Configurare i dati di diagnostica di Windows nell'organizzazione

Si applica a

  • Windows 11 Enterprise
  • Windows 11 Education
  • Windows 11 Professional
  • Windows 10 Enterprise
  • Windows 10 Education
  • Windows 10 Professional
  • Windows Server 2016 e versioni successive
  • Surface Hub
  • HoloLens

Questo argomento descrive i tipi di dati di diagnostica Windows inviati a Microsoft e i modi in cui è possibile gestirli all'interno dell'organizzazione. Microsoft usa questi dati per identificare e risolvere rapidamente i problemi dei clienti.

Panoramica

Microsoft raccoglie i dati di diagnostica Windows per risolvere i problemi e mantenere Windows aggiornato, sicuro e operativo. Sono utili anche per migliorare Windows e i prodotti e i servizi Microsoft correlati e, per i clienti che hanno attivato l'impostazione Esperienze personalizzate, per fornire suggerimenti e raccomandazioni più pertinenti per migliorare i prodotti e i servizi Microsoft e di terze parti per le esigenze di ogni cliente.

Per ulteriori informazioni sui dati di diagnostica Windows, vedi Diagnostica, feedback e privacy in Windows.

I dati di diagnostica danno voce agli utenti.

I dati di diagnostica danno voce a tutti gli utenti nel processo di sviluppo e di miglioramento continuo del sistema operativo. Questi dati consentono di capire il comportamento di Windows nel mondo reale, di concentrarsi sulle priorità degli utenti, e di prendere decisioni informate a vantaggio sia del consumatore che dei clienti aziendali. Le sezioni seguenti offrono esempi reali di questi vantaggi.

Migliorare la qualità delle app e dei driver

La possibilità di raccogliere dati di diagnostica che aiutano a migliorare Windows e Windows Server consente di raggiungere nuovi livelli di qualità delle app e dei driver di dispositivo. I dati di diagnostica ci aiutano a identificare e correggere rapidamente i problemi critici relative a sicurezza e affidabilità delle app e dei driver di dispositivo utilizzati su Windows. Possiamo ad esempio identificare un'app che si blocca in dispositivi con una versione specifica di un driver video e quindi lavorare con il fornitore dell'app e del driver di dispositivo per risolvere rapidamente il problema. Il risultato consiste in una riduzione del tempo di inattività e dei costi e in una maggiore produttività associati alla risoluzione di questi problemi.

Ad esempio, in un'edizione precedente di Windows una versione di driver video si bloccava su alcuni dispositivi causando il riavvio del dispositivo. Abbiamo rilevato il problema grazie ai dati di diagnostica e abbiamo contattato immediatamente lo sviluppatore di terze parti del driver video. Lavorando con lo sviluppatore, abbiamo fornito un driver aggiornato per i partecipanti al Programma Windows Insider entro 24 ore. In base ai dati di diagnostica dei dispositivi dei partecipanti al Programma Windows Insider, siamo riusciti a convalidare la nuova versione del driver video e distribuirla al pubblico su vasta scala sotto forma di aggiornamento il giorno successivo. I dati di diagnostica ci hanno aiutati a individuare, correggere e risolvere il problema in appena 48 ore, offrendo così un'esperienza utente migliore e riducendo le costose chiamate al servizio di supporto.

Migliorare la produttività degli utenti finali

I dati di diagnostica di Windows aiutano anche Microsoft a capire meglio il modo in cui i clienti usano (o non usano) le funzionalità del sistema operativo e i servizi correlati. Le informazioni approfondite che otteniamo da questi dati ci aiutano a definire le priorità per le attività dei nostri tecnici, con un impatto diretto sull'esperienza dei clienti. Questi esempi mostrano in che modo l'uso dei dati di diagnostica consentano a Microsoft di creare o migliorare le funzionalità che aiutano le organizzazioni ad aumentare la produttività dei dipendenti e a ridurre le richieste di assistenza.

  • Menu Start. Come viene modificato dagli utenti il layout del menu Start? Vengono aggiunte altre app? Ci sono app che vengono rimosse di frequente? Usiamo questo set di dati per ottimizzare il layout predefinito del menu Start in modo che rifletta meglio le aspettative degli utenti quando accendono il dispositivo per la prima volta.

  • Cortana. Usiamo i dati di diagnostica per monitorare la scalabilità del nostro servizio cloud, migliorando le prestazioni di ricerca.

  • Passaggio tra applicazioni. Dalla ricerca e dalle osservazioni delle versioni precedenti di Windows è emerso che le persone usavano raramente ALT+TAB per spostarsi tra le app. Dopo averne parlato con alcuni utenti, abbiamo scoperto che apprezzavano la funzionalità, ritenendola molto efficace, ma in precedenza non ne conoscevano l'esistenza. In base a questo, abbiamo creato il pulsante Visualizzazione attività in Windows, per rendere questa funzionalità più facilmente individuabile. Dai dati di diagnostica successivi è emerso un utilizzo significativamente maggiore di questa funzionalità.

Come Microsoft gestisce i dati di diagnostica

Usa le sezioni seguenti per scoprire di più su come Microsoft gestisce i dati di diagnostica.

Raccolta dei dati

A seconda delle impostazioni dei dati di diagnostica nel dispositivo, i dati di diagnostica possono essere raccolti usando i metodi seguenti:

  • Piccoli payload di informazioni strutturate relative a eventi di dati di diagnostica, gestiti dal componente Esperienze utente connesse e telemetria.

  • Log di diagnostica per la risoluzione di problemi aggiuntivi, gestiti anch'essi dal componente Esperienze utente connesse e telemetria.

  • Segnalazioni di arresti anomali e dump di arresto anomalo, gestiti da Segnalazione errori Windows.

Più avanti in questo documento sono disponibili altre informazioni su come controllare quali dati vengono raccolti e quali possono essere inclusi in questi diversi tipi di dati di diagnostica.

Trasmissione dei dati

Tutti i dati di diagnostica vengono crittografati tramite TLS (Transport Layer Security) e utilizzano l'aggiunta di certificati durante il trasferimento dal dispositivo ai servizi di gestione dei dati Microsoft.

Endpoint

La tabella seguente elenca gli endpoint relativi al modo in cui è possibile gestire la raccolta e il controllo dei dati di diagnostica. Per altre informazioni sugli endpoint usati per inviare dati a Microsoft, vedi la sezione Gestire gli endpoint di connessione del menu di spostamento a sinistra.

servizio Windows Endpoint
Esperienze utente connesse e telemetria v10.events.data.microsoft.com

v10c.events.data.microsoft.com

v10.vortex-win.data.microsoft.com
Segnalazione errori Windows watson.telemetry.microsoft.com

watson.microsoft.com

umwatsonc.telemetry.microsoft.com

umwatsonc.events.data.microsoft.com

*-umwatsonc.events.data.microsoft.com

ceuswatcab01.blob.core.windows.net

ceuswatcab02.blob.core.windows.net

eaus2watcab01.blob.core.windows.net

eaus2watcab02.blob.core.windows.net

weus2watcab01.blob.core.windows.net

weus2watcab02.blob.core.windows.net
Authentication login.live.com



IMPORTANTE: questo endpoint è usato per l'autenticazione del dispositivo. La disabilitazione di questo endpoint non è consigliata.
OCA (Online Crash Analysis) oca.telemetry.microsoft.com

oca.microsoft.com

kmwatsonc.telemetry.microsoft.com

*-kmwatsonc.telemetry.microsoft.com
Impostazioni settings-win.data.microsoft.com



IMPORTANTE: questo endpoint è usato per configurare in remoto le impostazioni e la raccolta di dati correlati alla diagnostica. Ad esempio, l'endpoint delle impostazioni viene usato per bloccare da remoto l'invio a Microsoft di un evento. La disabilitazione di questo endpoint non è consigliata. Questo endpoint non carica i dati di diagnostica Windows.

