Riprotezione da Azure al sito locale

Dopo il failover di macchine virtuali VMware locali o server fisici in Azure, il primo passaggio dell'esecuzione di un failback nel sito locale consiste nel riapplicare la protezione alle macchine virtuali di Azure create durante il failover. Questo articolo illustra come farlo.

Prima di iniziare

  1. Seguire la procedura descritta in questo articolo per preparare la riprotezione e il failback, inclusa la configurazione di un server di elaborazione in Azure e di un server di destinazione master locale e la configurazione di una VPN da sito a sito o del peering privato ExpressRoute per il failback.
  2. Assicurarsi che il server di configurazione locale sia in esecuzione e connesso ad Azure. Durante il failover in Azure, il sito locale potrebbe non essere accessibile e il server di configurazione potrebbe non essere disponibile o essere arrestato. Durante il failback, la macchina virtuale deve trovarsi nel database del server di configurazione. In caso contrario, il failback ha esito negativo.
  3. Eliminare gli snapshot nel server di destinazione master locale. Se sono presenti snapshot, la riprotezione non funzionerà. Durante il processo di riprotezione, gli snapshot nella macchina virtuale vengono uniti automaticamente.
  4. Se è necessario riproteggere macchine virtuali raccolte in un gruppo di replica per la coerenza tra più macchine virtuali, assicurarsi che tutte abbiano lo stesso sistema operativo (Windows o Linux) e assicurarsi che il server di destinazione master distribuito abbia lo stesso tipo di sistema operativo. Tutte le macchine virtuali in un gruppo di replica devono usare lo stesso server di destinazione master.
  5. Aprire le porte necessarie per il failback.
  6. Assicurarsi che il server vCenter sia connesso prima del failback. In caso contrario, la disconnessione dei dischi e il ricollegamento alla macchina virtuale non riescono.
  7. Se le macchine virtuali in cui si vuole eseguire il failback sono gestite da un server vCenter, assicurarsi di avere le autorizzazioni necessarie. Se si esegue l'individuazione di vCenter con utente di sola lettura e la protezione delle macchine virtuali, la protezione funziona e il failover viene eseguito. Tuttavia, durante la riprotezione, il failover ha esito negativo perché non è possibile individuare gli archivi dati che non vengono quindi elencati. Per risolvere questo problema, è possibile aggiornare le credenziali di vCenter con un account/autorizzazioni appropriati e quindi ripetere il processo.
  8. Se è stato usato un modello per creare le macchine virtuali, assicurarsi che ogni macchina virtuale abbia un UUID univoco per i dischi. Se l'UUID della macchina virtuale locale è in conflitto con l'UUID del server di destinazione master perché entrambi sono stati creati dallo stesso modello, la riprotezione non riesce. Eseguire la distribuzione da un modello diverso.
  9. Se si esegue il failback in un server vCenter alternativo, assicurarsi che il nuovo server vCenter e il server di destinazione master vengano rilevati. In genere, se non vengono rilevati, gli archivi dati non sono accessibili o non sono visibili in Riproteggi.
  10. Verificare gli scenari seguenti in cui non è possibile eseguire il failback:
    • Se si usa l'edizione gratuita ESXi 5.5 o vSphere 6 Hypervisor. Eseguire l'aggiornamento a una versione diversa.
    • Se si dispone di un server fisico Windows Server 2008 R2 SP1.
    • Non è possibile eseguire il failback di macchine virtuali VMware in Hyper-V.
    • Macchine virtuali di cui è stata eseguita la migrazione.
    • Una macchina virtuale che è stata spostata in un altro gruppo di risorse.
    • Una macchina virtuale di Azure di replica che è stata eliminata.
    • Una macchina virtuale di Azure di replica non protetta (replica nel sito locale).
  11. Esaminare i tipi di failback che è possibile usare: il ripristino nel percorso originale e il ripristino in un percorso alternativo.

Abilitare la riprotezione

Abilitare la replica. È possibile riproteggere macchine virtuali specifiche o un piano di ripristino:

  • Se si riprotegge un piano di ripristino, è necessario specificare i valori per ogni macchina protetta.
  • Se le macchine virtuali appartengono a un gruppo di replica per la coerenza tra più macchine virtuali, possono essere riprotette solo usando un piano di ripristino. Le macchine virtuali in un gruppo di replica devono usare lo stesso server di destinazione master.

Nota

La quantità di dati inviati da Azure all'origine precedente durante la riprotezione può essere compresa tra 0 byte e la somma delle dimensioni dei dischi di tutte le macchine protette e non può essere calcolata.

Prima di iniziare

  • Dopo l'avvio di una macchina virtuale in Azure dopo il failover, registrare di nuovo l'agente nel server di configurazione può richiedere fino a 15 minuti. Durante questo intervallo di tempo non sarà possibile abilitare la riprotezione e un messaggio di errore indica che l'agente non è installato. In questo caso, attendere alcuni minuti e quindi eseguire l'operazione di riprotezione.
  • Se si vuole eseguire il fail back della macchina virtuale di Azure in una macchina virtuale locale esistente, montare gli archivi dati delle macchine virtuali locali con accesso in lettura/scrittura nell'host ESXi del server di destinazione master.
  • Se si vuole eseguire il fail back in un percorso alternativo, ad esempio se la macchina virtuale locale non esiste, selezionare l'unità di conservazione e l'archivio dati configurati per il server di destinazione master. Quando si esegue il failback al sito locale, le macchine virtuali VMware nel piano di protezione di failback usano lo stesso archivio dati del server di destinazione master. Una nuova macchina virtuale viene quindi creata in vCenter.

Abilitare la riprotezione come segue:

  1. Selezionare Insieme di credenziali > Elementi replicati. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla macchina virtuale di cui è stato eseguito il failover e scegliere Riproteggi. In alternativa, dai pulsanti di comando selezionare la macchina virtuale e quindi selezionare Riproteggi.

  2. Verificare che sia selezionata la direzione di protezione Da Azure a locale.

  3. In Server di destinazione master e Server di elaborazione selezionare il server di destinazione master locale e il server di elaborazione.

  4. Per Archivio dati, selezionare l'archivio dati in cui ripristinare i dischi in locale. Questa opzione viene usata quando la macchina virtuale locale viene eliminata e devono essere creati nuovi dischi. Questa opzione viene ignorata se i dischi esistono già. È comunque necessario specificare un valore.

  5. Selezionare l'unità di conservazione.

  6. I criteri di failback vengono selezionati automaticamente.

  7. Selezionare OK per avviare la riprotezione.

    Finestra di dialogo di riprotezione

  8. Un processo inizia a replicare la macchina virtuale di Azure nel sito locale. È possibile monitorare l'avanzamento nella scheda Processi .

    • Al termine del processo di riprotezione, la macchina virtuale acquisisce uno stato protetto.
    • La macchina virtuale locale viene spenta durante la riprotezione, in modo da garantire la coerenza dei dati durante la replica.
    • Non attivare la macchina virtuale locale al termine della riprotezione.

Passaggi successivi

  • Se si verificano problemi, vedere l'articolo sulla risoluzione dei problemi.
  • Una volta protette le macchine virtuali di Azure, è possibile eseguire un failback. Il failback arresta la macchina virtuale di Azure e avvia la macchina virtuale locale. Prevedere un tempo di inattività per l'applicazione e scegliere di conseguenza una data/ora per il failback.