Come eseguire un server di applicazione di Java in una macchina virtuale creata con il modello di distribuzione classica.

Importante

Azure offre due diversi modelli di distribuzione per creare e usare le risorse: Gestione risorse e la distribuzione classica. Questo articolo illustra l'uso del modello di distribuzione classica. Microsoft consiglia di usare il modello di Gestione risorse per le distribuzioni più recenti. Per un modello di Resource Manager con cui distribuire un'app Web con Java 8 e Tomcat, vedere qui.

Con Azure è possibile utilizzare una macchina virtuale per fornire funzionalità di server. Si può ad esempio configurare una macchina virtuale in esecuzione in Azure per ospitare un server applicazioni Java, come Apache Tomcat.

Una volta completata la lettura di questa guida, si disporrà di tutte le informazioni necessarie per creare una macchina virtuale in esecuzione in Azure e configurarla per eseguire un server applicazioni Java. Verranno illustrate ed eseguite le attività seguenti:

  • Come creare una macchina virtuale che dispone di un Java Development Kit (JDK) già installato.
  • Come accedere in remoto alla macchina virtuale.
  • Come installare un server applicazioni Java, Apache Tomcat, sulla macchina virtuale.
  • Creare un endpoint per la macchina virtuale.
  • Aprire una porta nel firewall per il server applicazioni.

Il completamento dell'installazione comporta l'esecuzione di Tomcat su una macchina virtuale.

Macchina virtuale che esegue Apache Tomcat

Nota

Per completare l'esercitazione, è necessario un account Azure. È possibile attivare i vantaggi della sottoscrizione MSDN oppure iscriversi per ottenere una versione di valutazione gratuita in Azure.

Per creare una macchina virtuale

  1. Accedere al portale di Azure.
  2. Fare clic su Nuovo, Calcola, quindi fare clic su See all (Vedi tutto) in App in primo piano.
  3. Fare clic su JDK, quindi su JDK 8 nel riquadro JDK.
    Se si dispone di applicazioni legacy non ancora predisposte per l'esecuzione in JDK 8, sono disponibili macchine virtuali che supportano JDK 6 e JDK 7.
  4. Nel riquadro di JDK 8, selezionare Classico, quindi fare clic su Crea.
  5. Nel pannello Informazioni di base:
    1. Specificare un nome per la macchina virtuale.
    2. Immettere un nome per l'amministratore nel campo User Name . Ricordare questo nome e la password associata che segue nel campo successivo. Saranno necessarie per l'accesso da remoto alla macchina virtuale.
    3. Immettere una password nel campo Nuova password e reimmetterla nel campo Conferma password. Si tratta della password dell'account dell'amministratore.
    4. Scegliere la Sottoscrizione appropriata.
    5. Per Gruppo di risorse fare clic su Crea nuovo e immettere il nome del nuovo gruppo di risorse. In alternativa fare clic su Use existing (Usa esistente) e selezionare uno dei gruppi di risorse disponibili.
    6. Selezionare la località in cui risiede la macchina virtuale, ad esempio Stati Uniti centro-meridionali.
  6. Fare clic su Avanti.
  7. Nel pannello Virtual machine image size (Dimensioni dell'immagine della macchina virtuale), selezionare A1 Standard (A1 Standard) o un'altra immagine appropriata.
  8. Fare clic su Seleziona.

  9. Nel pannello Impostazioni fare clic su OK. È possibile usare i valori predefiniti generati da Azure.

  10. Nel pannello Riepilogo fare clic su OK.

Per accedere in remoto alla macchina virtuale

  1. Accedere al portale di Azure.
  2. Fare clic su Macchine virtuali (classico). Se necessario, fare clic su Altri servizi nell'angolo in basso a sinistra nelle categorie di servizi. La voce Macchine virtuali (classico) è elencata nel gruppo Calcola.
  3. Fare clic sul nome della macchina virtuale a cui si desidera accedere.
  4. Dopo aver avviato la macchina virtuale, è possibile eseguire le connessioni tramite un menu nella parte superiore del riquadro.
  5. Fare clic su Connect.
  6. Rispondere ai prompt visualizzati per connettersi alla macchina virtuale. In generale l'utente deve salvare o aprire il file con estensione RDP che contiene i dettagli della connessione. Potrebbe essere necessario copiare url:port nell'ultima parte della prima riga del file .rdp e incollarlo in un'applicazione di accesso remoto.

Per installare un server applicazioni Java sulla macchina virtuale

È possibile copiare un server applicazioni Java sulla macchina virtuale oppure installarlo tramite un programma di installazione.

In questa esercitazione Tomcat viene usato come server per le applicazioni Java da installare.

