Windows Ambiente di ripristino (Ambiente ripristino Windows)

Windows Ambiente di ripristino (WinRE) è un ambiente di ripristino in grado di correggere le cause comuni dei sistemi operativi non ripristinabili. WinRE è basato su Windows Preinstallation Environment (Windows PE) e può essere personalizzato con driver aggiuntivi, lingue, componenti facoltativi di Windows PE e altri strumenti di diagnostica e risoluzione dei problemi. Per impostazione predefinita, WinRE viene precaricato nelle Windows 10 e Windows 11 per le edizioni desktop (Home, Pro, Enterprise e Education) e nelle installazioni Windows Server 2016 e versioni successive.

Screenshot che mostra le opzioni: Continua, Usa un dispositivo, Risoluzione dei problemi o Spegni il PC

Novità di WinRE per Windows 11

  • È ora possibile eseguire la maggior parte degli strumenti in WinRE senza selezionare un account amministratore e immettere la password. Quando vengono avviati nell'ambiente di ripristino, i file crittografati non saranno accessibili a meno che l'utente non abbia la chiave per decrittografare il volume.
  • È stato aggiornato il comportamento dell'avvio avanzato (Impostazioni Update Security Recovery Advanced startup "Restart now" (Riavvia ora) in modo che le funzionalità Accessibilità >&>> funzionino nell'ambiente di ripristino. Ad esempio, in precedenza, se la funzionalità Assistente vocale era abilitata prima dell'avvio avanzato, non sarebbe stata abilitata al riavvio (e non poteva essere abilitata). L'avvio avanzato viene avviato direttamente nell'ambiente di Windows in cui un utente può attivare Accessibilità funzionalità usando un tasto di scelta rapida.

Novità di WinRE per Windows 10

  • Per impostazione predefinita, se si installa Windows usando supporti creati da Windows Imaging and Configuration Designer (ICD), si otterrà una partizione dedicata degli strumenti WinRE nei dispositivi basati su UEFI e BIOS, che si trova immediatamente dopo la partizione Windows. Ciò consente Windows sostituire e ridimensionare la partizione in base alle esigenze. Se si installa Windows tramite l'installazione Windows, si otterrà lo stesso layout di partizione che è stato fatto in Windows 8.1.
  • Se si aggiunge uno strumento personalizzato al menu di avvio Avanzato di WinRE,può usare solo componenti facoltativi già presenti negli strumenti WinRE predefiniti. Ad esempio, se si ha un'app di Windows 8 che dipende dai componenti facoltativi .NET, sarà necessario riscrivere l'app per Windows 10.
  • Se si aggiunge uno strumento personalizzato al menu di avvio Avanzato di WinRE,questo deve essere inserito nella cartella \Sources\Recovery\Tools in modo che possa continuare a funzionare dopo i futuri aggiornamenti di WinRE.
  • Quando si aggiungono lingue agli strumenti di reimpostazione dei pulsanti, è ora necessario aggiungere il componente facoltativo WinPE-HTA.

Strumenti

WinRE include questi strumenti:

È anche possibile creare una soluzione di ripristino personalizzata usando l'API Windows Imagingo l'API Gestione e manutenzione immagini distribuzione (DISM).

Punti di ingresso in WinRE

Gli utenti possono accedere alle funzionalità winre tramite il menu di avvio avanzato, che può essere avviato da Windows in diversi modi:

  • Nella schermata di accesso fare clic su Arresta, quindi tenere premuto MAIUSC e selezionare Riavvia.
  • Fare clic su StartImpostazioniUpdate security>> in Advanced > Startup >e quindi su Restart now (Riavvia ora).
  • Avviare il supporto di ripristino.
  • Usare un pulsante di ripristino hardware (o una combinazione di pulsanti) configurata dall'OEM.

Dopo aver eseguito una di queste azioni, tutte le sessioni utente vengono disconnesse e viene visualizzato il menu Di avvio avanzato. Se gli utenti selezionano una funzionalità WinRE da questo menu, il PC viene riavviato in WinRE e viene avviata la funzionalità selezionata.

WinRE viene avviato automaticamente dopo aver rilevato i problemi seguenti:

  • Due tentativi consecutivi non riusciti di avvio Windows.
  • Due arresti imprevisti consecutivi che si verificano entro due minuti dal completamento dell'avvio.
  • Due riavvii consecutivi del sistema entro due minuti dal completamento dell'avvio.
  • Errore di avvio sicuro (ad eccezione dei problemi relativi a Bootmgr.efi).
  • Errore di BitLocker nei dispositivi solo tocco.

Menu di avvio avanzato

Questo menu consente agli utenti di eseguire queste azioni:

  • Avviare strumenti di ripristino, risoluzione dei problemi e diagnostica.
  • Avvio da un dispositivo (solo UEFI).
  • Accedere al menu Firmware (solo UEFI).
  • Scegliere il sistema operativo da avviare, se nel PC sono installati più sistemi operativi.

