Proteggere un cluster autonomo in Windows usando la protezione di Windows

Per impedire l'accesso non autorizzato a un cluster di Service Fabric, è necessario proteggere il cluster. La sicurezza è importante soprattutto quando il cluster esegue carichi di lavoro di produzione. Questo articolo descrive come configurare la sicurezza da nodo a nodo e da client a nodo usando la protezione di Windows nel file ClusterConfig.JSON. Il processo corrisponde al passaggio di configurazione della sicurezza in Creare un cluster autonomo in esecuzione su Windows Server. Per altre informazioni sull'uso della protezione di Windows in Service Fabric, vedere Scenari di sicurezza del cluster.

Nota

È opportuno considerare con attenzione la selezione della sicurezza da nodo a nodo, perché non esiste un aggiornamento del cluster da una scelta di sicurezza a un'altra. Per modificare la selezione della sicurezza, è necessario ricompilare il cluster completo.

Configurare la funzionalità di sicurezza di Windows usando l'approccio account del servizio gestito del gruppo

Il file di configurazione di esempio ClusterConfig.gMSA.Windows.MultiMachine.JSON scaricato con il pacchetto del cluster autonomo Microsoft.Azure.ServiceFabric.WindowsServer.zip contiene un modello per la configurazione della sicurezza di Windows usando l'approccio account del servizio gestito del gruppo.

"security": {  
            "WindowsIdentities": {  
                "ClustergMSAIdentity": "accountname@fqdn"  
                "ClusterSPN": "fqdn"  
                "ClientIdentities": [  
                    {  
                        "Identity": "domain\\username",  
                        "IsAdmin": true  
                    }  
                ]  
            }  
        }  
Impostazioni di configurazione Descrizione
WindowsIdentities Contiene le identità del client e del cluster.
ClustergMSAIdentity Configura la sicurezza da nodo a nodo. Account del servizio gestito del gruppo.
ClusterSPN SPN di dominio completo per l'account del servizio gestito del gruppo
ClientIdentities Configura la sicurezza da client a nodo. Matrice di account utente del client.
Identità Identità del client, un utente del dominio.
IsAdmin True indica che l'utente del dominio ha un accesso client come amministratore, mentre false indica un accesso client come utente.

La protezione da nodo a nodo viene configurata impostando ClustergMSAIdentity quando l'infrastruttura di servizi deve essere eseguita nell'account del servizio gestito del gruppo. Per creare relazioni di trust tra i nodi, è necessario che si riconoscano. Questa operazione può essere eseguita in due modi diversi: specificare l'account del servizio gestito del gruppo che include tutti i nodi del cluster oppure specificare il gruppo del computer di dominio che include tutti i nodi del cluster. È consigliabile usare l'approccio degli account del servizio gestiti del gruppo , in particolare per i cluster più grandi (più di 10 nodi) o per i cluster soggetti a probabile crescita o riduzione.
Non richiede inoltre la creazione di un gruppo di dominio per cui agli amministratori del cluster siano stati concessi i diritti di accesso per aggiungere e rimuovere membri. Questi account si rivelano utili anche nella gestione automatica delle password. Per altre informazioni, vedere Introduzione gli account del servizio gestiti del gruppo.

Sicurezza da client a nodo è un'impostazione configurata tramite ClientIdentities. Per stabilire un trust tra un client e il cluster, è necessario configurare il cluster in modo che riconosca quali identità dei client può considerare attendibili. Questa operazione può essere eseguita in due modi diversi: specificare se la connessione è consentita agli utenti dei gruppo di dominio o agli utenti dei nodi di dominio. Infrastruttura di servizi supporta due tipi di controllo di accesso diversi per i client connessi a un cluster di Infrastruttura di servizi: amministratore e utente. La funzionalità di controllo di accesso consente all'amministratore del cluster di limitare l'accesso a determinati tipi di operazioni del cluster per diversi gruppi di utenti, rendendo il cluster più sicuro. Gli amministratori hanno accesso completo alle funzionalità di gestione, incluse funzionalità di lettura/scrittura. Gli utenti, per impostazione predefinita, hanno solo l'accesso in lettura alle funzionalità di gestione, ad esempio funzionalità di query, e la possibilità di risolvere applicazioni e servizi. Per altre informazioni sul controllo degli accessi, vedere Controllo degli accessi in base al ruolo per i client di Service Fabric.

