Creare la prima pipeline

Azure Pipelines | Azure DevOps Server 2020 | Azure DevOps Server 2019 | TFS 2018 | TFS 2017

Questa è una guida dettagliata all'uso di Azure Pipelines creare un'applicazione di esempio. Questa guida usa le pipeline YAML configurate con l'editor della pipeline YAML. Se invece si desidera usare le pipeline classiche, vedere Definire la pipeline classica.

Prerequisiti - Azure DevOps

  • Un GitHub, in cui è possibile creare un repository. Se non ne hai uno, puoi crearlo gratuitamente.

  • Un'Azure DevOps di lavoro. Se non ne hai uno, puoi crearlo gratuitamente. Un'Azure DevOps è diversa dall'organizzazione GitHub locale. È possibile assegnare all'DevOps e all'organizzazione GitHub lo stesso nome se si vuole allinearli tra di essi.

    Se il team ne ha già uno, assicurarsi di essere un amministratore del progetto Azure DevOps che si vuole usare.

  • Possibilità di eseguire pipeline in agenti ospitati da Microsoft. È possibile acquistare un processo parallelo oppure richiedere un livello gratuito. Per richiedere un livello gratuito, seguire le istruzioni riportate in questo articolo. Si noti che la concessione del livello gratuito potrebbe richiedere da 2 a 3 giorni lavorativi.

Creare la prima pipeline

Ottenere il codice di esempio Java

Per iniziare, creare una fork del repository seguente nell'account GitHub account.

https://github.com/MicrosoftDocs/pipelines-java

Creare la prima pipeline Java

  1. Accedere all'organizzazione di Azure DevOps e passare al progetto.

  2. Nel progetto passare alla pagina Pipeline. Quindi scegliere l'azione per creare una nuova pipeline.

  3. Eseguire i passaggi della procedura guidata selezionando prima di tutto GitHub come posizione del codice sorgente.

  4. Si potrebbe essere reindirizzati a GitHub per l'accesso. In questo caso, immettere le credenziali di GitHub.

  5. Quando viene visualizzato l'elenco dei repository, selezionare quello dell'app di esempio.

  6. Azure Pipelines analizza il repository e consiglia un modello di pipeline Maven. Selezionare Salva ed esegui, quindi Commit directly to the main branch (Esegui il commit direttamente nel ramo principale) e infine di nuovo Salva ed esegui.

  7. Viene avviata una nuova esecuzione. Attendere che venga completata.

Altre informazioni sull'uso di Java nella pipeline.

Aggiungere una notifica di stato al repository

Molti sviluppatori vogliono dimostrare di mantenere alta la qualità del codice visualizzando una notifica di stato nel proprio repo.

La notifica di stato mostra l'esito positivo della pipeline di Azure

Per copiare la notifica di stato negli Appunti:

  1. In Azure Pipelines passare alla pagina Pipelines per visualizzare l'elenco delle pipeline. Selezionare la pipeline creata nella sezione precedente.

  2. Nel menu di scelta rapida per la pipeline selezionare Status badge (Notifica stato).

  3. Copiare il markdown di esempio dal pannello della notifica di stato.

A questo punto, con la notifica Markdown negli Appunti, seguire questa procedura in GitHub:

  1. Passare all'elenco dei file e selezionare Readme.md . Selezionare l'icona a forma di matita da modificare.

  2. Incollare la notifica di stato Markdown all'inizio del file.

  3. Eseguire il commit della modifica nel master ramo .

  4. Si noti che la notifica di stato viene visualizzata nella descrizione del repository.

Per configurare l'accesso anonimo alle notifiche per i progetti privati:

  1. Passare a Project Impostazioni

  2. Aprire la scheda Impostazioni in Pipelines

  3. Attivare o disattivare il dispositivo di scorrimento Disabilita l'accesso anonimo ai badge in Generale

Nota

Anche in un progetto privato, l'accesso con badge anonimo è abilitato per impostazione predefinita. Con l'accesso anonimo alle notifiche abilitato, gli utenti esterni all'organizzazione potrebbero essere in grado di eseguire query su informazioni quali nomi di progetto, nomi di ramo, nomi di processi e stato di compilazione tramite l'API di stato della notifica.

Poiché il file è stato appena modificato in questo repository, Azure Pipelines compila automaticamente il codice, in base alla configurazione nel file nella Readme.md azure-pipelines.yml radice del repository. Tornare al Azure Pipelines, osservare che viene visualizzata una nuova esecuzione. Ogni volta che si apporta una modifica, Azure Pipelines una nuova esecuzione.

Gestire la pipeline con l'interfaccia della riga di comando di Azure

È possibile gestire le pipeline nell'organizzazione usando questi az pipelines comandi:

Questi comandi richiedono il nome o l'ID della pipeline che si vuole gestire. È possibile ottenere l'ID di una pipeline usando il comando az pipelines list.

