Migrazione di Dynamics CRM (locale) a Dynamics 365

Microsoft fornisce le indicazioni per la migrazione del database Dynamics CRM (locale) a Dynamics 365 e Microsoft Dataverse. Forniamo istruzioni tramite strumenti e documentazione e l'esecuzione di attività di configurazione laddove applicabile e fattibile. Queste istruzioni sono disponibili per tutti i clienti idonei per i servizi di Dynamics 365 invitati a partecipare al programma.

I benefit del FastTrack Center includono le istruzioni per la migrazione dell'ambiente di origine a Dynamics 365 e Dataverse.

Nota

  • I dati migrati tramite i servizi FastTrack possono essere trasferiti, archiviati ed elaborati ovunque Microsoft gestisca strutture (ad eccezione dei casi in cui sia indicato diversamente in base allo specifico impegno con il servizio FastTrack). I servizi FastTrack non sono progettati o designati per dati soggetti a speciali requisiti normativi o legali.
  • Per poter eseguire la migrazione, la versione dell'ambiente di origine deve essere Dynamics CRM 2011, Dynamics CRM 2013, Dynamics CRM 2015 o Dynamics CRM 2016, mentre quella di SQL Server deve essere SQL Server 2008, SQL Server 2012, SQL Server 2014 o SQL Server 2016 e le versioni di Dynamics CRM e SQL Server devono essere conformi alle dichiarazioni di supportabilità documentate.
  • I problemi imprevisti (inclusi, a titolo esemplificativo, quelli relativi a elementi illeggibili o danneggiati nell'ambiente di origine) possono impedire la migrazione di alcuni elementi.
  • Il cliente ha la responsabilità della mitigazione o correzione di eventuali personalizzazioni non supportate o modifiche a livello di SQL Server che possano impedire la migrazione del database tramite questo metodo.

La tabella seguente elenca i comportamenti previsti per la migrazione nel tuo ambiente di origine esistente.

Attività Comportamento previsto dell'ambiente di origine
Migrazione di Dynamics 365 (online) Versioni di Dynamics CRM (locale) supportate: Dynamics CRM 2011, Dynamics CRM 2013, Dynamics CRM 2015, Dynamics CRM 2016.
Versioni di SQL Server supportate: SQL Server 2008, SQL Server 2012, SQL Server 2014, SQL Server 2016.
Le versioni di Dynamics CRM e SQL Server devono essere conformi alle dichiarazioni di supportabilità delle versioni documentate.
I dati di SQL Server devono essere inclusi solo in un file .mdf e un file .ldf.
Gli utenti appartengono a un unico dominio.
Altri prerequisiti relativi a SQL Server verranno applicati all'avvio del progetto di migrazione e possono essere gestiti nel corso della migrazione.

Migrazione a Microsoft Dataverse

Abilitare la migrazione

Se utilizzi Microsoft per la migrazione dei dati, possiamo fornire istruzioni per abilitare sia Microsoft Dataverse sia l'ambiente di origine per la migrazione. A seconda dell'origine, possiamo eseguire diversi passaggi di abilitazione. Forniamo istruzioni mediante una combinazione di strumenti e documentazione e l'esecuzione di attività di configurazione laddove applicabile e fattibile.

Devi fornire a Microsoft autorizzazioni di accesso appropriate per eseguire alcune attività.

Criteri e passaggi per la migrazione

  • Il coordinamento tecnico per la migrazione viene realizzato mediante strumenti ospitati nel portale Dynamics 365 Lifecycle Services. Microsoft metterà a tua disposizione il portale Dynamics 365 LifeCycle Services in conformità al contratto delle condizioni per l'utilizzo per sfruttare gli strumenti che facilitano il coordinamento del processo di migrazione.
  • Per tutte le migrazioni è necessario fornire le autorizzazioni di accesso appropriate all'ambiente di origine.