La sezione security dell'esempio seguente configura la sicurezza di Windows usando un account del servizio gestiti del gruppo e specifica che i computer nell'account del servizio gestiti del gruppo ServiceFabric.clusterA.contoso.com fanno parte del cluster e che a CONTOSO\usera è consentito l'accesso client come amministratore:

"security": {  
    "WindowsIdentities": {  
        "ClustergMSAIdentity" : "ServiceFabric.clusterA.contoso.com",  
        "ClusterSPN" : "clusterA.contoso.com",  
        "ClientIdentities": [{  
            "Identity": "CONTOSO\\usera",  
            "IsAdmin": true  
        }]  
    }  
}  

Configurare la funzionalità di sicurezza di Windows usando un gruppo di computer

Il file di configurazione di esempio ClusterConfig.Windows.MultiMachine.JSON scaricato con il pacchetto del cluster autonomo Microsoft.Azure.ServiceFabric.WindowsServer.zip contiene un modello per la configurazione della sicurezza di Windows. La sicurezza di Windows viene configurata nella sezione Proprietà :

"security": {
            "ClusterCredentialType": "Windows",
            "ServerCredentialType": "Windows",
            "WindowsIdentities": {
                "ClusterIdentity" : "[domain\machinegroup]",
                "ClientIdentities": [{
                    "Identity": "[domain\username]",
                    "IsAdmin": true
                }]
            }
        }
Impostazione di configurazione Descrizione
ClusterCredentialType ClusterCredentialType è impostato su Windows se ClusterIdentity specifica il nome di un gruppo di computer Active Directory.
ServerCredentialType Impostare su Windows per abilitare la protezione di Windows per i client.

Questa impostazione indica che i client del cluster e il cluster stesso sono in esecuzione in un dominio di Active Directory.
WindowsIdentities Contiene le identità del client e del cluster.
ClusterIdentity Usare il nome di un gruppo di computer, dominio\gruppo di computer, per configurare la sicurezza da nodo a nodo.
ClientIdentities Configura la sicurezza da client a nodo. Matrice di account utente del client.
Identità Aggiungere l'utente del dominio, dominio\nome utente, per l'identità del client.
IsAdmin Impostare su true per indicare che l'utente del dominio ha un accesso client come amministratore oppure su false per indicare un accesso client come utente.

La Protezione da nodo a nodo viene configurata con ClusterIdentity se si vuole usare un gruppo di computer all'interno di un dominio di Active Directory. Per altre informazioni, vedere l'articolo su come Creare un gruppo di computer in Active Directory.

La sicurezza da client a nodo viene configurata usando ClientIdentities. Per stabilire una relazione di trust tra un client e il cluster, è necessario configurare il cluster in modo che riconosca le identità dei client che il cluster può considerare attendibili. È possibile stabilire una relazione di trust in due modi diversi:

  • Specificare gli utenti del gruppo di dominio che possono connettersi.
  • Specificare gli utenti del nodo del dominio che possono connettersi.

Infrastruttura di servizi supporta due tipi di controllo di accesso diversi per i client connessi a un cluster di Infrastruttura di servizi: amministratore e utente. La funzionalità di controllo di accesso consente all'amministratore del cluster di limitare l'accesso a determinati tipi di operazioni del cluster per diversi gruppi di utenti, rendendo il cluster più sicuro. Gli amministratori hanno accesso completo alle funzionalità di gestione, incluse funzionalità di lettura/scrittura. Gli utenti, per impostazione predefinita, hanno solo l'accesso in lettura alle funzionalità di gestione, ad esempio funzionalità di query, e la possibilità di risolvere applicazioni e servizi.

La sezione security dell'esempio seguente configura la protezione di Windows, specifica che i computer in ServiceFabric/clusterA.contoso.com fanno parte del cluster e specifica che a CONTOSO\usera è consentito l'accesso client come amministratore:

"security": {
    "ClusterCredentialType": "Windows",
    "ServerCredentialType": "Windows",
    "WindowsIdentities": {
        "ClusterIdentity" : "ServiceFabric/clusterA.contoso.com",
        "ClientIdentities": [{
            "Identity": "CONTOSO\\usera",
            "IsAdmin": true
        }]
    }
},

Nota

Service Fabric non devono essere distribuito in un controller di dominio. Verificare che ClusterConfig.json non includa l'indirizzo IP del controller di dominio quando si usa un gruppo di computer o un account del servizio gestito del gruppo.

Passaggi successivi

Dopo la configurazione della sicurezza di Windows nel file ClusterConfig.JSON , riprendere il processo di creazione del cluster in Create a standalone cluster running on Windows(Creare un cluster autonomo in esecuzione in Windows).

Per altre informazioni sulla sicurezza da nodo a nodo e da client a nodo e sul controllo degli accessi in base al ruolo, vedere Scenari di sicurezza del cluster.

Per alcuni esempi di connessione tramite PowerShell o FabricClient, vedere Connettersi a un cluster sicuro.