Accesso ai dati

L'accesso ai dati di diagnostica Windows si basa sul principio dei privilegi minimi. Microsoft non condivide i dati personali dei clienti con terze parti, se non a discrezione del cliente o per gli scopi limitati descritti nell'Informativa sulla privacy. Microsoft può condividere con produttori di hardware e partner di terze parti report aziendali che includono informazioni di dati di diagnostica aggregate e anonime. Le decisioni in merito alla condivisione dei dati vengono prese da un team interno tenendo conto dei requisiti di gestione della privacy, delle normative e dei dati.

Conservazione

Microsoft crede nel massimo contenimento dei dati e mette in pratica questo principio. Ci impegniamo a raccogliere solo le informazioni che ci servono e ad archiviarle solo per il tempo necessario a fornire un servizio o a scopi di analisi. Per altre informazioni sulla durata di conservazione dei dati, consulta la sezione Conservazione dei dati personali da parte di Microsoft nell'Informativa sulla privacy di Microsoft.

Impostazioni dei dati di diagnostica

Sono disponibili quattro impostazioni per la raccolta dei dati di diagnostica. Ogni impostazione viene descritta in modo più dettagliato nelle sezioni a seguire.

  • Dati di diagnostica disattivati (sicurezza)
  • Dati di diagnostica obbligatori (di base)
  • Avanzato (Questa impostazione è disponibile solo sui dispositivi che eseguono Windows 10, Windows Server 2016 e Windows Server 2019).
  • Dati di diagnostica facoltativi (completi)

Ecco un riepilogo dei tipi di dati inclusi con ogni impostazione:

Dati di diagnostica disattivati (sicurezza) Dati di diagnostica obbligatori (di base) Dati di diagnostica avanzati Dati di diagnostica facoltativi (completi)
Eventi di dati di diagnostica Nessun dato di diagnostica Windows inviato. Dati minimi obbligatori per mantenere il dispositivo sicuro, aggiornato e operativo. Dati aggiuntivi sui siti Web visitati, sul modo in cui vengono usati Windows e le app e sulle relative prestazioni e sull'attività del dispositivo. I dati aggiuntivi aiutano Microsoft a correggere e migliorare i prodotti e servizi per tutti gli utenti. Dati aggiuntivi sui siti Web visitati, sul modo in cui vengono usati Windows e le app e sulle relative prestazioni. Questi dati includono anche i dati sull'attività del dispositivo e la segnalazione errori avanzata che aiutano Microsoft a correggere e migliorare i prodotti e servizi per tutti gli utenti.
Metadati sugli arresti anomali N/D
Dump di arresto anomalo N/D No Solo dump di valutazione

Per altre informazioni sui dump di arresto anomalo, vediSegnalazione errori Windows.
Dump completi della memoria e di valutazione

Per altre informazioni sui dump di arresto anomalo, vediSegnalazione errori Windows.
Log di diagnostica N/D No No
Raccolta dei dati N/D 100% Si applica il campionamento Si applica il campionamento

Dati di diagnostica disattivati

Questa impostazione in precedenza era denominata Sicurezza. Con la configurazione di questa impostazione, non vengono inviati dati di diagnostica Windows dal tuo dispositivo. Questo è disponibile solo nelle edizioni di Windows Server, Windows Enterprise e Windows Education. Se scegli questa impostazione, i dispositivi nella tua organizzazione continueranno a essere sicuri.

Nota

Se la tua organizzazione si basa su Windows Update, l'impostazione minima consigliata è Dati di diagnostica obbligatori. Dato che non vengono raccolte informazioni su Windows Update quando i dati di diagnostica sono disattivati, non vengono inviate informazioni importanti sugli errori di aggiornamento. Microsoft usa queste informazioni per risolvere le cause di questi errori e migliorare la qualità dei nostri aggiornamenti.

Dati di diagnostica obbligatori

L'opzione Dati di diagnostica obbligatori, prima denominati Dati di diagnostica di base raccoglie un set limitato di dati cruciali per la conoscenza del dispositivo e della relativa configurazione. Questi dati consentono di identificare i problemi che possono verificarsi in una specifica configurazione hardware o software. Ad esempio, può aiutare a determinare se gli arresti anomali sono più frequenti su dispositivi con una quantità di memoria specifica o che eseguono una specifica versione di un driver.

