Add-IPAllowListProvider

Questo cmdlet è disponibile o efficace solo nei server Trasporto Edge in Exchange locale.

Usare il cmdlet Add-IPAllowListProvider per creare provider dell'elenco indirizzi IP consentiti utilizzati dall'agente filtro connessioni su server Trasporto Edge.

Per informazioni sui set di parametri nella sezione Sintassi, vedere Sintassi del cmdlet di Exchange.

Syntax

Add-IPAllowListProvider
   [-Name] <String>
   -LookupDomain <SmtpDomain>
   [-AnyMatch <Boolean>]
   [-BitmaskMatch <IPAddress>]
   [-Confirm]
   [-DomainController <Fqdn>]
   [-Enabled <Boolean>]
   [-IPAddressesMatch <MultiValuedProperty>]
   [-Priority <Int32>]
   [-WhatIf]
   [<CommonParameters>]

Description

Sui server Trasporto Edge, è necessario essere membri del gruppo di amministratori locale per eseguire questo cmdlet.

Examples

Esempio 1

Add-IPAllowListProvider -Name "Contoso.com Allow List" -LookupDomain allowlist.contoso.com -AnyMatch $true

In questo esempio viene aggiunto un nuovo provider dell'elenco indirizzi IP consentiti e viene configurato il filtro connessioni per gestire qualsiasi codice di stato di indirizzo IP restituito dal provider dell'elenco indirizzi IP consentiti come corrispondenza, e per consentire la connessione. L'utente ottiene il valore per il parametro LookupDomain dal provider dell'elenco di indirizzi consentiti.

Esempio 2

Add-IPAllowListProvider -Name "Fabrikam.com Allow List" -LookupDomain allowlist.fabrikam.com -BitmaskMatch 127.1.0.1

In questo esempio, viene aggiunto un provider dell'elenco indirizzi IP consentiti e configurato un valore della maschera di bit restituito dal provider. L'utente ottiene i valori per i parametri LookupDomain e BitmaskMatch dal provider dell'elenco di indirizzi consentiti.

Parameters

-AnyMatch

Il parametro AnyMatch specifica se le risposte dal provider dell'elenco di indirizzi consentiti vengono trattate come una corrispondenza. L'input valido per questo parametro è $true o $false. Il valore predefinito è $false. Quando questo parametro è impostato su $true e il filtro connessioni invia l'indirizzo IP del server SMTP di connessione al provider dell'elenco di indirizzi consentiti, i codici di risposta restituiti dal provider dell'elenco di indirizzi consentiti fa sì che il filtro connessioni consenta i messaggi da quell'origine.

Type:Boolean
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-BitmaskMatch

Il parametro BitmaskMatch specifica il codice di stato della maschera di bit restituito dal provider dell'elenco di indirizzi consentiti. Utilizzare questo parametro se il provider dell'elenco di indirizzi consentiti restituisce le risposte della maschera di bit. L'input valido per questo parametro è un singolo indirizzo IP nel formato 127.0.0.1.

Type:IPAddress
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-Confirm

L'opzione Confirm consente di specificare se visualizzare o nascondere la richiesta di conferma. L'impatto di questa opzione sul cmdlet dipende dalla richiesta di conferma del cmdlet prima di procedere.

  • I cmdlet distruttivi (ad esempio, i cmdlet Remove-*) dispongono di una pausa incorporata che impone all'utente di confermare il comando prima di procedere. Per questi cmdlet, è possibile ignorare la richiesta di conferma utilizzando l'esatta sintassi seguente: -Confirm:$false .
  • La maggior parte degli altri cmdlet (ad esempio, i cmdlet New-* e Set-*) non dispone di una pausa incorporata. Per questi cmdlet, specificando l'opzione Confirm senza un valore viene introdotta una pausa che impone all'utente di confermare il comando prima di procedere.
Type:SwitchParameter
Aliases:cf
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-DomainController

Il parametro DomainController consente di specificare il controller di dominio utilizzato da questo cmdlet per la lettura o la scrittura dei dati in Active Directory. Identificare il controller di dominio mediante il relativo nome di dominio completo (FQDN). Ad esempio, dc01.contoso.com.

Il parametro DomainController non è supportato sui server Trasporto Edge. Un server Trasporto Edge usa l'istanza locale di Active Directory Lightweight Directory Services (AD LDS) per leggere e scrivere i dati.

Type:Fqdn
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-Enabled

Il parametro Enabled specifica se il filtro connessioni utilizza questo provider dell'elenco di indirizzi IP consentiti. L'input valido per questo parametro è $true o $false. Il valore predefinito è $true. Per impostazione predefinita, il filtro connessioni utilizza nuovi provider di elenchi di indirizzi IP consentiti creati dall'utente.

Type:Boolean
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-IPAddressesMatch

Il parametro IPAddressesMatch consente di specificare i codici di stato dell'indirizzo IP restituiti dal provider dell'elenco Consenti. Utilizzare questo parametro se il provider dell'elenco Consenti restituisce l'indirizzo IP o le risposte A un record. Input valido per questo parametro uno o più indirizzi IP nel formato 127.0.0.1. È possibile immettere più indirizzi IP separati da virgole.

Type:MultiValuedProperty
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-LookupDomain

Il parametro LookupDomain specifica il nome host necessario per utilizzare il provider elenco indirizzi consentiti. Il filtro connessioni invia l'indirizzo IP del server SMTP di connessione al valore del nome host specificato. Un valore di esempio è allowlist.spamservice.com. Il valore effettivo necessario da utilizzare viene fornito dal provider elenco indirizzi consentiti.

Type:SmtpDomain
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-Nome

Il parametro Name consente di specificare il nome del provider dell'elenco indirizzi IP consentiti.

Type:String
Position:1
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-Priority

Il parametro Priority indica l'ordine in cui l'agente Filtro connessioni esegue una query nei provider Elenco indirizzi IP consentiti configurati. Un valore intero di priorità inferiore indica una priorità più alta. Per impostazione predefinita, ogni volta che si aggiunge un nuovo provider dell'elenco indirizzi IP consentiti, alla voce viene assegnata una priorità pari a N+1, dove N corrisponde al numero di provider dell'elenco indirizzi IP consentiti configurati.

Se s'imposta il parametro Priority con un valore uguale ad un altro servizio provider elenco indirizzi IP consentiti, la priorità del servizio provider elenco indirizzi IP consentiti aggiunto per primo viene incrementata di 1.

Type:Int32
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-WhatIf

L'opzione WhatIf consente di simulare le azioni del comando. È possibile utilizzare tale opzione per visualizzare le modifiche che verrebbero applicate senza effettivamente applicarle. Con questa opzione non è necessario specificare alcun valore.

Type:SwitchParameter
Aliases:wi
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019

Inputs

Per verificare i tipi di input accettati da questo cmdlet, vedere Tipi di input e output dei cmdlet. Se il campo relativo al tipo di input di un cmdlet è vuoto, il cmdlet non accetta dati di input.

Outputs

Per verificare i tipi restituiti, detti anche tipi di output, accettati da questo cmdlet, vedere Tipi di input e output dei cmdlet. Se il campo relativo al tipo di output è vuoto, il cmdlet non restituisce dati.