sp_cursoropen (Transact-SQL)

Si applica a: sìSQL Server (tutte le versioni supportate)

Apre un cursore. sp_cursoropen definisce l SQL'istruzione associata alle opzioni del cursore e del cursore e quindi popola il cursore. sp_cursoropen equivale alla combinazione delle istruzioni Transact-SQL DECLARE_CURSOR e OPEN. Questa routine viene richiamata specificando ID = 2 in un pacchetto del flusso TDS.

Icona di collegamento a un argomento Convenzioni della sintassi Transact-SQL

Sintassi

  
sp_cursoropen cursor OUTPUT, stmt  
    [, scrollopt[ OUTPUT ] [ , ccopt[ OUTPUT ]  
    [ ,rowcount OUTPUT [ ,boundparam][,...n]]] ]]  

Argomenti

cursor
Identificatore del cursore generato da SQL Server. cursor è un valore di handle che deve essere fornito in tutte le procedure successive che coinvolgono il cursore, ad esempio sp_cursorfetch. cursor è un parametro obbligatorio con un valore restituito int.

cursor consente a più cursori di essere attivi in una singola connessione di database.

Stmt
Parametro obbligatorio che definisce il set di risultati del cursore. Qualsiasi stringa di query valida (sintassi e associazione) di qualsiasi tipo stringa (indipendentemente da Unicode, dimensioni e così via) può essere utilizzata come tipo di valore stmt valido.

scrollopt
Opzione di scorrimento. scrollopt è un parametro facoltativo che richiede uno dei valori di input int seguenti.

Valore Descrizione
0x0001 KEYSET
0x0002 DYNAMIC
0x0004 FORWARD_ONLY
0x0008 STATIC
0x10 FAST_FORWARD
0x1000 PARAMETERIZED_STMT
0x2000 AUTO_FETCH
0x4000 AUTO_CLOSE
0x8000 CHECK_ACCEPTED_TYPES
0x10000 KEYSET_ACCEPTABLE
0x20000 DYNAMIC_ACCEPTABLE
0x40000 FORWARD_ONLY_ACCEPTABLE
0x80000 STATIC_ACCEPTABLE
0x100000 FAST_FORWARD_ACCEPTABLE

A causa della possibilità che il valore richiesto non sia appropriato per il cursore definito da stmt, questo parametro funge sia da input che da output. In questi casi, SQL Server assegna un valore appropriato.

ccopt
Opzioni del controllo della concorrenza. ccopt è un parametro facoltativo che richiede uno dei valori di input int seguenti.

Valore Descrizione
0x0001 READ_ONLY
0x0002 SCROLL_LOCKS (precedentemente noto come LOCKCC)
0x0004 OPTIMISTIC (noto in precedenza come OPTCC)
0x0008 OPTIMISTIC (precedentemente noto come OPTCCVAL)
0x2000 ALLOW_DIRECT
0x4000 UPDT_IN_PLACE
0x8000 CHECK_ACCEPTED_OPTS
0x10000 READ_ONLY_ACCEPTABLE
0x20000 SCROLL_LOCKS_ACCEPTABLE
0x40000 OPTIMISTIC_ACCEPTABLE
0x80000 OPTIMISITC_ACCEPTABLE

Come con scrollopt, può SQL Server eseguire l'override dei valori ccopt richiesti.

Rowcount
Numero di righe del buffer di recupero da utilizzare con AUTO_FETCH. Il valore predefinito è 20 righe. rowcount si comporta in modo diverso se assegnato come valore di input rispetto a un valore restituito.

Come valore di input Come valore restituito
Quando si AUTO_FETCH valore scrollopt specificato, il conteggio delle righe rappresenta il numero di righe da inserire nel buffer di recupero.

Nota: >0 è un valore valido quando AUTO_FETCH specificato, ma viene ignorato in caso contrario.
Rappresenta il numero di righe nel set di risultati, tranne quando viene specificato il AUTO_FETCH di scorrimento.