  1. Una volta eseguito l’accesso alla macchina virtuale, aprire una sessione del browser alla pagina Apache Tomcat.
  2. Fare doppio clic sul collegamento per 32-bit/64-bit Windows Service Installer. Questa tecnica consente di installare Tomcat come servizio di Windows.
  3. Quando richiesto, scegliere di eseguire il programma di installazione.
  4. Nella procedura guidata Apache Tomcat Setup attenersi ai prompt per installare Tomcat. Ai fini di questa esercitazione, è possibile accettare le impostazioni predefinite. Quando si arriva alla finestra di dialogo Completing the Apache Tomcat Setup Wizard (Completamento della configurazione guidata di Apache Tomcat), è possibile selezionare Run Apache Tomcat (Esegui Apache Tomcat) per avviare subito Tomcat. Fare clic su Finish per completare il processo di installazione di Tomcat.

Per avviare Tomcat

È possibile avviare manualmente Tomcat aprendo un prompt dei comandi nella macchina virtuale ed eseguendo il comando net start Tomcat8.

Quando Tomcat è in esecuzione, è possibile accedere a Tomcat immettendo l'URL http://localhost:8080 nel browser della macchina virtuale.

Per vedere Tomcat in esecuzione da macchine esterne, è necessario creare un endpoint e aprire una porta.

Per creare un endpoint per la macchina virtuale

  1. Accedere al portale di Azure.
  2. Fare clic su Macchine virtuali (classico).
  3. Fare clic sul nome della macchina virtuale che esegue il server applicazioni Java.
  4. Fare clic su Endpoints.
  5. Fare clic su Aggiungi.
  6. Nella finestra di dialogo Aggiungi endpoint:
    1. Specificare un nome per l'endpoint, ad esempio HttpIn.
    2. Selezionare TCP per il protocollo.
    3. Specificare 80 per la porta pubblica.
    4. Specificare 8080 per la porta privata.
    5. Selezionare Disattivato per l'indirizzo IP mobile.
    6. Lasciare l'elenco di controllo di accesso com'è.
    7. Fare clic sul pulsante OK per chiudere la finestra di dialogo e creare l'endpoint.

Per aprire nel firewall una porta per la macchina virtuale

  1. Accedere alla macchina virtuale.
  2. Fare clic sul pulsante Startdi Windows.
  3. Fare clic su Pannello di controllo.
  4. Fare clic su Sistema e sicurezza, quindi su Windows Firewall e infine su Impostazioni avanzate.
  5. Fare clic su Regole connessioni in entrata quindi su Nuova regola.
    Nuova regola connessioni in entrata
  6. Per Tipo regola, selezionare Porta, quindi fare clic su Avanti.
    Porta della nuova regola connessioni in entrata
  7. Nella schermata Protocollo e porte selezionare TCP, specificare 8080 come Specific local port (Porta locale specifica), quindi fare clic su Avanti.
    Nuova regola connessioni in entrata
  8. Nella schermata Azione selezionare Consenti la connessione, quindi fare clic su Avanti. Operazione per nuova regola connessioni in entrata
  9. Nella schermata Profilo verificare che le opzioni Dominio, Privato e Pubblico siano selezionate, quindi fare clic su Avanti. Profilo per nuova regola connessioni in entrata
  10. Nella schermata Nome specificare un nome per la regola, come HttpIn (non è tuttavia necessario che il nome della regola coincida con quello dell'endpoint), quindi fare clic su Fine.
    Nome della nuova regola connessioni in entrata

A questo punto, il sito Web Tomcat dovrebbe essere visibile da un browser esterno. Nella finestra dell'indirizzo del browser digitare un URL nel formato http://nome_DNS_in uso.cloudapp.net, dovenome_DNS_in uso è il nome DNS specificato durante la creazione della macchina virtuale.

Considerazioni sul ciclo di vita delle applicazioni

  • È possibile creare il proprio archivio di applicazioni Web (WAR) e aggiungerlo alla cartella webapps . Ad esempio, creare un progetto Web dinamico di una pagina JSP (Java Service Page) di base ed esportarlo come file con estensione WAR. Successivamente, copiare il file con estensione WAR nella cartella webapps di Apache Tomcat nella macchina virtuale e quindi eseguirlo in un browser.
  • Per impostazione predefinita, quando viene installato, il servizio Tomcat è impostato per l'avvio manuale. È possibile passare a esso per avviare automaticamente tramite lo snap-in Servizi. Avviare lo snap-in Servizi facendo clic su Start di Windows, Strumenti di amministrazione, Servizi. Fare doppio clic sul servizio Apache Tomcat e impostare Tipo di avvio su Automatico.

    Impostazione di un servizio per l'avvio automatico

    L'impostazione di Tomcat per l'avvio automatico può risultare utile in quanto in caso di riavvio della macchina virtuale, ad esempio dopo l'installazione di aggiornamenti software che richiedono un riavvio, il servizio verrà riavviato automaticamente.

Passaggi successivi

Per informazioni su altri servizi, ad esempio Archiviazione, Service Bus e Database SQL di Azure che può essere utile includere nelle applicazioni Java, fare riferimento alle informazioni disponibili all'indirizzo in Centro per sviluppatori Java.