Configurare l'ambiente di origine (VMware in Azure)

Questo articolo descrive come configurare l'ambiente locale per avviare la replica di macchine virtuali in esecuzione su VMware in Azure.

Prerequisiti

Nell'articolo si presuppone che siano già stati creati gli elementi seguenti:

  • Insieme di credenziali di Servizi di ripristino nel portale di Azure.
  • Account dedicato in VMware vCenter che può essere usato per l'individuazione automatica.
  • Macchina virtuale nella quale installare il server di configurazione.

Requisiti minimi per il server di configurazione

Il software per il server di configurazione deve essere distribuito in una macchina virtuale VMware a disponibilità elevata. La tabella seguente elenca i requisiti minimi hardware, software e di rete per un server di configurazione.

Hardware
Numero di core CPU 8
RAM 12 GB
Numero di dischi 3

- Disco del sistema operativo
- Disco della cache del server di elaborazione
- Unità di conservazione (per il failback)
Spazio libero su disco (cache del server di elaborazione) 600 GB
Spazio libero su disco (disco di conservazione) 600 GB
Software
Versione del sistema operativo Windows Server 2012 R2
Impostazioni locali del sistema operativo Inglese (en-us)
Versione di VMware vSphere PowerCLI PowerCLI 6.0
Ruoli di Windows Server Non abilitare i ruoli seguenti:
- Active Directory Domain Services
- Internet Information Services
- Hyper-V
Rete
Tipo di scheda di interfaccia di rete VMXNET3
Tipo di indirizzo IP Static
Accesso a Internet Il server deve poter accedere all'URL seguente direttamente o tramite un server proxy:
- *.accesscontrol.windows.net
- *.backup.windowsazure.com
- *.store.core.windows.net
- *.blob.core.windows.net
- *.hypervrecoverymanager.windowsazure.com
- https://cdn.mysql.com/archives/mysql-5.5/mysql-5.5.37-win32.msi (non necessario per i server di elaborazione con scalabilità orizzontale)
- time.nist.gov
- time.windows.com
Porte 443 (orchestrazione del canale di controllo)
9443 (trasporto dei dati)
Nota

I server proxy basati su HTTPS non sono supportati dal server di configurazione.

Scegliere gli obiettivi della protezione

  1. Nel portale di Azure accedere al pannello degli insiemi di credenziali di Servizi di ripristino e selezionare l'insieme di credenziali.
  2. Nel menu delle risorse dell'insieme di credenziali passare ad Attività iniziali > Site Recovery > Passaggio 1: Preparare l'infrastruttura > Obiettivo di protezione.

    Scegliere gli obiettivi

  3. In Obiettivo di protezione selezionare In Azure e scegliere Sì, con VMware vSphere Hypervisor. Fare quindi clic su OK.

    Scegliere gli obiettivi

Configurare l'ambiente di origine

L'impostazione dell'ambiente di origine prevede due attività principali:

  • Installare e registrare un server di configurazione con Site Recovery.
  • Individuare le macchine virtuali locali connettendo Site Recovery agli host VMware vCenter o vSphere EXSi.

Passaggio 1: Installare e registrare un server di configurazione

  1. Fare clic su Passaggio 1: Preparare l'infrastruttura > Origine. Se non è disponibile un server di configurazione, in Prepara origine fare clic su +Server di configurazione per aggiungerne uno.

    Impostare l'origine

  2. Nel pannello Aggiungi server verificare che Server di configurazione sia visualizzato in Tipo di server.
  3. Scaricare il file di installazione per l'Installazione unificata di Azure Site Recovery.
  4. Scaricare la chiave di registrazione dell'insieme di credenziali, Per eseguire l'installazione unificata, è necessaria la chiave di registrazione. La chiave è valida per cinque giorni dal momento in cui viene generata.

    Impostare l'origine

  5. Nel computer usato come server di configurazione, eseguire l'installazione unificata di Azure Site Recovery per installare il server di configurazione, il server di elaborazione e il server master di destinazione.

Eseguire l'Installazione unificata di Azure Site Recovery

Suggerimento

La registrazione del server di configurazione non riesce se l'ora nel computer differisce di oltre cinque minuti dall'ora locale. Sincronizzare l'ora del sistema con un server di riferimento ora prima di iniziare l'installazione.

  1. Eseguire il file di installazione per l'Installazione unificata.
  2. In Before you begin (Prima di iniziare) selezionare Install the configuration server and process server (Installare il server di configurazione e il server di elaborazione).

    Prima di iniziare

  3. In Licenza software di terze parti fare clic su Accetto per scaricare e installare MySQL.

    Software di terze parti

  4. In Registrazione selezionare la chiave di registrazione scaricata dall'insieme di credenziali.

    Registrazione

  5. In Impostazioni Internet specificare in che modo il provider in esecuzione nel server di configurazione si connette ad Azure Site Recovery tramite Internet.

    a. Per connettersi al proxy attualmente configurato nel computer, selezionare Connetti ad Azure Site Recovery usando un server proxy.

    b. Per fare in modo che il provider si connetta direttamente, selezionare Connetti direttamente ad Azure Site Recovery senza server proxy.

    c. Se per il proxy esistente è necessaria l'autenticazione o si vuole usare un proxy personalizzato per la connessione del provider, selezionare Connect with custom proxy settings (Connetti con le impostazioni proxy personalizzate).

    • Se si usa un proxy personalizzato è necessario specificare l'indirizzo, la porta e le credenziali.
    • Se si usa un proxy, è necessario che gli URL descritti nei prerequisiti siano già consentiti.

      Firewall

  6. In Controllo dei prerequisiti il programma di installazione esegue un controllo per assicurarsi che sia possibile eseguire l'installazione. Se viene visualizzato un avviso relativo al Global time sync check (Controllo della sincronizzazione ora globale), verificare che l'ora del clock di sistema, nelle impostazioni di Data e ora, corrisponda al fuso orario.

