Argomenti

Gli argomenti in una chiamata di funzione hanno formato seguente:


expression  
(  
expression-list <SUB>opt</SUB> )  /* Function call */  

In una chiamata di funzione, expression-list è un elenco di espressioni (separate da virgole). I valori di queste ultime espressioni sono gli argomenti passati alla funzione. Se la funzione non accetta argomenti, expression-list deve includere la parola chiave void.

Un argomento può essere un qualsiasi valore con tipo di base, struttura, unione o puntatore. Tutti gli argomenti vengono passati per valore. Questo significa che una copia dell'argomento viene assegnata al parametro corrispondente. La funzione non conosce la posizione di memoria effettiva dell'argomento passato. La funzione utilizza questa copia senza influire sulla variabile da cui la copia è stata derivata in origine.

Sebbene non sia possibile passare matrici o funzioni come argomenti, è possibile passare puntatori a questi elementi. I puntatori consentono a una funzione di accedere a un valore per riferimento. Poiché un puntatore a una variabile contiene l'indirizzo della variabile stessa, la funzione può utilizzare questo indirizzo per accedere al valore della variabile. Gli argomenti del puntatore consentono a una funzione di accedere a matrici e funzioni, anche se matrici e funzioni non possono essere passate come argomenti.

L'ordine in cui gli argomenti vengono valutati può variare in base a compilatori e a livelli di ottimizzazione diversi. Gli argomenti e tutti gli effetti collaterali, tuttavia, vengono valutati completamente prima dell'inserimento della funzione. Per informazioni sugli effetti collaterali, vedere Effetti collaterali.

In una chiamata di funzione l'elenco expression-list viene valutato e le conversioni aritmetiche consuete vengono eseguite su ogni argomento della chiamata. Se un prototipo è disponibile, il tipo di argomento risultante viene confrontato con il parametro corrispondente del prototipo. Se non corrispondono, viene eseguita una conversione o viene generato un messaggio di diagnostica. Sui parametri è possibile eseguire anche le conversioni aritmetiche consuete.

Il numero di espressioni in expression-list deve corrispondere al numero di parametri, a meno che il prototipo o la definizione della funzione non specifichi in modo esplicito un numero variabile di argomenti. In questo caso, il compilatore controlla il numero di argomenti corrispondenti ai nomi di tipi nell'elenco di parametri e li converte, se necessario, come descritto in precedenza. Per altre informazioni, vedere Chiamate con un numero variabile di argomenti.

Se l'elenco di parametri del prototipo include solo la parola chiave void, il compilatore prevede zero argomenti nella chiamata di funzione e zero parametri nella definizione. Se vengono rilevati eventuali argomenti, viene generato un messaggio di diagnostica.

Esempio

In questo esempio vengono utilizzati puntatori come argomenti:

int main()  
{  
    /* Function prototype */  

    void swap( int *num1, int *num2 );  
    int x, y;  
    .  
    .  
    .  
    swap( &x, &y );  /* Function call */  
}  

/* Function definition */  

void swap( int *num1, int *num2 )  
{  
    int t;  

    t = *num1;  
    *num1 = *num2;  
    *num2 = t;  
}  

In questo esempio la funzione swap viene dichiarata in main in modo che abbia due argomenti, rappresentati rispettivamente dagli identificatori num1 e num2, costituiti entrambi da puntatori a valori int. I parametri num1 e num2 nella definizione in stile prototipo vengono dichiarati come puntatori a valori di tipo int.

Nella chiamata di funzione

swap( &x, &y )  

l'indirizzo di x viene archiviato in num1, mentre l'indirizzo di y viene archiviato in num2. Ora per la stessa posizione sono presenti due nomi, denominati anche alias. I riferimenti a *num1 e *num2 in swap sono effettivamente riferimenti a x e y in main. Le assegnazioni in swap scambiano effettivamente il contenuto di x e y. Di conseguenza, non è necessaria alcuna istruzione return.

Il compilatore esegue il controllo dei tipi sugli argomenti in relazione a swap poiché il prototipo swap include i tipi di argomento per ogni parametro. Gli identificatori tra parentesi del prototipo e della definizione possono essere uguali o diversi. L'aspetto importante è che i tipi degli argomenti corrispondano a quelli degli elenchi di parametri sia nel prototipo che nella definizione.

Vedere anche

Chiamate di funzione