Guida per la risoluzione dei problemi relativi allo streaming live

Questo argomento offre suggerimenti per la risoluzione di alcuni problemi relativi allo streaming live.

In questa sezione sono disponibili suggerimenti su come risolvere i problemi relativi ai codificatori locali configurati per l'invio di un flusso a velocità in bit singola ai canali AMS abilitati per la codifica live.

Problema: i log non sono reperibili

  • Problema potenziale: non è possibile trovare i log del codificatore che potrebbero essere utili per risolvere problemi di debug.

    • Telestream Wirecast: in genere è possibile trovare i log di in C:\Utenti{nome utente}\AppData\Roaming\Wirecast\
    • Elemental Live: è possibile trovare i collegamenti ai log nel portale di gestione. Fare clic su Stats, quindi su Logs. Nella pagina Log Files verrà visualizzato un elenco di log per tutti gli elementi LiveEvent. Selezionare quello corrispondente alla sessione corrente.
    • Flash Media Live Encoder: per trovare Log Directory..., passare alla scheda Encoding Log.

Problema: non esiste alcuna opzione per l'output di un flusso progressivo

  • Potenziale problema: il codificatore usato non esegue automaticamente il deinterlacciamento.

    Passaggi per la risoluzione dei problemi: cercare un'opzione di deinterlacciamento all'interno dell'interfaccia del codificatore. Dopo aver abilitato il deinterlacciamento, verificare di nuovo se sono disponibili impostazioni per l'output progressivo.

Problema: dopo aver provato varie impostazioni di output per il codificatore è ancora impossibile connettersi.

  • Potenziale problema: il canale di codifica di Azure non è stato reimpostato correttamente.

    Passaggi per la risoluzione dei problemi: verificare che il codificatore non effettui più il push ad AMS, arrestare e reimpostare il canale. Quando è di nuovo in esecuzione, provare a connettere il codificatore con le nuove impostazioni. Se il problema persiste, provare a creare un canale del tutto nuovo. A volte i canali possono risultare danneggiati dopo diversi tentativi non riusciti.

  • Potenziale problema: le dimensioni GOP o le impostazioni del fotogramma chiave non sono ottimali.

    Passaggi per la risoluzione dei problemi: l'intervallo consigliato per le dimensioni GOP o il fotogramma chiave è di 2 secondi. Alcuni codificatori calcolano questa impostazione come numero di fotogrammi, mentre altri usano i secondi. Ad esempio, per l'output di 30fps, le dimensioni GOP sarebbero di 60 fotogrammi, equivalenti a 2 secondi.

  • Potenziale problema: le porte chiuse bloccano il flusso.

    Passaggi per la risoluzione dei problemi: durante lo streaming tramite RTP, controllare le impostazioni del firewall e/o del proxy per assicurarsi che le porte in uscita 1935 e 1936 siano aperte. Per lo streaming RTP, verificare che la porta in uscita 2010 sia aperta.

Problema: quando si configura il codificatore per lo streaming con il protocollo RTP, non è disponibile alcun campo per l'immissione del nome host.

  • Potenziale problema: molti codificatori RTP non consentono i nomi host e sarà necessario acquisire un indirizzo IP.

    Passaggi per la risoluzione dei problemi: per trovare l'indirizzo IP, aprire un prompt dei comandi in qualsiasi computer. A tale scopo, in Windows aprire l'avvio per Esegui (WIN+R) e digitare "cmd" per aprire.

    Una volta aperto il prompt dei comandi, digitare "Ping [nome Host AMS]".

    È possibile derivare il nome host omettendo il numero di porta dall'URL di inserimento di Azure, come mostrato nell'esempio seguente:

    rtp://test2-amstest009.rtp.channel.mediaservices.windows.net:2010/

    fmle

Nota

Se dopo aver seguito le procedure di risoluzione dei problemi non è ancora possibile eseguire correttamente il flusso, inviare un ticket di supporto tramite il portale di Azure.

Percorsi di apprendimento di Servizi multimediali

Altre informazioni sui percorsi di apprendimento di Servizi multimediali di Azure:

Fornire commenti e suggerimenti

Usare il forum di suggerimenti degli utenti per fornire commenti e suggerimenti su come migliorare Servizi multimediali di Azure. È anche possibile passare direttamente a una delle categorie seguenti: