Rendere persistenti i file in Azure Cloud Shell

Cloud Shell utilizza l'archiviazione dei file di Azure per mantenere i file in più sessioni.

Configurare una condivisione file clouddrive

Al primo avvio Cloud Shell richiede di associare una condivisione file nuova o esistente per mantenere i file in più sessioni.

Nota

La condivisione Bash e PowerShell sono la stessa condivisione file. Solo una condivisione file può essere associata con il montaggio automatico in Cloud Shell.

Creare una nuova risorsa di archiviazione

Quando si usano le impostazioni di base e si seleziona una sola sottoscrizione, Cloud Shell crea tre risorse per conto dell'utente nell'area di Azure supportata più vicina all'utente:

  • Gruppo di risorse: cloud-shell-storage-<region>
  • Account di archiviazione: cs<uniqueGuid>
  • Condivisione file: cs-<user>-<domain>-com-<uniqueGuid>

Impostazione della sottoscrizione

La condivisione viene montata come clouddrive nella directory $Home. Questa azione viene eseguita una sola volta e la condivisione file viene ripetuta automaticamente nelle sessioni successive.

In Bash la condivisione file contiene anche un'immagine da 5 GB creata per l'utente che rende automaticamente persistenti i dati nella directory $Home.

Usare le risorse esistenti

Con l'opzione Avanzate è possibile associare risorse esistenti. Al prompt di impostazione dell'archiviazione, selezionare Mostra impostazioni avanzate per visualizzare le opzioni aggiuntive. I menu a discesa vengono filtrati in base all'area Cloud Shell assegnata e agli account di archiviazione ridondanti a livello locale o globale.

In Bash le condivisioni file esistenti ricevono un'immagine da 5 GB creata automaticamente per mantenere persistente la directory $Home.

Impostazione del gruppo di risorse

Limitare la creazione di risorse con i criteri delle risorse di Azure

Gli account di archiviazione che si creano in Cloud Shell sono contrassegnati con ms-resource-usage:azure-cloud-shell. Se si desidera impedire agli utenti di creare account di archiviazione con Cloud Shell, creare criteri di risorse di Azure per tag che vengono attivati dal tag specificato.

Aree di archiviazione supportate

Gli account di archiviazione di Azure associati devono risiedere nella stessa area del computer Cloud Shell in cui vengono montati.

Per trovare l'area assegnata, è possibile:

  • Visualizzare la nota nella finestra di dialogo "Advanced storage settings" (Impostazioni di archiviazione avanzate)
  • Fare riferimento al nome dell'account di archiviazione creato automaticamente (ad esempio: cloud-shell-storage-westus)
  • Eseguire env e individuare la variabile ACC_LOCATION

I computer Cloud Shell esistono nelle aree seguenti:

Area Region
Americhe Stati Uniti orientali, Stati Uniti centro-meridionali, Stati Uniti occidentali
Europa Europa settentrionale, Europa occidentale
Asia/Pacifico India centrale, Asia sud-orientale

Come funziona l’archiviazione Cloud Shell

Cloud Shell rende persistenti i file tramite entrambe le modalità seguenti:

  • Creazione di un'immagine del disco della directory $Home per rendere persistenti tutti i contenuti della directory. L'immagine del disco viene salvata nella condivisione file specificata come acc_<User>.img in fileshare.storage.windows.net/fileshare/.cloudconsole/acc_<User>.img e le modifiche vengono automaticamente sincronizzate.
  • Montaggio della condivisione file specificata come clouddrive nella directory $Home per l'interazione diretta con la condivisione file. Viene eseguito il mapping di /Home/<User>/clouddrive a fileshare.storage.windows.net/fileshare.

Nota

Tutti i file della directory $Home, come le chiavi SSH, vengono mantenuti nell'immagine del disco utente archiviata nella condivisione file montata. Applicare le procedure consigliate quando si rendono persistenti le informazioni nella directory $Home e nella condivisione file montata.

