Configurare una macchina virtuale di Azure come server IPython Notebook per l'analisi avanzata

Questo argomento illustra come preparare e configurare una macchina virtuale di Azure per l'analisi avanzata, che può essere usata nell'ambito di un ambiente di analisi scientifica dei dati. La macchina virtuale Windows è configurata con strumenti di supporto quali IPython Notebook, Azure Storage Explorer e AzCopy, nonché altre utilità per progetti di analisi avanzata. Ad esempio, Esplora archivi Azure e AzCopy forniscono modi efficaci per caricare dati nell'archiviazione BLOB di Azure dal computer locale o per scaricarli dall'archiviazione BLOB nel computer locale.

Passaggio 1: Creare una macchina virtuale di Azure per uso generico

Se si ha già una macchina virtuale di Azure e si vuole configurare un server di IPython Notebook nella VM, è possibile procedere direttamente con il Passaggio 2: Aggiungere un endpoint per IPython Notebook a una macchina virtuale esistente.

Prima di iniziare il processo di creazione di una macchina virtuale su Azure, occorre determinare la dimensione della macchina necessaria per l'elaborazione dei dati del relativo progetto. Le macchine di dimensioni inferiori sono dotate di meno memoria e core CPU rispetto alle macchine di dimensioni più elevate, ma sono anche meno costose. Per un elenco dei prezzi e dei tipi di macchine virtuali disponibili, vedere la pagina Macchine virtuali - Prezzi

  1. Accedere al portale di Azure classico e fare clic su Nuovo nell'angolo inferiore sinistro. Viene visualizzata una finestra. Selezionare CALCOLO -> MACCHINA VIRTUALE -> DA RACCOLTA.

    Creare un'area di lavoro

  2. Scegliere una delle immagini seguenti:

    • Windows Server 2012 R2 Datacenter
    • Esperienza Windows Server Essentials (Windows Server 2012 R2)

      Fare quindi clic sulla freccia rivolta verso destra in basso a destra per passare alla pagina di configurazione successiva.

      Creare un'area di lavoro

  3. Immettere un nome per la macchina virtuale che si desidera creare, selezionare le dimensioni in base a quelle dei dati che verranno elaborati dalla stessa macchina virtuale (valore predefinito: A3), selezionare la potenza desiderata (dimensioni memoria e numero di core di calcolo) e immettere nome utente e password per la macchina virtuale. Fare quindi clic sulla freccia rivolta verso destra per passare alla pagina di configurazione successiva.

    Creare un'area di lavoro

  4. Selezionare l'AREA/GRUPPO DI AFFINITÀ/RETE VIRTUALE che contiene l'ACCOUNT DI ARCHIVIAZIONE da usare per la macchina virtuale, quindi selezionare l'account di archiviazione. Nella parte inferiore aggiungere un endpoint nel campo ENDPOINT immettendo il nome dell'endpoint (in questo caso, "IPython"). È possibile scegliere qualsiasi stringa come NOME dell'endpoint e qualsiasi numero intero compreso tra 0 e 65536 disponibile come PORTA PUBBLICA. La PORTA PRIVATA deve essere 9999. È necessario evitare di usare le porte pubbliche già assegnate a servizi Internet. In Porte per servizi Internet viene fornito un elenco di porte già assegnate che non devono essere usate.

    Creare un'area di lavoro

  5. Fare clic sul segno di spunta per avviare il processo di provisioning della macchina virtuale.

    Creare un'area di lavoro

Il completamento di tale processo può richiedere dai 15 ai 25 minuti. Dopo aver creato la macchina virtuale, dovrebbe essere visualizzato lo stato In esecuzione.

Creare un'area di lavoro

Passaggio 2: Aggiungere un endpoint per iPython Notebook a una macchina virtuale esistente

Se è stata creata la macchina virtuale attenendosi alla procedura descritta nel passaggio 1, l'endpoint per IPython Notebook è già stato aggiunto ed è possibile ignorare questo passaggio.

Se la macchina virtuale già esiste ed è necessario aggiungere un endpoint per IPython Notebook che verrà installato più avanti nel passaggio 3, effettuare prima di tutto l'accesso al portale di Azure classico, selezionare la macchina virtuale e aggiungere l'endpoint per il server IPython Notebook. Nella figura seguente viene riportata una schermata del portale dopo l'aggiunta dell'endpoint per IPython Notebook a una macchina virtuale di Windows.

Creare un'area di lavoro

Passaggio 3: Installare IPython Notebook e altri strumenti di supporto

Dopo aver creato la macchina virtuale, usare Remote Desktop Protocol (RDP) per accedere alla macchina virtuale di Windows. Per informazioni, vedere Come accedere a una macchina virtuale che esegue Windows Server. Aprire il prompt dei comandi (non la finestra di comando di PowerShell) come amministratore ed eseguire il comando seguente.

set script='https://raw.githubusercontent.com/Azure/Azure-MachineLearning-DataScience/master/Misc/MachineSetup/Azure_VM_Setup_Windows.ps1'

@powershell -NoProfile -ExecutionPolicy unrestricted -Command "iex ((new-object net.webclient).DownloadString(%script%))"

Al termine dell'installazione, il server IPython Notebook viene avviato automaticamente nella directory C:\Users\<nome utente>\Documenti\IPython Notebooks.