Stato finale

Lo stato finale previsto al termine di un batch di migrazione include:

  • La migrazione a Microsoft Dataverse dell'ambiente Dynamics CRM proveniente da origini idonee e adeguatamente programmate.
  • Un report di post-migrazione per l'ambiente di migrazione fornito da Microsoft.

Lo stato finale previsto dopo che tutte le migrazioni sono state completate include:

  • La migrazione dei dati da un'origine idonea a Microsoft Dataverse viene eseguita come illustrato nella tabella seguente.
  • Il tipo di dati di cui eseguire la migrazione dipende dall'ambiente di origine come descritto nella tabella seguente.
Ambiente di origine Tipo di migrazione Cosa viene migrato Cosa non viene migrato
Dynamics CRM (locale) Aggiornamento e migrazione Tutti i dati Gli utenti disabilitati non verranno migrati.
Proprietà Il codice di integrazione non viene migrato.
Condivisione Le integrazioni non vengono migrate.
Cronologia controlli Sincronizzazione con Outlook.
Metadati Sincronizzazione con Exchange.

Durante le migrazioni, Microsoft esegue le operazioni seguenti:

  • Conduce un workshop dettagliato sulla migrazione che descrive il processo e l'approccio adottati per lo scenario di migrazione selezionato.
  • Fornisce i prerequisiti per gli strumenti di valutazione e migrazione in base allo scenario selezionato.
  • Fornisce i prerequisiti per l'accesso del team di migrazione all'ambiente di origine e di destinazione ai fini della valutazione e della migrazione.
  • Mette a disposizione dei clienti il portale Dynamics 365 Lifecycle Services e lo strumento di migrazione da Dynamics CRM On-premises a Dynamics 365 Online in conformità alle condizioni per tale utilizzo.
  • Offre assistenza per l'utilizzo degli strumenti di valutazione e migrazione (ove applicabile).
  • Configura l'infrastruttura di migrazione in preparazione alla migrazione del contenuto (ove applicabile).
  • Esegue una migrazione di prova parziale per convalidare l'infrastruttura di migrazione e i prerequisiti obbligatori.
  • Esegue una migrazione pilota prima delle migrazione di produzione di CRM.
  • Fornisce istruzioni sulla pianificazione della migrazione per lo scenario selezionato.
  • Partecipa alla risoluzione dei problemi di migrazione e fornisce istruzioni sulle potenziali opzioni di correzione.
  • Fornisce un report finale per ciascuna migrazione.
  • Fornisce assistenza post-migrazione durante il test di accettazione utente fino a cinque giorni dopo il completamento della migrazione.

Durante le migrazioni sei tenuto ad effettuare le seguenti operazioni:

  • Fornire le risorse di progetto consigliate per le attività di valutazione e migrazione, tra cui:
    • Gestione dei progetti.
    • Test di accettazione utente.
    • Amministratori responsabili delle piattaforme di contenuto di origine e destinazione.
  • Fornire i prerequisiti dell'infrastruttura per le attività di valutazione e migrazione (se richiesto).
  • Fornire l'accesso e le autorizzazioni per gli ambienti di gestione temporanea e destinazione al personale di Microsoft per eseguire le attività di migrazione (se richiesto).
  • Completare le attività di raccolta dei dati per la valutazione (se applicabile).
  • Completare le attività di correzione descritte nel report delle correzioni fornito da FastTrack (se applicabile).
  • Fornire una pianificazione della migrazione utilizzando i modelli e le istruzioni di FastTrack.
  • Eseguire test di accettazione utente e controllo qualità sulla migrazione.
  • Effettuare attività di correzione post-migrazione (se applicabile).
  • Pianificare e implementare le comunicazioni all'utente e di gestione delle modifiche (se applicabile).
  • Amministrare e configurare tutte le modifiche apportate al sistema e ai dispositivi di origine necessarie per completare correttamente le attività di valutazione e migrazione.

Nota

Le migrazioni utilizzano esclusivamente account che soddisfano i requisiti di sicurezza definiti durante l'onboarding. Se non utilizzi tali account, potrebbero verificarsi ritardi nella migrazione.