Come utilizzare Blitline con Azure e l'archiviazione di Azure

In questa guida verrà descritto come accedere ai servizi Blitline e come inviare i processi a Blitline.

Informazioni su Blitline

Blitline è un servizio di elaborazione a livello aziendale delle immagini basate su cloud, dal costo nettamente inferiore a quello che comporterebbe la creazione autonoma delle stesse.

Il fatto è che l'elaborazione delle immagini è un'operazione ripetuta di continuo, di solito creandole da zero per ciascun sito Web. Ce ne rendiamo conto perché noi stessi le abbiamo create un milione di volte. Ad un certo punto abbiamo deciso che era probabilmente arrivato il momento di farlo per tutti. Disponiamo delle opportune competenze, della velocità e dell'efficienza necessaria, che ci consentono di offrire a tutti un enorme risparmio del carico di lavoro.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito http://www.blitline.com.

Operazioni NON eseguite da Blitline

Allo scopo di chiarire l'utilità di Blitline è spesso più semplice identificare le operazioni che Blitline NON esegue prima di procedere oltre.

  • Blitline NON dispone di widget HTML per caricare le immagini. Affinché Blitline possa ottenerle, le immagini devono essere disponibili pubblicamente oppure con autorizzazioni limitate.
  • Blitline NON esegue l'elaborazione delle immagini attive come Aviary.com
  • Blitline NON accetta i caricamenti delle immagini; non è possibile eseguire il push delle immagini direttamente su Blitline. È necessario eseguire il push delle immagini nell'archiviazione di Azure o in altri luoghi supportati da Blitline, quindi informare il software della posizione in cui recuperarle.
  • Blitline opera principalmente in parallelo e NON esegue alcuna elaborazione sincrona; vale a dire che l'utente deve comunicare un postback_url affinché sia possibile avvisarlo del termine dell'elaborazione.

Creare un account Blitline

Per iscriversi a un account Blitline

  1. Accedere al portale di gestione di Azure.
  2. Nel riquadro inferiore del portale di gestione fare clic su New.

    command-bar-new

  3. Fare clic su Store.

    blitline-store

  4. Nella finestra di dialogo Scegliere un componente aggiuntivo selezionare Blitline e fare clic sulla freccia destra.
  5. Nella finestra di dialogo Personalizza componente aggiuntivo selezionare il piano Blitline al quale ci si vuole iscrivere.
  6. Immettere un nome che identifichi il servizio Blitline nelle impostazioni di Azure oppure usare il valore predefinito di Blitline. I nomi devono essere composti da un numero di caratteri compreso tra 1 e 100 e possono includere solo caratteri alfanumerici, trattini, punti e caratteri di sottolineatura. Il nome deve essere univoco nell'elenco di elementi di Azure Store sottoscritti.

    store-screen-1

  7. Scegliere un valore per l'area, ad esempio Stati Uniti occidentali.
  8. Fare clic sulla freccia destra.
  9. Nella scheda Review Purchase rivedere le informazioni sul piano e sui prezzi e consultare le note legali. Per accettare le condizioni, fare clic sul segno di spunta. Dopo aver fatto clic sul segno di spunta, l'account Blitline avvierà il processo di provisioning.

Per utilizzare Blitline, è necessario disporre di un ID applicazione.

Per individuare l'ID applicazione di Blitline

  1. Fare clic su Connection Info.

    blitline-connection-info-button

  2. È possibile visualizzare l'ID applicazione nella finestra di dialogo Connection info

    blitline-connection-info

Come creare un processo di Blitline

Blitline utilizza JSON per definire le azioni da intraprendere riguardo un'immagine. Il codice JSON è composto da alcuni semplici campi:

L'esempio più semplice è riportato di seguito:

    json : '{
   "application_id": "MY_APP_ID",
   "src" : "http://cdn.blitline.com/filters/boys.jpeg",
   "functions" : [ {
       "name": "resize_to_fit",
       "params" : { "width": 240, "height": 140 },
       "save" : { "image_identifier" : "external_sample_1" }
   } ]
}'

In questo caso, il codice JSON prende un'immagine "src" ("...boys.jpeg") e la ridimensiona a 240x140.

