Servizio di pull DSC (Desired State Configuration)Desired State Configuration Pull Service

Importante

Il server di pull (funzionalità di Windows servizio DSC ) è un componente supportato di Windows Server, tuttavia non si prevede di offrire nuove caratteristiche o funzionalità.The Pull Server (Windows Feature DSC-Service ) is a supported component of Windows Server however there are no plans to offer new features or capabilities. È consigliabile avviare la transizione dei client gestiti ad Automation DSC per Azure (include funzionalità superiori al server di pull in Windows Server) o a una delle soluzioni della community riportate qui.It is recommended to begin transitioning managed clients to Azure Automation DSC (includes features beyond Pull Server on Windows Server) or one of the community solutions listed here.

Gestione configurazione locale può essere gestito a livello centralizzato da una soluzione servizio di pull.Local Configuration Manager (LCM) can be centrally managed by a Pull Service solution. Con questo approccio, il nodo gestito viene registrato con un servizio e gli viene assegnata una configurazione nelle impostazioni di Gestione configurazione locale.When using this approach, the node that is being managed is registered with a service and assigned a configuration in LCM settings. La configurazione e tutte le risorse DSC necessarie come dipendenze per la configurazione vengono scaricate nel computer e usate da Gestione configurazione locale per gestire la configurazione.The configuration and all DSC resources needed as dependencies for the configuration are downloaded to the machine and used by LCM to manage the configuration. Nel servizio vengono caricate informazioni sullo stato del computer gestito per la creazione di report.Information about the state of the machine being managed is uploaded to the service for reporting. Questo concetto è noto come "servizio di pull".This concept is referred to as "pull service".

Le opzioni correnti per il servizio di pull includono:The current options for pull service include:

  • Servizio DSC (Desired State Configuration) di Automazione di AzureAzure Automation Desired State Configuration service
  • Un servizio di pull in esecuzione in Windows ServerA pull service running on Windows Server
  • Soluzioni open source gestite dalla communityCommunity maintained open-source solutions
  • Una condivisione SMBAn SMB share

La scalabilità consigliata per ogni soluzione è la seguente:The recommended scale for each solution is as follows:

SoluzioneSolution Nodi clientClient nodes
Server di pull Windows con database MDB/ESENTWindows Pull Server using MDB/ESENT database Fino a 500 nodiUp to 500 nodes
Server di pull Windows con database SQLWindows Pull Server using SQL database Fino a 3500 nodiUp to 3500 nodes
Automation DSC per AzureAzure Automation DSC Ambienti di piccole e grandi dimensioniBoth small and large environments

La soluzione consigliata , e l'opzione con il maggior numero di funzionalità disponibili, è Automation DSC di Azure.The recommended solution , and the option with the most features available, is Azure Automation DSC. Non è stato identificato un limite massimo del numero di nodi per l'account di Automazione.An upper limit for number of nodes per Automation Account has not been identified.

Il servizio di Azure può gestire i nodi in locale nei data center privati o in cloud pubblici, come Azure e AWS.The Azure service can manage nodes on-premises in private datacenters, or in public clouds such as Azure and AWS. Per gli ambienti privati in cui i server non possono connettersi direttamente a Internet, è consigliabile limitare il traffico in uscita esclusivamente all'intervallo di indirizzi IP di Azure pubblicato (vedere gli intervalli di indirizzi IP dei data center di Azure).For private environments where servers cannot directly connect to the Internet, consider limiting outbound traffic to only the published Azure IP range (see Azure Datacenter IP Ranges).

Le funzionalità del servizio online che non sono attualmente disponibili nel servizio di pull in Windows Server includono:Features of the online service that are not currently available in the pull service on Windows Server include:

  • Tutti i dati vengono crittografati in transito e quando inattiviAll data is encrypted in transit and at rest
  • I certificati client vengono creati e gestiti automaticamenteClient certificates are created and managed automatically
  • Archivio dei segreti per la gestione centralizzata di password/credenziali o variabili come nomi dei server o stringhe di connessioneSecrets store for centrally managing passwords/credentials, or variables such as server names or connection strings
  • Gestione centralizzata della configurazione di Gestione configurazione locale del nodoCentrally manage node LCM configuration
  • Assegnazione centralizzata delle configurazioni ai nodi clientCentrally assign configurations to client nodes
  • Rilascio delle modifiche di configurazione a "gruppi canary" per i test prima della distribuzione in ambiente di produzioneRelease configuration changes to "canary groups" for testing before reaching production
  • Creazione di report graficiGraphical reporting
    • Dettagli sullo stato al livello di granularità delle risorse DSCStatus detail at the DSC resource level of granularity
    • Messaggi di errore dettagliati dai computer client per la risoluzione dei problemiVerbose error messages from client machines for troubleshooting
  • Integrazione con Azure Log Analytics per gli avvisi, attività automatizzate, app Android o iOS per report e avvisiIntegration with Azure Log Analytics for alerting, automated tasks, Android/iOS app for reporting and alerting

Servizio di pull DSC in Windows Server 2016DSC pull service in Windows Server

È possibile configurare un servizio di pull per l'esecuzione in Windows Server.It is possible to configure a pull service to run on Windows Server. Si noti che la soluzione di servizio di pull inclusa in Windows Server contiene solo le funzionalità di archiviazione di configurazioni e moduli per il download e di acquisizione di dati di report in un database.Be advised that the pull service solution included in Windows Server includes only capabilities of storing configurations and modules for download and capturing report data into a database. Non include molte delle funzionalità offerte dal servizio in Azure e pertanto non rappresenta uno strumento ottimale per la valutazione delle modalità d'uso del servizio.It does not include many of the capabilities offered by the service in Azure and so, is not a good tool for evaluating how the service would be used.

Il servizio di pull offerto in Windows Server è un servizio Web in IIS che usa un'interfaccia OData per rendere i file di configurazione DSC disponibili ai nodi di destinazione quando questi li richiedono.The pull service offered in Windows Server is a web service in IIS that uses an OData interface to make DSC configuration files available to target nodes when those nodes ask for them.

Requisiti per l'uso di un server di pull:Requirements for using a pull server:

  • Un server che esegue:A server running:
    • WMF/PowerShell 4.0 o versioni successiveWMF/PowerShell 4.0 or greater
    • Ruolo del server IISIIS server role
    • Servizio DSCDSC Service
  • Idealmente, uno strumento per la generazione di un certificato, per proteggere le credenziali passate a Gestione configurazione locale nei nodi di destinazioneIdeally, some means of generating a certificate, to secure credentials passed to the Local Configuration Manager (LCM) on target nodes

Il modo migliore per configurare Windows Server per ospitare un servizio di pull consiste nell'usare una configurazione DSC.The best way to configure Windows Server to host pull service is to use a DSC configuration. Di seguito è disponibile un esempio di script.An example script is provided below.

Sistemi di database supportatiSupported database systems

WMF 4.0WMF 4.0 WMF 5.0WMF 5.0 WMF 5.1WMF 5.1 WMF 5.1 (Windows Server Insider Preview 17090)WMF 5.1 (Windows Server Insider Preview 17090)
MDBMDB ESENT (predefinito), MDBESENT (Default), MDB ESENT (predefinito), MDBESENT (Default), MDB ESENT (predefinito), SQL Server, MDBESENT (Default), SQL Server, MDB

A partire dalla versione 17090 di Windows Server, SQL Server è un'opzione supportata per il servizio di pull (funzionalità di Windows servizio DSC ).Starting in release 17090 of Windows Server, SQL Server is a supported option for the Pull Service (Windows Feature DSC-Service ). In questo modo si rende disponibile una nuova opzione per il ridimensionamento di ambienti DSC di grandi dimensioni che non sono stati migrati ad Automation DSC per Azure.This provides a new option for scaling large DSC environments that have not migrated to Azure Automation DSC.

Nota

il supporto per SQL Server non verrà aggiunto alle versioni precedenti di WMF 5.1 (o versioni precedenti) e sarà disponibile solo nelle versioni di Windows Server maggiori o uguali alla 17090.SQL Server support will not be added to previous versions of WMF 5.1 (or earlier) and will only be available on Windows Server versions greater than or equal to 17090.

Per configurare il server di pull per l'uso di SQL Server, impostare SqlProvider su $true e SqlConnectionString su una stringa di connessione di SQL Server valida.To configure the pull server to use SQL Server, set SqlProvider to $true and SqlConnectionString to a valid SQL Server Connection String. Per altre informazioni, vedere Stringhe di connessione SqlClient.For more information, see SqlClient Connection Strings. Per un esempio di configurazione di SQL Server con xDscWebService , leggere prima Uso della risorsa xDscWebService e quindi vedere Sample_xDscWebServiceRegistration_UseSQLProvider.ps1 in GitHub.For an example of SQL Server configuration with xDscWebService , first read Using the xDscWebService resource and then review Sample_xDscWebServiceRegistration_UseSQLProvider.ps1 on GitHub.

