Configurazione di rete del server

Le attività di configurazione di rete del server includono l'abilitazione dei protocolli, la modifica della porta o della pipe utilizzata da un protocollo, la configurazione della crittografia, la configurazione del servizio SQL ServerSQL Server Browser, le procedure per esporre o nascondere il Motore di database di SQL ServerSQL Server Database Engine in rete e la registrazione del nome SPN. Nella maggior parte dei casi non è necessario modificare la configurazione di rete del server. Riconfigurare i protocolli di rete del server solo in presenza di requisiti speciali di rete.

La configurazione della rete per SQL ServerSQL Server viene eseguita tramite Gestione configurazione SQL ServerSQL Server . Per le versioni precedenti di SQL ServerSQL Server, utilizzare l'utilità Configurazione di rete inclusa nei singoli prodotti.

Protocolli

Utilizzare Gestione configurazione SQL ServerSQL Server per abilitare o disabilitare i protocolli utilizzati da SQL ServerSQL Servere per configurare le opzioni disponibili per i protocolli. È possibile abilitare più di un protocollo. È necessario abilitare tutti i protocolli che si desidera utilizzare con i client. Tutti i protocolli dispongono di uguale accesso al server. Per informazioni sui protocolli da usare, vedere Abilitare o disabilitare un protocollo di rete del server e Configurazione dei protocolli di rete predefiniti di SQL Server.

Modifica di una porta

È possibile configurare il protocollo TCP/IP in attesa su una porta designata. Per impostazione predefinita, l'istanza predefinita del Motore di databaseDatabase Engine rimane in attesa sulla porta TCP 1433. Le istanze denominate del Motore di databaseDatabase Engine e di SQL Server CompactSQL Server Compact sono configurate per porte dinamiche. Questo significa che selezionano una porta disponibile quando viene avviato il servizio SQL ServerSQL Server . Il servizio SQL ServerSQL Server Browser facilita l'identificazione della porta alla connessione dei client.

Se configurata per le porte dinamiche, è possibile modificare la porta utilizzata da SQL ServerSQL Server a ogni avvio. Se la connessione a SQL ServerSQL Server avviene tramite firewall, è necessario aprire la porta utilizzata da SQL ServerSQL Server. Configurare SQL ServerSQL Server in modo da utilizzare una porta specifica e configurare il firewall per consentire le comunicazioni con il server. Per altre informazioni, vedere Configurare un server per l'attesa su una porta TCP specifica (Gestione configurazione SQL Server).

Modifica di una named pipe

È possibile configurare il protocollo Named Pipes per l'attesa su una named pipe designata. Per impostazione predefinita, l'istanza predefinita del Motore di database di SQL ServerSQL Server Database Engine resta in attesa sulla pipe \\.\pipe\sql\query per l'istanza predefinita e \\.\pipe\MSSQL$<nomeistanza>\sql\query per un'istanza denominata. Il Motore di databaseDatabase Engine può restare in attesa solo su una named pipe, ma è possibile modificare il nome della pipe. Il servizio SQL ServerSQL Server Browser facilita l'identificazione della pipe alla connessione dei client. Per altre informazioni, vedere Configurare un server per l'attesa su una pipe alternativa (Gestione configurazione SQL Server).

Forza crittografia

È possibile configurare il Motore di databaseDatabase Engine in modo da richiedere la crittografia durante le comunicazioni con le applicazioni client. Per altre informazioni, vedere Abilitare le connessioni crittografate al motore di database (Gestione configurazione SQL Server).

Protezione estesa per l'autenticazione

Il supporto per la protezione estesa per l'autenticazione mediante l'associazione di canale e l'associazione al servizio è disponibile per i sistemi operativi che supportano la protezione estesa. Per altre informazioni, vedere Connettersi al motore di database mediante la protezione estesa.

Autenticazione tramite Kerberos

SQL ServerSQL Server supporta l'autenticazione Kerberos. Per altre informazioni, vedere Registrare un nome dell'entità servizio per le connessioni Kerberos e Microsoft Kerberos Configuration Manager per SQL Server.

Registrazione di un nome SPN

Nel servizio di autenticazione Kerberos viene utilizzato un nome SPN per autenticare un servizio. Per altre informazioni, vedere Registrare un nome dell'entità servizio per le connessioni Kerberos.

È possibile utilizzare i nomi SPN anche per rendere più sicura l'autenticazione client quando si esegue la connessione con NTLM. Per altre informazioni, vedere Connettersi al motore di database mediante la protezione estesa.

Servizio SQL Server Browser

Il servizio SQL ServerSQL Server Browser viene eseguito sul server e consente ai computer client di individuare le istanze di SQL ServerSQL Server. SQL ServerSQL Server Browser non deve essere configurato ma solo eseguito in alcuni scenari di connessione. Per altre informazioni su SQL ServerSQL Server Browser, vedere Servizio SQL Server Browser (motore di database e SSAS)

Istanze nascoste di SQL Server

Durante l'esecuzione, SQL ServerSQL Server Browser risponde alle query fornendo informazioni relative al nome, alla versione e alla connessione per ciascuna istanza installata. In SQL ServerSQL Serveril flag HideInstance indica che la risposta restituita da SQL ServerSQL Server Browser non deve includere informazioni su questa istanza del server. Le applicazioni client possono comunque connettersi, purché dispongano delle informazioni necessarie per la connessione. Per altre informazioni, vedere Nascondere un'istanza del motore di database di SQL Server.

Contenuto correlato

Configurazione di rete dei client

Gestire il servizio Motore di database