-

boundparam
Indica l'utilizzo di parametri aggiuntivi. boundparam è un parametro facoltativo che deve essere specificato se il valore PARAMETERIZED_STMT scrollopt è impostato su ON.

Valori del codice restituito

Se non viene generato alcun errore, sp_cursoropen restituisce uno dei valori seguenti.

0
La routine è stata effettuata correttamente.

0x0001
Si verificato un errore durante l'esecuzione (un errore minore, non abbastanza grave da compromettere l'operazione).

0x0002
È in corso un'operazione asincrona.

0x0002
È in corso l'elaborazione di un'operazione FETCH.

Una
Questo cursore è stato deallocato da SQL Server e non è disponibile.

Quando viene generato un errore, è possibile che i valori restituiti siano incoerenti. L'accuratezza non può pertanto essere garantita.

Quando il parametro rowcount viene specificato come valore restituito, si verifica il set di risultati seguente.

-1
Valore restituito se il numero di righe è sconosciuto o non applicabile.

-n
Valore restituito quando un popolamento asincrono è attivo. Rappresenta il numero di righe inserite nel buffer di recupero quando viene specificato il valore AUTO_FETCH scorrimento.

Se RPC è in uso, i valori restituiti sono come segue.

0
La routine è stata eseguita correttamente.

1
La routine non è riuscita.

2
È in corso la generazione asincrona di un cursore keyset.

16
Un cursore di avanzamento rapido è stato chiuso automaticamente.

Nota

Se la sp_cursoropen viene eseguita correttamente, vengono inviati i parametri restituiti RPC e un set di risultati con informazioni sul formato di colonna TDS (0xa0 & 0xa1 messaggi). Se non riesce, vengono inviati uno o più messaggi di errore TDS. In entrambi i casi, non verranno restituiti dati di riga e il numero di messaggi completata sarà zero. Se si utilizza una versione di SQL Server precedente a 7.0, vengono restituiti i messaggi 0xa0, 0xa1 (standard per le istruzioni SELECT) insieme ai flussi di token 0xa5 e 0xa4. Se si utilizza SQL Server 7.0, viene restituito 0x81 (standard per le istruzioni SELECT) insieme ai flussi di token 0xa5 e 0xa4.

Commenti

Parametro stmt

Se stmt specifica l'esecuzione di un stored procedure, i parametri di input possono essere definiti come costanti come parte della stringa stmt o specificati come argomenti boundparam. È possibile passare variabili dichiarate come parametri associati in questo modo.

Il contenuto consentito del parametro stmt dipende dal fatto che il valore restituito ccopt ALLOW_DIRECT sia stato collegato da OR al resto dei valori ccopt, ad esempio:

  • Se ALLOW_DIRECT specificato, è necessario usare un'istruzione SELECT o EXECUTE che chiama per un stored procedure contenente una singola istruzione Transact-SQL SELECT. L'istruzione SELECT deve inoltre essere qualificata come cursore, ovvero non può contenere le parole chiave SELECT INTO o FOR BROWSE.

  • Se viene specificato ALLOW_DIRECT, è possibile che vengano eseguite una o più istruzioni Transact-SQL, incluse quelle che, a loro volta, eseguono altre stored procedure con più istruzioni. Le istruzioni non SELECT o qualsiasi istruzione SELECT che contenga le parole chiave SELECT INTO o FOR BROWSE verranno semplicemente eseguite e non comporteranno la creazione di un cursore. Questo vale per qualsiasi istruzione SELECT inclusa in un batch di più istruzioni. Nei casi in cui un'istruzione SELECT contiene clausole che riguardano solo i cursori, tali clausole vengono ignorate. Ad esempio, quando il valore di ccopt è 0x2002, si tratta di una richiesta per:

    • Un cursore con blocchi di scorrimento, se una sola istruzione SELECT è qualificata come cursore oppure

    • Un'esecuzione diretta di istruzioni in caso di presenza di più istruzioni, di una sola istruzione non SELECT o di un'istruzione SELECT non qualificata come cursore.

Parametro scrollopt

I primi cinque valori scrollopt (KEYSEY, DYNAMIC, FORWARD_ONLY, STATIC e FAST_FORWARD) si escludono a vicenda.

