Connettersi a un'origine dati

Con Power BI Embeddedè possibile incorporare report in proprie app. Quando un report di Power BI viene incorporato in un'app, il report si connette ai dati sottostanti tramite l'importazione di una copia dei dati o tramite connessione diretta all'origine dati con DirectQuery.

Di seguito sono spiegate le differenze tra l'importazione e DirectQuery.

Importa DirectQuery
Tabelle, colonne e dati vengono importati o copiati nel set di dati del report. Per visualizzare le modifiche apportate ai dati sottostanti, è necessario aggiornare o importare nuovamente un set di dati completo e corrente. Vengono importate o copiate nel set di dati del report solo tabelle e colonne . Vengono visualizzati sempre i dati più recenti.

Con Power BI Embedded è attualmente possibile usare DirectQuery con le origini dati cloud ma non su origini dati locali.

Nota

Il gateway dati locale non è al momento supportato con Power BI Embedded. Non è quindi possibile usare DirectQuery con origini dati locali.

Origini dati supportate

DirectQuery

  • Database SQL di Azure
  • Azure SQL Data Warehouse

Import (Importa) (Import (Importa)a)

È possibile usare per l'importazione tutte le origini dati disponibili in Power BI Desktop. Tali dati non potranno essere aggiornati in Power BI Embedded. Sarà necessario caricare le modifiche al file PBIX in Power BI Embedded. Questo è dovuto al fatto che non è disponibile un gateway.

Vantaggi di DirectQuery

L'uso di DirectQuerypresenta due vantaggi principali:

  • DirectQuery consente di creare visualizzazioni su set di dati molto grandi nei casi in cui sarebbe impossibile importare prima tutti i dati.
  • Le modifiche ai dati sottostanti possono richiedere un aggiornamento dei dati. Nel caso di alcuni report, per visualizzare i dati correnti, può essere quindi necessario trasferire molti dati, rendendo la re-importazione dei dati impossibile. I report DirectQuery usano invece sempre dati correnti.

Limitazioni di DirectQuery

L'uso di DirectQuerypresenta alcune limitazioni:

  • Tutte le tabelle devono provenire da un database singolo.
  • Se la query è troppo complessa, si verificherà un errore. Per correggere l'errore è necessario eseguire il refactoring della query per renderla meno complessa. Se la query deve essere necessariamente complessa, i dati saranno importati e non sarà possibile usare la modalità DirectQuery.
  • Il filtro di relazione è limitato a un'unica direzione, piuttosto che ad entrambe le direzioni.
  • Non è possibile modificare il tipo di dati di una colonna.
  • Per impostazione predefinita, alle espressioni DAX valide per le misure sono imposte limitazioni. Vedere DirectQuery e misure.

DirectQuery e misure

Per garantire che le prestazioni delle query inviate all'origine dati sottostante siano accettabili, vengono imposte limitazioni alle misure. In Power BI Desktop gli utenti esperti possono scegliere di ignorare questa limitazione selezionando File > Opzioni e impostazioni > Opzioni. Nella finestra di dialogo Opzioni scegliere DirectQuery e selezionare l'opzione Consenti misure senza limitazioni in modalità DirectQuery. Se tale opzione viene selezionata, è possibile usare qualsiasi espressione DAX valida per una misura. È tuttavia necessario sapere che alcune espressioni che funzionano molto bene quando i dati sono importati possono invece rallentare considerevolmente le query all'origine back-end se si usa la modalità DirectQuery .

Vedere anche

Altre domande? Contattare la community di Power BI