Eseguire una pipeline

È possibile accoda (eseguire) una pipeline esistente con il comando az pipelines run. Per iniziare, vedere Introduzione all'interfaccia della riga Azure DevOps comando.

az pipelines run [--branch]
                 [--commit-id]
                 [--folder-path]
                 [--id]
                 [--name]
                 [--open]
                 [--org]
                 [--project]
                 [--variables]

Parametri

  • branch: nome del ramo in cui l'esecuzione della pipeline deve essere accodata, ad esempio refs/heads/main.
  • commit-id: commit-id in cui l'esecuzione della pipeline deve essere accodata.
  • folder-path: percorso della cartella della pipeline. Il valore predefinito è la cartella a livello di radice.
  • id: obbligatorio se il nome non viene specificato. ID della pipeline da accodare.
  • name: obbligatorio se l'ID non viene specificato, ma viene ignorato se viene fornito l'ID. Nome della pipeline da accodare.
  • open: aprire la pagina dei risultati della pipeline nel Web browser.
  • org: URL Azure DevOps'organizzazione. È possibile configurare l'organizzazione predefinita usando az devops configure -d organization=ORG_URL . Obbligatorio se non configurato come predefinito o selezionato tramite git config . Esempio: --org https://dev.azure.com/MyOrganizationName/.
  • project: nome o ID del progetto. È possibile configurare il progetto predefinito usando az devops configure -d project=NAME_OR_ID . Obbligatorio se non configurato come predefinito o selezionato tramite git config .
  • variables: coppie "name=value" separate da spazi per le variabili da impostare.

Esempio

Il comando seguente esegue la pipeline denominata myGithubname.pipelines-java nella pipeline del ramo e mostra il risultato in formato tabella.

az pipelines run --name myGithubname.pipelines-java --branch pipeline --output table

Run ID    Number      Status      Result    Pipeline ID    Pipeline Name                Source Branch    Queued Time               Reason
--------  ----------  ----------  --------  -------------  ---------------------------  ---------------  --------------------------  --------
123       20200123.2  notStarted            12             myGithubname.pipelines-java  pipeline           2020-01-23 11:55:56.633450  manual

Aggiornare una pipeline

È possibile aggiornare una pipeline esistente con il comando az pipelines update. Per iniziare, vedere Introduzione all'interfaccia dellaAzure DevOps interfaccia della riga di comando.

az pipelines update [--branch]
                    [--description]
                    [--id]
                    [--name]
                    [--new-folder-path]
                    [--new-name]
                    [--org]
                    [--project]
                    [--queue-id]
                    [--yaml-path]

Parametri

  • branch: nome del ramo in cui deve essere configurata l'esecuzione della pipeline, ad esempio refs/heads/main.
  • description: nuova descrizione per la pipeline.
  • id: obbligatorio se il nome non viene specificato. ID della pipeline da aggiornare.
  • name: obbligatorio se l'ID non viene specificato. Nome della pipeline da aggiornare.
  • new-folder-path: nuovo percorso completo della cartella in cui viene spostata la pipeline, ad esempio user1/production_pipelines.
  • new-name: nuovo nome aggiornato della pipeline.
  • org: URL Azure DevOps'organizzazione. È possibile configurare l'organizzazione predefinita usando az devops configure -d organization=ORG_URL . Obbligatorio se non configurato come predefinito o selezionato tramite git config . Esempio: --org https://dev.azure.com/MyOrganizationName/.
  • project: nome o ID del progetto. È possibile configurare il progetto predefinito usando az devops configure -d project=NAME_OR_ID . Obbligatorio se non configurato come predefinito o selezionato tramite git config .
  • queue-id: ID coda del pool di agenti in cui deve essere eseguita la pipeline.
  • yaml-path: percorso del file yaml della pipeline nel repo.

I parametri globali debug includono , , , e help only-show-errors query output verbose .

Suggerimento

Sono disponibili anche parametri globali che è possibile usare, ad esempio --output . Il --output parametro è disponibile per tutti i comandi. Il valore della tabella presenta l'output in un formato descrittivo. Per altre informazioni, vedere Formati di output per i comandi dell'interfaccia della riga di comando di Azure.

Esempio

Il comando seguente aggiorna la pipeline con l'ID 12 con un nuovo nome e una nuova descrizione e visualizza il risultato in formato tabella.

az pipelines update --id 12 --description "rename pipeline" --new-name updatedname.pipelines-java --output table

ID    Name                        Status    Default Queue
----  --------------------------  --------  ------------------
12    updatedname.pipelines-java  enabled   Hosted Ubuntu 1604

Mostra pipeline

È possibile visualizzare i dettagli di una pipeline esistente con il comando az pipelines show. Per iniziare, vedere Introduzione all'interfaccia dellaAzure DevOps interfaccia della riga di comando.

az pipelines show [--folder-path]
                  [--id]
                  [--name]
                  [--open]
                  [--org]
                  [--project]
                  [--query-examples]
                  [--subscription]

