Domande frequenti

Questo articolo contiene le domande frequenti sollevate dalla community di utenti di Servizi multimediali di Azure (AMS).

Domande frequenti generali su AMS

D: Come scalare l'indicizzazione?

R: Le unità riservate sono le stesse per le attività di codifica e indicizzazione. Seguire le istruzioni in Come scalare le unità riservate di codifica. Tenere presente che le prestazioni dell'indicizzatore non vengono influenzate dal tipo di unità riservata.

D: Ho caricato, codificato e pubblicato un video. Quale può essere il motivo per cui il video non viene riprodotto quando provo a trasmetterlo in streaming?

R: Uno dei motivi più comuni consiste nel fatto che l'endpoint di streaming da cui si sta tentando la riproduzione non si trova nello stato In esecuzione.

D: È possibile eseguire la composizione in un flusso live?

A: La composizione in flussi live non è attualmente disponibile in Servizi multimediali di Azure Media ed è quindi necessario eseguire una composizione preliminare sul proprio computer.

D: È possibile usare la rete CDN di Azure con Live Streaming?

R: Servizi multimediali supporta l'integrazione con la rete CDN di Azure. Per altre informazioni, vedere l'articolo su come gestire gli endpoint di streaming in un account di Servizi multimediali. È quindi possibile usare Live streaming con la rete CDN. Servizi multimediali di Azure fornisce output in formato Smooth Streaming, HLS e MPEG-DASH. Tutti questi formati usano il protocollo HTTP per trasferire dati e ottenere i vantaggi derivanti dalla cache HTTP. In Live Streaming i dati audio/video effettivi vengono divisi in frammenti, ciascuno dei quali viene memorizzato nella rete CDN. L'aggiornamento è necessario solo per i dati manifesto e viene effettuato periodicamente dalla rete CDN.

D: Servizi multimediali di Azure supporta anche l'archiviazione di immagini?

R: Se si desidera archiviare immagini JPEG o PNG, è consigliabile memorizzarle nell'Archiviazione BLOB di Azure. Aggiungerle all'account di Servizi multimediali non comporta infatti alcun vantaggio, a meno che non si desideri tenerle associate ai propri asset audio o video o sia necessario usarle come sovrimpressioni nel codificatore video. Media Encoder Standard supporta infatti la sovrimpressione di immagini nella parte superiore dei video ed è per questo che i formati JPEG e PNG sono elencati tra i formati di input supportati. Per altre informazioni, vedere Creazione di sovrimpressioni.

D: Come è possibile copiare gli asset da un account di Servizi multimediali a un altro?

R: Per copiare gli asset da un account di Servizi multimediali a un altro con .NET, usare il metodo di estensione IAsset.Copy disponibile nel repository Azure Media Services .NET SDK Extensions. Per altre informazioni, vedere questo thread del forum.

D: Quali sono i caratteri supportati per la denominazione dei file quando si usa AMS?

R: Servizi multimediali usa il valore della proprietà IAssetFile.Name durante la creazione di URL per i contenuti in streaming, ad esempio http://{AMSAccount}.origin.mediaservices.windows.net/{GUID}/{IAssetFile.Name}/streamingParameters. Per questo motivo, la codifica percentuale non è consentita. Il valore della proprietà Name non può contenere i caratteri riservati per la codifica percentuale seguenti: !*'();:@&=+$,/?%#[]". Può essere presente solo un carattere '.' L'estensione del nome di file, inoltre, può essere preceduta da un solo punto (.).

D: Come connettersi usando REST?

R: Per informazioni su come connettersi all'API AMS, vedere Accedere all'API di Servizi multimediali di Azure con l'autenticazione di Azure AD. Dopo avere stabilito la connessione a https://media.windows.net, si riceverà un reindirizzamento 301 che indica un altro URI di Servizi multimediali. Le chiamate successive dovranno essere effettuate al nuovo URI.

D: Come è possibile ruotare un video durante il processo di codifica.

R: Il codificatore multimediale standard supporta la rotazione in base ad angoli di 90/180/270. Il comportamento predefinito è "Auto", che tenta di rilevare i metadati di rotazione nel file MP4/MOV in arrivo per la compensazione. Includere l'elemento Sources seguente in uno dei set di impostazioni JSON definiti qui:

"Version": 1.0,
"Sources": [
{
  "Streams": [],
  "Filters": {
    "Rotation": "90"
  }
}
],
"Codecs": [

...

Percorsi di apprendimento di Servizi multimediali

Altre informazioni sui percorsi di apprendimento di Servizi multimediali di Azure:

Fornire commenti e suggerimenti

Usare il forum di suggerimenti degli utenti per fornire commenti e suggerimenti su come migliorare Servizi multimediali di Azure. È anche possibile passare direttamente a una delle categorie seguenti: