hub di Azure Stack Capacity Planner - Modular Data Center (MDC)

Il hub di Azure Stack Capacity Planner è un foglio di calcolo che mostra come le diverse allocazioni di risorse di calcolo si adatterebbero a una selezione di offerte hardware.

Descrizioni dei fogli di lavoro

La tabella seguente descrive ogni foglio di lavoro nel hub di Azure Stack Capacity Planner, che può essere scaricato da https://aka.ms/azstackcapacityplanner.

Nome del foglio di lavoro Descrizione
Version-Disclaimer Scopo della calcolatrice, numero di versione e data di rilascio.
Istruzioni Istruzioni dettagliate per modellare la pianificazione della capacità per una raccolta di macchine virtuali.
DefinedSolutionSKUs Tabella con un massimo di cinque definizioni hardware. Le voci sono esempi. Modificare i dettagli in modo che corrispondano alle configurazioni di sistema in considerazione.
DefineByVMPrint Trovare lo SKU hardware appropriato confrontando le configurazioni con diverse dimensioni e quantità di macchine virtuali.
DefineByWorkloadPrint Trovare lo SKU hardware appropriato creando una raccolta di hub di Azure Stack di lavoro.

Istruzioni DefinedSolutionSKUs

Questo foglio di lavoro include fino a sei esempi di definizione dell'hardware. Modificare i dettagli in modo che corrispondano alle configurazioni di sistema in esame.

Selezioni hardware fornite da partner hardware autorizzati

hub di Azure Stack viene fornito come sistema integrato con software installato dai partner di soluzioni. I partner di soluzioni forniscono le proprie versioni autorevoli degli strumenti hub di Azure Stack pianificazione della capacità. Usare questi strumenti per le discussioni finali sulla capacità della soluzione.

Diversi modi per modellare le risorse di calcolo

La modellazione delle risorse hub di Azure Stack Capacity Planner dipende dalle diverse dimensioni delle hub di Azure Stack virtuali. Le dimensioni delle macchine virtuali vanno dal più piccolo, Basic 0, fino al più grande, Standard_Fsv2. È anche possibile scegliere tra tre modelli GPU disponibili nelle GPU NVIDIA V100, NVIDIA T4 e AMD MI25. È possibile modellare le allocazioni di risorse di calcolo in due modi diversi:

  • Selezionare un'offerta hardware specifica e vedere quali combinazioni di risorse diverse sono adatte.

  • Creare una combinazione specifica di allocazioni di macchine virtuali e lasciare che il Calcolatore risorse di Azure mostri quali SKU hardware disponibili possono supportare questa configurazione di macchina virtuale.

Questo strumento offre due metodi per l'allocazione delle risorse della macchina virtuale: come singola raccolta di allocazioni di risorse di macchine virtuali o come raccolta di un massimo di sei configurazioni diverse del carico di lavoro. Ogni configurazione del carico di lavoro può contenere un'allocazione diversa delle risorse vm disponibili. Nelle sezioni successive sono disponibili istruzioni dettagliate per creare e usare ognuno di questi modelli di allocazione. Solo i valori contenuti nelle celle ombreggiate non di sfondo o negli elenchi a discesa degli SKU in questo foglio di lavoro devono essere modificati. Le modifiche apportate all'interno di celle ombreggiate potrebbero interrompere i calcoli delle risorse.

Istruzioni DefineByVMPrint

Per creare un modello usando una singola raccolta di diverse dimensioni e quantità di macchine virtuali, selezionare la scheda DefineByVMPrint e seguire questa procedura:

  1. Nell'angolo superiore destro di questo foglio di lavoro usare i controlli casella di riepilogo a discesa disponibili per selezionare un numero iniziale di server (compreso tra 4 e 16) da installare in ogni sistema hardware (SKU). Questo numero di server può essere modificato in qualsiasi momento durante il processo di modellazione per vedere in che modo questo influisce sulle risorse complessive disponibili per il modello di allocazione delle risorse.

  2. Se si vogliono modellare diverse allocazioni di risorse di macchine virtuali rispetto a una configurazione hardware specifica, trovare la casella di riepilogo a discesa blu direttamente sotto l'etichetta SKU corrente nell'angolo superiore destro della pagina. Fare clic su questa casella di riepilogo e selezionare lo SKU hardware desiderato.

  3. A questo punto è possibile iniziare ad aggiungere macchine virtuali di dimensioni diverse al modello. Per includere un particolare tipo di macchina virtuale, immettere un valore di quantità nella casella con contorno blu a sinistra della voce della macchina virtuale.

    Nota

    Total VM Archiviazione fa riferimento alla capacità totale del disco dati della macchina virtuale (il numero di dischi supportati moltiplicato per la capacità massima di un singolo disco [1 TB]). In base agli indicatori di configurazione, è stata popolata la tabella Configurazioni Archiviazione disponibili per poter scegliere il livello di risorsa di archiviazione desiderato per ogni macchina hub di Azure Stack virtuale. È tuttavia importante notare che è possibile aggiungere o modificare la tabella Available Archiviazione Configurations in base alle esigenze.

    Ogni macchina virtuale inizia con una risorsa di archiviazione temporanea locale assegnata inizialmente. Per riflettere il thin provisioning dell'archiviazione temporanea, è possibile modificare il numero local-temp in qualsiasi elemento nel menu a discesa, incluso lo spazio di archiviazione temporaneo massimo consentito.

  4. Quando si aggiungono macchine virtuali, verranno visualizzati i grafici che mostrano la modifica delle risorse SKU disponibili. Questi grafici consentono di visualizzare gli effetti dell'aggiunta di diverse dimensioni e quantità di macchine virtuali durante il processo di modellazione. Un altro modo per visualizzare l'effetto delle modifiche è controllare i numeri Consumati e Ancora disponibili, elencati direttamente sotto l'elenco delle macchine virtuali disponibili. Questi numeri riflettono i valori stimati in base alla SKU hardware attualmente selezionata.

  5. Se sono state selezionate macchine virtuali GPU nella scheda DefinedSolutionSKUs ,il tipo di GPU selezionato sarà disponibile per l'immissione della quantità. Nota: solo il tipo di GPU selezionato nella scheda DefinedSolutionSKUs (DefinedSolutionSKUs) sarà disponibile per la pianificazione della capacità. Eventuali altre opzioni della GPU effettuate verranno ignorate.

  6. Dopo aver creato il set di macchine virtuali, è possibile trovare lo SKU hardware suggerito selezionando SKU suggerito. Questo pulsante si trova nell'angolo superiore destro della pagina, direttamente sotto l'etichetta SKU corrente. Usando questo pulsante, è quindi possibile modificare le configurazioni delle macchine virtuali e visualizzare l'hardware che supporta ogni configurazione.

Istruzioni DefineByWorkloadPrint

Per creare un modello usando una raccolta di hub di Azure Stack, selezionare la scheda DefineByWorkloadPrint e seguire questa sequenza di passaggi. È possibile creare hub di Azure Stack carichi di lavoro usando le risorse della macchina virtuale disponibili.

Suggerimento

Per modificare le dimensioni di archiviazione fornite per una macchina hub di Azure Stack virtuale, vedere la nota del passaggio 3 nella sezione precedente.

  1. Nell'angolo superiore destro di questo foglio di lavoro usare i controlli casella di riepilogo a discesa disponibili per selezionare un numero iniziale di server (compreso tra 4 e 16) da installare in ogni sistema hardware (SKU).
  2. Se si vogliono modellare diverse allocazioni di risorse di macchine virtuali rispetto a una configurazione hardware specifica, trovare la casella di riepilogo a discesa blu direttamente sotto l'etichetta SKU corrente nell'angolo superiore destro della pagina. Fare clic su questa casella di riepilogo e selezionare lo SKU hardware desiderato.
  3. Selezionare le dimensioni di archiviazione appropriate per ogni macchina hub di Azure Stack macchine virtuali desiderate nella pagina DefineByVMPrint . Questo processo è descritto nel passaggio 3 della sezione precedente. Le dimensioni di archiviazione per ogni macchina virtuale sono definite nel foglio DefineByVMPrintprint.
  4. A partire dall'angolo in alto a sinistra della pagina DefineByWorkloadPrint , creare configurazioni per un massimo di sei diversi tipi di carico di lavoro. Immettere la quantità di ogni tipo di macchina virtuale contenuta nel carico di lavoro. A tale scopo, inserire i valori numerici nella colonna direttamente sotto il nome del carico di lavoro. È possibile modificare i nomi dei carichi di lavoro in modo da riflettere il tipo di carichi di lavoro che saranno supportati da questa particolare configurazione.
  5. Per aggiungere qui carichi di lavoro GPU, aggiungerli ai carichi di lavoro personalizzati. Nota: solo il tipo di GPU selezionato nella scheda DefinedSolutionSKUs sarà disponibile per la pianificazione della capacità. Qualsiasi altra opzione di GPU immessa verrà ignorata.
  6. È possibile includere una determinata quantità di ogni tipo di carico di lavoro immettendo un valore nella parte inferiore della colonna, direttamente sotto l'etichetta Quantity .
  7. Dopo aver creato i tipi di carico di lavoro e le quantità, selezionare Suggested SKU (SKU suggerito) nell'angolo superiore destro della pagina, direttamente sotto l'etichetta Current SKU (SKU corrente). Verrà visualizzato lo SKU più piccolo con risorse sufficienti per supportare questa configurazione complessiva dei carichi di lavoro.
  8. È possibile eseguire un'ulteriore modellazione modificando il numero di server selezionati per uno SKU hardware o modificando le allocazioni o le quantità delle macchine virtuali all'interno delle configurazioni del carico di lavoro. I grafici associati mostrano un feedback immediato, che mostra in che modo le modifiche influiscono sul consumo complessivo delle risorse.
  9. Quando si è soddisfatti delle modifiche, selezionare di nuovo Suggested SKU (SKU suggerito) per visualizzare lo SKU suggerito per la nuova configurazione. È anche possibile selezionare il menu a discesa per selezionare lo SKU desiderato.

Passaggi successivi

Informazioni sulle considerazioni sull'integrazione dei data center per hub di Azure Stack.