    Prerequisiti

  7. In MySQL Configuration (Configurazione MySQL) creare le credenziali per l'accesso all'istanza del server MySQL che viene installata.

    MySQL

  8. In Dettagli ambiente specificare se si vuole eseguire la replica di VM VMware. In caso affermativo, il programma di installazione verifica quindi se è installato PowerCLI 6.0.

    MySQL

  9. In Percorso di installazione specificare il percorso di installazione dei file binari e di archiviazione della cache. L'unità selezionata deve avere almeno 5 GB di spazio su disco disponibile, ma è consigliabile usare un'unità cache con almeno 600 GB di spazio disponibile.

    Percorso di installazione

  10. In Network Selection (Selezione rete) specificare il listener, ovvero la scheda di rete e la porta SSL, in cui il server di configurazione deve inviare e ricevere i dati di replica. La porta 9443 è la porta predefinita per l'invio e la ricezione del traffico di replica, ma è possibile modificare il numero di porta in base ai requisiti dell'ambiente. Oltre alla porta 9443, viene aperta anche la porta 443, che viene usata da un server Web per orchestrare le operazioni di replica. Non usare la porta 443 per inviare o ricevere traffico di replica.

    Selezione rete

  11. Esaminare le informazioni nella pagina Riepilogo e fare clic su Installa. Al termine dell'installazione verrà generata una passphrase. Sarà necessaria quando si abilita la replica, è quindi consigliabile copiarla e conservarla in un luogo sicuro.

    Riepilogo

Al termine della registrazione, il server viene visualizzato nel pannello Impostazioni > Server nell'insieme di credenziali.

Nota

Il server di configurazione può essere installato tramite la riga di comando. Per altre informazioni, vedere l'argomento relativo all'installazione del server di configurazione con gli strumenti da riga di comando.

Aggiungere l'account VMware per l'individuazione automatica

  1. Nel server di configurazione avviare il file CSPSConfigtool.exe. È disponibile come collegamento sul desktop e nella cartella percorso di installazione\home\svsystems\bin.
  2. Fare clic su Gestisci account > Aggiungi account.

    Aggiungi account

  3. In Dettagli dell'account aggiungere l'account che verrà usato per l'individuazione automatica.

    Dettagli

    Nota

    Possono trascorrere 15 minuti o più prima che il nome dell'account venga visualizzato nel portale. Per aggiornarlo immediatamente, fare clic su Server di configurazione > nome del server > Aggiorna server.

Passaggio 2 - Aggiungere un vCenter

Per consentire ad Azure Site Recovery di individuare macchine virtuali in esecuzione nell'ambiente locale, è necessario connettere il server VMware vCenter o gli host vSphere ESXi a Site Recovery.

Selezionare +vCenter per avviare la connessione di un server VMware vCenter o di un host VMware vSphere ESXi.

  • In Aggiungi vCenter specificare un nome descrittivo per il server vCenter o l'host vSphere e quindi specificare l'indirizzo IP o il nome di dominio completo del server. Lasciare la porta 443, a meno che i server VMware siano configurati per l'ascolto delle richieste su una porta diversa. Selezionare l'account che si deve connettere al server VMware vCenter o vSphere ESXi. Fare clic su OK.

    VMware

    Nota

    Se si aggiunge il server VMware vCenter o l'host VMware vSphere con un account che non ha privilegi di amministratore per il server vCenter o il server host, assicurarsi che questi privilegi siano abilitati per gli account seguenti: Datacenter, Datastore, Folder, Host, Network, Resource, Virtual machine e vSphere Distributed Switch. Per il server VMware vCenter deve essere abilitato anche il privilegio Storage views.

Problemi comuni

Errori di installazione

Messaggio di errore di esempio Azione consigliata
ERRORE. Non è stato possibile caricare gli account. Errore: System.IO.IOException. Impossibile leggere dati dalla connessione del trasporto, durante l'installazione e la registrazione del server CS. Verificare che nel computer sia abilitato TLS 1.0.

Errori di registrazione

È possibile eseguire il debug degli errori di registrazione esaminando i log nella cartella %ProgramData%\ASRLogs.

Messaggio di errore di esempio Azione consigliata
09:20:06:InnerException.Type: SrsRestApiClientLib.AcsException,InnerException.
Message: ACS50008: SAML token is invalid.
Trace ID: 1921ea5b-4723-4be7-8087-a75d3f9e1072
Correlation ID: 62fea7e6-2197-4be4-a2c0-71ceb7aa2d97>
Timestamp: 2016-12-12 14:50:08Z
Verificare che l'ora del clock di sistema non differisca di oltre 15 rispetto all'ora locale. Eseguire di nuovo il programma di installazione per completare la registrazione.
09:35:27:DRRegistrationException while trying to get all disaster recovery vault for the selected certificate: : Threw Exception.Type:Microsoft.DisasterRecovery.Registration.DRRegistrationException, Exception.Message: ACS50008: SAML token is invalid.
Trace ID: e5ad1af1-2d39-4970-8eef-096e325c9950
Correlation ID: abe9deb8-3e64-464d-8375-36db9816427a
Timestamp: 2016-05-19 01:35:39Z
Verificare che l'ora del clock di sistema non differisca di oltre 15 rispetto all'ora locale. Eseguire di nuovo il programma di installazione per completare la registrazione.
06:28:45:Failed to create certificate
06:28:45:Setup cannot proceed. A certificate required to authenticate to Site Recovery cannot be created. Rerun Setup
Verificare di eseguire il programma di installazione come amministratore locale.

Passaggi successivi

Configurare l'ambiente di destinazione in Azure.