bash o PowerShell in esecuzione contemporaneamente. Lo scambio tra Bash o PowerShell ha come conseguenza il riavvio di Cloud Shell e le sessioni esistenti vengono terminate.

Limiti di consumo

Cloud Shell è pensato per l'uso interattivo e qualsiasi sessione non interattiva in esecuzione prolungata viene quindi interrotta senza preavviso.

Limitazioni Bash

Autorizzazioni utente

Le autorizzazioni sono impostate come utenti normali senza accesso SUDO. Qualsiasi installazione esterna alla directory $Home non verrà conservata. Anche se alcuni comandi all'interno della directory clouddrive, come git clone, non hanno le autorizzazioni appropriate, la directory $Home dispone delle autorizzazioni necessarie.

Modifica di .bashrc

Fare attenzione quando si modifica il file con estensione bashrc, poiché questa operazione può provocare errori imprevisti in Cloud Shell.

.bash_history

È possibile che la cronologia dei comandi bash sia incoerente a causa dell'interruzione della sessione Cloud Shell o di sessioni simultanee.

Limitazioni PowerShell

Tempo di avvio lento

L'inizializzazione di PowerShell in Azure Cloud Shell può richiedere fino a 60 secondi durante l'anteprima.

Nessuna persistenza directory $Home

I dati scritti su $Home da qualsiasi applicazione (ad esempio: git, vim e così via) non vengono mantenuti nelle sessioni di PowerShell. Per una soluzione alternativa vedere qui.

Passaggi successivi

Risoluzione dei problemi di Cloud Shell
Avvio rapido di Bash
Avvio rapido di PowerShell