Questa è l'impostazione predefinita per le versioni correnti di Windows, Windows 10, versione 1903.

L’opzione Dati di diagnostica obbligatori include:

  • Dati di base sul dispositivo che consentono di raccogliere informazioni sui tipi di dispositivi Windows e sulle configurazioni e sui tipi di istanze native e virtualizzate di Windows Server nell'ecosistema. Ecco alcuni esempi:

    • Attributi dei dispositivi, ad esempio la risoluzione della fotocamera e il tipo di schermo
    • Attributi della batteria, quali capacità e tipo
    • Attributi di rete, come il numero di schede di rete, la velocità delle schede, la rete dell'operatore di telefonia mobile e il numero IMEI
    • Attributi di processore e memoria, come numero di core, architettura, velocità, dimensioni della memoria e firmware
    • Attributo di virtualizzazione, come il supporto di SLAT (Second Level Address Translation) e il sistema operativo guest
    • Attributi del sistema operativo, come l'edizione di Windows e lo stato di virtualizzazione
    • Attributi di archiviazione, come il numero, il tipo e le dimensioni delle unità
  • Metriche di qualità utili per conoscere il funzionamento del componente Esperienze utente connesse e dati di diagnostica, inclusi la percentuale di eventi caricati, eventi ignorati, eventi bloccati e l'ora dell'ultimo caricamento.

  • Informazioni relative alla qualità utili per consentire a Microsoft di ottenere informazioni di base sulle prestazioni di un dispositivo e del relativo sistema operativo. Alcuni esempi sono le caratteristiche di un dispositivo in standby connesso, il numero di arresti anomali o blocchi e i dettagli sui cambiamenti di stato dell'app, ad esempio il tempo e la memoria del processore usati e il tempo totale di attività per un'app.

  • Dati di compatibilità utili per ottenere informazioni su quali app sono installate in un dispositivo o una macchina virtuale e per identificare potenziali problemi di compatibilità.

  • Dati di sistema utili per fornire informazioni sulla conformità del dispositivo rispetto ai requisiti minimi per eseguire l'aggiornamento alla versione successiva del sistema operativo. Le informazioni sul sistema includono la quantità di memoria, oltre a informazioni su processore e BIOS.

  • Un elenco di dispositivi accessori, come stampanti o dispositivi di archiviazione esterni, collegati ai dispositivi Windows e l'indicazione del funzionamento di questi dispositivi dopo l'aggiornamento a una nuova versione del sistema operativo.

  • Dati sui driver che includono informazioni specifiche sull'attività dei driver progettate per riuscire a stabilire se le app e i dispositivi funzioneranno dopo l'aggiornamento a una nuova versione del sistema operativo. Queste informazioni possono essere utili per individuare problemi che impediscono l'aggiornamento e quindi sono di aiuto a Microsoft e ai nostri partner per l'implementazione di correzioni e miglioramenti.

  • Informazioni sulle prestazioni di Microsoft Store, inclusi i download, le installazioni e gli aggiornamenti di app. Sono inoltre incluse informazioni sugli avvii di Microsoft Store, le visualizzazioni di pagine, le sospensioni e le riprese, nonché l'acquisizione delle licenze.

Dati di diagnostica avanzati

In Windows 10 e in Windows Server 2019, l’opzione Dati di diagnostica avanzati include dati sui siti Web visitati, sul modo in cui vengono usati Windows e le app e sulle relative prestazioni, e sull'attività del dispositivo. I dati aggiuntivi aiutano Microsoft a correggere e migliorare i prodotti e servizi per tutti gli utenti.

Importante

Questa impostazione dei dati di diagnostica non è disponibile in Windows 11 e Windows Server 2022 ed è stata sostituita da criteri che possono controllare la quantità di dati di diagnostica facoltativi inviati. Altre informazioni su queste impostazioni sono disponibili nella sezione Gestire i dati di diagnostica con Criteri di gruppo e MDM di questo argomento.

