Informazioni sugli account di archiviazione di Azure

Suggerimento

Il contenuto in questo articolo si applica all'archivio tabelle Basic originale di Azure. Tuttavia, è ora disponibile un'offerta Premium per l'archivio tabelle di Azure in anteprima pubblica che include tabelle con ottimizzazione per la velocità effettiva, distribuzione globale e indici secondari automatici. Per altre informazioni e per provare la nuova esperienza Premium, vedere Azure Cosmos DB: API di tabella.

Panoramica

Un account di archiviazione di Azure offre uno spazio dei nomi univoco per archiviare gli oggetti dati di Archiviazione di Azure e accedere a tali oggetti. Tutti gli oggetti in un account di archiviazione vengono fatturati insieme come gruppo. Per impostazione predefinita, i dati nel proprio account sono accessibili solo all'utente, ovvero al proprietario dell'account.

Sono disponibili due tipi di account di archiviazione:

Account di archiviazione di uso generico

Un account di archiviazione di uso generico permette di accedere ai servizi di Archiviazione di Azure come tabelle, code, file, BLOB e dischi di macchina virtuale di Azure con un unico account. Questo tipo di account di archiviazione offre due livelli di prestazioni:

Account di archiviazione BLOB

Gli account di archiviazione BLOB sono account di archiviazione specializzati per l'archiviazione dei dati non strutturati come BLOB (oggetti) in Archiviazione di Azure. Gli account di archiviazione BLOB sono simili agli account di archiviazione di uso generico esistenti e condividono tutte le straordinarie funzionalità di durabilità, disponibilità, scalabilità e prestazioni già usate, inclusa la coerenza API al 100% per i BLOB in blocchi e i BLOB di aggiunta. Per applicazioni che richiedono solo archivi BLOB in blocchi o BLOB di aggiunta, è consigliabile usare account di archiviazione BLOB.

Nota

Gli account di archiviazione BLOB supportano solo i BLOB in blocchi e i BLOB di aggiunta, non i BLOB di pagine.

Gli account di archiviazione BLOB espongono l'attributo Livello di accesso , che può essere specificato durante la creazione di account e modificato successivamente in base alle esigenze. I livelli di accesso che possono essere specificati in base al modello di accesso ai dati sono di due tipi:

  • Livello di accesso frequente , che indica un accesso più frequente agli oggetti nell'account di archiviazione. Questo permette di archiviare i dati a un costo di accesso inferiore.
  • Livello di accesso sporadico , che indica un accesso meno frequente agli oggetti nell'account di archiviazione. Questo permette di archiviare i dati a un costo di archiviazione dati inferiore.

Se il modello di utilizzo dei dati cambia, è anche possibile passare da uno di questi livelli di accesso all'altro in qualsiasi momento. La modifica del livello di accesso può comportare costi aggiuntivi. Per informazioni dettagliate, vedere Prezzi e fatturazione per gli account di archiviazione BLOB .

Per informazioni dettagliate sugli account di archiviazione BLOB, vedere Archivio BLOB di Azure: livelli Frequente e Sporadico.

Prima di creare un account di archiviazione, è necessario effettuare una sottoscrizione di Azure, ovvero a un piano per accedere ai diversi servizi di Azure. Per iniziare a usare Azure, è possibile usare un account gratuito. Se si decide di acquistare un piano di sottoscrizione, è possibile scegliere una delle numerose opzioni di acquisto. Gli utenti iscritti a MSDNricevono crediti mensili gratuiti che possono essere usati con i servizi di Azure, incluso il servizio Archiviazione di Azure. Per informazioni sui prezzi in base al volume, vedere la pagina relativa ai prezzi di Archiviazione di Azure .

Per informazioni su come creare un account di archiviazione, vedere Creare un account di archiviazione . Con una singola sottoscrizione è possibile creare fino a 200 account di archiviazione con denominazione univoca. Per informazioni dettagliate sui limiti dell'account di archiviazione, vedere Obiettivi di scalabilità e prestazioni per Archiviazione di Azure .

Fatturazione dell'account di archiviazione

L'importo fatturato per l'uso di Archiviazione di Azure dipende dall'account di archiviazione. I costi di archiviazione sono determinati in base ai fattori seguenti: area/posizione, tipo di account, capacità di archiviazione, schema di replica, transazioni di archiviazione e uscita dei dati.

  • L'area si riferisce all'area geografica in cui si trova l'account.
  • Il tipo di account si riferisce all'uso di un account di archiviazione per utilizzo generico o a un account di archiviazione BLOB. Con un account di archiviazione BLOB, anche il livello di accesso determina il modello di fatturazione per l'account.
  • La capacità di archiviazione si riferisce alla quantità di unità di servizio dell'account di archiviazione in uso per l'archiviazione dei dati.
  • La replica determina il numero di copie dei dati conservate contemporaneamente e le posizioni di archiviazione.
  • Le transazioni si riferiscono a tutte le operazioni di lettura e scrittura in Archiviazione di Azure.
  • L'uscita dei dati si riferisce ai dati trasferiti all'esterno di un'area di Azure. Quando un'applicazione non in esecuzione nella stessa area accede ai dati nell'account di archiviazione, viene addebitata una quota per l'uscita dei dati. Per i servizi di Azure è possibile raggruppare dati e servizi nello stesso data center per ridurre o evitare del tutto gli addebiti per il trasferimento dei dati in uscita.

La pagina Prezzi di Archiviazione di Azure fornisce informazioni dettagliate sui prezzi in base a tipo di account, capacità di archiviazione, replica e transazioni. Nella pagina Dettagli prezzi dei trasferimenti di dati vengono fornite informazioni dettagliate sui prezzi per il trasferimento dei dati in uscita. È possibile usare la pagina per il calcolo dei prezzi di Archiviazione di Azure per stimare i costi.

Nota

Quando si crea una macchina virtuale di Azure, un account di archiviazione viene creato automaticamente nel percorso di distribuzione se non si ha già un account di archiviazione in tale percorso. Non è quindi necessario attenersi alla procedura riportata sotto per creare un account di archiviazione per i dischi della macchina virtuale. Il nome dell'account di archiviazione sarà basato sul nome della macchina virtuale. Per altri dettagli, vedere la documentazione relativa alle macchine virtuali di Azure .

Endpoint dell'account di archiviazione

Ogni oggetto archiviato in Archiviazione di Azure ha un indirizzo URL univoco. Il nome dell'account di archiviazione costituisce il sottodominio dell'indirizzo. La combinazione di sottodominio e nome di dominio, specifico di ogni servizio, costituisce un endpoint per l'account di archiviazione.

Ad esempio, se l'account di archiviazione si chiama mystorageaccount, gli endpoint predefiniti per l'account di archiviazione sono:

  • Servizio BLOB: http://mystorageaccount.blob.core.windows.net
  • Servizio tabelle: http://mystorageaccount.table.core.windows.net
  • Servizio coda: http://mystorageaccount.queue.core.windows.net
  • Servizio file: http://mystorageaccount.file.core.windows.net
Nota

Un account di archiviazione BLOB espone solo l'endpoint di servizio BLOB.

L'URL per accedere a un oggetto in un account di archiviazione viene formato aggiungendo la posizione dell'oggetto nell'account di archiviazione all'endpoint. Ad esempio, il formato di un indirizzo è simile al seguente: http://mystorageaccount.blob.core.windows.net/mycontainer/myblob.

È anche possibile configurare un nome di dominio personalizzato da usare con l'account di archiviazione. Per informazioni dettagliate sugli account di archiviazione classici, vedere Configurare un nome di dominio personalizzato per l'endpoint di archiviazione BLOB . Per gli account di archiviazione di Resource Manager, questa funzionalità non è stata ancora aggiunta al portale di Azure , ma è possibile configurarla con PowerShell. Per altre informazioni, vedere il cmdlet Set-AzureRmStorageAccount .

Creare un account di archiviazione

  1. Accedere al portale di Azure.
  2. Dal menu Hub scegliere Nuovo -> Archiviazione -> Account di archiviazione.
  3. Immettere un nome per l'account di archiviazione. Per informazioni dettagliate sul modo in cui questo nome verrà usato per indirizzare oggetti in Archiviazione di Azure, vedere Endpoint dell'account di archiviazione .

    Nota

    I nomi degli account di archiviazione devono avere una lunghezza compresa tra 3 e 24 caratteri e possono contenere solo numeri e lettere minuscole.