Parametri

  • folder-path: percorso della cartella della pipeline. Il valore predefinito è la cartella a livello di radice.
  • id: obbligatorio se il nome non viene specificato. ID della pipeline per visualizzare i dettagli.
  • name: obbligatorio se il nome non viene specificato, ma viene ignorato se viene specificato l'ID. Nome della pipeline per visualizzare i dettagli.
  • open: aprire la pagina di riepilogo della pipeline nel Web browser.
  • org: URL Azure DevOps'organizzazione. È possibile configurare l'organizzazione predefinita usando az devops configure -d organization=ORG_URL . Obbligatorio se non configurato come predefinito o selezionato tramite git config . Esempio: --org https://dev.azure.com/MyOrganizationName/.
  • project: nome o ID del progetto. È possibile configurare il progetto predefinito usando az devops configure -d project=NAME_OR_ID . Obbligatorio se non configurato come predefinito o selezionato tramite git config .
  • Esempi di query: consigliare una stringa JMESPath.
  • subscription: nome o ID della sottoscrizione. È possibile configurare la sottoscrizione predefinita usando az account set -s NAME_OR_ID .

Esempio

Il comando seguente mostra i dettagli della pipeline con ID 12 e restituisce il risultato in formato tabella.

az pipelines show --id 12 --output table

ID    Name                        Status    Default Queue
----  --------------------------  --------  ------------------
12    updatedname.pipelines-java  enabled   Hosted Ubuntu 1604

Nota

In Microsoft Team Foundation Server (TFS) 2018 e versioni precedenti, le pipeline di compilazione e versione sono denominate definizioni, le esecuzioni sono denominate build, le connessioni al servizio sono denominate endpoint di servizio, le fasi sono denominate ambienti e i processi sono denominati fasi.

Nota

Queste indicazioni si applicano a TFS versione 2017.3 e versioni più recente.

Verrà illustrato come usare l'editor classico in Azure DevOps Server 2019 per creare una build e una versione che stampa "Hello world".

Verrà illustrato come usare l'editor classico in TFS per creare una compilazione e una versione che stampa "Hello world".

Prerequisiti

Inizializzare il repository

Se nel progetto è già presente un repository, è possibile passare al passaggio successivo: Passare all'aggiunta di uno script al repository

  1. Passare a Azure Repos. (l'hub Code nel riquadro di spostamento precedente)

    Repos file

  2. Se il progetto è vuoto, verrà visualizzata una schermata che consente di aggiungere codice al repository. Scegliere la scelta inferiore per inizializzare il repo con un readme file:

    Inizializzare il repository

  1. Passare al repository facendo clic su Codice nel riquadro di spostamento superiore.

  2. Se il progetto è vuoto, verrà visualizzata una schermata che consente di aggiungere codice al repository. Scegliere la scelta inferiore per inizializzare il repo con un readme file:

    Inizializzare il repository

Aggiungere uno script al repository

Creare uno script di PowerShell che stampi Hello world .

  1. Passare a Azure Repos.

  2. Aggiungere un file.

    Nel nodo del repo della scheda File selezionare l'opzione Nuovo file

  3. Nella finestra di dialogo assegnare un nome al nuovo file e crearlo.

    HelloWorld.ps1
    
  4. Copiare e incollare questo script.

    Write-Host "Hello world"
    
  5. Eseguire il commit (salvare) il file.

  1. Passare all'hub Di codice.

  2. Aggiungere un file.

Nel nodo del repo della scheda File selezionare l'opzione "Aggiungi file"

  1. Nella finestra di dialogo assegnare un nome al nuovo file e crearlo.

    HelloWorld.ps1
    
  2. Copiare e incollare questo script.

    Write-Host "Hello world"
    
  3. Eseguire il commit (salvare) il file.

In questa esercitazione l'attenzione è incentrata su CI/CD, quindi la parte di codice è semplice. Si sta lavorando in un repository Git Azure Repos direttamente nel Web browser.

Quando si è pronti per iniziare a compilare e distribuire un'app reale, è possibile usare un'ampia gamma di client e servizi di controllo della versione con Azure Pipelines build CI. Altre informazioni.

Creare una pipeline di compilazione

Creare una pipeline di compilazione che stampi "Hello world".

  1. Selezionare Azure Pipelines, verrà visualizzata automaticamente la pagina Compilazioni.

    Passare alla scheda Compilazioni

  2. Creare una nuova pipeline.

    Selezionare il pulsante della scheda Compilazione

    Per i Azure DevOps nuovi utenti, verrà automaticamente eseguita l'esperienza di creazione della pipeline YAML. Per accedere all'editor classico e completare questa guida, è necessario disattivare la funzionalità di anteprima per l'esperienza di creazione della nuova pipeline YAML:

    Fare clic su Impostazioni in alto a destra nella schermata e fare clic su Funzionalità di anteprima

    Fare clic sull'interruttore per disattivare la funzionalità di anteprima yaml

  3. Assicurarsi che l'origine, il progetto, il repository e il ramo predefinito corrispondano al percorso in cui è stato creato lo script.