PARAMETERIZED_STMT e CHECK_ACCEPTED_TYPES possono essere collegati tramite OR a uno dei primi cinque valori.

AUTO_FETCH e AUTO_CLOSE possono essere collegati tramite OR a FAST_FORWARD.

Se CHECK_ACCEPTED_TYPES è ON, anche almeno uno degli ultimi cinque valori scrollopt (KEYSET_ACCEPTABLE DYNAMIC_ACCEPTABLE, FORWARD_ONLY_ACCEPTABLE, STATIC_ACCEPTABLE o FAST_FORWARD_ACCEPTABLE) deve , essere ON.

I cursori STATIC sono sempre aperti come READ_ONLY. Ciò significa che non è possibile aggiornare la tabella sottostante tramite questo cursore.

Parametro ccopt

I primi quattro valori di ccopt (READ_ONLY, SCROLL_LOCKS e entrambi i valori OPTIMISTIC) si escludono a vicenda.

Nota

La scelta di uno dei primi quattro valori ccopt determina se il cursore è di sola lettura o se vengono usati metodi di blocco o ottimistica per evitare la perdita di aggiornamenti. Se non viene specificato un valore ccopt, il valore predefinito è OPTIMISTIC.

ALLOW_DIRECT e CHECK_ACCEPTED_TYPES possono essere collegati tramite OR a uno dei primi quattro valori.

UPDT_IN_PLACE può essere collegato tramite OR a READ_ONLY, SCROLL_LOCKS o a uno dei valori OPTIMISTIC.

Se CHECK_ACCEPTED_TYPES è ON, anche almeno uno degli ultimi quattro valori ccopt (READ_ONLY_ACCEPTABLE, SCROLL_LOCKS_ACCEPTABLE e uno dei valori OPTIMISTIC_ACCEPTABLE) deve essere ON.

Le funzioni UPDATE e DELETE posizionate possono essere eseguite solo all'interno del buffer di recupero e solo se il valore ccopt è uguale a SCROLL_LOCKS o OPTIMISTIC. Se SCROLL_LOCKS è il valore specificato, la riuscita dell'operazione è garantita. Se OPTIMISTIC è il valore specificato, l'operazione non riuscirà se la riga è stata modificata successivamente all'ultimo recupero.

Il motivo di questo errore è che, quando il valore specificato è OPTIMISTIC, viene eseguita una funzione di controllo della concorrenza ottimistica mediante il confronto di timestamp o valori di checksum, come determinato da SQL Server. Se una delle righe non corrisponde, l'operazione non riesce.

Specificando UPDT_IN_PLACE come valore restituito, si ottengono i risultati seguenti:

  • Se non viene impostato durante l'esecuzione di un aggiornamento posizionato in una tabella con un indice univoco, il cursore elimina la riga dalla rispettiva tabella di lavoro e la inserisce alla fine di una delle colonne chiave utilizzate dal cursore, modificando in questo modo le colonne.

  • Se impostato su ON, il cursore semplicemente aggiornerà le colonne chiave nella riga originale della tabella di lavoro.

Parametro bound_param

Il nome del parametro deve essere paramdef PARAMETERIZED_STMT specificato, in base al messaggio di errore nel codice. Quando non è specificato PARAMETERIZED_STMT, nel messaggio di errore non è specificato alcun nome.

Considerazioni su RPC

Per richiedere che vengano restituiti metadati sull'elenco di selezione del cursore nel flusso TDS, è possibile impostare il flag di input RPC RETURN_METADATA su 0x0001.

Esempio

Parametro bound_param

I parametri dopo il quinto vengono passati insieme sul piano dell'istruzione come parametri di input. Il primo parametro di questo tipo deve essere una stringa nel formato:

{ tipo di dati nome variabile locale } [,... n]

I parametri successivi vengono usati per passare i valori da sostituire con il nome della variabile locale nell'istruzione .

Vedere anche

sp_cursorfetch (Transact-SQL)
Stored procedure di sistema (Transact-SQL)