Esempi e scenari comuni per le app per la logica di Azure

Per fornire maggiori informazioni sui numerosi modelli e sulle funzionalità delle app per la logica di Azure, di seguito sono elencati alcuni esempi e scenari comuni.

Scenari principali per le app per la logica

Le app per la logica di Azure forniscono l'orchestrazione e l'integrazione resilienti per diversi servizi. Il servizio delle app per la logica è "senza server", quindi non è necessario preoccuparsi di scalabilità o istanze, tutto quello che l'utente deve fare è definire il flusso di lavoro (trigger e azioni). La piattaforma sottostante gestisce scalabilità, disponibilità e prestazioni. Qualsiasi scenario in cui occorra coordinare più azioni, soprattutto fra più sistemi, è un caso d'uso ottimale per le app per la logica di Azure. Ecco alcuni modelli ed esempi.

Rispondere ai trigger ed estendere le azioni

Ogni app per la logica inizia con un trigger. Ad esempio, il flusso di lavoro può iniziare con un evento pianificato, una chiamata manuale o un evento da un sistema esterno, ad esempio il trigger "quando un file viene aggiunto a un server FTP". Le app per la logica di Azure supportano attualmente oltre 100 connettori pronti per l'uso, che vanno da sistemi SAP locali a Servizi cognitivi di Azure. Per i sistemi e i servizi che non potrebbero non avere connettori pubblicati, è anche possibile estendere le app per la logica.

Funzionalità di gestione degli errori, registrazione e flusso di controllo

Le app per la logica includono funzionalità sofisticate per il flusso di controllo avanzato, come condizioni, istruzioni switch, cicli e ambiti. Per garantire soluzioni resilienti, è anche possibile implementare la gestione degli errori e delle eccezioni nei flussi di lavoro. Per i log di notifica e di diagnostica per lo stato di esecuzione dei flussi di lavoro, le app per la logica di Azure forniscono inoltre monitoraggio e avvisi.

Distribuire e gestire app per la logica

È possibile sviluppare e distribuire interamente app per la logica con Visual Studio, Visual Studio Team Services o qualsiasi altro strumento di controllo del codice sorgente e compilazione automatica. Per supportare la distribuzione per i flussi di lavoro e le connessioni dipendenti in un modello di risorse, le app per la logica usano i modelli di distribuzione delle risorse di Azure. Gli strumenti di Visual Studio generano automaticamente questi modelli, che è possibile archiviare per il controllo del codice sorgente finalizzato al controllo delle versioni.

Tipi di contenuto, conversioni e trasformazioni durante un'esecuzione

È possibile accedere, convertire e trasformare più tipi di contenuto usando le numerose funzioni del linguaggio di definizione del flusso di lavoro delle app per la logica di Azure. Ad esempio, è possibile eseguire la conversione tra una stringa, il formato JSON e il formato XML con le espressioni del flusso di lavoro @json() e @xml(). Il motore delle app per la logica mantiene i tipi di contenuto per supportare il trasferimento del contenuto senza perdita di dati tra i servizi.

Altre integrazioni e funzionalità

Le app per la logica offrono inoltre l'integrazione con molti servizi, come Funzioni di Azure, Gestione API di Azure, Servizi app di Azure e gli endpoint HTTP personalizzati, ad esempio REST e SOAP.

Passaggi successivi