Identificatori C

Gli "Identificatori" o i "simboli" sono i nomi forniti per variabili, tipi, funzioni ed etichette nel programma. I nomi degli identificatori devono essere diversi in ortografia e maiuscolo/minuscolo da tutte le parole chiave. Non è possibile utilizzare le parole chiave (C o Microsoft) come identificatori; sono riservate per un utilizzo speciale. Un identificatore viene creato specificandolo nella dichiarazione di una variabile, di un tipo o di una funzione. In questo esempio, result è un identificatore per una variabile intera e main e printf sono nomi degli identificatori per le funzioni.

#include <stdio.h>  

int main()  
{  
    int result;  

    if ( result != 0 )  
        printf_s( "Bad file handle\n" );  
}  

Una volta dichiarato, è possibile utilizzare l'identificatore nelle istruzioni di programma successive per fare riferimento al valore associato.

Un tipo speciale di identificatore, denominato etichetta istruzione, può essere utilizzato nelle istruzioni goto. Le dichiarazioni sono descritte in Dichiarazioni e tipi, le etichette istruzione sono descritte in Istruzioni goto e con etichetta.

Sintassi

identifier:
nondigit

identifier nondigit

identifier digit

nondigit: uno tra
_ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

digit: uno tra
0 1 2 3 4 5 6 7 8 9

Il primo carattere del nome dell'identificatore deve essere nondigit ovvero il primo carattere deve essere un carattere di sottolineatura o una lettera maiuscola o minuscola. ANSI consente sei caratteri significativi in un nome dell'identificatore esterno e 31 per i nomi degli identificatori interni (all'interno di una funzione). Gli identificatori esterni (quelli dichiarati in ambito globale o dichiarati con classe di archiviazione extern) possono essere soggetti a restrizioni di denominazione aggiuntive in quanto tali identificatori devono essere elaborati da software diverso come i linker.

Sezione specifica Microsoft

Sebbene ANSI consenta 6 caratteri significativi nei nomi degli identificatori esterni e 31 per i nomi degli identificatori interni (all'interno di una funzione), il compilatore C di Microsoft consente 247 caratteri nel nome dell'identificatore interno o esterno. Se la compatibilità con ANSI non costituisce un problema, è possibile modificare questa impostazione predefinita a un numero più piccolo o più grande utilizzando l'opzione /H (che limita la lunghezza dei nomi esterni).

Fine sezione specifica Microsoft

Il compilatore C considera lettere maiuscole e minuscole come caratteri distinti. Questa funzionalità, denominata "distinzione maiuscole/minuscole", consente di creare identificatori distinti che hanno la stessa ortografia ma maiuscole/minuscole differenti per una o più lettere. Ad esempio, ognuno dei seguenti identificatori è univoco:

add  
ADD  
Add  
aDD  

Sezione specifica Microsoft

Non selezionare nomi di identificatori che iniziano con due caratteri di sottolineatura o con un carattere di sottolineatura seguito da una maiuscola. Lo standard ANSI C consente che i nomi degli identificatori che iniziano con queste combinazioni di caratteri siano riservati all'utilizzo del compilatore. Gli identificatori con ambito a livello di file non devono essere anche denominati con un carattere di sottolineatura e una minuscola come prime due lettere. Anche i nomi degli identificatori che iniziano con questi caratteri sono riservati. Per convenzione, Microsoft utilizza un carattere di sottolineatura e una lettera maiuscola per avviare nomi macro e un doppio carattere di sottolineatura per nomi di parola chiave specifici di Microsoft. Per evitare eventuali conflitti di denominazione, selezionare sempre nomi dell'identificatore che non iniziano con uno o due caratteri di sottolineatura o nomi che iniziano con un carattere di sottolineatura seguito da una maiuscola.

Fine sezione specifica Microsoft

Di seguito sono riportati alcuni esempi di identificatori validi conformi alle limitazioni di denominazione specifiche di ANSI o Microsoft:

j  
count  
temp1  
top_of_page  
skip12  
LastNum  

Sezione specifica Microsoft

Sebbene gli identificatori in file di origine prevedano la distinzione tra maiuscole e minuscole per impostazione predefinita, i simboli nei file oggetto non la prevedono. Microsoft C esegue la distinzione tra maiuscole e minuscole per gli identificatori all'interno di un'unità di compilazione.

Per il linker di Microsoft viene applicata la distinzione tra maiuscole e minuscole. È necessario specificare tutti gli identificatori in modo coerente in base alla maiuscola/minuscola.

Il "set di caratteri di origine" è il set di caratteri validi che possono essere visualizzati in file di origine. Per Microsoft C, il set di origine è il set di caratteri ASCII standard. Il set di caratteri di origine e il set di caratteri di esecuzione includono i caratteri ASCII utilizzati come sequenze di escape. Per informazioni sul set di caratteri di esecuzione, vedere Costanti carattere C.

Fine sezione specifica Microsoft

Un identificatore ha un "ambito", che rappresenta l'area del programma in cui è noto, e un "collegamento", che determina se lo stesso nome in un altro ambito si riferisce allo stesso identificatore. Questi argomenti sono descritti in Durata, ambito, visibilità e collegamento.

Vedere anche

Elementi di C