  4. Iniziare con un processo vuoto.

  5. Sul lato sinistro selezionare Pipeline e specificare il nome da usare. Per pool di agenti selezionare Hosted VS2017.

  6. Sul lato sinistro selezionare il segno più ( + ) per aggiungere un'attività al processo 1. Sul lato destro selezionare la categoria Utilità, selezionare l'attività PowerShell nell'elenco e quindi scegliere Aggiungi.

    Aggiungere l'attività di compilazione al processo

  7. Sul lato sinistro selezionare la nuova attività script di PowerShell.

  8. Per l'argomento Percorso script selezionare il pulsante per esplorare il repository e selezionare lo script creato.

    Selezionare lo script

  9. Selezionare Salva e accoda e quindi Salva.

  1. Selezionare Compila e rilascia e quindi scegliere Compilazioni.

    Scegliere la scheda Compilazione

  2. Creare una nuova pipeline.

    Creare una nuova pipeline

  3. Iniziare con una pipeline vuota

  4. Selezionare Pipeline e specificare il nome da usare. Per il pool di agenti selezionare Predefinito.

  5. Sul lato sinistro selezionare + Aggiungi attività per aggiungere un'attività al processo, quindi sul lato destro selezionare la categoria Utilità, selezionare l'attività PowerShell e quindi scegliere Aggiungi.

    Aggiungere l'attività al processo

  6. Sul lato sinistro selezionare la nuova attività script di PowerShell.

  7. Per l'argomento Percorso script selezionare il pulsante per esplorare il repository e selezionare lo script creato.

    Selezionare l'attività di PowerShell

  8. Selezionare Salva e accoda e quindi Salva.

  1. Selezionare Azure Pipelines e quindi la scheda Compilazioni.

    Passare alla scheda per le compilazioni

  2. Creare una nuova pipeline.

    Screenshot che mostra la scheda Compilazioni e il pulsante Nuovo.

  3. Iniziare con una pipeline vuota.

  4. Selezionare Pipeline e specificare il nome da usare.

  5. Nella scheda Opzioni selezionare Predefinito per il pool di agenti o selezionare il pool da usare con Windows di compilazione.

  6. Nella scheda Attività assicurarsi che l'opzione Ottieni origini sia impostata con il repository e il ramo in cui è stato creato lo script.

  7. Sul lato sinistro selezionare Aggiungi attività e quindi sul lato destro selezionare la categoria Utilità, selezionare l'attività PowerShell e quindi selezionare Aggiungi.

  8. Sul lato sinistro selezionare la nuova attività script di PowerShell.

  9. Per l'argomento Percorso script selezionare il pulsante per esplorare il repository e selezionare lo script creato.

    Individuare lo script

  10. Selezionare Salva e accoda e quindi Salva.

Una pipeline di compilazione è l'entità tramite la quale si definisce la pipeline di compilazione automatizzata. Nella pipeline di compilazione si compone un set di attività, ognuna delle quali esegue un passaggio nella compilazione. Il catalogo delle attività offre un set completo di attività per iniziare. È anche possibile aggiungere script di PowerShell o shell alla pipeline di compilazione.

Pubblicare un elemento dalla compilazione

Una compilazione tipica produce un artefatto che può quindi essere distribuito in varie fasi di una versione. Per illustrare la funzionalità in modo semplice, si pubblicherà semplicemente lo script come artefatto.

  1. Nella scheda Attività selezionare il segno più ( + ) per aggiungere un'attività al processo 1.

  2. Selezionare la categoria Utilità, selezionare l'attività Pubblica compilazione Artifacts e quindi selezionare Aggiungi.

    Aggiungere l'attività Pubblica elemento

    Percorso di pubblicazione: selezionare il pulsante per esplorare e selezionare lo script creato.

    Nome artefatto: immettere drop .

    Percorso di pubblicazione dell'artefatto: selezionare Azure Artifacts/TFS.

  1. Nella scheda Attività selezionare Aggiungi attività.

  2. Selezionare la categoria Utilità, selezionare l'attività Pubblica compilazione Artifacts e quindi selezionare Aggiungi.

    Selezionare Aggiungi per aggiungere l'attività Pubblica elemento

    Percorso di pubblicazione: selezionare il pulsante per esplorare e selezionare lo script creato.

    Nome artefatto: immettere drop .

    Tipo di artefatto: selezionare Server.

Artifacts sono i file che si vuole produrre dalla compilazione. Artifacts può essere quasi tutto ciò che il team deve testare o distribuire l'app. Ad esempio, sono stati .DLL e .EXE file eseguibili e . File di simboli PDB di un'app .NET C# Windows o C++.

Per consentire la produzione di artefatti, sono disponibili strumenti come la copia con criteri di ricerca e una directory di staging in cui è possibile raccogliere gli elementi prima di pubblicarli. Vedere Artifacts in Azure Pipelines.