Usare il comando clouddrive

Con Bash in Cloud Shell è possibile eseguire un comando denominato clouddrive, che consente di aggiornare manualmente la condivisione file montata in Cloud Shell. Esecuzione del comando "clouddrive"

Montare una nuova clouddrive

Prerequisiti per il montaggio manuale

È possibile aggiornare la condivisione file associata a Cloud Shell usando il comando clouddrive mount.

Se si monta una condivisione file esistente, gli account di archiviazione devono avere le caratteristiche seguenti:

  • Avere un account di archiviazione ridondante a livello locale o globale per supportare le condivisioni file.
  • Trovarsi nell'area assegnata. Durante l'onboarding, l'area a cui si è assegnati viene elencata nel nome del gruppo di risorse cloud-shell-storage-<region>.

Il comando di montaggio clouddrive

Nota

Se si sta montando una nuova condivisione file, una nuova immagine utente viene creata per la directory $Home. L’immagine $Home precedente viene mantenuta nella condivisione file precedente.

Eseguire il comando clouddrive mount con i parametri seguenti:

clouddrive mount -s mySubscription -g myRG -n storageAccountName -f fileShareName

Per visualizzare altri dettagli, eseguire clouddrive mount -h, come illustrato di seguito:

Esecuzione del comando `clouddrive mount`

Smontare l'unità clouddrive

È possibile smontare in qualsiasi momento una condivisione file montata in Cloud Shell. Dal momento che Cloud Shell richiede l’uso di una condivisione file montata, verrà richiesto di creare e montare una nuova condivisione file alla sessione successiva.

  1. Eseguire clouddrive unmount.
  2. Accettare e confermare i prompt.

La condivisione file continuerà a esistere a meno che non venga eliminata manualmente. Cloud Shell non eseguirà più la ricerca di questa condivisione file nelle sessioni successive. Per visualizzare altri dettagli, eseguire clouddrive unmount -h, come illustrato di seguito:

Esecuzione del comando "clouddrive unmount"

Avviso

Sebbene l'esecuzione di questo comando non elimini le risorse, l'eliminazione manuale di un gruppo di risorse, un account di archiviazione o una condivisione file di cui è stato eseguito il mapping a Cloud Shell cancellerà l'immagine del disco della directory $Home e tutti i file presenti nella condivisione file. Questa azione non può essere annullata.

Elenco clouddrive

Per sapere quale condivisione file è montata come clouddrive, eseguire il comando df.

Il percorso file a clouddrive indicherà il nome dell'account di archiviazione e la condivisione file nell'URL. Ad esempio, //storageaccountname.file.core.windows.net/filesharename

justin@Azure:~$ df
Filesystem                                          1K-blocks   Used  Available Use% Mounted on
overlay                                             29711408 5577940   24117084  19% /
tmpfs                                                 986716       0     986716   0% /dev
tmpfs                                                 986716       0     986716   0% /sys/fs/cgroup
/dev/sda1                                           29711408 5577940   24117084  19% /etc/hosts
shm                                                    65536       0      65536   0% /dev/shm
//mystoragename.file.core.windows.net/fileshareName 5368709120    64 5368709056   1% /home/justin/clouddrive
justin@Azure:~$

Trasferire file locali in Cloud Shell

La directory clouddrive viene sincronizzata con il pannello di archiviazione del portale di Azure. Usare questo pannello per trasferire file locali da e verso la condivisione file. L'aggiornamento dei file dall'interno di Cloud Shell si riflette nell'interfaccia utente grafica di archiviazione file quando il pannello viene aggiornato.

Download dei file

Elenco di file locali

  1. Nel portale di Azure passare alla condivisione file montata.
  2. Selezionare il file di destinazione.
  3. Fare clic sul pulsante Download.

Caricare file

File locali da caricare

  1. Passare alla condivisione file montata.
  2. Selezionare il pulsante Carica.
  3. Selezionare uno o più file che si desidera caricare.
  4. Confermare il caricamento.

Si dovrebbe a questo punto vedere che è possibile accedere ai file nella directory clouddrive in Cloud Shell.

Passaggi successivi

Avvio rapido di Cloud Shell
Informazioni sull'archiviazione file di Azure
Informazioni sui tag di archiviazione