Get-ActiveSyncDevice

Questo cmdlet è disponibile in Exchange locale e nel servizio basato su cloud. Alcuni parametri e impostazioni possono essere esclusivi di singoli ambienti.

Utilizzare il cmdlet Get-ActiveSyncDevice per recuperare l'elenco dei dispositivi dell'organizzazione con Exchange ActiveSync partnership attive.

Nota: in Exchange 2013 o versioni successive, utilizzare il cmdlet Get-MobileDevice. Se hai script che usano Get-ActiveSyncDevice, aggiornali per usare Get-MobileDevice.

Per informazioni sui set di parametri nella sezione Sintassi, vedere Sintassi del cmdlet di Exchange.

Sintassi

Get-ActiveSyncDevice
   -Mailbox <MailboxIdParameter>
   [-DomainController <Fqdn>]
   [-Filter <String>]
   [-OrganizationalUnit <OrganizationalUnitIdParameter>]
   [-ResultSize <Unlimited>]
   [-SortBy <String>]
   [-Monitoring]
   [<CommonParameters>]
Get-ActiveSyncDevice
   [[-Identity] <ActiveSyncDeviceIdParameter>]
   [-DomainController <Fqdn>]
   [-Filter <String>]
   [-OrganizationalUnit <OrganizationalUnitIdParameter>]
   [-ResultSize <Unlimited>]
   [-SortBy <String>]
   [-Monitoring]
   [<CommonParameters>]

Descrizione

Il cmdlet Get-ActiveSyncDevice restituisce informazioni di identificazione, configurazione e stato per ogni dispositivo.

È necessario disporre delle autorizzazioni prima di poter eseguire questo cmdlet. Sebbene in questo argomento vengano elencati tutti i parametri relativi al cmdlet, si potrebbe non avere accesso ad alcuni di essi qualora non siano inclusi nelle autorizzazioni assegnate. Per individuare le autorizzazioni necessarie per eseguire cmdlet o parametri nell'organizzazione, vedere Trovare le autorizzazioni necessarie per eseguire i cmdlet di Exchange.

Esempio

Esempio 1

Get-ActiveSyncDevice -Mailbox "TonySmith"

In questo esempio vengono restituiti Exchange ActiveSync dispositivi mobili utilizzati da Tony Smith e associati alla cassetta postale.

Esempio 2

Get-ActiveSyncDevice -ResultSize Unlimited | Where {$_.DeviceOS -eq "OutlookBasicAuth"} | Format-Table -Auto UserDisplayName,DeviceAccessState

In questo esempio vengono restituiti i nomi dei proprietari di Exchange ActiveSync dispositivi mobili che si connettono tramite l'app Outlook Mobile usando l'autenticazione di base.

Esempio 3

Get-ActiveSyncDevice -ResultSize Unlimited | Where {$_.DeviceType -eq "OutlookService"} | Format-Table -Auto UserDisplayName,FirstSyncTime

In questo esempio vengono restituiti i nomi dei proprietari di tutte Outlook per dispositivi mobili sincronizzate tramite l'autenticazione moderna ibrida.

Parametri

-DomainController

Questo parametro è disponibile solo in Exchange locale.

Il parametro DomainController consente di specificare il controller di dominio utilizzato da questo cmdlet per la lettura o la scrittura dei dati in Active Directory. Identificare il controller di dominio mediante il relativo nome di dominio completo (FQDN). Ad esempio, dc01.contoso.com.

Type:Fqdn
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-Filter

Il parametro Filter utilizza la sintassi OPath per filtrare i risultati in base alle proprietà e ai valori specificati. I criteri di ricerca utilizzano la sintassi "Property -ComparisonOperator 'Value'" .

  • Racchiudere l'intero filtro OPath tra virgolette doppie " ". Se il filtro contiene valori di sistema , ad esempio , o , utilizzare le virgolette singole $true $false ' $null '. Anche se questo parametro è una stringa (non un blocco di sistema), è anche possibile utilizzare le parentesi graffe { }, ma solo se il filtro non contiene variabili.
  • La proprietà è una proprietà filtrabile.
  • ComparisonOperator è un operatore di confronto OPath,ad esempio per -eq equals e -like per il confronto tra stringhe. Per ulteriori informazioni sugli operatori di confronto, vedere about_Comparison_Operators.
  • Value è il valore della proprietà da cercare. Racchiudere i valori di testo e le variabili tra virgolette singole ( 'Value' o '$Variable' ). Se un valore di variabile contiene virgolette singole, è necessario identificare (escape) le virgolette singole per espandere correttamente la variabile. Ad esempio, anziché '$User' , utilizzare '$($User -Replace "'","''")' . Non racchiudere valori interi o di sistema ( ad 500 esempio, $true , , o $false $null ).

È possibile concatenare più criteri di ricerca utilizzando gli operatori logici -and e -or . Ad esempio, "Criteria1 -and Criteria2" o "(Criteria1 -and Criteria2) -or Criteria3" .