Quando scegli di inviare i dati di diagnostica avanzati, i dati di diagnostica obbligatori verranno sempre inclusi, ma vengono anche raccolte le seguenti informazioni aggiuntive:

  • Eventi del sistema operativo utili per ottenere informazioni approfondite su diverse aree del sistema operativo, inclusi funzionalità di rete, Hyper-V, Cortana, archiviazione, file system e altri componenti.

  • Eventi delle app del sistema operativo derivanti dalle app e dagli strumenti di gestione Microsoft scaricati da Microsoft Store o preinstallati in Windows o Windows Server, tra cui Server Manager, Foto, Posta e Microsoft Edge.

  • Eventi specifici del dispositivo che riguardano solo determinati dispositivi, ad esempio Surface Hub e Microsoft HoloLens. Ad esempio, Microsoft HoloLens invia eventi correlati all'unità HPU (Holographic Processing Unit).

  • Tutti i tipi di dump di arresto anomalo, con l'eccezione di dump dell'heap e dump completi. Per altre informazioni sui dump di arresto anomalo, vedi Segnalazione errori Windows.

Dati di diagnostica facoltativi

L'opzione Dati di diagnostica facoltativi, prima denominata Dati di diagnostica completi, include informazioni più dettagliate sul dispositivo e sulle relative impostazioni, funzionalità e stato di integrità. I dati di diagnostica facoltativi includono anche i dati sui siti Web visitati, sull'attività del dispositivo e sulla segnalazione errori avanzata che aiutano Microsoft a correggere e migliorare i prodotti e servizi per tutti gli utenti. Quando scegli di inviare dati di diagnostica facoltativi, i dati di diagnostica obbligatori vengono inclusi sempre, ma vengono anche raccolte le seguenti informazioni aggiuntive:

  • Dati aggiuntivi sul dispositivo, sulla connettività e sulla configurazione, oltre a quelli raccolti dai dati di diagnostica obbligatori.

  • Stato e informazioni di registrazione sull'integrità del sistema operativo e altri componenti di sistema, oltre a quelli raccolti dai dati di diagnostica obbligatori.

  • Attività delle app, ad esempio quali programmi vengono avviati su un dispositivo, per quanto tempo vengono eseguiti e quanto velocemente rispondono all'input.

  • Attività del browser, tra cui cronologia esplorazioni e termini di ricerca, nei browser Microsoft (Microsoft Edge o Internet Explorer).

  • Segnalazione errori avanzata, tra cui lo stato della memoria del dispositivo quando si verifica un arresto anomalo del sistema o dell'app (tali dati potrebbero accidentalmente includere contenuti dell'utente, come parti di un file che stavi usando quando si è verificato il problema). I dati sugli arresti anomali non vengono mai usati per le Esperienze personalizzate.

Nota

I dump di arresto anomalo raccolti a livello dei dati di diagnostica facoltativi potrebbero accidentalmente contenere dati personali, ad esempio parti di memoria di un documento e di una pagina Web. Per altre informazioni sui dump di arresto anomalo, vediSegnalazione errori Windows.

Gestire i dati di diagnostica con Criteri di gruppo e MDM

Segui i passaggi di questa sezione per configurare le impostazioni dei dati di diagnostica per Windows e Windows Server nella tua organizzazione.

Importante

Queste impostazioni dei dati di diagnostica si applicano solo a componenti, funzionalità e app che sono considerati parte integrante del sistema operativo Windows. Le app di terze parti e altre app Microsoft, come Microsoft Office, che i clienti installano potrebbero anche raccogliere e inviare dati di diagnostica usando i loro controlli. Collabora con i tuoi fornitori di app per comprendere i criteri relativi ai dati di diagnostica e come puoi acconsentire ad essi o rifiutarli esplicitamente. Per altre informazioni sul modo in cui Microsoft Office usa i dati di diagnostica, vedi Panoramica dei controlli sulla privacy per Microsoft 365 Apps for enterprise. Se vuoi controllare la raccolta di dati di Windows diversi da quelli di diagnostica, vedi Gestire le connessioni tra i componenti del sistema operativo Windows e i servizi Microsoft.

