Spostare una macchina virtuale specializzata da locale a hub di Azure Stack

È possibile aggiungere un'immagine di macchina virtuale dall'ambiente locale. È possibile creare l'immagine come disco rigido virtuale (VHD) e caricarlo in un account di archiviazione nell'istanza hub di Azure Stack archiviazione. È quindi possibile creare una macchina virtuale dal disco rigido virtuale.

Un'immagine di disco specializzata è una copia di un disco rigido virtuale (VHD) da una macchina virtuale esistente che contiene gli account utente, le applicazioni e altri dati sullo stato della macchina virtuale originale. Questo è in genere il formato in cui viene eseguita la migrazione delle macchine virtuali hub di Azure Stack. I dischi rigidi virtuali specializzati sono una soluzione adatta quando è necessario eseguire la migrazione di macchine virtuali da locale a hub di Azure Stack.

Come spostare un'immagine

Trovare la sezione specifica per le proprie esigenze durante la preparazione del disco rigido virtuale.

  • Seguire la procedura descritta in Preparare un Windows VHD o VHDX da caricare in Azure per preparare correttamente il disco rigido virtuale. È necessario usare un disco rigido virtuale per hub di Azure Stack.

    Nota

    Non generalizzare la macchina Virtuale usando Sysprep.

  • Rimuovere tutti gli strumenti di virtualizzazione guest e gli agenti installati nella macchina virtuale, ad esempio gli strumenti VMware.
  • Verificare che la macchina virtuale sia configurata per ottenere l'indirizzo IP e le impostazioni DNS da DHCP. In questo modo il server ottiene un indirizzo IP all'interno della rete virtuale all'avvio.
  • Assicurarsi che RDP/SSH sia abilitato e che il firewall consenta la comunicazione.
  • Per distribuire le estensioni macchina virtuale, assicurarsi che l'agente di macchine virtuali sia .msi disponibile. Per istruzioni, vedere Panoramica dell'agente di macchine virtuali di Azure. Se l'agente di macchine virtuali non è presente nel disco rigido virtuale, la distribuzione dell'estensione avrà esito negativo. Non è necessario impostare il profilo del sistema operativo durante il provisioning o impostare $vm.OSProfile.AllowExtensionOperations = $true.

Verificare il disco rigido virtuale

Prima di caricare il disco rigido virtuale, è necessario verificare che il disco rigido virtuale soddisfi i requisiti. I dischi rigidi virtuali che non soddisfano i requisiti non verranno caricati in hub di Azure Stack.

  1. Si useranno i moduli di PowerShell disponibili con Hyper-V. L'attivazione di Hyper-V installa i moduli di PowerShell di supporto. È possibile verificare di avere il modulo aprendo PowerShell con un prompt con privilegi elevati ed eseguendo il cmdlet seguente:

    Get-Command -Module hyper-v
    

    Se non si dispone dei comandi di Hyper-V, vedere Uso di Hyper-V e Windows PowerShell.

  2. Ottenere il percorso del disco rigido virtuale nel computer. Eseguire il cmdlet seguente:

    get-vhd <path-to-your-VHD>
    

    Il cmdlet restituirà l'oggetto VHD e visualizza gli attributi, ad esempio:

    ComputerName            : YOURMACHINENAME
    Path                    : <path-to-your-VHD>
    VhdFormat               : VHD
    VhdType                 : Fixed
    FileSize                : 68719477248
    Size                    : 68719476736
    MinimumSize             : 32212254720
    LogicalSectorSize       : 512
    PhysicalSectorSize      : 512
    BlockSize               : 0
    ParentPath              :
    DiskIdentifier          : 3C084D21-652A-4C0E-B2D1-63A8E8E64C0C
    FragmentationPercentage : 0
    Alignment               : 1
    Attached                : False
    DiskNumber              :
    IsPMEMCompatible        : False
    AddressAbstractionType  : None
    Number                  :
    
  3. Con l'oggetto VHD, verificare che soddisfi i requisiti per hub di Azure Stack.

    Inoltre, hub di Azure Stack supporta solo immagini di macchine virtuali di prima generazione (1).