Uso della risorsa xDscWebServiceUsing the xDscWebService resource

Il metodo più semplice per configurare un server di pull Web consiste nell'usare la risorsa xDscWebService , inclusa nel modulo xPSDesiredStateConfiguration.The easiest way to set up a web pull server is to use the xDscWebService resource, included in the xPSDesiredStateConfiguration module. La procedura seguente descrive come usare la risorsa in un oggetto Configuration che imposta il servizio Web.The following steps explain how to use the resource in a Configuration that sets up the web service.

  1. Chiamare il cmdlet Install-Module per installare il modulo xPSDesiredStateConfiguration.Call the Install-Module cmdlet to install the xPSDesiredStateConfiguration module.

    Nota

    Il cmdlet Install-Module è incluso nel modulo PowerShellGet , disponibile in PowerShell 5.0 o versioni successive.Install-Module is included in the PowerShellGet module, which is included in PowerShell 5.0 and higher.

  2. Ottenere un certificato SSL per il server di pull DSC da un'Autorità di certificazione attendibile, all'interno dell'organizzazione o pubblica.Get an SSL certificate for the DSC Pull server from a trusted Certificate Authority, either within your organization or a public authority. Il certificato ricevuto dall'autorità è in genere in formato PFX.The certificate received from the authority is usually in the PFX format.

  3. Installare il certificato nel nodo che diventerà il server di pull DSC nel percorso predefinito, ossia CERT:\LocalMachine\My.Install the certificate on the node that will become the DSC Pull server in the default location, which should be CERT:\LocalMachine\My.

    • Prendere nota dell'identificazione personale del certificato.Make a note of the certificate thumbprint.
  4. Selezionare un GUID da usare come chiave di registrazione.Select a GUID to be used as the Registration Key. Per generarne uno tramite PowerShell, immettere quanto segue al prompt di PowerShell e premere INVIO: [guid]::newGuid() oppure New-Guid.To generate one using PowerShell enter the following at the PS prompt and press enter: [guid]::newGuid() or New-Guid. Questa chiave verrà usata dai nodi client come chiave condivisa per l'autenticazione durante la registrazione.This key will be used by client nodes as a shared key to authenticate during registration. Per altre informazioni, vedere la sezione Chiave di registrazione di seguito.For more information, see the Registration Key section below.

  5. In PowerShell ISE avviare ( F5) lo script di configurazione seguente, incluso nella cartella del modulo xPSDesiredStateConfiguration come Sample_xDscWebServiceRegistration.ps1.In the PowerShell ISE, start ( F5) the following configuration script (included in the folder of the xPSDesiredStateConfiguration module as Sample_xDscWebServiceRegistration.ps1) . Questo script configura il server di pull.This script sets up the pull server.

    configuration Sample_xDscWebServiceRegistration
    {
        param
        (
            [string[]]$NodeName = 'localhost',
    
            [ValidateNotNullOrEmpty()]
            [string] $certificateThumbPrint,
    
            [Parameter(HelpMessage='This should be a string with enough entropy (randomness) to protect the registration of clients to the pull server.  We will use new GUID by default.')]
            [ValidateNotNullOrEmpty()]
            [string] $RegistrationKey   # A guid that clients use to initiate conversation with pull server
        )
    
        Import-DSCResource -ModuleName PSDesiredStateConfiguration
        Import-DSCResource -ModuleName xPSDesiredStateConfiguration
    
        Node $NodeName
        {
            WindowsFeature DSCServiceFeature
            {
                Ensure = "Present"
                Name   = "DSC-Service"
            }
    
            xDscWebService PSDSCPullServer
            {
                Ensure                  = "Present"
                EndpointName            = "PSDSCPullServer"
                Port                    = 8080
                PhysicalPath            = "$env:SystemDrive\inetpub\PSDSCPullServer"
                CertificateThumbPrint   = $certificateThumbPrint
                ModulePath              = "$env:PROGRAMFILES\WindowsPowerShell\DscService\Modules"
                ConfigurationPath       = "$env:PROGRAMFILES\WindowsPowerShell\DscService\Configuration"
                State                   = "Started"
                DependsOn               = "[WindowsFeature]DSCServiceFeature"
                RegistrationKeyPath     = "$env:PROGRAMFILES\WindowsPowerShell\DscService"
                AcceptSelfSignedCertificates = $true
                UseSecurityBestPractices     = $true
                Enable32BitAppOnWin64   = $false
            }
    
            File RegistrationKeyFile
            {
                Ensure          = 'Present'
                Type            = 'File'
                DestinationPath = "$env:ProgramFiles\WindowsPowerShell\DscService\RegistrationKeys.txt"
                Contents        = $RegistrationKey
            }
        }
    }
    
  6. Eseguire la configurazione, passando l'identificazione personale del certificato SSL come parametro certificateThumbPrint e una chiave di registrazione GUID come parametro RegistrationKey :Run the configuration, passing the thumbprint of the SSL certificate as the certificateThumbPrint parameter and a GUID registration key as the RegistrationKey parameter:

    # To find the Thumbprint for an installed SSL certificate for use with the pull server list all
    # certificates in your local store and then copy the thumbprint for the appropriate certificate
    # by     reviewing the certificate subjects
    
    dir Cert:\LocalMachine\my
    
    # Then include this thumbprint when running the configuration
    Sample_xDscWebServiceRegistration -certificateThumbprint 'A7000024B753FA6FFF88E966FD6E19301FAE9CCC' -RegistrationKey '140a952b-b9d6-406b-b416-e0f759c9c0e4' -OutputPath c:\Configs\PullServer
    
    # Run the compiled configuration to make the target node a DSC Pull Server
    Start-DscConfiguration -Path c:\Configs\PullServer -Wait -Verbose
    

Chiave di registrazioneRegistration Key

Per consentire ai nodi client di eseguire la registrazione nel server in modo da poter usare i nomi di configurazione invece di un ID configurazione, una chiave di registrazione creata dalla configurazione precedente viene salvata in un file denominato RegistrationKeys.txt in C:\Program Files\WindowsPowerShell\DscService.To allow client nodes to register with the server so that they can use configuration names instead of a configuration ID, a registration key that was created by the above configuration is saved in a file named RegistrationKeys.txt in C:\Program Files\WindowsPowerShell\DscService. La chiave di registrazione funziona come segreto condiviso usato durante la registrazione iniziale dal client con il server di pull.The registration key functions as a shared secret used during the initial registration by the client with the pull server. Il client genererà un certificato autofirmato che viene usato per l'autenticazione univoca nel server di pull dopo il corretto completamento della registrazione.The client will generate a self-signed certificate that is used to uniquely authenticate to the pull server once registration is successfully completed. L'identificazione personale del certificato viene archiviata in locale e associata all'URL del server di pull.The thumbprint of this certificate is stored locally and associated with the URL of the pull server.

Nota

Le chiavi di registrazione non sono supportate in PowerShell 4.0.Registration keys are not supported in PowerShell 4.0.

Per configurare un nodo per l'autenticazione nel server di pull, la chiave di registrazione deve essere inclusa nella metaconfigurazione per qualsiasi nodo di destinazione che si registrerà per questo server di pull.In order to configure a node to authenticate with the pull server, the registration key needs to be in the metaconfiguration for any target node that will be registering with this pull server. Tenere presente che RegistrationKey nella metaconfigurazione seguente viene rimosso dopo la registrazione del computer di destinazione e che il valore deve corrispondere al valore archiviato nel file RegistrationKeys.txt nel server di pull (in questo esempio, '140a952b-b9d6-406b-b416-e0f759c9c0e4').Note that the RegistrationKey in the metaconfiguration below is removed after the target machine has successfully registered, and that the value must match the value stored in the RegistrationKeys.txt file on the pull server ('140a952b-b9d6-406b-b416-e0f759c9c0e4' for this example). Gestire sempre il valore della chiave di registrazione tenendo conto della sicurezza, perché qualsiasi computer di destinazione a conoscenza di questo valore può registrarsi nel server di pull.Always treat the registration key value securely, because knowing it allows any target machine to register with the pull server.

