Uso di pseudo-impostazioni locali per i test di localizzazione

Le impostazioni locali pseudo-locali vengono compilate in modo da Windows Vista e versioni successive, in modo che sia possibile accedervi tramite le API NLS (National Language Support). È possibile usare pseudo-impostazioni locali per testare la localizzazione delle applicazioni. Questo argomento include procedure per l'uso di pseudo-codici.

Nota

Un'attività che richiede una considerazione speciale quando si tratta di pseudo-impostazioni locali li enumera; sia nel codice che nella parte delle opzioni di lingua e di area del Pannello di controllo. Più avanti in questo argomento.

I nomi delle pseudo-impostazioni locali sono "qps-ploc", "qps-ploca" e "qps-plocm". A partire da Windows 10, è disponibile anche la pseudo-locale "qps-Latn-x-sh".

Recuperare informazioni sulle impostazioni locali pseudo-locali

È possibile usare GetLocaleInfoEx per recuperare informazioni su una pseudo-impostazioni locali. Passare alla funzione il nome della specifica pseudo-impostazioni locali (vedere l'elenco di nomi precedenti). Ad esempio, "qps-plocm" per la pseudo-locale con mirroring.

wchar_t languageIdentifier[5];
int rc{ ::GetLocaleInfoEx(L"qps-plocm", LOCALE_ILANGUAGE, languageIdentifier, 5) };

Usare LocaleNameToLCID con pseudo-impostazioni locali

È possibile chiamare la funzione di mapping NLS LocaleNameToLCID con il nome di una pseudo-impostazioni locali.

LCID lcid{ ::LocaleNameToLCID(L"qps-plocm", 0) };

Abilitare le impostazioni locali pseudo-locali per l'enumerazione

Nell'applicazione è possibile chiamare EnumSystemLocalesEx per enumerare le impostazioni locali riconosciute dal sistema. La parte delle opzioni internazionali e linguistiche del Pannello di controllo chiama anche EnumSystemLocalesEx per compilare l'elenco delle impostazioni locali visualizzate. Tuttavia, per impostazione predefinita, le quattro impostazioni locali pseudo elencate sopra non sono riconosciute dal sistema, quindi non verranno restituite da EnumSystemLocalesEx. Per i sistemi da Windows Vista fino a e inclusi Windows 10 versione 1709, la soluzione consiste nell'abilitare le impostazioni locali pseudo-locali aggiungendo chiavi al Registro di sistema Windows.

Le modifiche vengono eseguite sotto la chiave HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Control\Nls per le lingue installate nel sistema operativo. È possibile impostare queste impostazioni per abilitare le impostazioni pseudo-impostazioni locali. Ogni chiave illustrata di seguito è l'LCID esadecimale corrispondente alla pseudo-impostazioni locali abilitata. Ogni valore è di tipo stringa (REG_SZ).

[HKEY_LOCAL_MACHINE\System\CurrentControlSet\Control\Nls\Locale]
"00000501"="1" // qps-ploc (Windows Vista and later)
"000005fe"="7" // qps-ploca (Windows Vista and later)
"00000901"="1" // qps-Latn-x-sh (Windows 10 and later)
"000009ff"="d" // qps-plocm (Windows Vista and later)

Per Windows 10, versione 1803, la modifica del Registro di sistema Windows come questa non ha alcun effetto. Tuttavia, è comunque possibile chiamare le API NLS non enumerazioni con i nomi delle pseudo impostazioni locali (vedere gli esempi di codice precedenti) per popolare l'interfaccia utente (interfaccia utente).