Abilitare l'integrazione continua (CI)

  1. Selezionare la scheda Trigger.

  2. Abilitare l'integrazione continua.

Un trigger di integrazione continua in una pipeline di compilazione indica che il sistema deve accoda automaticamente una nuova compilazione ogni volta che viene eseguito il commit di una modifica del codice. È possibile rendere il trigger più generale o più specifico e pianificare anche la compilazione, ad esempio ogni notte. Vedere Trigger di compilazione.

Salvare e accoda la compilazione

Salvare e accoda una compilazione manualmente e testare la pipeline di compilazione.

  1. Selezionare Salva & coda e quindi selezionare Salva & coda.

  2. Nella finestra di dialogo selezionare salva & coda.

    In questo modo viene accodata una nuova compilazione nell'agente ospitato da Microsoft.

  3. Nella parte superiore della pagina viene visualizzato un collegamento alla nuova build.

    console di compilazione

    Scegliere il collegamento per osservare la nuova compilazione nel modo in cui si verifica. Dopo l'allocazione dell'agente, si inizieranno a visualizzare i log in tempo reale della compilazione. Si noti che lo script di PowerShell viene eseguito come parte della compilazione e che "Hello world" viene stampato nella console.

    Guardare nella console di compilazione

  4. Passare al riepilogo della compilazione. Nella scheda Artifacts della compilazione si noti che lo script viene pubblicato come artefatto.

    Aprire la console di compilazione per visualizzare l'artefatto

  1. Selezionare Salva & coda e quindi selezionare Salva & coda.

  2. Nella finestra di dialogo selezionare salva & coda.

    In questo modo viene accodata una nuova compilazione nell'agente ospitato da Microsoft.

  3. Nella parte superiore della pagina viene visualizzato un collegamento alla nuova build.

    Passare alla console di compilazione

    Scegliere il collegamento per osservare la nuova compilazione nel modo in cui si verifica. Dopo l'allocazione dell'agente, si inizieranno a visualizzare i log in tempo reale della compilazione. Si noti che lo script di PowerShell viene eseguito come parte della compilazione e che "Hello world" viene stampato nella console.


  1. Passare al riepilogo della compilazione.

    Collegamento della console di compilazione al riepilogo della compilazione

  2. Nella scheda Artifacts della compilazione si noti che lo script viene pubblicato come artefatto.

    Esplora artefatti

È possibile visualizzare un riepilogo di tutte le compilazioni o esaminare i log per ogni compilazione in qualsiasi momento passando alla scheda Compilazioni in Azure Pipelines. Per ogni compilazione è anche possibile visualizzare un elenco di commit compilati e gli elementi di lavoro associati a ogni commit. È anche possibile eseguire test in ogni compilazione e analizzare gli errori dei test.

  1. Selezionare Salva & coda e quindi selezionare Salva & coda.

  2. Nella finestra di dialogo selezionare il pulsante Coda .

    In questo modo viene accodato una nuova compilazione nell'agente. Dopo l'allocazione dell'agente, si inizieranno a visualizzare i log in tempo reale della compilazione. Si noti che lo script di PowerShell viene eseguito come parte della compilazione e che "Hello world" viene stampato nella console.

    Aprire la console di compilazione per visualizzare hello world

  3. Passare al riepilogo della compilazione.

    Vedere il collegamento della console di compilazione al riepilogo della compilazione

  4. Nella scheda Artifacts della compilazione si noti che lo script viene pubblicato come artefatto.

    Esplora artefatti

È possibile visualizzare un riepilogo di tutte le compilazioni o esaminare i log per ogni compilazione in qualsiasi momento passando alla scheda Compilazioni in Compilazione e rilascio. Per ogni compilazione è anche possibile visualizzare un elenco di commit compilati e gli elementi di lavoro associati a ogni commit. È anche possibile eseguire test in ogni compilazione e analizzare gli errori dei test.

Aggiungere alcune variabili ed eseguire il commit di una modifica allo script

Verranno passate alcune variabili di compilazione allo script per rendere la pipeline un po' più interessante. Quindi si eseguirà il commit di una modifica in uno script e si guarderà automaticamente l'esecuzione della pipeline CI per convalidare la modifica.

  1. Modificare la pipeline di compilazione.

  2. Nella scheda Attività selezionare l'attività Script di PowerShell.

  3. Aggiungere questi argomenti.

Aprire l'attività di PowerShell nella console di compilazione

Attività di PowerShell - TFS 2017

Argomenti

-greeter "$(Build.RequestedFor)" -trigger "$(Build.Reason)"

Salvare infine la pipeline di compilazione.

Successivamente si aggiungeranno gli argomenti allo script.

  1. Passare a File in Azure Repos (hub Codice nel riquadro di spostamento precedente e TFS).

  2. Selezionare il HelloWorld.ps1 file e quindi Modificare il file.

  3. Modificare lo script come segue:

    Param(
    [string]$greeter,
    [string]$trigger
    )
    Write-Host "Hello world" from $greeter
    Write-Host Trigger: $trigger
    
  4. Eseguire il commit (salvare) lo script.

È ora possibile visualizzare i risultati delle modifiche. Passare a Azure Pipelines selezionare In coda. Si noti nella sezione In coda o in esecuzione che una compilazione viene attivata automaticamente dalla modifica di cui è stato eseguito il commit.

