Creare e gestire macchine virtuali Windows in Visual Studio

È possibile creare macchine virtuali in Azure usando Esplora server in Visual Studio.

Creare una macchina virtuale di Azure in Esplora server

Anche se è possibile creare una macchina virtuale nel portale di gestione di Azureè possibile creare una macchina virtuale anche in Azure usando i comandi in Esplora server. È possibile usare le macchine virtuali, ad esempio, per fornire un front-end dietro un comune endpoint pubblico con carico bilanciato.

Per creare una nuova macchina virtuale

  1. In Esplora Server, aprire il nodo Azure e fare clic su Macchine virtuali.
  2. Nel menu di scelta rapida fare clic su Crea macchina virtuale.

    Viene visualizzata la procedura guidata Creare una nuova macchina virtuale .

    Comando Crea macchina virtuale

  3. Nella pagina Scegliere una sottoscrizione selezionare una sottoscrizione da usare durante la creazione della macchina virtuale e quindi fare clic su Avanti.

    Se non si è connessi ad Azure, fare clic su Accedi per effettuare l'accesso. Quindi, se non è già selezionata, selezionare la propria sottoscrizione di Azure nell'elenco a discesa.

  4. Nella pagina Selezionare un'immagine di macchina virtuale selezionare un tipo di immagine nell'elenco a discesa Tipo immagine e quindi selezionare le immagini di una macchina virtuale nell'elenco a discesa Nome immagine. Al termine, fare clic su Avanti.

    Selezionare una pagina di immagini di macchine virtuali

    È possibile scegliere tra i seguenti tipi di immagine.

    • Immagini pubbliche sono elencate le immagini di macchine virtuali dei sistemi operativi e del software di server come Windows Server ed SQL Server.
    • Immagini MSDN sono elencate le immagini di macchine virtuali del software disponibile agli abbonati MSDN, ad esempio Visual Studio e Microsoft Dynamics.
    • Immagini private sono elencate le immagini di macchine virtuali specializzate e generalizzate create dall'utente.

      Per altre informazioni sulle macchine virtuali specializzate e generalizzate, vedere il post di blog sull' immagine della macchina virtuale. Per informazioni su come trasformare una macchina virtuale in un modello da usare per creare rapidamente nuove macchine virtuali preconfigurate, vedere Come acquisire una macchina virtuale Windows da usare come modello .

      È possibile fare clic sul nome di un'immagine di macchina virtuale per visualizzare informazioni sull'immagine nel lato destro della pagina.

      Nota

      Non è possibile aggiungere immagini di macchine virtuali agli elenchi Immagini pubbliche o Immagini MSDN perché sono di sola lettura. Tutte le macchine virtuali create vengono aggiunte all'elenco Immagini private .

      Gli abbonati MSDN con una sottoscrizione di livello Visual Studio possono creare una macchina virtuale di Azure predefinita contenente Visual Studio, oltre a diverse altre immagini. Per altre informazioni, vedere come creare una macchina virtuale in Visual Studio tramite le immagini della raccolta di Visual Studio 2013 per sottoscrittori MSDN e le sottoscrizioni MSDN.|

  5. Nella pagina Impostazioni di base della macchina virtuale immettere il nome di una macchina, quindi aggiungere le specifiche della macchina virtuale, inclusi dimensione, nome utente e password. Al termine, fare clic su Avanti.

    Il nuovo nome e la password verranno usati per accedere alla macchina con il desktop remoto, quindi è consigliabile prenderne nota. Dopo aver creato una macchina virtuale di Azure in Visual Studio, è possibile modificarne le dimensioni e le altre impostazioni nel portale di gestione di Azure.

    Nota

    Se si scelgono dimensioni maggiori per la macchina virtuale potrebbero essere applicati costi aggiuntivi. Per altre informazioni, vedere Dettagli prezzi per le macchine virtuali .