[DSCLocalConfigurationManager()]
configuration Sample_MetaConfigurationToRegisterWithLessSecurePullServer
{
    param
    (
        [ValidateNotNullOrEmpty()]
        [string] $NodeName = 'localhost',

        [ValidateNotNullOrEmpty()]
        [string] $RegistrationKey, #same as the one used to set up pull server in previous configuration

        [ValidateNotNullOrEmpty()]
        [string] $ServerName = 'localhost' #node name of the pull server, same as $NodeName used in previous configuration
    )

    Node $NodeName
    {
        Settings
        {
            RefreshMode        = 'Pull'
        }

        ConfigurationRepositoryWeb CONTOSO-PullSrv
        {
            ServerURL          = "https://$ServerName`:8080/PSDSCPullServer.svc" # notice it is https
            RegistrationKey    = $RegistrationKey
            ConfigurationNames = @('ClientConfig')
        }

        ReportServerWeb CONTOSO-PullSrv
        {
            ServerURL       = "https://$ServerName`:8080/PSDSCPullServer.svc" # notice it is https
            RegistrationKey = $RegistrationKey
        }
    }
}

Sample_MetaConfigurationToRegisterWithLessSecurePullServer -RegistrationKey $RegistrationKey -OutputPath c:\Configs\TargetNodes

Nota

La sezione ReportServerWeb consente l'invio dei dati per la creazione di report al server di pull.The ReportServerWeb section allows reporting data to be sent to the pull server.

L'assenza della proprietà ConfigurationID nel file di metaconfigurazione significa implicitamente che il server di pull supporta la versione V2 del protocollo del server di pull e quindi è richiesta una registrazione iniziale.The lack of the ConfigurationID property in the metaconfiguration file implicitly means that pull server is supporting the V2 version of the pull server protocol so an initial registration is required. Al contrario, la presenza di un valore ConfigurationID significa che viene usata la versione V1 del protocollo del server di pull e non è prevista l'elaborazione della registrazione.Conversely, the presence of a ConfigurationID means that the V1 version of the pull server protocol is used and there is no registration processing.

Nota

in uno scenario PUSH esiste un bug nella versione corrente che rende necessario definire una proprietà ConfigurationID nel file di metaconfigurazione per i nodi mai registrati in un server di pull.In a PUSH scenario, a bug exists in the current release that makes it necessary to define a ConfigurationID property in the metaconfiguration file for nodes that have never registered with a pull server. Verrà così forzato l'uso del protocollo V1 per il server di pull evitando messaggi di errori correlati alla registrazione.This will force the V1 Pull Server protocol and avoid registration failure messages.

Inserimento di configurazioni e risorsePlacing configurations and resources

Dopo il completamento della configurazione del server di pull, le cartelle definite per le proprietà ConfigurationPath e ModulePath nella configurazione del server di pull si trovano nella posizione in cui verranno posizionati i moduli e le configurazioni disponibili per il pull dai nodi di destinazione.After the pull server setup completes, the folders defined by the ConfigurationPath and ModulePath properties in the pull server configuration are where you will place modules and configurations that will be available for target nodes to pull. Questi file devono avere un formato specifico per consentire la corretta elaborazione dal server di pull.These files need to be in a specific format in order for the pull server to correctly process them.

Formato del pacchetto dei moduli di risorse DSCDSC resource module package format

Ogni modulo di risorse deve essere compresso e denominato in base alla convenzione seguente {Module Name}_{Module Version}.zip.Each resource module needs to be zipped and named according to the following pattern {Module Name}_{Module Version}.zip.

Ad esempio, un modulo denominato xWebAdminstration con versione 3.1.2.0 viene denominato xWebAdministration_3.1.2.0.zip.For example, a module named xWebAdminstration with a module version of 3.1.2.0 would be named xWebAdministration_3.1.2.0.zip. Ogni versione di un modulo deve essere contenuta in un unico file ZIP.Each version of a module must be contained in a single zip file. Dato che esiste solo un'unica versione di una risorsa in ogni file ZIP, non è supportato il formato di modulo aggiunto in WMF 5.0 che supporta più versioni del modulo in una singola directory.Since there is only a single version of a resource in each zip file, the module format added in WMF 5.0 with support for multiple module versions in a single directory is not supported. Ciò significa che prima di creare un pacchetto per i moduli di risorse DSC da usare con il server di pull è necessario apportare una piccola modifica alla struttura di directory.This means that before packaging up DSC resource modules for use with pull server you will need to make a small change to the directory structure. Il formato predefinito dei moduli contenenti risorse DSC in WMF 5.0 è {Module Folder}\{Module Version}\DscResources\{DSC Resource Folder}\.The default format of modules containing DSC resource in WMF 5.0 is {Module Folder}\{Module Version}\DscResources\{DSC Resource Folder}\. Prima di creare il pacchetto per il server di pull, rimuovere la cartella {Versione modulo} , in modo che il percorso diventi {Module Folder}\DscResources\{DSC Resource Folder}\.Before packaging up for the pull server, remove the {Module version} folder so the path becomes {Module Folder}\DscResources\{DSC Resource Folder}\. Con questa modifica, comprimere la cartella come descritto in precedenza e posizionare i file ZIP nella cartella ModulePath.With this change, zip the folder as described above and place these zip files in the ModulePath folder.