È ora possibile visualizzare i risultati delle modifiche. Passare alla pagina Build and Release (Compilazione e versione) e selezionare Queued (In coda). Si noti nella sezione In coda o in esecuzione che una compilazione viene attivata automaticamente dalla modifica di cui è stato eseguito il commit.

  1. Selezionare la nuova compilazione creata e visualizzarne il log.

  2. Si noti che il nome della persona che ha modificato il codice è stampato nel messaggio di saluto. È anche possibile vedere stampato che si tratta di una build ci.

Compilare un log di script di PowerShell di riepilogo

log di script di PowerShell di riepilogo della compilazione

In questi passaggi è stato appena introdotto il concetto di variabili di compilazione. È stato stampato il valore di una variabile che viene automaticamente predefinita e inizializzata dal sistema. È anche possibile definire variabili personalizzate e usarle negli argomenti per le attività o come variabili di ambiente all'interno degli script. Per altre informazioni sulle variabili, vedere Compilare variabili.

Si ha una pipeline di compilazione. Passaggi successivi

È stata creata una pipeline di compilazione che compila e convalida automaticamente il codice archiviato dal team. A questo punto, è possibile passare alla sezione successiva per informazioni sulle pipeline di versione. Oppure, se si preferisce, è possibile andare avanti per creare una pipeline di compilazione per l'app.

Creare una pipeline di versione

Definire il processo per l'esecuzione dello script in due fasi.

  1. Passare alla scheda Pipelines e quindi selezionare Versioni.

  2. Selezionare l'azione per creare una nuova pipeline. Se è già stata creata una pipeline di versione, selezionare il segno più ( + ) e quindi selezionare Crea una pipeline di versione.

  3. Selezionare l'azione da iniziare con un processo vuoto.

  4. Assegnare alla fase il nome QA.

  5. Nel pannello Artifacts selezionare + Aggiungi e specificare un'origine (pipeline di compilazione). Selezionare Aggiungi.

  6. Selezionare il Fulmine per attivare la distribuzione continua e quindi abilitare il trigger distribuzione continua a destra.

    Selezionare lightning bolt per attivare la distribuzione continua

  7. Selezionare la scheda Attività e selezionare la fase del controllo di qualità.

  8. Selezionare il segno più ( + ) per il processo per aggiungere un'attività al processo.

  9. Nella finestra di dialogo Aggiungi attività selezionare Utilità, individuare l'attività PowerShell e quindi selezionare il pulsante Aggiungi.

  10. Sul lato sinistro selezionare la nuova attività script di PowerShell.

  11. Per l'argomento Percorso script selezionare il pulsante per esplorare gli elementi e selezionare lo script creato.

  12. Aggiungere questi argomenti:

    -greeter "$(Release.RequestedFor)" -trigger "$(Build.DefinitionName)"
    
  13. Nella scheda Pipeline selezionare la fase QA e selezionare Clona.

    Clonare l'ambiente di rilascio nel controllo di qualità

  14. Rinominare la fase clonata Production.

  15. Rinominare la pipeline di versione Hello world.

    Rinominare la pipeline di versione hello world

  16. Salvare la pipeline di versione.

  1. Passare alla scheda Build and Release (Compila e rilascia) e quindi selezionare Releases (Versioni).

  2. Selezionare l'azione per creare una nuova pipeline. Se è già stata creata una pipeline di versione, selezionare il segno più ( + ) e quindi selezionare Crea una definizione di versione.

  3. Selezionare l'azione per iniziare con una definizione vuota.

  4. Assegnare alla fase il nome QA.

  5. Nel pannello Artifacts selezionare + Aggiungi e specificare un'origine (pipeline di compilazione). Selezionare Aggiungi.

  6. Selezionare il Fulmine per attivare la distribuzione continua e quindi abilitare il trigger distribuzione continua a destra.


  1. Selezionare la scheda Attività e selezionare la fase di controllo di qualità.

  2. Selezionare il segno più ( + ) per il processo per aggiungere un'attività al processo.

  3. Nella finestra di dialogo Aggiungi attività selezionare Utilità, individuare l'attività di PowerShell e quindi selezionare il relativo pulsante Aggiungi.

  4. Sul lato sinistro selezionare la nuova attività script di PowerShell.

  5. Per l'argomento Percorso script selezionare il pulsante per esplorare gli artefatti e selezionare lo script creato.

  6. Aggiungere questi argomenti:

    -greeter "$(Release.RequestedFor)" -trigger "$(Build.DefinitionName)"
    
  7. Nella scheda Pipeline selezionare la fase QA e selezionare Clona.

    clonare l'ambiente di rilascio

  8. Rinominare la fase clonata Production.

  9. Rinominare la pipeline di versione Hello world.

    Rinominare la pipeline di versione

  10. Salvare la pipeline di versione.

  1. Passare a Azure Pipelines e quindi alla scheda Versioni.

  2. Selezionare l'azione per creare una nuova pipeline.

  3. Nella finestra di dialogo selezionare il modello Vuoto e selezionare Avanti.

  4. Assicurarsi che sia selezionata la pipeline di compilazione Hello world creata in precedenza. Selezionare Distribuzione continua e quindi Crea.