Puoi configurare le impostazioni dei dati di diagnostica del dispositivo usando gli strumenti di gestione già in uso, ad esempio Criteri di gruppo o MDM.

Usa il valore appropriato nella tabella seguente per la configurazione dei criteri di gestione.

Categoria Value
Dati di diagnostica disattivati (sicurezza) 0
Dati di diagnostica obbligatori (di base) 1
Dati di diagnostica avanzati 2
Dati di diagnostica facoltativi (completi) 3

Nota

Quando sono impostati sia i criteri Configurazione computer sia quelli Configurazione utente, vengono utilizzati i criteri più restrittivi.

Uso dei criteri di gruppo per gestire la raccolta dei dati di diagnostica

Puoi usare i Criteri di gruppo per configurare l'impostazione dei dati di diagnostica dell'organizzazione:

  1. Dalla Console Gestione Criteri di gruppo vai a Configurazione computer > Modelli amministrativi > Componenti di Windows > Raccolta dati e versioni di anteprima.

  2. Fare doppio clic su Consenti telemetria (o Consenti dati di diagnostica su Windows 11 e Windows Server 2022).

    Nota

    Se i dispositivi dell'organizzazione eseguono Windows 10, 1803 e versioni successive, l'utente può comunque usare Impostazioni per impostare l'impostazione dei dati di diagnostica su un valore più restrittivo, a meno che il criterioConfigura l'interfaccia utente delle impostazioni di attivazione dei dati di diagnostica non sia impostato.

  3. Nella casella Opzioni scegli l'impostazione che vuoi configurare, quindi fai clic su OK.

Usa Criteri di gruppo per gestire la raccolta dei dati di diagnostica facoltativi

Il criterio seguente consente di limitare i tipi di dump di arresto anomalo che possono essere inviati a Microsoft. Se questo criterio è abilitato, la Segnalazione errori Windows invierà solo minidump per modalità kernel e dump di valutazione per la modalità utente.

  1. Dalla Console Gestione Criteri di gruppo vai a Configurazione computer > Modelli amministrativi > Componenti di Windows > Raccolta dati e versioni di anteprima.

  2. Fare doppio clic su Limita raccolta dump.

  3. Nella casella Opzioni scegli l'impostazione che vuoi configurare, quindi fai clic su OK.

È inoltre possibile limitare il numero di log di diagnostica inviati a Microsoft. Se questo criterio è abilitato, i log diagnostici non vengono inviati a Microsoft.

  1. Dalla Console Gestione Criteri di gruppo vai a Configurazione computer > Modelli amministrativi > Componenti di Windows > Raccolta dati e versioni di anteprima.

  2. Fare doppio clic su Limita raccolta log di diagnostica.

  3. Nella casella Opzioni scegli l'impostazione che vuoi configurare, quindi fai clic su OK.

Usa MDM per gestire la raccolta dei dati di diagnostica

Usa Criterio Provider di servizi di configurazione (CSP) per applicare i seguenti criteri MDM:

  • System/AllowTelemetry
  • System/LimitDumpCollection
  • System/LimitDiagnosticLogCollection

Nota

Gli ultimi due criteri sono disponibili solo in Windows 11 e Windows Server 2022.

Abilita la configurazione del responsabile dei dati di diagnostica Windows

La configurazione del responsabile dei dati di diagnostica di Windows consente di essere il titolare del trattamento, come definito dal Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell'Unione europea, per i dati di diagnostica Windows raccolti dai dispositivi Windows che soddisfano i requisiti di configurazione.

Prerequisiti

  • Usare una versione supportata di Windows 10 o Windows 11
  • Sono supportate le edizioni seguenti:
    • Per le aziende
    • Professional
    • Education
  • Il dispositivo deve essere aggiunto ad Azure Active Directory.