  4. Se il disco rigido virtuale non è compatibile con hub di Azure Stack, è necessario tornare all'immagine di origine e a Hyper-V, creare un disco rigido virtuale che soddisfi i requisiti e caricarlo. Per ridurre al minimo il possibile danneggiamento nel processo di caricamento, usare AzCopy.

Come correggere il disco rigido virtuale

Per garantire la compatibilità del disco rigido virtuale con hub di Azure Stack.

Il disco rigido virtuale è di tipo fisso

Identificazione: usare il cmdlet per ottenere l'oggetto VHD.
Correzione: è possibile convertire un file VHDX in disco rigido virtuale, convertire un disco a espansione dinamica in un disco di dimensioni fisse, ma non è possibile modificare la generazione di una macchina virtuale. Usare la console di gestione di Hyper-V o PowerShell per convertire il disco.

Il disco rigido virtuale ha dimensioni virtuali minime di almeno 20 MB

Identificazione: usare il cmdlet per ottenere l'oggetto VHD.
Correzione: usare la console di gestione di Hyper-V o PowerShell per ridimensionare il disco.

Il disco rigido virtuale è allineato

Identificazione: usare il cmdlet per ottenere l'oggetto VHD.
Correzione: le dimensioni virtuali devono essere un multiplo di uno (1) MB.

I dischi devono avere una dimensione virtuale allineata a 1 MiB. Se il disco rigido virtuale è una frazione di 1 MiB, sarà necessario ridimensionare il disco a un multiplo di 1 MiB. I dischi che sono frazioni di un MiB causano errori durante la creazione di immagini dal disco rigido virtuale caricato. Per verificare le dimensioni, è possibile usare il cmdlet Get-VHD di PowerShell per visualizzare "Size", che deve essere un multiplo di 1 MiB in Azure, e "FileSize", che sarà uguale a "Size" più 512 byte per il piè di pagina del disco rigido virtuale.

Usare la console di gestione di Hyper-V o PowerShell per ridimensionare il disco.

Lunghezza BLOB VHD

Identificazione: usare il cmdlet per visualizzare Size
Correzione: la lunghezza del BLOB del disco rigido virtuale = dimensioni virtuali + lunghezza del piè di pagina del disco rigido virtuale (512). Un piccolo piè di pagina alla fine del BLOB descrive le proprietà del disco rigido virtuale. Size deve essere un multiplo di 1 MiB in Azure e FileSize, che sarà uguale Size a + 512 byte per il piè di pagina del disco rigido virtuale.

Usare la console di gestione di Hyper-V o PowerShell per ridimensionare il disco.

Macchine virtuali di prima generazione

Identificare: per verificare se la macchina virtuale è di prima generazione, usare il cmdlet .
Correzione: sarà necessario ricreare la macchina virtuale nell'hypervisor (Hyper-V).

Upload a un account di archiviazione

È possibile caricare il disco rigido virtuale con il portale o con il contenitore creato nel portale, usare AzCopy.

Portale per generare l'URL di firma di accesso condiviso e caricare il disco rigido virtuale

  1. Accedere al portale hub di Azure Stack utenti.

  2. Selezionare Archiviazione account di archiviazione e selezionare un account di archiviazione esistente o crearne uno nuovo.

  3. Selezionare BLOB nel pannello dell'account di archiviazione per l'account di archiviazione. Selezionare Contenitore per creare un nuovo contenitore.

  4. Digitare il nome del contenitore e quindi selezionare BLOB (accesso in lettura anonimo solo per i BLOB).

  5. Se si usa AzCopy per caricare l'immagine anziché il portale, creare un token di firma di accesso condiviso. Selezionare Firma di accesso condiviso nell'account di archiviazione e quindi selezionare Genera firma di accesso condiviso e stringa di connessione. Copiare e prendere nota dell'URL di firma di accesso condiviso del servizio BLOB. Questo URL verrà utilizzato quando si usa AzCopy per caricare il disco rigido virtuale.

