Azure Cosmos DB Python SDK: risorse e note sulla versione

Download dell'SDKPyPI
Documentazione sull'APIDocumentazione di riferimento delle API di Python
Istruzioni per l'installazione dell'SDKIstruzioni per l'installazione dell'SDK di Python
Contribuire all'SDKGitHub
Attività inizialiIntroduzione all'SDK di Python
Piattaforma attualmente supportataPython 2.7 e Python 3.5

Note sulla versione

2.2.0

  • Aggiunta del supporto per un nuovo livello di coerenza denominato ConsistentPrefix.

2.1.0

  • Aggiunta del supporto per le query di aggregazione (COUNT, MIN, MAX, SUM e AVG).
  • Aggiunta di un'opzione per disabilitare la verifica SSL durante l'esecuzione sull'emulatore Cosmos DB.
  • Rimossa la restrizione per cui il modulo delle richieste dipendenti deve essere esattamente 2.10.0.
  • Velocità effettiva minima ridotta nelle raccolte partizionate da 10.100 UR/s a 2.500 UR/s.
  • Aggiunta del supporto per l'abilitazione della registrazione degli script durante l'esecuzione di stored procedure.
  • Versione API REST incrementata a "2017-01-19" con questo rilascio.

2.0.1

  • Modifiche editoriali ai commenti alla documentazione.

2.0.0

  • Aggiunto il supporto per Python 3.5.
  • Aggiunto il supporto per il pool di connessioni con modulo di richiesta.
  • Aggiunto il supporto per la coerenza di sessione.
  • Aggiunto il supporto per le query TOP/ORDERBY per le raccolte partizionate.

1.9.0

  • Aggiunta del supporto per il criterio di ripetizione dei tentativi delle richieste limitate (le richieste limitate ricevano un'eccezione troppo grande per la frequenza delle richieste, con codice di errore 429). Per impostazione predefinita, Cosmos DB esegue nove tentativi per ogni richiesta con codice di errore 429, rispettando l'intervallo di tempo di retryAfter specificato nell'intestazione della risposta. Adesso è possibile impostare un intervallo di tempo fisso per i tentativi come parte della proprietà RetryOptions nell'oggetto ConnectionPolicy se si desidera ignorare il tempo di retryAfter restituito dal server tra i tentativi. Azure Cosmos DB attende al massimo 30 secondi per ogni richiesta che viene limitata (indipendentemente dal numero di tentativi) e restituisce la risposta con il codice di errore 429. Questo tempo può essere sottoposto a override nella proprietà RetryOptions dell'oggetto ConnectionPolicy.
  • Cosmos DB restituisce ora i parametri x-ms-throttle-retry-count e x-ms-throttle-retry-wait-time-ms come intestazioni di risposta in ogni richiesta per indicare il numero di nuovi tentativi di limitazione e il tempo cumulativo di attesa della richiesta tra i tentativi.
  • Rimozione della classe RetryPolicy e della proprietà corrispondente (retry_policy) esposta nella classe document_client e introduzione di una classe RetryOptions che espone la proprietà RetryOptions nella classe ConnectionPolicy che può essere utilizzata per eseguire l’override di alcune opzioni di ripetizione dei tentativi predefinite.

1.8.0

  • Aggiunta del supporto per gli account di database con più aree.

1.7.0

  • Aggiunta del supporto per la funzionalità di durata (TTL) relativa ai documenti.

1.6.1

  • Correzioni di bug relativi al partizionamento lato server per consentire caratteri speciali nel percorso partitionkey.

1.6.0

1.5.0

  • Aggiungi resolver per partizioni hash e a intervalli come supporto per applicazioni di partizionamento orizzontale in più partizioni.

1.4.2

  • Implementazione di Upsert. Nuovi metodi upsertXXX aggiunti per supportare la funzionalità Upsert.
  • Implementazione del routing basato su ID. Nessuna modifica API pubblica, tutte modifiche interne.

1.2.0

  • Supporta l'indice geospaziale.
  • Convalida la proprietà id per tutte le risorse. Gli ID per le risorse non possono contenere i caratteri ?, /, #, \, o terminare con uno spazio.
  • Aggiunge la nuova intestazione "stato di trasformazione dell'indice" a ResourceResponse.

1.1.0

  • Implementazione del criterio di indicizzazione V2.

1.0.1

  • Supporto della connessione proxy.

1.0.0

  • SDK con disponibilità generale.

Date di rilascio e di ritiro

Microsoft invierà una notifica almeno 12 mesi prima del ritiro di un SDK per agevolare la transizione a una versione più recente o supportata.

