Introduzione al monitoraggio del servizio cloud (versione classica)

Importante

Servizi cloud di Azure (supporto esteso) è un nuovo modello di distribuzione basato su Azure Resource Manager per il prodotto servizi cloud di Azure.Con questa modifica, i servizi cloud di Azure in esecuzione nel modello di distribuzione basato su Service Manager di Azure sono stati rinominati come servizi cloud (versione classica) e tutte le nuove distribuzioni devono usare i servizi cloud (supporto esteso).

È possibile monitorare le metriche di prestazioni chiave per qualsiasi servizio cloud. Ogni ruolo del servizio cloud raccoglie dati minimi: utilizzo della CPU, utilizzo della rete e utilizzo del disco. Se il servizio cloud ha l'estensione Microsoft.Azure.Diagnostics applicata a un ruolo, tale ruolo può raccogliere altri dati. Questo articolo fornisce un'introduzione a Diagnostica di Azure per Servizi cloud.

Con il monitoraggio di base, i dati dei contatori delle prestazioni provenienti dalle istanze del ruolo sono campionati e raccolti a intervalli di 3 minuti. Questi dati di monitoraggio di base non vengono salvati nell'account di archiviazione e non hanno alcun costo aggiuntivo.

Con il monitoraggio avanzato, altre metriche vengono campionate e raccolte a intervalli di 5 minuti, 1 ora e 12 ore. I dati aggregati vengono salvati in un account di archiviazione all'interno di tabelle e vengono eliminati dopo 10 giorni. L'account di archiviazione usato è configurato per ruolo; è possibile usare account di archiviazione diversi per ruoli diversi. Questo è configurato con una stringa di connessione nei file con estensione .csdef e .cscfg.

Monitoraggio di base

Come indicato nell'introduzione, un servizio cloud raccoglie automaticamente i dati di monitoraggio di base dalla macchina virtuale host. Questi dati includono percentuale della CPU, in/out di rete e lettura/scrittura su disco. I dati di monitoraggio raccolti vengono visualizzati automaticamente nelle pagine di panoramica e metriche del servizio cloud, nel portale di Azure.

Il monitoraggio di base non richiede un account di archiviazione.

Riquadri del monitoraggio di base del servizio cloud

Monitoraggio avanzato

Il monitoraggio avanzato comporta l'uso dell'estensione Diagnostica di Azure (e facoltativamente di Application Insights SDK) sul ruolo che si vuole monitorare. L'estensione di diagnostica usa un file di configurazione (per ruolo) denominato diagnostics.wadcfgx per configurare le metriche di diagnostica monitorate. L'estensione Diagnostica di Azure raccoglie e archivia i dati in un account di archiviazione di Azure. Queste impostazioni vengono configurate nei file .wadcfgx, .csdef e .cscfg. Il monitoraggio avanzato comporta perciò un costo aggiuntivo.

In fase di creazione, Visual Studio aggiunge a ogni ruolo l'estensione Diagnostica di Azure. Questa estensione di diagnostica può raccogliere i tipi di informazioni seguenti:

  • Contatori delle prestazioni personalizzati
  • Log applicazioni
  • Registri eventi di Windows
  • Origine degli eventi .NET
  • Log di IIS
  • ETW basato su manifesto
  • Dump di arresto anomalo
  • Log degli errori dei clienti

Importante

Mentre tutti questi dati vengono aggregati nell'account di archiviazione, il portale non fornisce un modo nativo per creare un grafico dei dati. È consigliabile integrare un altro servizio, come ad esempio Application Insights, nell'applicazione.

Configurare l'estensione di Diagnostica

In primo luogo, se non si ha già un account di archiviazione classico, crearne uno. Verificare che l'account di archiviazione sia creato con il modello di distribuzione classica specificato.

Quindi passare alla risorsa Account di archiviazione (classico). Selezionare Impostazioni > chiavi di accesso e copiare il valore della stringa di connessione primaria . Questo valore è necessario per il servizio cloud.

Per poter abilitare la diagnostica avanzata, è necessario modificare i due file di configurazione seguenti: ServiceDefinition.csdef e ServiceConfiguration.cscfg.

ServiceDefinition.csdef

Nel file ServiceDefinition.csdef aggiungere una nuova impostazione denominata Microsoft.WindowsAzure.Plugins.Diagnostics.ConnectionString per ogni ruolo che usa la diagnostica avanzata. Visual Studio aggiunge questo valore al file quando viene creato un nuovo progetto. Se manca, è possibile aggiungerlo adesso.

<ServiceDefinition name="AnsurCloudService" xmlns="http://schemas.microsoft.com/ServiceHosting/2008/10/ServiceDefinition" schemaVersion="2015-04.2.6">
  <WorkerRole name="WorkerRoleWithSBQueue1" vmsize="Small">
    <ConfigurationSettings>
      <Setting name="Microsoft.WindowsAzure.Plugins.Diagnostics.ConnectionString" />

Questo definisce una nuova impostazione che deve essere aggiunta a ogni file ServiceConfiguration.cscfg.

Molto probabilmente si avranno due file con estensione .cscfg, uno denominato ServiceConfiguration.cloud.cscfg per la distribuzione in Azure e uno denominato ServiceConfiguration.local.cscfg usato per le distribuzioni locali nell'ambiente emulato. Aprire e modificare ogni file con estensione .cscfg. Aggiungere un'impostazione denominata Microsoft.WindowsAzure.Plugins.Diagnostics.ConnectionString. Impostare il valore sulla Stringa di connessione primaria dell'account di archiviazione classico. Se si vuole usare l'archiviazione locale nel computer di sviluppo, usare UseDevelopmentStorage=true.

<ServiceConfiguration serviceName="AnsurCloudService" xmlns="http://schemas.microsoft.com/ServiceHosting/2008/10/ServiceConfiguration" osFamily="4" osVersion="*" schemaVersion="2015-04.2.6">
  <Role name="WorkerRoleWithSBQueue1">
    <Instances count="1" />
    <ConfigurationSettings>
      <Setting name="Microsoft.WindowsAzure.Plugins.Diagnostics.ConnectionString" value="DefaultEndpointsProtocol=https;AccountName=mystorage;AccountKey=KWwkdfmskOIS240jnBOeeXVGHT9QgKS4kIQ3wWVKzOYkfjdsjfkjdsaf+sddfwwfw+sdffsdafda/w==" />
      
      <!-- or use the local development machine for storage
      <Setting name="Microsoft.WindowsAzure.Plugins.Diagnostics.ConnectionString" value="UseDevelopmentStorage=true" />
      -->

Usare Application Insights

Quando si pubblica il servizio cloud da Visual Studio, si può scegliere di inviare i dati di diagnostica ad Application Insights. È possibile creare la risorsa Azure Application Insights in quel momento o inviare i dati a una risorsa Azure esistente. Il servizio cloud può essere monitorato da Application Insights in termini di disponibilità, prestazioni, errori e utilizzo. È possibile aggiungere grafici personalizzati ad Application Insights che mostrino i dati più importanti. I dati delle istanze dei ruoli possono essere raccolti con Application Insights SDK nel progetto del servizio cloud. Per altre informazioni su come integrare Application Insights, vedere Application Insights per Servizi cloud di Azure.

Sebbene sia possibile usare Application Insights per visualizzare i contatori delle prestazioni (e le altre impostazioni) specificati tramite l'estensione Diagnostica di Azure, per ottenere un'esperienza più completa è necessario integrare Application Insights SDK nei ruoli di lavoro e Web.

Passaggi successivi