    Nome dell'account di archiviazione deve essere univoco all'interno di Azure. Il portale di Azure indica se il nome dell'account di archiviazione selezionato è già in uso.

  4. Specificare il modello di distribuzione da usare: Resource Manager o Classica. Gestione risorse è il modello di distribuzione consigliato. Per altre informazioni, vedere Comprendere la distribuzione di Gestione delle risorse e distribuzione classica.

    Nota

    Gli account di archiviazione BLOB possono essere creati solo usando il modello di distribuzione di Resource Manager.

  5. Selezionare il tipo di account di archiviazione: Utilizzo generico o Archivio BLOB. Utilizzo generico .

    Se è stata selezionata l'opzione Utilizzo generico, specificare il livello di prestazioni: Standard o Premium. Il livello predefinito è Standard. Per informazioni dettagliate sugli account di archiviazione Standard e Premium, vedere Introduzione ad Archiviazione di Microsoft Azure e Archiviazione Premium: archiviazione ad alte prestazioni per carichi di lavoro delle macchine virtuali di Azure.

    Se è stata selezionata l'opzione Archivio BLOB, specificare il livello di accesso come frequente o sporadico. Il livello predefinito è Frequente. Per informazioni dettagliate, vedere l'articolo Archivio BLOB di Azure: livelli di archiviazione ad accesso frequente e sporadico .

  6. Selezionare l'opzione di replica per l'account di archiviazione: Archiviazione con ridondanza locale, Archiviazione con ridondanza geografica, Archiviazione con ridondanza geografica e accesso in lettura o Archiviazione con ridondanza della zona. L'opzione predefinita è Archiviazione con ridondanza geografica e accesso in lettura. Per altre informazioni sulle opzioni di replica di Archiviazione di Azure, vedere Replica di Archiviazione di Azure.
  7. Selezionare la sottoscrizione in cui creare il nuovo account di archiviazione.
  8. Specificare un nuovo gruppo di risorse o selezionarne uno esistente. Per altre informazioni sui gruppi di risorse, vedere Panoramica di Azure Resource Manager.
  9. Selezionare la posizione geografica dell'account di archiviazione. Per altre informazioni sui servizi disponibili in aree specifiche, vedere Aree di Azure .
  10. Fare clic su Crea per creare l'account di archiviazione.

Gestire l'account di archiviazione

Modificare la configurazione dell'account

Dopo aver creato l'account di archiviazione, è possibile modificarne la configurazione, ad esempio modificando l'opzione di replica usata per l'account o il livello di accesso per un account di archiviazione BLOB. Nel portale di Azure passare all'account di archiviazione e in IMPOSTAZIONI fare clic su Configurazione per visualizzare e/o modificare la configurazione dell'account.

Nota

A seconda del livello di prestazioni che scelto durante la creazione dell'account di archiviazione, alcune opzioni di replica potrebbero non essere disponibili.

La modifica dell'opzione di replica modifica i prezzi. Per informazioni più dettagliate, vedere la pagina Prezzi di Archiviazione di Azure .

Per gli account di archiviazione BLOB, la modifica del livello di accesso potrebbe comportare costi per la modifica stessa oltre alla variazione dei prezzi. Per informazioni dettagliate, vedere Archivio BLOB di Azure: livelli di archiviazione ad accesso frequente e sporadico - Prezzi e fatturazione .

Gestire le chiavi di accesso alle risorse di archiviazione

Quando si crea un account di archiviazione, Azure genera due chiavi di accesso alle risorse di archiviazione da 512 bit, che vengono utilizzate per l'autenticazione quando si accede all'account di archiviazione. Fornendo due chiavi di accesso alle risorse di archiviazione, Azure consente di rigenerare le chiavi senza interruzioni per il servizio di archiviazione o l'accesso a tale servizio.

Nota

È consigliabile non condividere le chiavi di accesso alle risorse di archiviazione con altri utenti. Per permettere l'accesso alle risorse di archiviazione senza fornire le chiavi di accesso, è possibile usare una firma di accesso condiviso. Una firma di accesso condiviso fornisce l'accesso a una risorsa nell'account per un intervallo di tempo definito e con le autorizzazioni specificate. Vedere Using Shared Access Signatures (SAS) (Uso di firme di accesso condiviso) per altre informazioni.

