Limitazioni di Collaborazione B2B di Azure AD

Collaborazione B2B di Azure Active Directory (Azure AD) è soggetta alle limitazioni descritte in questo articolo.

Possibile autenticazione a più fattori doppia

Con B2B di Azure AD è possibile imporre l'autenticazione a più fattori dell'organizzazione delle risorse (l'organizzazione che invita). I motivi di questo approccio vengono descritti nel dettaglio in Accesso condizionale per gli utenti di Collaborazione B2B. Se un partner ha già configurato e applicato l'autenticazione a più fattori, è possibile che i rispettivi utenti debbano eseguire l'autenticazione una volta nella propria organizzazione e di nuovo nell'organizzazione di destinazione.

Immediatezza

Nei flussi di Collaborazione B2B gli utenti vengono aggiunti alla directory e aggiornati in modo dinamico durante il riscatto dell'invito, l'assegnazione di app e così via. Le operazioni di aggiornamento e scrittura vengono eseguite generalmente in un'istanza della directory e devono essere replicate in tutte le istanze. La replica viene completata quando tutte le istanze sono state aggiornate. In alcuni casi, quando un oggetto viene scritto o aggiornato in un'istanza e la chiamata per il recupero dell'oggetto viene effettuata a un'altra istanza, è possibile che si verifichino latenze della replica. In tal caso, aggiornare o riprovare. Se si sta scrivendo un'app usando l'API, è consigliabile riprovare, interrompendo temporaneamente, per risolvere il problema.

Passaggi successivi

Vedere gli altri articoli su Azure AD B2B Collaboration.