  6. Selezionare il contenitore e quindi selezionare Upload. Upload disco rigido virtuale.

Disco rigido virtuale AzCopy

Usare Azure Storage Explorer o AzCopy per ridurre la probabilità che il disco rigido virtuale sia danneggiato nel processo di caricamento e che il caricamento sia più veloce. La procedura seguente usa AzCopy in un Windows 10 computer. AzCopy è un'utilità della riga di comando che è possibile usare per copiare i BLOB o i file da e verso un account di archiviazione.

  1. Se AzCopy non è installato, installare AzCopy. Per istruzioni su come scaricare e iniziare a usare AzCopy, vedere l'articolo Introduzione ad AzCopy. Prendere nota della posizione in cui archiviare il file binario. È possibile aggiungere AzCopy al percorso per usarlo dalla riga di comando di PowerShell.

  2. Aprire PowerShell per usare AzCopy dalla shell.

  3. Usare AzCopy per caricare il disco rigido virtuale nel contenitore nell'account di archiviazione.

    set AZCOPY_DEFAULT_SERVICE_API_VERSION=2017-11-09
    azcopy cp "/path/to/file.vhd" "https://[account].blob.core.windows.net/[container]/[path/to/blob]?[SAS] --blob-type=PageBlob
    

Nota

Upload il disco rigido virtuale usando una sintassi simile al caricamento di un singolo file nella directory virtuale. Aggiungere --blob-type=PageBlob per assicurarsi che il disco rigido virtuale sia caricato --blob-type=PageBlob pagine, invece di Blocca per impostazione predefinita.

Per altre informazioni sull'uso di AzCopy e di altri strumenti di archiviazione, vedere Usare gli strumenti di trasferimento dati in hub di Azure Stack Archiviazione.

Creare il disco in hub di Azure Stack

  1. Accedere al portale hub di Azure Stack utenti.

    Se si è un operatore cloud che crea un disco della piattaforma, seguire le istruzioni in Aggiungere un'immagine della piattaforma per aggiungere il disco rigido virtuale tramite il portale di amministrazione o con gli endpoint di amministratore.

  2. Nel portale utenti selezionare Tutti iserviziDisksAggiungi.

  3. In Crea disco gestito:

    1. Digitare il nome dell'immagine.

    2. Selezionare la sottoscrizione.

    3. Creare o aggiungere l'immagine a un gruppo di risorse.

    4. Selezionare la località, definita anche area, dell'ASDK.

    5. Selezionare il tipo di account.

      • Premium dischi SSD (Solid State Drive) sono supportati da unità a stato solido e offrono prestazioni coerenti e a bassa latenza. Offrono il miglior equilibrio tra prezzo e prestazioni e sono ideali per applicazioni a elevato utilizzo di I/O e carichi di lavoro di produzione.
      • I dischi standard (HDD) sono supportati da unità magnetiche e sono preferibili per le applicazioni in cui si accede raramente ai dati. I dischi con ridondanza della zona sono supportati da archiviazione con ridondanza della zona (ZRS) che replica i dati tra più zone e sono disponibili anche se una singola zona non è disponibile.
    6. Selezionare Archiviazione BLOB comeTipo di origine. Viene creato un disco da un BLOB in un account di archiviazione.

    7. Per l'origine del disco rigido virtuale selezionare:

      1. Sottoscrizione di origine in cui si trova l'account di archiviazione.
      2. Selezionare Sfoglia e quindi passare all'account Archiviazione, al contenitore e al disco rigido virtuale. Scegliere Seleziona.
      3. Selezionare il tipo di sistema operativo corrispondente al disco rigido virtuale.
    8. Selezionare una dimensione del disco (GiB) di dimensioni maggiori o superiori al disco rigido virtuale.

    9. Selezionare Crea.

  4. Dopo aver creato il disco, è possibile usarlo per creare una nuova macchina virtuale.

Passaggi successivi

Spostare una macchina virtuale in hub di Azure Stack panoramica