Registrare manualmente i dispositivi con Windows Autopilot

Si applica a

  • Windows 10
  • Windows Holographic, versione 2004

Windows La registrazione dei dispositivi Autopilot può essere eseguita all'interno dell'organizzazione raccogliendo manualmente l'identità hardware dei dispositivi (hash hardware) e caricando queste informazioni in un file con valori delimitati da virgole (CSV). L'acquisizione dell'hash hardware per la registrazione manuale richiede l'avvio del dispositivo Windows 10. Questo processo è quindi destinato principalmente agli scenari di test e valutazione.

I proprietari dei dispositivi possono registrare i dispositivi solo con un hash hardware. Altri metodi (PKID, tupla) sono disponibili tramite OEM o partner CSP.

Questo articolo fornisce indicazioni dettagliate per eseguire la registrazione manuale. Per una panoramica della registrazione e della registrazione manuale, vedere gli argomenti seguenti:

Per altre informazioni sulla registrazione HoloLens 2 dispositivi con Windows Autopilot, vedere Windows Autopilot perHoloLens 2 .

Importante

In Windows 10, versione 1809 e versioni precedenti, è importante non connettere i dispositivi a Internet prima di acquisire l'hash hardware e creare un profilo di dispositivo Autopilot. Ciò include la raccolta dell'hash hardware, il caricamento del .CSV in MSfB o Intune, l'assegnazione del profilo e la conferma dell'assegnazione del profilo. La connessione del dispositivo a Internet prima del completamento di questo processo comporta il download di un profilo vuoto archiviato nel dispositivo fino a quando non viene rimosso esplicitamente. In Windows 10 versione 1809, è possibile cancellare il profilo memorizzato nella cache riavviando La configurazione del sistema operativo. Nelle versioni precedenti, l'unico modo per cancellare il profilo archiviato è quello di installare nuovamente il sistema operativo, ricreare l'immagine del PC o eseguire sysprep /generalize /oobe.

Dopo che Intune segnala che il profilo è pronto per l'uso, solo il dispositivo deve essere connesso a Internet.

Nota

Se la Configurazione guidata viene riavviata troppe volte, può entrare in modalità di ripristino e non eseguire la configurazione di Autopilot. È possibile identificare questo scenario se la Configurazione guidata visualizza più opzioni di configurazione nella stessa pagina, tra cui la lingua, l'area e il layout di tastiera. La normale procedura di OOBE visualizza ognuno di questi elementi in una pagina separata. La chiave del valore seguente tiene traccia del numero di tentativi di Configurazione fuori sistema:

HKCU\SOFTWARE \ Microsoft \ Windows \ CurrentVersion \ UserOOBE
Per assicurarsi che la procedura di OOBE non sia stata riavviata troppe volte, è possibile impostare questo valore su 1.

Prerequisiti

Autorizzazioni necessarie

La registrazione del dispositivo può essere eseguita da un amministratore di Intune o da Policy and Profile Manager. È anche possibile creare un ruolo di gestione dispositivi autopilot personalizzato usando il controllo degli accessi in base al ruolo e creando questo ruolo. La gestione dei dispositivi Autopilot richiede solo l'abilitazione di tutte le autorizzazioni in Programmi di registrazione , ad eccezione delle quattro opzioni di gestione dei token.

Raccolta dell'hash hardware dai dispositivi esistenti usando Microsoft Endpoint Configuration Manager

Microsoft Endpoint Configuration Manager raccoglie automaticamente gli hash hardware per i dispositivi Windows 10 esistenti. Per altre informazioni, vedere Raccogliere informazioni da Gestione configurazione per Windows Autopilot. È possibile estrarre le informazioni hash da Gestione configurazione in un file CSV.

Nota

Prima di caricare il file CSV in Intune, assicurarsi che la prima riga contenga il numero di serie del dispositivo, l Windows ID prodotto, l'hash hardware, il tag di gruppo e l'utente assegnato. Se nella parte superiore del file CSV sono presenti informazioni sull'intestazione, eliminare queste informazioni. Per informazioni dettagliate, vedere Registrare Windows dispositivi in Intune.