Nota

È possibile aggiungere uno strumento personalizzato al menu di avvio Avanzato. In caso contrario, questi menu non possono essere ulteriormente personalizzati. Per altre informazioni, vedere Aggiungere uno strumento personalizzato almenu Ambiente ripristino Windows di avvio avanzato .

Considerazioni relative alla sicurezza

Quando si lavora con WinRE, tenere presenti queste considerazioni sulla sicurezza:

  • Se gli utenti aprono il menu di avvio avanzato da Windows e selezionano uno strumento WinRE, devono fornire il nome utente e la password di un account utente locale con diritti di amministratore.
  • È possibile eseguire la maggior parte degli strumenti in WinRE senza selezionare un account amministratore e immettere la password. Quando vengono avviati nell'ambiente di ripristino, i file crittografati non saranno accessibili a meno che l'utente non abbia la chiave per decrittografare il volume.
  • Per impostazione predefinita, la rete è disabilitata in WinRE. È possibile attivare la rete quando necessario. Per una maggiore sicurezza, disabilitare la rete quando non è necessaria la connettività.

Personalizzazione di WinRE

È possibile personalizzare WinRE aggiungendo pacchetti (Windows componenti facoltativi pe), lingue, driver e strumenti di diagnostica o risoluzione dei problemi personalizzati. L'immagine WinRE di base include Windows componenti facoltativi pe:

  • Microsoft-Windows-Foundation-Package
  • WinPE-EnhancedStorage
  • WinPE-Rejuv
  • WinPE-Scripting
  • WinPE-SecureStartup
  • WinPE-Setup
  • WinPE-SRT
  • WinPE-WDS-Tools
  • WinPE-WMI
  • WinPE-StorageWMI-Package (aggiunto all'immagine di base in Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2)
  • WinPE-HTA (aggiunto all'immagine di base in Windows 10)

Nota

Il numero di pacchetti, lingue e driver è limitato dalla quantità di memoria disponibile nel PC. Per motivi di prestazioni, ridurre al minimo il numero di lingue, driver e strumenti aggiunti all'immagine.

Partizioni del disco rigido

Quando si installa Windows tramite il Windows, WinRE è configurato nel modo seguente:

  1. Durante Windows installazione, Windows le partizioni del disco rigido per supportare WinRE.

  2. Windows inserisce inizialmente il file di immagine WinRE (winre.wim) nella partizione Windows, nella cartella \Windows\System32\Recovery.

    Prima di recapitare il PC al cliente, è possibile modificare o sostituire il file di immagine WinRE per includere lingue, driver o pacchetti aggiuntivi.

  3. Durante il passaggio di configurazione specialize, il file di immagine WinRE viene copiato nella partizione degli strumenti di ripristino, in modo che il dispositivo possa avviare gli strumenti di ripristino anche se si verifica un problema con la partizione Windows ripristino.

Quando si distribuiscono Windows le immagini, è necessario configurare manualmente le partizioni del disco rigido. Quando WinRE viene installato in un disco rigido, la partizione deve essere formattata come NTFS.

Aggiungere l'immagine degli strumenti WinRE di base (winre.wim) a una partizione separata dalle partizioni Windows e dati. In questo modo gli utenti possono usare WinRE anche se la partizione Windows è crittografata con Windows Crittografia unità BitLocker. Impedisce inoltre agli utenti di modificare o rimuovere accidentalmente gli strumenti WinRE.

Archiviare gli strumenti di ripristino in una partizione dedicata, direttamente dopo la Windows partizione. In questo modo, se gli aggiornamenti futuri richiedono una partizione di ripristino più grande, Windows sarà in grado di gestirla in modo più efficiente modificando le dimensioni delle partizioni di Windows e di ripristino, anziché dover creare una nuova dimensione della partizione di ripristino mentre quella precedente rimane invariata.

Per altre informazioni, vedere Configurare partizioni di unità disco rigido basate su UEFI/GPT o Configurare partizioni di unità disco rigido basate su BIOS/MBR.

Requisiti di memoria

Per avviare Ambiente ripristino Windows direttamente dalla memoria (nota anche come avvio su disco RAM), deve essere disponibile una parte contigua di memoria fisica (RAM) che può contenere l'intera immagine Ambiente ripristino Windows (winre.wim). Per ottimizzare l'uso della memoria, i produttori devono assicurarsi che il firmware riservi i percorsi di memoria all'inizio o alla fine dello spazio indirizzi della memoria fisica.

Aggiornamento dell'ambiente di ripristino Windows su disco

La copia su disco del Ambiente ripristino Windows può essere utilizzata come parte degli aggiornamenti di rollup per il sistema operativo. Non tutti gli aggiornamenti cumulativi verranno Ambiente ripristino Windows.