Visualizzare e copiare le chiavi di accesso alle risorse di archiviazione

Nel portale di Azure passare all'account di archiviazione, fare clic su Tutte le impostazioni e quindi su Chiavi di accesso per visualizzare, copiare e rigenerare le chiavi di accesso dell'account. Il pannello Chiavi di accesso include anche le stringhe di connessione preconfigurate che usano le chiavi primarie e secondarie, che è possibile copiare per usarle nelle applicazioni.

Rigenerazione delle chiavi di accesso alle risorse di archiviazione

Si consiglia di modificare periodicamente le chiavi di accesso all'account di archiviazione per mantenere le connessioni dell'archiviazione sicure. Vengono assegnate due chiavi di accesso in modo da mantenere le connessioni all'account di archiviazione mediante una chiave di accesso mentre si rigenera l'altra.

Avviso

La rigenerazione delle chiavi di accesso può influire sui servizi in Azure e sulle applicazioni che dipendono dall'account di archiviazione. È necessario aggiornare tutti i client che usano la chiave di accesso per accedere all'account di archiviazione per l'uso della nuova chiave.

Servizi multimediali : se si dispone di servizi multimediali dipendenti dall'account di archiviazione, è necessario risincronizzare le chiavi di accesso con il proprio servizio multimediale dopo la rigenerazione delle chiavi.

Applicazioni : se sono presenti applicazioni Web o servizi cloud che usano l'account di archiviazione, le connessioni andranno perse se si rigenerano le chiavi, a meno che non venga eseguito il rollover delle chiavi.

Strumenti di esplorazione di archiviazione : se si usano strumenti di esplorazione di archiviazione, sarà probabilmente necessario aggiornare la chiave di archiviazione usata da tali applicazioni.

Di seguito è riportato il processo per la rotazione delle chiavi di accesso alle risorse di archiviazione:

  1. Aggiornare le stringhe di connessione nel codice dell'applicazione in modo che facciano riferimento alla chiave di accesso secondaria dell'account di archiviazione.
  2. Rigenerare la chiave di accesso primaria per l'account di archiviazione. Nel pannello Chiavi di accesso fare clic su Rigenerare Key1 e quindi su per confermare che si desidera generare una nuova chiave.
  3. Aggiornare le stringhe di connessione nel codice in modo che facciano riferimento alla nuova chiave di accesso primaria.
  4. Rigenerare la chiave di accesso secondaria nello stesso modo.

Eliminare un account di archiviazione

Per rimuovere un account di archiviazione che non si usa più, passare all'account di archiviazione nel portale di Azuree fare clic su Elimina. Se si elimina un account di archiviazione, viene eliminato l'intero account, inclusi tutti i dati in esso contenuti.

Avviso

Non è possibile ripristinare un account di archiviazione eliminato, né recuperare gli elementi che conteneva prima dell'eliminazione. Assicurarsi di eseguire il backup di tutti gli elementi da salvare prima di eliminare l'account. Lo stesso vale per tutte le risorse nell'account: dopo aver eliminato un BLOB, una tabella, una coda o un file, non è più possibile recuperarlo.

Per eliminare un account di archiviazione associato a una macchina virtuale di Azure, è necessario assicurarsi prima di tutto che i dischi delle macchine virtuali siano stati eliminati. Se prima non si eliminano i dischi delle macchine virtuali, quando si prova a eliminare l'account di archiviazione, verrà visualizzato un messaggio di errore simile al seguente:

Failed to delete storage account <vm-storage-account-name>. Unable to delete storage account <vm-storage-account-name>: 'Storage account <vm-storage-account-name> has some active image(s) and/or disk(s). Ensure these image(s) and/or disk(s) are removed before deleting this storage account.'.

Se l'account di archiviazione usa il modello di distribuzione classica, è possibile rimuovere il disco della macchina virtuale seguendo questa procedura nel portale di Azure:

  1. Passare al portale di Azure classico.
  2. Passare alla scheda Macchine virtuali.
  3. Fare clic sulla scheda Dischi.
  4. Selezionare il disco dati, quindi fare clic su Elimina disco.
  5. Per eliminare le immagini del disco, passare alla scheda Immagini ed eliminare le eventuali immagini archiviate nell'account.

Per altre informazioni, vedere Macchine virtuali - Documentazione.

Passaggi successivi