Raccolta dell'hash hardware dai dispositivi esistenti tramite PowerShell

L'hash hardware per un dispositivo esistente è disponibile tramite strumentazione di gestione Windows (WMI), purché il dispositivo ese in esecuzione una versione supportata di Windows 10 canale semestraale. È possibile usare uno script di PowerShell (Get-WindowsAutoPilotInfo.ps1) per ottenere l'hash hardware e il numero di serie di un dispositivo. Il numero di serie è utile per vedere rapidamente a quale dispositivo appartiene l'hash hardware.

Per usare questo script, è possibile usare uno dei metodi seguenti:

  • Scaricare il file script dal PowerShell Gallery ed eseguirlo in ogni computer.
  • Installare lo script direttamente dal PowerShell Gallery.

Per installarlo direttamente e acquisire l'hash hardware dal computer locale, usare i comandi seguenti da un prompt Windows PowerShell privilegi elevati:

New-Item -Type Directory -Path "C:\HWID"
Set-Location -Path "C:\HWID"
Set-ExecutionPolicy -Scope Process -ExecutionPolicy RemoteSigned
Install-Script -Name Get-WindowsAutoPilotInfo
Get-WindowsAutoPilotInfo -OutputFile AutoPilotHWID.csv

È possibile eseguire i comandi in modalità remota se si verificano entrambe le condizioni seguenti:

  • Sono state assegnate autorizzazioni WMI
  • WMI è accessibile tramite Windows firewall nel computer remoto.

Durante la configurazione guidata è anche possibile avviare il caricamento dell'hash hardware avviando un prompt dei comandi (MAIUSC+F10 al prompt di accesso) e usando i comandi seguenti.

Install-Script -name Get-WindowsAutopilotInfo -Force
Get-WindowsAutoPilotInfo -Online

A questo punto verrà richiesto di accedere, è sufficiente un account con il ruolo amministratore di Intune e l'hash del dispositivo verrà caricato automaticamente. Alla conferma dei dettagli dell'hash del dispositivo caricato, eseguire una sincronizzazione nell'interfaccia di amministrazione di Microsoft Endpoint Manager e attendere la visualizzazione del nuovo dispositivo. Quando il dispositivo viene visualizzato nell'elenco dei dispositivi e viene assegnato un profilo autopilot, il riavvio del dispositivo comporta l'esecuzione della configurazione automatica Windows processo di provisioning di Autopilot.

Nota: alla prima esecuzione verrà richiesto di approvare le autorizzazioni di registrazione dell'app necessarie.

Per altre informazioni sull'esecuzione dello script, vedere la Guida dello script Get-WindowsAutoPilotInfo usando "Get-Help Get-WindowsAutoPilotInfo".

Aggiungere dispositivi

Dopo aver acquisito gli hash hardware in un file CSV, è possibile aggiungere Windows dispositivi Autopilot importando il file CSV. Di seguito sono riportate le istruzioni per importare il file CSV con Intune:

  1. Nell'interfaccia di amministrazione di Microsoft Endpoint Manager scegliere Dispositivi > Windows > Registrazione Windows > Dispositivi (in Programma di distribuzione di Windows AutoPilot > Importa).

    Screenshot dei dispositivi di Windows Autopilot

  2. In Aggiungi dispositivi di Windows AutoPilot passare a un file con estensione csv che elenca i dispositivi che si vuole aggiungere. Il file CSV dovrebbe elencare:

    • Numeri di serie.
    • Windows ID prodotto.
    • Hash hardware.
    • Tag di gruppo facoltativi.
    • Utente assegnato facoltativo.

    È possibile avere fino a 500 righe nell'elenco. Il formato dell'intestazione e della riga è illustrato di seguito:

    Device Serial Number,Windows Product ID,Hardware Hash,Group Tag,Assigned User
    <serialNumber>,<ProductID>,<hardwareHash>,<optionalGroupTag>,<optionalAssignedUser>

    Screenshot dell'aggiunta dei dispositivi di Windows Autopilot

    Importante

    Quando si usa il caricamento CSV per assegnare un utente, assicurarsi di assegnare UPN validi. Se si assegna un UPN non valido (nome utente errato), il dispositivo potrebbe risultare inaccessibile fino a quando non si rimuove l'assegnazione non valida. Durante il caricamento CSV, l'unica convalida eseguita sulla colonna Utente assegnato consiste nel verificare la validità del nome di dominio. Non è possibile eseguire la convalida dei singoli UPN per assicurarsi che si stia assegnando un utente esistente o corretto.

    Nota

    Il file CSV importato nel portale di Intune deve essere formattato come descritto in precedenza. Le colonne aggiuntive non sono supportate. Le virgolette non sono supportate. È possibile usare solo file di testo in formato ANSI (non Unicode). Per le intestazioni viene fatto distinzione tra maiuscole e minuscole. La modifica del file in Excel e il salvataggio come file CSV non genereranno un file utilizzabile a causa di questi requisiti.

  3. Scegliere Importa per avviare l'importazione delle informazioni sui dispositivi. L'importazione può richiedere alcuni minuti.

  4. Al termine dell'importazione, scegliere Dispositivi > Windows > Registrazione Windows > Dispositivi (in Programma di distribuzione di Windows AutoPilot > Sincronizza). Viene visualizzato un messaggio che informa che è in corso la sincronizzazione. Il processo potrebbe richiedere alcuni minuti, a seconda di quanti dispositivi sono in corso di sincronizzazione.

  5. Aggiornare la vista per visualizzare i nuovi dispositivi.

Modificare gli attributi dei dispositivi Autopilot

Dopo aver caricato un dispositivo Autopilot, è possibile modificarne alcuni attributi.

  1. Nell'Microsoft Endpoint Manager di amministrazione selezionareDispositivi > Windows > Windows > dispositivi (in Windows Autopilot Deployment Program).
  2. Selezionare il dispositivo da modificare.
  3. Nel riquadro a destra della schermata è possibile modificare:
    • Nome del dispositivo.
    • Tag di gruppo.
    • Nome descrittivo (se è stato assegnato un utente).
  4. Selezionare Salva.

Nota

I nomi dei dispositivi possono essere configurati per tutti i dispositivi, ma vengono ignorati nelle distribuzioni aggiunte ad Azure AD ibrido. Il nome del dispositivo deriva comunque dal profilo di aggiunta al dominio per i dispositivi di Azure AD ibrido.

Eliminare dispositivi di AutoPilot

È possibile eliminare i dispositivi di Windows Autopilot non registrati in Intune:

  • Eliminare i dispositivi da Windows Autopilot in Dispositivi > Windows > Windows > dispositivi (in Programma Windows Autopilot Deployment). Scegliere i dispositivi da eliminare, quindi scegliere Elimina. L'eliminazione dei dispositivi di Windows Autopilot richiede alcuni minuti.

La rimozione completa di un dispositivo dal tenant richiede l'eliminazione dei record relativi a dispositivi di Intune, dispositivi di Azure Active Directory e dispositivi di Windows Autopilot. Queste eliminazioni possono essere eseguite tutte da Intune:

  1. Per prima cosa, eliminare i dispositivi Windows Autopilot in Dispositivi > Windows > Windows > dispositivi (in Windows Autopilot Deployment Program). Scegliere i dispositivi da eliminare, quindi scegliere Elimina. L'eliminazione dei dispositivi di Windows Autopilot richiede alcuni minuti.
  2. Se i dispositivi sono registrati in Intune, è necessario eliminarli dal pannello Intune Tutti i dispositivi.
  3. Eliminare i dispositivi di Azure Active Directory tramite Dispositivi > Dispositivi di Azure AD.

Passaggi successivi

Creare gruppi di dispositivi:i gruppi di dispositivi vengono usati per applicare i profili di distribuzione di Autopilot.