  5. Selezionare Aggiungi attività nella fase.

  6. Nella finestra di dialogo Catalogo attività selezionare Utilità, individuare l'attività di PowerShell e quindi selezionare il relativo pulsante Aggiungi. Selezionare il pulsante Chiudi.

  7. Per l'argomento Percorso script selezionare il pulsante per esplorare gli artefatti e selezionare lo script creato.

  8. Aggiungere questi argomenti:

    -greeter "$(Release.RequestedFor)" -trigger "$(Build.DefinitionName)"
    
  9. Rinominare la fase QA.

    Rinominare l'ambiente di rilascio per il controllo di qualità

  10. Clonare la fase di controllo di qualità.

    Selezionare Clone (Clona) nella fase QA.

    Lasciare selezionata l'opzione Approva automaticamente e Distribuisci automaticamente e selezionare Crea.

  11. Rinominare la nuova fase Production.

  12. Rinominare la pipeline di versione Hello world.

    Rinominare la pipeline di versione in hello world

  13. Salvare la pipeline di versione.

Una pipeline di versione è una raccolta di fasi in cui vengono distribuiti gli artefatti di compilazione dell'applicazione. Definisce anche la pipeline di distribuzione effettiva per ogni fase, nonché il modo in cui gli artefatti vengono promossi da una fase a un'altra.

Si noti anche che sono stati usati alcune variabili negli argomenti dello script. In questo caso, sono stati usati variabili di versione anziché le variabili di compilazione usate per la pipeline di compilazione.

Distribuire una versione

Eseguire lo script in ogni fase.

  1. Creare una nuova versione.

    Creare la versione DevOps 2019 e 2020

    Quando viene visualizzato Crea nuova versione, selezionare Crea.

  2. Aprire la versione creata.

    Versione creata - DevOps 2019 e 2020

  3. Visualizzare i log per ottenere dati in tempo reale sulla versione.

    Log delle versioni - DevOps 2019 e 2020

  1. Creare una nuova versione.

    Creare una versione - TFS 2018

    Quando viene visualizzato Crea nuova versione, selezionare Crea (TFS 2018.2) o Coda (TFS 2018 RTM).

  2. Aprire la versione creata.

    Versione creata - TFS 2018

  3. Visualizzare i log per ottenere dati in tempo reale sulla versione.

    Log di versione - TFS 2018

  1. Creare una nuova versione.

    Creare una versione - TFS 2017

  2. Aprire la versione creata.

    Versione creata - TFS 2017

  3. Visualizzare i log per ottenere dati in tempo reale sulla versione.

    Log di versione - TFS 2017

È possibile tenere traccia dello stato di avanzamento di ogni versione per verificare se è stata distribuita in tutte le fasi. È possibile tenere traccia dei commit che fanno parte di ogni versione, degli elementi di lavoro associati e dei risultati di tutte le esecuzioni di test aggiunte alla pipeline di versione.

Modificare il codice e osservare la distribuzione automatica nell'ambiente di produzione

Verrà apportata un'altra modifica allo script. Questa volta verrà compilato automaticamente e quindi distribuito fino alla fase di produzione.

  1. Passare all'hub Codice, scheda File, modificare il file HelloWorld.ps1 e modificarlo come segue:

    Param(
    [string]$greeter,
    [string]$trigger
    )
    Write-Host "Hello world" from $greeter
    Write-Host Trigger: $trigger
    Write-Host "Now that you've got CI/CD, you can automatically deploy your app every time your team checks in code."
    
  2. Eseguire il commit (salvataggio) dello script.

  3. Selezionare la scheda Compilazioni per visualizzare la compilazione in coda ed eseguita.

  4. Al termine della compilazione, selezionare la scheda Versioni, aprire la nuova versione e quindi passare a Log.

Il nuovo codice viene distribuito automaticamente nella fase di controllo di qualità e quindi nella fase produzione.

Log finale del passaggio di script di rilascio - DevOps 2019 e 2020

Log finale del passaggio di script di rilascio - TFS 2018

Log finale del passaggio di script di rilascio - TFS 2017

In molti casi, è probabile che si voglia modificare la pipeline di versione in modo che la distribuzione di produzione avvenga solo dopo alcuni test e approvazioni. Vedere panoramica Approvazioni e gate.

Passaggi successivi

Si è appena appreso come creare la prima pipeline in Azure. Altre informazioni sulla configurazione delle pipeline nel linguaggio preferito:

In caso contrario, è possibile personalizzare la pipeline appena creata.

