Come gestire le impostazioni globali dell'applicazione

Le opzioni del menu Impostazioni disponibili per un'applicazione variano a seconda della piattaforma dell'applicazione e delle autorizzazioni di cui si dispone per l'applicazione. Sono disponibili le impostazioni seguenti: Dettagli, Progetti, Push nativo, Velocità push, Tag (info app) e Pressione commerciale. L'opzione di menu Tag (info app) della sezione Impostazioni può essere gestita dall'applicazione (utilizzando l’SDK) o dal back-end (utilizzando l'API dispositivo).

Nota

Molte sezioni dell'interfaccia utente del portale Mobile Engagement contengono il pulsante MOSTRA GUIDA. Premere questo pulsante per ottenere ulteriori informazioni contestuali su una sezione.

Dettagli

Consente di modificare il nome e la descrizione dell'applicazione e di visualizzare il proprietario dell'applicazione e le autorizzazioni del ruolo.

La configurazione di Analytics consente di visualizzare o modificare il giorno da cui iniziano le settimane e il tempo di conservazione in giorni.

settings1

Progetti

Consente di selezionare tutti i progetti in cui deve essere visualizzata l'applicazione.

È inoltre possibile eseguire la ricerca di un progetto e visualizzare il nome, la descrizione, il proprietario e le autorizzazioni del ruolo di qualsiasi progetto di cui l'applicazione fa parte.

Per altre informazioni, vedere: Documentazione UI - Home

settings3

Push nativo

Consente di registrare un nuovo certificato o di eliminare un certificato esistente per l'utilizzo con push nativo. Il push nativo consente a Azure Mobile Engagement di effettuare il push all'applicazione in qualsiasi momento, anche quando non è in esecuzione.

Dopo aver fornito le credenziali o i certificati per almeno un servizio di push nativo, è possibile selezionare "In qualsiasi momento" in fase di creazione di campagne Reach, nonché usare il parametro "notifier" nell'API PUSH.

Apple Push Notification Service (APNS)

Per abilitare il push nativo tramite Apple Push Notification Service è necessario registrare il certificato. Occorre specificare il tipo di certificato: sviluppo (DEV) o produzione (PROD) e quindi caricare il certificato e la password.

Per altre informazioni, vedere: Documentazione SDK - iOS - Come preparare l'applicazione per le notifiche push Apple

settings4

Servizio notifica Push Windows (WPNS)

Per abilitare il push nativo tramite il Servizio notifica Push Windows, è necessario fornire le credenziali dell'applicazione. Sono necessari l'identificatore di sicurezza del pacchetto (SID) e la chiave segreta.

settings5

Google Cloud Messaging per Android (GCM)

Per abilitare il push nativo tramite GCM, è necessario seguire le istruzioni fornite da Google. È necessario, quindi, incollare una chiave API semplice del server, configurata senza restrizioni IP. Richiede l'integrazione con SDK per Android v1.12.0+.

Per altre informazioni, vedere:

Amazon Device Messaging for Android (ADM)

Per abilitare il push nativo mediante ADM, è necessario specificare le Amazon costituite da ID e segreto client (è necessaria l'integrazione con l'SDK per Android v2.1.0+).

Per altre informazioni, vedere:

settings6

Velocità di push

Mostra la velocità di push corrente dell'applicazione e consente di definire la velocità di push dell'applicazione.

settings7

Tag (info app)

settings11

Pressione commerciale

settings12

Vedere anche