Effetti collaterali

L'ordine di valutazione delle espressioni viene definito dall'implementazione specifica, ad eccezione di quando il linguaggio garantisce un particolare ordine di valutazione, come descritto in Precedenza e ordine di valutazione. Ad esempio, gli effetti collaterali si verificano nelle chiamate di funzione seguenti:

add( i + 1, i = j + 2 );  
myproc( getc(), getc() );  

Gli argomenti di una chiamata di funzione possono essere valutati in qualsiasi ordine. L'espressione i + 1 può essere valutata prima di i = j + 2 o i = j + 2 può essere valutata prima di i + 1. In ciascuno dei casi il risultato sarà differente. Ugualmente, non è possibile garantire quali i caratteri vengano effettivamente passati a myproc. Poiché operazioni di incrementi unario e di decremento includono assegnazioni, tali operazioni possono causare effetti collaterali, come illustrato nell'esempio seguente:

x[i] = i++;  

In questo esempio, il valore di x che viene modificato è imprevedibile. Il valore di indice potrebbe essere il valore nuovo o precedente di i. Il risultato può variare in base a compilatori o livelli di ottimizzazione diversi.

Poiché il linguaggio C non definisce l'ordine di valutazione degli effetti collaterali, entrambi i metodi di valutazione illustrati in precedenza sono corretti ed entrambi possono essere implementati. Per assicurarsi che il codice sia portabile e chiaro, evitare le istruzioni che dipendono da un particolare ordine di valutazione per gli effetti collaterali.

Vedere anche

Valutazione dell'espressione