Usare New-DscChecksum {module zip file} per creare un file di checksum per il modulo appena aggiunto.Use New-DscChecksum {module zip file} to create a checksum file for the newly added module.

Formato del file MOF di configurazioneConfiguration MOF format

Un file MOF di configurazione deve essere associato a un file di checksum in modo che Gestione configurazione locale in un nodo di destinazione possa convalidare la configurazione.A configuration MOF file needs to be paired with a checksum file so that an LCM on a target node can validate the configuration. Per creare un checksum, chiamare il cmdlet New-DscChecksum.To create a checksum, call the New-DscChecksum cmdlet. Il cmdlet accetta un parametro Path che specifica la cartella in cui si trova il file MOF di configurazione.The cmdlet takes a Path parameter that specifies the folder where the configuration MOF is located. Il cmdlet crea un file di checksum denominato ConfigurationMOFName.mof.checksum, in cui ConfigurationMOFName è il nome del file MOF di configurazione.The cmdlet creates a checksum file named ConfigurationMOFName.mof.checksum, where ConfigurationMOFName is the name of the configuration mof file. Se nella cartella specificata sono presenti più file MOF di configurazione, viene creato un checksum per ogni configurazione nella cartella.If there are more than one configuration MOF files in the specified folder, a checksum is created for each configuration in the folder. Posizionare i file MOF e i file di checksum associati nella cartella ConfigurationPath.Place the MOF files and their associated checksum files in the ConfigurationPath folder.

Nota

Se si modifica il file MOF di configurazione in qualsiasi modo, è anche necessario ricreare il file di checksum.If you change the configuration MOF file in any way, you must also recreate the checksum file.

StrumentiTooling

Per facilitare la configurazione, la convalida e la gestione del server di pull, gli strumenti seguenti sono inclusi come esempi nella versione più recente del modulo xPSDesiredStateConfiguration:In order to make setting up, validating and managing the pull server easier, the following tools are included as examples in the latest version of the xPSDesiredStateConfiguration module:

  1. Un modulo che facilita la creazione di pacchetti per i moduli di risorse DSC e i file di configurazione per l'uso nel server di pull.A module that will help with packaging DSC resource modules and configuration files for use on the pull server. PublishModulesAndMofsToPullServer.psm1.PublishModulesAndMofsToPullServer.psm1. Ecco alcuni esempi:Examples below:

    # Example 1 - Package all versions of given modules installed locally and MOF files are in c:\LocalDepot
    $moduleList = @('xWebAdministration', 'xPhp')
    Publish-DSCModuleAndMof -Source C:\LocalDepot -ModuleNameList $moduleList
    
    # Example 2 - Package modules and mof documents from c:\LocalDepot
    Publish-DSCModuleAndMof -Source C:\LocalDepot -Force
    
  2. Uno script che convalida la corretta configurazione del server di pull.A script that validates the pull server is configured correctly. PullServerSetupTests.ps1.PullServerSetupTests.ps1.

Soluzioni della community per il servizio di pullCommunity Solutions for Pull Service

La community di DSC ha creato più soluzioni per implementare il protocollo del servizio di pull.The DSC community has authored multiple solutions to implement the pull service protocol. Per gli ambienti locali, queste soluzioni offrono funzionalità del servizio di pull e la possibilità di offrire il proprio contributo alla community con miglioramenti incrementali.For on-premises environments, these offer pull service capabilities and an opportunity to contribute back to the community with incremental enhancements.

Configurazione dei client di pullPull client configuration

Gli argomenti seguenti descrivono in modo dettagliato la configurazione dei client di pull:The following topics describe setting up pull clients in detail:

Vedere ancheSee also