  6. Le macchine virtuali create in Visual Studio richiedono un servizio cloud. Nella pagina Impostazioni servizio cloud selezionare un servizio cloud per la macchina virtuale oppure fare clic su nell'elenco a discesa se non si ha già un servizio cloud oppure si vuole usarne uno nuovo. È anche necessario un account di archiviazione, quindi sceglierne uno (o crearne uno nuovo) nell'elenco a discesa Account di archiviazione . Per altre informazioni, vedere Introduzione ad Archiviazione di Microsoft Azure .
  7. Per specificare una rete virtuale (facoltativa) selezionarla negli elenchi a discesa Rete virtuale e Subnet.

    Le macchine virtuali che fanno parte di un set di disponibilità vengono distribuite in diversi domini di errore. Per altre informazioni, vedere Rete virtuale di Azure .

  8. Se la macchina virtuale deve appartenere a un set di disponibilità (facoltativo), selezionare la casella di controllo Specificare un set di disponibilità e quindi scegliere un set di disponibilità nell'elenco a discesa. Al termine, scegliere il pulsante Avanti .

    L'aggiunta della macchina virtuale a un set di disponibilità garantisce la disponibilità dell'applicazione in caso di errori della rete, guasti hardware di un disco locale ed eventuali tempi di inattività pianificati. Per creare reti virtuali, subnet e set di disponibilità è necessario usare il portale di gestione di Azure . Per altre informazioni, vedere Gestione della disponibilità delle macchine virtuali .

  9. Nella pagina Endpoint specificare gli endpoint pubblici che dovranno essere disponibili per gli utenti della macchina virtuale. Ad esempio, è possibile scegliere di abilitare il protocollo HTTP (porta 80) oltre agli endpoint Desktop remoto e PowerShell, che sono abilitati per impostazione predefinita. Per aggiungere un endpoint, sceglierne uno nell'elenco a discesa Nome porta e quindi fare clic su Aggiungi. Per rimuovere un endpoint, scegliere la X rossa accanto al nome nell'elenco di endpoint.

    Pagina Endpoint nella procedura guidata delle macchine virtuali.

    Gli endpoint disponibili dipendono dal servizio cloud selezionato per la macchina virtuale. Per altre informazioni, vedere Endpoint di servizio di Azure .

    Nota

    L'abilitazione degli endpoint pubblici rende i servizi presenti sulla macchina virtuale disponibili in Internet. Assicurarsi di installare e configurare correttamente gli endpoint e i servizi sulla macchina virtuale, ad esempio impostando gli elenchi di controllo di accesso (ACL) per gli endpoint. Per altre informazioni, vedere la pagina Come configurare gli endpoint a una macchina virtuale .

  10. Dopo aver terminato di configurare le impostazioni della macchina virtuale, scegliere Crea per creare la macchina virtuale.

    Durante la creazione della macchina virtuale, la finestra Log attività di Azure mostra l'avanzamento dell'operazione di creazione della macchina virtuale.

    Log attività macchina virtuale - in corso.

    Per visualizzare solo le informazioni sulla macchina virtuale, scegliere la scheda Macchine virtuali nella finestra Log attività di Microsoft Azure.

    Log attività macchina virtuale - completato.

    Se l'operazione viene completata correttamente, la nuova macchina virtuale viene visualizzata sotto il nodo Macchine virtuali in Esplora Server. È possibile accedervi facendo clic con il tasto destro del mouse e scegliendo Connessione tramite desktop remoto .

    Macchina virtuale visualizzata in Esplora server.

Gestire le macchine virtuali

Nella pagina di configurazione della macchina virtuale, oltre a eseguire le operazioni di arresto, connessione, aggiornamento e di aggiunta di checkpoint alla macchina virtuale selezionata, è anche possibile visualizzare o modificare le impostazioni per la macchina virtuale. È possibile:

  • Modificare le dimensioni della macchina virtuale.
  • Selezionare il set di disponibilità da usare con la macchina virtuale.
  • Aggiungere, rimuovere o modificare le impostazioni per gli endpoint pubblici.
  • Aggiungere, rimuovere o configurare le estensioni delle macchine virtuali.
  • Visualizzare informazioni relative ai dischi associati alla macchina virtuale.