Per un'esperienza ottimale, usare l'ultima versione di qualsiasi sistema operativo specificato in precedenza. La funzionalità di configurazione e la disponibilità possono variare nei sistemi meno recenti. Vedi Criteri relativi al ciclo di vita

L'impostazione dei dati di diagnostica nel dispositivo deve essere impostata su Dati di diagnostica obbligatori o superiori e gli endpoint seguenti devono essere raggiungibili:

  • v10c.events.data.microsoft.com
  • umwatsonc.events.data.microsoft.com
  • kmwatsonc.events.data.microsoft.com
  • settings-win.data.microsoft.com
  • *.blob.core.windows.net

Abilitazione della configurazione del responsabile dei dati di diagnostica Windows

Seguire le istruzioni di seguito per abilitare la configurazione del responsabile dei dati di diagnostica Windows usando un'impostazione singola, tramite i Criteri di gruppo o la una soluzione MDM.

Nei Criteri di gruppo, per abilitare la configurazione del responsabile dei dati di diagnostica Windows, andare in Configurazione computer > Modelli amministrativi > Componenti Windows > Raccolta dei dati e build di anteprima e impostare l'impostazione Consenti pipeline dei dati commerciali su abilitata.

Se si desidera disabilitarla, è possibile impostarla in qualsiasi momento su disabilitata. Lo stato predefinito dell'impostazione precedente è disabilitata.

Per usare una soluzione MDM quale Microsoft Intune, per distribuire la configurazione del responsabile dei dati di diagnostica Windows nei dispositivi supportati, usare la configurazione dell'impostazione URI OMA personalizzata seguente:

  • Nome: System/AllowCommercialDataPipeline
  • OMA-URI: ./Vendor/MSFT/Policy/Config/System/AllowCommercialDataPipeline
  • Tipo di dati: numero intero

In Valore, usare 1 per abilitare il servizio.

Se si desidera disabilitarla, impostare in qualsiasi momento la stessa impostazione su 0. Il valore predefinito è 0.

Nota

  • Se si dispone di criteri aggiuntivi che consentono anche di essere il titolare dei dati di diagnostica Windows, quali i servizi elencati di seguito, sarà necessario disattivare tutti i criteri applicabili per smettere di essere il titolare dei dati di diagnostica Windows.
  • I dati di diagnostica raccolti da un dispositivo prima che sia abilitato con la configurazione del responsabile dei dati di diagnostica Windows verranno eliminati una volta abilitata questa configurazione.
  • Una volta abilitati i dispositivi con la configurazione del responsabile dei dati di diagnostica Windows, gli utenti potrebbero continuare a inviare feedback tramite vari canali, quali l'hub feedback di Windows o feedback di Edge. Tuttavia, i dati di feedback non sono soggetti ai termini della configurazione del responsabile dei dati di diagnostica Windows. Se non lo si desidera, è consigliabile disabilitare il feedback usando i criteri disponibili o le soluzioni di gestione delle applicazioni.

Inoltre, è possibile abilitare la configurazione del responsabile dei dati di diagnostica Windows registrando i servizi che usano i dati di diagnostica Windows. Questi servizi attualmente includono Desktop Analytics, Conformità aggiornamenti, Microsoft Managed Desktop e Windows Update per le aziende.

Per informazioni su questi servizi e su come configurare i criteri di gruppo, fare riferimento alla documentazione seguente:

Desktop Analytics:

Conformità aggiornamenti:

Microsoft Managed Desktop:

Windows Update per le aziende:

Limitazione dei dati di diagnostica facoltativi per Desktop Analytics

Per altre informazioni su come limitare i dati di diagnostica al livello minimo richiesto per Desktop Analytics, vedi Abilitare la condivisione dei dati per Desktop Analytics.

Modificare le impostazioni di privacy in un singolo server

Puoi anche modificare le impostazioni di privacy su un server che esegue il sistema operativo Azure Stack HCI o Windows Server. Per altre informazioni, vedi Modificare le impostazioni di privacy nei singoli server.