Le nuove caratteristiche e funzionalità e le ottimizzazioni vengono aggiunte solo all'SDK corrente, è quindi consigliabile eseguire sempre l'aggiornamento alla versione più recente dell'SDK quanto prima.

Qualsiasi richiesta inviata a Cosmos DB con un SDK ritirato verrà rifiutata dal servizio.

Avviso

Tutte le versioni dell'SDK per Python di Azure DocumentDB precedenti alla versione 1.0.0 verranno ritirate il 29 febbraio 2016.


Versione Data di rilascio Data di ritiro
2.2.0 10 maggio 2017 ---
2.1.0 01 maggio 2017 ---
2.0.1 30 ottobre 2016 ---
2.0.0 29 settembre 2016 ---
1.9.0 07 luglio 2016 ---
1.8.0 14 giugno 2016 ---
1.7.0 26 aprile 2016 ---
1.6.1 08 aprile 2016 ---
1.6.0 29 marzo 2016 ---
1.5.0 03 gennaio 2016 ---
1.4.2 06 ottobre 2015 ---
1.4.1 06 ottobre 2015 ---
1.2.0 06 agosto 2015 ---
1.1.0 09 luglio 2015 ---
1.0.1 25 maggio 2015 ---
1.0.0 07 aprile 2015 ---
0.9.4-prelease 14 gennaio 2015 29 febbraio 2016
0.9.3-prelease 09 dicembre 2014 29 febbraio 2016
0.9.2-prelease 25 novembre 2014 29 febbraio 2016
0.9.1-prelease 23 settembre 2014 29 febbraio 2016
0.9.0-prelease 21 agosto 2014 29 febbraio 2016

Domande frequenti

1. In che modo i clienti verranno avvisati circa l'SDK in fase di ritiro?

Microsoft invierà una notifica anticipata 12 mesi prima fine del supporto dell'SDK in fase di ritiro per agevolare la transizione a un SDK supportato. I clienti verranno anche informati tramite vari canali di comunicazione, ad esempio il portale di gestione di Azure, il centro sviluppatori e comunicazioni dirette indirizzate agli amministratori dei servizi indicati.

2. I clienti potranno creare applicazioni usando la versione dell'SDK di Azure Cosmos DB "in fase di ritiro" durante il periodo di 12 mesi?

Sì, durante il periodo di tolleranza di 12 mesi ai clienti sarà garantito l'accesso completo per creare, distribuire e modificare applicazioni tramite la versione dell'SDK di Azure Cosmos DB "in fase di ritiro". Durante il periodo di tolleranza di 12 mesi, i clienti sono invitati a eseguire la migrazione a una versione supportata più recente dell'SDK di Azure Cosmos DB.

3. I clienti potranno creare e modificare applicazioni usando una versione dell'SDK di Azure Cosmos DB ritirata dopo il periodo di notifica di 12 mesi?

Dopo il periodo di notifica di 12 mesi, l'SDK verrà ritirato. La piattaforma Azure Cosmos DB non consentirà alcun tentativo di accesso ad Azure Cosmos DB da applicazioni che usano una versione di SDK ritirata. Inoltre, Microsoft non fornirà più il supporto tecnico per la versione di SDK ritirata.

4. Cosa accade alle applicazioni in esecuzione del cliente che usano una versione non supportata dell'SDK di Azure Cosmos DB?

Qualsiasi tentativo di connessione al servizio Azure Cosmos DB con una versione di SDK ritirata verrà rifiutato.

5. Le nuove funzioni e funzionalità verranno applicate anche a tutti gli SDK non ritirati?

Le nuove funzioni e funzionalità verranno aggiunte solo alle nuove versioni. Se si usa una versione di SDK precedente non ritirata, le richieste inviate ad Azure Cosmos DB continueranno a funzionare come in precedenza, ma non sarà possibile accedere alle nuove funzionalità.

6. Come si deve procedere se non è possibile aggiornare l'applicazione prima della data del ritiro?

Si consiglia di effettuare l'aggiornamento alla versione di SDK più recente quanto prima. Una volta che un SDK è stato contrassegnato per il ritiro, l'utente ha a disposizione 12 mesi per aggiornare l'applicazione. Se, per qualunque motivo, non è possibile completare l'aggiornamento dell'applicazione entro questo periodo di tempo, contattare il team di Cosmos DB e richiedere assistenza prima della data prevista per il ritiro.

Vedere anche

Per altre informazioni su Cosmos DB, vedere la pagina del servizio Microsoft Azure Cosmos DB.