L'ID applicazione è un elemento reperibile nella scheda INFORMAZIONI DI CONNESSIONE o GESTISCI in Azure. È l'identificatore segreto che consente di eseguire i processi su Blitline.

Il parametro "save" consente di identificare le informazioni sulla posizione in cui si desidera inserire l'immagine dopo che è stata elaborata. In questo caso, la posizione non è stata definita. Se non viene definita alcuna posizione, Blitline archivierà l'immagine in locale (temporaneamente) in una posizione univoca sul cloud. Sarà possibile ottenere tale posizione dal codice JSON restituito da Blitline. Per identificare questa particolare immagine salvata è necessario l'identificatore "image" che viene restituito all'utente.

Altre informazioni sulle funzioni supportate sono disponibili qui: http://www.blitline.com/docs/functions

Inoltre la documentazione sulle opzioni dei processi è disponibile qui: http://www.blitline.com/docs/api

Dopo aver ottenuto il codice JSON, basta solo pubblicarlo come POST su http://api.blitline.com/job

Si otterrà un codice JSON che avrà più o meno l'aspetto seguente:

{
 "results":
     {"images":
        [{
          "image_identifier":"external_sample_1",
          "s3_url":"https://s3.amazonaws.com/dev.blitline/2011110722/YOUR_APP_ID/CK3f0xBF_2bV6wf7gEZE8w.jpg"
        }],
      "job_id":"4eb8c9f72a50ee2a9900002f"
     }
}

Il codice informa che Blitline ha ricevuto la richiesta, l'ha inserita in una coda di elaborazione e al termine dell'operazione l'immagine sarà disponibile all'indirizzo: https://s3.amazonaws.com/dev.blitline/2011110722/YOUR_APP_ID/CK3f0xBF_2bV6wf7gEZE8w.jpg

Come salvare un'immagine nell'account di archiviazione di Azure

Se si dispone di un account di archiviazione di Azure è possibile eseguire facilmente il push delle immagini elaborate in Blitline nel contenitore di Azure. Aggiungendo il frammento "azure_destination" è possibile definire la posizione e le autorizzazioni per il push di Blitline.

Di seguito è fornito un esempio:

job : '{
  "application_id": "YOUR_APP_ID",
  "src" : "http://www.google.com/logos/2011/houdini11-hp.jpg",
     "functions" : [{
     "name": "blur",
     "save" : {
         "image_identifier" : "YOUR_IMAGE_IDENTIFIER",
         "azure_destination" : {
             "account_name" : "YOUR_AZURE_CONTAINER_NAME",
             "shared_access_signature" : "SAS_THAT_GIVES_BLITLINE_PERMISSION_TO_WRITE_THIS_OBJECT_TO_CONTAINER",
           }
       }
     }]
   }'

Sostituendo i valori IN MAIUSCOLO con i propri, sarà possibile inviare questo codice JSON a http://api.blitline.com/job; l'immagine "src" verrà elaborata con un filtro sfocatura, quindi sottoposta a push verso la destinazione di Azure.

Nota bene:

SAS deve contenere l'intero URL di SAS, incluso il nome file del file di destinazione.

Esempio:

http://blitline.blob.core.windows.net/sample/image.jpg?sr=b&sv=2012-02-12&st=2013-04-12T03%3A18%3A30Z&se=2013-04-12T04%3A18%3A30Z&sp=w&sig=Bte2hkkbwTT2sqlkkKLop2asByrE0sIfeesOwj7jNA5o%3D

È anche possibile leggere l'ultima edizione dei documenti sull'archiviazione di Azure di Blitline qui.

Passaggi successivi

Visitare blitline.com per informazioni su tutte le altre funzionalità: