Dump-ProvisioningCache

Questo cmdlet è disponibile solo in Exchange locale.

Utilizzare il cmdlet Dump-ProvisioningCache per restituire un elenco delle chiavi e dei valori memorizzati nella cache per il server e l'applicazione di Windows PowerShell specificati.

Per informazioni sui set di parametri nella sezione Sintassi, vedere Sintassi del cmdlet di Exchange.

Sintassi

Dump-ProvisioningCache
    [-Server] <Fqdn>
    -Application <String>
    [-GlobalCache]
    [-CacheKeys <MultiValuedProperty>]
    [-Confirm]
    [-WhatIf]
    [<CommonParameters>]
Dump-ProvisioningCache
    [-Server] <Fqdn>
    -Application <String>
    [-CurrentOrganization]
    [-Organizations <MultiValuedProperty>]
    [-CacheKeys <MultiValuedProperty>]
    [-Confirm]
    [-WhatIf]
    [<CommonParameters>]

Descrizione

Il cmdlet Dump-ProvisioningCache consente di eseguire operazioni di diagnostica e viene utilizzato raramente. Gli amministratori di Exchange o il personale del supporto tecnico Microsoft potrebbe essere necessario eseguire questo cmdlet per risolvere i problemi risultanti da collegamenti non corretti o da proprietà contrassegnate su destinatari appena provisionati, che possono essere causati da dati non aggiornati nella cache di provisioning.

Il cmdlet Dump-ProvisioningCache Visualizza un elenco delle chiavi di cache di provisioning di Windows PowerShell. Utilizzare i valori di queste chiavi con il cmdlet Reset-ProvisioningCache per reimpostare i dati nella cache di provisioning.

È necessario disporre delle autorizzazioni prima di poter eseguire questo cmdlet. Sebbene in questo argomento vengano elencati tutti i parametri relativi al cmdlet, si potrebbe non avere accesso ad alcuni di essi qualora non siano inclusi nelle autorizzazioni assegnate. Per individuare le autorizzazioni necessarie per eseguire cmdlet o parametri nell'organizzazione, vedere Trovare le autorizzazioni necessarie per eseguire i cmdlet di Exchange.

Esempio

Esempio 1

Dump-ProvisioningCache -Server EXSRV1.contoso.com -Application Powershell-Proxy -GlobalCache

In questo esempio vengono visualizzate tutte le chiavi della cache per il server e l'applicazione di Windows PowerShell specificati.

Parametri

-Applicazione

Il parametro Application consente di specificare l'applicazione amministrativa per cui azzerare la cache di provisioning. È possibile utilizzare i seguenti valori:

  • PowerShell
  • Powershell-LiveId
  • Powershell-Proxy
  • PowershellLiveId-Proxy
  • ECP
  • Psws
Type:String
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-CacheKeys

Il parametro CacheKeys consente di specificare il valore per la chiave della cache da cancellare. Il formato per i valori deve contenere 32 cifre separate da quattro trattini: xxxxxxxx-xxxx-xxxx-xxxx-xxxxxxxxxxxx

Utilizzare il cmdlet Dump-ProvisioningCache per restituire un elenco di chiavi della cache.

Type:MultiValuedProperty
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-Confirm

L'opzione Confirm consente di specificare se visualizzare o nascondere la richiesta di conferma. L'impatto di questa opzione sul cmdlet dipende dalla richiesta di conferma del cmdlet prima di procedere.

  • I cmdlet distruttivi (ad esempio, i cmdlet Remove-*) dispongono di una pausa incorporata che impone all'utente di confermare il comando prima di procedere. Per questi cmdlet, è possibile ignorare la richiesta di conferma utilizzando l'esatta sintassi seguente: -Confirm:$false .
  • La maggior parte degli altri cmdlet (ad esempio, i cmdlet New-* e Set-*) non dispone di una pausa incorporata. Per questi cmdlet, specificando l'opzione Confirm senza un valore viene introdotta una pausa che impone all'utente di confermare il comando prima di procedere.
Type:SwitchParameter
Aliases:cf
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-CurrentOrganization

L'opzione CurrentOrganization consente di specificare che la cache di provisioning deve essere azzerata per questa organizzazione.

Type:SwitchParameter
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-GlobalCache

L'opzione GlobalCache consente di specificare che devono essere cancellate tutte le chiavi della cache.

Type:SwitchParameter
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-Organizzazioni

Il parametro Organizations consente di specificare le organizzazioni per cui azzerare la cache di provisioning. Questo parametro è utilizzato nelle distribuzioni multi-tenant.

Type:MultiValuedProperty
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-Server

Il parametro Server consente di specificare il nome di dominio completo del server su cui è in esecuzione l'applicazione da reimpostare.

Type:Fqdn
Position:1
Default value:None
Accept pipeline input:True
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-WhatIf

L'opzione WhatIf consente di simulare le azioni del comando. È possibile utilizzare tale opzione per visualizzare le modifiche che verrebbero applicate senza effettivamente applicarle. Con questa opzione non è necessario specificare alcun valore.

Type:SwitchParameter
Aliases:wi
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019

Input

Per verificare i tipi di input accettati da questo cmdlet, vedere Tipi di input e output dei cmdlet. Se il campo relativo al tipo di input di un cmdlet è vuoto, il cmdlet non accetta dati di input.

Output

Per verificare i tipi restituiti, detti anche tipi di output, accettati da questo cmdlet, vedere Tipi di input e output dei cmdlet. Se il campo relativo al tipo di output è vuoto, il cmdlet non restituisce dati.