Visualizzare o modificare impostazioni della macchina virtuale

  1. In Esplora Server, scegliere la macchina virtuale nel nodo Macchine virtuali di Azure .
  2. Nel menu di scelta rapida, scegliere Configura per visualizzare la pagina di configurazione della macchina virtuale.

    Pagina di configurazione della macchina virtuale di Azure

  3. Visualizzare oppure modificare le informazioni relative alla macchina virtuale.

Salvare o ripristinare lo stato della macchina virtuale

Quando si configura la macchina virtuale e vi si installa del software, è consigliabile salvare regolarmente lo stato di avanzamento creando dei checkpoint della macchina virtuale. Un checkpoint è una snapshot (o immagine) dello stato corrente della macchina virtuale. Se si verificano problemi con la macchina virtuale oppure si vuole riconfigurarla, è possibile risparmiare tempo ripristinandone lo stato a un checkpoint precedente anziché ricominciare da zero.

Per creare un checkpoint della macchina virtuale

  1. In Esplora Server, scegliere la macchina virtuale nel nodo Macchine virtuali di Azure .
  2. Nel menu di scelta rapida, scegliere Configura per visualizzare la pagina di configurazione della macchina virtuale.
  3. Nella pagina di configurazione, scegliere Capture Image .

    Pulsante Acquisisci della pagina di configurazione di Azure

    Verrà visualizzata la finestra di dialogo Capture Virtual Machine .

    Finestra di dialogo Acquisisci macchina virtuale

  4. Specificare un'etichetta di immagine e una descrizione. Vengono fornite un'etichetta e una descrizione predefinite, ma se si preferisce è possibile sovrascriverle con le proprie.
  5. Se è già stato eseguito Sysprep in questa macchina virtuale, selezionare la casella Sysprep eseguito sulla macchina virtuale .

    Sysprep è uno strumento che, tra le altre cose, rimuove i dati specifici del sistema dalla versione della macchina virtuale di Windows, rendendola un modello utilizzabile dagli altri utenti. Per altre informazioni, vedere Come acquisire una macchina virtuale Windows da usare come modello . Eseguire il backup della VM prima di eseguire Sysprep.

  6. Dopo aver terminato di configurare le impostazioni di acquisizione, scegliere Acquisisci per creare il checkpoint.

    Durante la creazione del checkpoint, la finestra Log attività di Azure mostra l'avanzamento dell'operazione.

    Acquisizione di un checkpoint della macchina virtuale

    Il completamento dell'operazione di checkpoint sarà indicato nella finestra Log attività di Azure.

    Operazione di checkpoint completata

Per gestire i checkpoint delle macchine virtuali

Per ripristinare uno stato precedentemente salvato di una macchina virtuale

Per eliminare un checkpoint

  1. Accedere al portale di gestione di Azure.
  2. Nella parte superiore della pagina di configurazione della macchina virtuale scegliere la scheda Immagini .
  3. Scegliere il checkpoint che si vuole eliminare e quindi fare clic su Elimina nella parte inferiore della pagina.

Arrestare la macchina virtuale

  1. In Esplora Server, scegliere la macchina virtuale che si vuole arrestare nel nodo Macchine virtuali di Azure .
  2. Nel menu di scelta rapida scegliere il comando Arresta oppure Configura per visualizzare la pagina di configurazione della macchina virtuale, quindi fare clic su Arresta.

Passaggi successivi

Per altre informazioni sulla creazione di macchine virtuali, vedere Creare una macchina virtuale che esegue Linux e Creare una macchina virtuale che esegue Windows nel portale di anteprima di Azure.