Per eseguire la pipeline in un contenitore, vedere Processi del contenitore.

Per informazioni dettagliate GitHub repository, vedere CompilareGitHub repository.

Per informazioni su come pubblicare la pipeline Artifacts, vedere Pubblicare la pipeline Artifacts.

Per informazioni su altre operazioni che è possibile eseguire nelle pipeline YAML, vedere Informazioni di riferimento sullo schema YAML.

Eseguire la pulizia

Se sono state create pipeline di test, è facile eliminarle al termine dell'operazione.

Per eliminare una pipeline, passare alla pagina di riepilogo per la pipeline e scegliere Elimina dal menu ... in alto a destra nella pagina. Digitare il nome della pipeline da confermare e scegliere Elimina.

Eliminare la pipeline

Sono stati appresi i concetti di base per la creazione e l'esecuzione di una pipeline. A questo punto è possibile configurare la pipeline di compilazione per il linguaggio di programmazione in uso. Procedere e creare una nuova pipeline di compilazione e, questa volta, usare uno dei modelli seguenti.

Linguaggio Modello da usare
.NET ASP.NET
.NET Core ASP.NET Core
C++ Desktop .NET
Go Go
Java Gradle
JavaScript Node.js
Xcode Xcode

Domande frequenti

Dove è possibile leggere gli articoli su DevOps e CI/CD?

Che cos'è l'integrazione continua?

Che cos'è il recapito continuo?

Che cos'è DevOps?

Quale sistema di controllo della versione è possibile usare?

Quando si è pronti per iniziare a usare CI/CD per l'app, è possibile usare il sistema di controllo della versione preferito:

Ricerca per categorie replicare una pipeline?

Se la pipeline ha un modello che si vuole replicare in altre pipeline, clonarla, esportarla o salvarla come modello.

all-definitions-build-action-menu-replicate-actions

Screenshot che mostra come replicare una pipeline.

Dopo aver clonato una pipeline, è possibile apportare modifiche e quindi salvarla.

Dopo aver esportato una pipeline, è possibile importarla dalla scheda Tutte le pipeline.

Dopo aver creato un modello, i membri del team possono usarlo per seguire il modello nelle nuove pipeline.

Suggerimento

Se si usa Il nuovo editor di compilazione, i modelli personalizzati vengono visualizzati nella parte inferiore dell'elenco.

Ricerca per categorie lavorare con le bozze?

Se si modifica una pipeline di compilazione e si vogliono testare alcune modifiche non ancora pronte per la produzione, è possibile salvarla come bozza.

salva con nome bozza

Screenshot che mostra il salvataggio come bozza.

È possibile modificare e testare la bozza in base alle esigenze.

modifica bozza - DevOps 2019 e 2020

modificare la bozza - TFS 2017

Quando si è pronti, è possibile pubblicare la bozza per unire le modifiche nella pipeline di compilazione.

pubblicare la bozza DevOps 2019 e 2020

pubblicare una bozza - TFS 2018

In caso contrario, se si decide di eliminare la bozza, è possibile eliminarla dalla scheda Tutte le pipeline illustrata in precedenza.

Come è possibile eliminare una pipeline?

Per eliminare una pipeline, passare alla pagina di riepilogo per la pipeline e scegliere Elimina dal menu ... in alto a destra nella pagina. Digitare il nome della pipeline da confermare e scegliere Elimina.

Quali altre attività è possibile eseguire quando si accoda una compilazione?

È possibile accoda le compilazioni automaticamente o manualmente.

Quando si accoda manualmente una compilazione, è possibile, per una singola esecuzione della compilazione:

È possibile accoda le compilazioni automaticamente o manualmente.

Quando si accoda manualmente una compilazione, è possibile, per una singola esecuzione della compilazione:

Dove è possibile ottenere altre informazioni sulle impostazioni della pipeline di compilazione?

Per altre informazioni sulle impostazioni della pipeline di compilazione, vedere:

Per altre informazioni sulle impostazioni della pipeline di compilazione, vedere:

Ricerca per categorie a livello di codice una pipeline di compilazione?

Informazioni di riferimento sulle API REST: Creare una pipeline di compilazione

Nota

È anche possibile gestire le compilazioni e le pipeline di compilazione dalla riga di comando o dagli script usando l'interfaccia della Azure Pipelines comando.

È possibile eseguire più pipeline in Azure DevOps Services usando un singolo comando?

Attualmente, l'interfaccia della riga di comando di Azure e le API di Azure non offrono comandi che eseguono più pipeline dalla riga di comando. È possibile usare i comandi dell'interfaccia della riga di comando di Azure per elencare tutte le pipeline e le definizioni e fornire un singolo ID versione o compilazione come parametro. Tutti i comandi sono progettati per funzionare per le esecuzioni indipendenti di pipeline indipendenti e richiedono richieste ID univoche che consentono un solo valore univoco. Per informazioni sui trigger di pipeline, vedere Specificare gli eventi che attivano le pipeline.