Per informazioni dettagliate sui filtri OPath in Exchange, vedere Additional OPATH syntax information.

È possibile filtrare in base alle seguenti proprietà:

  • ClientType
  • DeviceAccessControlRule
  • DeviceAccessState
  • DeviceAccessStateReason
  • DeviceActiveSyncVersion
  • DeviceId
  • DeviceImei
  • DeviceMobileOperator
  • DeviceModel
  • DeviceOS
  • DeviceOSLanguage
  • DeviceTelephoneNumber
  • DeviceType
  • DeviceUserAgent
  • FirstSyncTime
  • FriendlyName
  • ProvisioningFlags
  • UserDisplayName
Type:String
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019, Exchange Online
-Identity

Il parametro Identity consente di specificare il dispositivo ActiveSync che si desidera visualizzare. È possibile utilizzare qualsiasi valore che identifichi il dispositivo in maniera univoca. Ad esempio:

  • GUID
  • DeviceIdentity
  • Multi-TenantID
Type:ActiveSyncDeviceIdParameter
Position:1
Default value:None
Accept pipeline input:True
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019, Exchange Online
-Mailbox

Il parametro Mailbox consente di specificare la cassetta postale a cui è associato il dispositivo ActiveSync che si desidera visualizzare. È possibile utilizzare qualsiasi valore che identifichi la cassetta postale in modo univoco. Ad esempio:

  • Nome
  • Alias
  • Nome distinto (DN)
  • Nome distinto (DN)
  • Dominio\Nome utente
  • Indirizzo di posta elettronica
  • GUID
  • LegacyExchangeDN
  • SamAccountName
  • ID utente o Nome entità utente (UPN)
Type:MailboxIdParameter
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:True
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019, Exchange Online
-Monitoring

Questo parametro è disponibile solo in Exchange locale.

L'opzione Monitoring è necessaria per restituire le cassette postali di monitoraggio nei risultati. Con questa opzione non è necessario specificare alcun valore.

Le cassette postali di monitoraggio sono associate alla disponibilità gestita e al Exchange Health Manager e hanno un valore della proprietà RecipientTypeDetails pari a MonitoringMailbox.

Type:SwitchParameter
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019
-OrganizationalUnit

Il parametro OrganizationalUnit consente di filtrare i risultati in base alla posizione dell'oggetto in Active Directory. Vengono restituiti solo gli oggetti presenti nella posizione specificata. L'input valido per questo parametro è un'unità organizzativa (OU) o un dominio restituito dal cmdlet Get-OrganizationalUnit. È possibile utilizzare qualsiasi valore che identifichi l'unità organizzativa o il dominio in modo univoco. Ad esempio:

  • Nome
  • Nome
  • Nome distinto (DN)
  • GUID
Type:OrganizationalUnitIdParameter
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019, Exchange Online
-ResultSize

Il parametro ResultSize consente di specificare il numero massimo di risultati da restituire. Se si desidera restituire tutte le richieste che soddisfano la query, utilizzare il valore unlimited per questo parametro. Il valore predefinito è 1000.

Type:Unlimited
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019, Exchange Online
-SortBy

Il parametro SortBy consente di specificare la proprietà in base a cui ordinare i risultati. È possibile ordinare in base a una sola proprietà alla volta. I risultati vengono visualizzati in ordine crescente.

Se la visualizzazione predefinita non include la proprietà in base a cui si sta ordinando, è possibile aggiungere il comando con | Format-Table -Auto Property1,Property2,...PropertyX . per creare una nuova visualizzazione contenente tutte le proprietà che si desidera visualizzare. Sono supportati i caratteri jolly ( ) nei * nomi delle proprietà.

È possibile eseguire l'ordinamento in base alle seguenti proprietà:

  • DeviceAccessControlRule
  • DeviceAccessState
  • DeviceAccessStateReason
  • DeviceId
  • DeviceImei
  • DeviceMobileOperator
  • DeviceModel
  • DeviceOS
  • DeviceOSLanguage
  • DeviceTelephoneNumber
  • DeviceType
  • DeviceUserAgent
  • FirstSyncTime
  • FriendlyName
  • UserDisplayName
Type:String
Position:Named
Default value:None
Accept pipeline input:False
Accept wildcard characters:False
Applies to:Exchange Server 2010, Exchange Server 2013, Exchange Server 2016, Exchange Server 2019, Exchange Online

Input

Per verificare i tipi di input accettati da questo cmdlet, vedere Tipi di input e output dei cmdlet. Se il campo relativo al tipo di input di un cmdlet è vuoto, il cmdlet non accetta dati di input.

Output

Per verificare i tipi restituiti, detti anche tipi di output, accettati da questo cmdlet, vedere Tipi di input e output dei cmdlet. Se il campo relativo al tipo di output è vuoto, il cmdlet non restituisce dati.