A differenza del normale processo di aggiornamento del sistema operativo, gli aggiornamenti per Ambiente ripristino Windows non supportano direttamente l'immagine Ambiente ripristino Windows su disco (winre.wim). Al contrario, una versione più recente dell'immagine Ambiente ripristino Windows sostituisce quella esistente, con il contenuto seguente inserito o migrato nella nuova immagine:

  • I driver di dispositivo di input e critici per l'avvio dall'ambiente del sistema operativo completo vengono aggiunti alla nuova immagine Ambiente ripristino Windows sistema operativo.
  • Ambiente ripristino Windows le personalizzazioni del file winre.wim montato vengono \Sources\Recovery migrate alla nuova immagine.

Il contenuto seguente dell'immagine Ambiente ripristino Windows esistente non viene migrato alla nuova immagine:

  • Driver presenti nell'immagine Ambiente ripristino Windows ma non nell'ambiente del sistema operativo completo
  • Windows Componenti facoltativi PE che non fanno parte dell'immagine Ambiente ripristino Windows predefinita
  • Language Pack per Windows PE e componenti facoltativi

Il Ambiente ripristino Windows di aggiornamento esegue ogni tentativo di riutilizzare la partizione Ambiente ripristino Windows esistente senza alcuna modifica. Tuttavia, in alcune rare situazioni in cui la nuova immagine Ambiente ripristino Windows (insieme al contenuto migrato/inserito) non rientra nella partizione Ambiente ripristino Windows esistente, il processo di aggiornamento si comporterà come segue:

  • Se la partizione Ambiente ripristino Windows esistente si trova immediatamente dopo la partizione Windows, la partizione Windows verrà ridotta e verrà aggiunto spazio alla partizione Ambiente ripristino Windows. La nuova Ambiente ripristino Windows immagine verrà installata nella partizione Ambiente ripristino Windows espansa.
  • Se la partizione Ambiente ripristino Windows esistente non si trova immediatamente dopo la partizione Windows, la partizione Windows verrà ridotta e verrà creata una nuova partizione Ambiente ripristino Windows esistente. La nuova Ambiente ripristino Windows immagine verrà installata in questa nuova Ambiente ripristino Windows partizione. La partizione Ambiente ripristino Windows esistente sarà orfana.
  • Se la partizione Ambiente ripristino Windows esistente non può essere riutilizzata e la partizione Windows non può essere ridotta correttamente, la nuova immagine Ambiente ripristino Windows verrà installata nella partizione Windows. La partizione Ambiente ripristino Windows esistente sarà orfana.

Importante

Per garantire che le personalizzazioni continuino a funzionare dopo l'aggiornamento di Ambiente ripristino Windows, non devono dipendere dalle funzionalità fornite dai componenti facoltativi di Windows PE che non sono presenti nell'immagine Ambiente ripristino Windows predefinita,ad esempio WinPE-NetFX. Per facilitare lo sviluppo di Ambiente ripristino Windows, il componente facoltativo WinPE-HTA è stato aggiunto all'immagine Ambiente ripristino Windows predefinita in Windows 10.

Nota

La nuova Ambiente ripristino Windows distribuita come parte dell'aggiornamento cumulativo contiene risorse di lingua solo per la lingua predefinita del sistema, anche se l'immagine Ambiente ripristino Windows esistente contiene risorse per più lingue. Nella maggior parte dei PC, la lingua predefinita del sistema è la lingua selezionata al momento della Configurazione guidata.

Problema noto

Se l'oggetto Criteri di gruppo "Windows Impostazioni/Security Impostazioni/Local Policies/Security Options/Accounts: Block Microsoft accounts" (Windows Impostazioni/Security Impostazioni/Criteri locali/Opzioni di sicurezza/Account: Blocca account Microsoft) è impostato per abilitare il criterio "L'utente non può aggiungere o accedere con account Microsoft", il tentativo di ripristinare il sistema in WinRE avrà esito negativo e verrà visualizzato il messaggio di errore "È necessario accedere come amministratore per continuare, ma non sono presenti account amministratore in questo PC".

Si tratta di un problema noto e la soluzione alternativa consiste nell'evitare di impostare "Account: Blocca account Microsoft" su "L'utente non può aggiungere o accedere con un account Microsoft" o impostare i criteri MDM Security/RecoveryEnvironmentAuthentication su 2.

Vedi anche

Tipo di contenuto Riferimenti

Distribuzione

Personalizzare Ambiente ripristino WindowsDistribuire Ambiente ripristino Windows

Operazioni

Opzioni di Command-Line REAgentC

Risoluzione dei problemi

Ambiente ripristino Windows Risoluzione dei problemi relativi alle funzionalità

Strumenti aggiuntivi

Aggiungere uno strumento personalizzato al menu Ambiente ripristino Windows di avvio avanzatoAggiungere un pulsante di ripristino hardware per avviare Ambiente ripristino WindowsPanoramica della reimpostazione del pulsante di comando