Quando richiesto, immettere una password per IPython Notebook e la password dell'amministratore del computer. In questo modo IPython Notebook viene abilitato in modo da essere eseguito come servizio sul computer.

Passaggio 4: Accedere a IPython Notebook da un Web browser

Per accedere al server IPython Notebook, aprire un Web browser e immettere https://<nome DNS macchina virtuale>:<numero porta pubblica> nella casella di testo dell'URL. In questo caso, il <numero porta pubblica> corrisponde a quello specificato al momento dell'aggiunta dell'endpoint per IPython Notebook.

Il <nome DNS macchina virtuale> è disponibile nel portale di Azure classico. Dopo aver effettuato l'accesso al portale classico, fare clic su MACCHINE VIRTUALI, selezionare la macchina virtuale creata, quindi selezionare DASHBOARD. Viene visualizzato il nome DNS come mostrato di seguito:

Creare un'area di lavoro

Viene visualizzato un avviso che indica che è stato riscontrato un problema con il certificato di sicurezza del sito Web (Internet Explorer) oppure che la connessione non è privata (Chrome), come riportato nelle figure seguenti. Fare clic su Continuare con il sito Web (scelta non consigliata) (Internet Explorer) oppure su Avanzate e quindi Passare a <Nome DNS> (non sicuro) (Chrome) per continuare. Inserire quindi la password specificata in precedenza per accedere a IPython Notebook.

Internet Explorer: Creare un'area di lavoro

Chrome: Creare un'area di lavoro

Dopo aver eseguito l'accesso a IPython Notebook, nel browser verrà visualizzata la directory DataScienceSamples . Tale directory contiene esempi di IPython Notebook condivisi da Microsoft per offrire un supporto agli utenti che svolgono attività legate all'analisi scientifica dei dati. Questi esempi di IPython Notebook sono estratti dall'archivio GitHub nelle macchine virtuali durante la procedura di installazione del server IPython Notebook. Microsoft gestisce e aggiorna frequentemente questi repository. Gli utenti possono visitare l'archivio GitHub per ottenere gli esempi di IPython Notebook più recenti. Creare un'area di lavoro

Passaggio 5: Caricare un IPython Notebook esistente da un computer locale nel server IPython Notebook

Con IPython Notebook si consente agli utenti di caricare con facilità un IPython Notebook locale sul server di IPython Notebook nelle macchine virtuali. Dopo aver eseguito l'accesso a IPython Notebook in un Web browser, fare clic sulla directory in cui verrà caricato IPython Notebook. Selezionare quindi un file con estensione ipynb di IPython Notebook da caricare dal computer locale in Esplora filee trascinarlo nella directory di IPython Notebook nel Web browser. Fare clic sul pulsante Carica per caricare il file IPYNB nel server IPython Notebook. Gli altri utenti potranno quindi iniziare a usarlo dai Web browser di cui dispongono.

Creare un'area di lavoro

Creare un'area di lavoro

Arrestare e deallocare la macchina virtuale quando non è in uso

Macchine virtuali di Azure è disponibile con pagamento a consumo. Per assicurarsi di non ricevere addebiti quando non si usa la macchina virtuale, lo stato deve essere impostato su Arrestato (deallocato) .

Nota

Se si arresta la macchina virtuale dall'interno (usando le opzioni di risparmio energia di Windows), la macchina virtuale viene arrestata ma rimane allocata. Per assicurarsi di non continuare a ricevere addebiti, arrestare sempre le macchine virtuali dal portale di Azure classico. È anche possibile arrestare la macchina virtuale tramite Powershell chiamando il metodo ShutdownRoleOperation con il valore "PostShutdownAction" corrispondente a "StoppedDeallocated".

Per arrestare e deallocare la macchina virtuale:

  1. Accedere al portale di Azure classico con il proprio account.
  2. Selezionare MACCHINE VIRTUALI dalla barra di spostamento a sinistra.
  3. Nell'elenco delle macchine virtuali fare clic sul nome della macchina virtuale, quindi andare alla pagina DASHBOARD .
  4. Nella parte inferiore della pagina fare clic su ARRESTO.

Arresto della macchina virtuale

La macchina virtuale verrà deallocata ma non eliminata. È possibile riavviare la macchina virtuale in qualsiasi momento dal portale di Azure classico.

La macchina virtuale di Azure è pronta all'utilizzo: passaggi successivi

La macchina virtuale è pronta per essere utilizzata negli esercizi di analisi scientifica dei dati. La macchina virtuale può anche essere usata come server di IPython Notebook per la navigazione e l'elaborazione dei dati e per altre attività legate ad Azure Machine Learning e al Processo di analisi scientifica dei dati per i team.

I passaggi successivi del Processo di analisi scientifica dei dati per i team sono illustrati nel percorso di apprendimento e possono includere le procedure per lo spostamento, l'elaborazione e il campionamento dei dati in HDInsight in preparazione dell'apprendimento dei dati con Azure Machine Learning.