Domande frequenti su Azure RemoteApp

Importante

Azure RemoteApp verrà sospeso a partire dal 31 agosto 2017. Per i dettagli, vedere l' annuncio .

Finora sono state formulate le domande seguenti su Azure RemoteApp. Ve ne sono altre? Visitare i forum di RemoteApp per formulare le proprie domande oppure inserire un commento di seguito.

Le informazioni cercate non sono disponibili? Non è possibile trovare la risposta a una domanda?

Se non è possibile trovare le informazioni necessarie o in caso di domande su altri argomenti non trattati qui, accedere al forum di Azure RemoteApp, dove verranno aggiunte altre risposte.

Informazioni su Azure RemoteApp

  • Informazioni su Azure RemoteApp RemoteApp è un servizio di Azure che consente di fornire un accesso remoto sicuro alle applicazioni da molti dispositivi utente diversi. Altre informazioni su Azure RemoteApp.
  • Quali sono le opzioni di distribuzione? Sono disponibili due tipi di distribuzioni di RemoteApp: ibrida e nel cloud. Quale è necessario dipende da numerosi fattori, ad esempio la necessità di aggiunta a un dominio. Tutte queste decisioni sono discusse qui.

Suggerimenti rapidi sull'uso di Azure RemoteApp

  • Dopo quanto tempo si viene disconnessi? Per quanto tempo è possibile rimanere inattivi prima che venga eseguito automaticamente l'avvio? 4 ore. Se un utente rimane inattivo per 4 ore, viene disconnesso automaticamente da Azure RemoteApp. Per verificare le altre impostazioni predefinite, vedere Sottoscrizione di Azure e limiti dei servizi, quote e vincoli.
  • È possibile provare il servizio gratuitamente? Sì. È disponibile una versione di valutazione gratuita della durata di 30 giorni. Al termine della valutazione, è possibile passare a un account a pagamento (che è possibile usare nell'ambiente di produzione) oppure interrompere l'uso del servizio. Avviare la versione di valutazione gratuita visitando portal.azure.com e creare una nuova istanza di RemoteApp. Con la versione di valutazione è possibile creare 2 istanze di RemoteApp con 10 utenti per istanza. Si noti che la versione di valutazione è valida soltanto per 30 giorni.

    Dettagli della sottoscrizione Azure RemoteApp

  • Quali sono i limiti del servizio? Sarà possibile conoscere le impostazioni predefinite e i limiti del servizio di Azure RemoteApp in Sottoscrizione di Azure e limiti, quote e vincoli dei servizi. Per altre domande contattare Microsoft.
  • Quanti utenti sono necessari? È necessario un numero minimo di 20 utenti. Il numero MINIMO è 20. Verrà emessa una fattura per 20.
  • Quanto costa RemoteApp? Consultare i dettagli dei prezzi di Azure RemoteApp .
  • Un tipo di raccolta costa più di un altro? Sì, è possibile, a seconda delle esigenze di raccolta. Una raccolta ibrida richiede una connessione da RemoteApp di Azure alla rete locale. Se si utilizza una Route di rete virtuale/Express esistente, non esiste alcun costo aggiuntivo. Se invece si usa una nuova rete virtuale di Azure e un gateway o Express Route, verrà addebitato un costo per il gateway VPN o per Express Route. Questo costo (vedere informazioni dettagliato sui collegamenti) è sopra il costo mensile della RemoteApp di Azure.

Raccolte - cos'è supportato, cosa è opportuno utilizzare e altro

  • Le applicazioni personalizzate LOB (line-of-business) sono supportate? Sì. Per usare un'applicazione personalizzata in Azure RemoteApp, creare un' immagine modello personalizzatae caricarla nella raccolta RemoteApp.
  • L'applicazione LOB personalizzata funzionerà in Azure RemoteApp? Il modo migliore per verificarlo è provarla. Vedere il centro di compatibilità di Desktop remoto.
  • Quale metodo di distribuzione (cloud o ibrido) è più adatto per la propria organizzazione? Le raccolte ibride offrono un'esperienza più completa se si desidera integrazione completa con Single Sign-On (SSO) e connettività di rete protetta in locale. Le raccolte nel cloud offrono un modo semplice e rapido di isolare la distribuzione usando più metodi di autenticazione. Altre informazioni sulle opzioni di distribuzione.
  • Al momento si usa SQL o un altro database, in locale o in Azure. Che tipo di distribuzione è consigliabile usare? Questo dipende dal luogo in cui risiede il database SQL o back-end. Se si trova in una rete privata, usare la raccolta ibrida. Se invece il database è esposto a Internet e consente connessioni client, è possibile usare la raccolta nel cloud.
  • E per quanto riguarda il mapping delle unità, le porte USB e seriali, la condivisione degli Appunti e il reindirizzamento della stampante? Tutte queste funzionalità sono supportate in Azure RemoteApp. Il reindirizzamento della stampante e la condivisione degli Appunti sono abilitati per impostazione predefinita. Altre informazioni sul reindirizzamento sono disponibili qui.

Immagini modello

  • È possibile usare un cloud o una macchina virtuale esistente come modello per la propria raccolta RemoteApp? Sì. È possibile creare un'immagine basata su una VM di Azure, usare una delle immagini incluse nella sottoscrizione o creare un'immagine personalizzata. Verificare le opzioni per le immagini di RemoteApp.

Opzioni di rete

  • La raccolta ibrida richiede una rete virtuale. È possibile usare la rete virtuale esistente? È possibile se la rete virtuale esistente è una rete virtuale di Azure. Per altre informazioni vedere "Passaggio 1: Configurare la rete virtuale" nelle istruzioni sulla raccolta ibrida.
  • È possibile utilizzare una rete virtuale con una raccolta di cloud? È possibile. Per altre informazioni, vedere Creare una raccolta cloud, in particolare il passaggio 1.

Opzioni di autenticazione

  • Per quanto riguarda l'autenticazione, quali metodi sono supportati? La raccolta nel cloud supporta account Microsoft e account Azure Active Directory, che sono anche account di Office 365. La raccolta ibrida supporta solo gli account Azure Active Directory che sono stati sincronizzati (mediante uno strumento come sincronizzazione di Windows Azure Active Directory) da una distribuzione di Windows Server Active Directory e, in particolare, sincronizzati con l'opzione di sincronizzazione password oppure con la federazione di Active Directory Federation Services (AD FS) configurata. È anche possibile configurare la Multi-Factor Authentication (MFA).
Nota

Gli utenti di Azure Active Directory devono provenire dal tenant associato alla sottoscrizione. (è possibile visualizzare e modificare la sottoscrizione nella scheda Impostazioni nel portale. Per altre informazioni, vedere l'articolo relativo alla modifica del tenant di Azure Active Directory usato da RemoteApp ).

  • Perché non è possibile consentire l'accesso all'account Azure Active Directory? Gli utenti di Azure Active Directory devono provenire dalla directory associata alla sottoscrizione. È possibile visualizzare o modificare tale directory nella scheda Impostazioni nel portale. Per altre informazioni, vedere Configurare il tenant di Azure Active Directory usato da RemoteApp .

Client - quali dispositivi si possono utilizzare per accedere a RemoteApp di Azure?

È possibile trovare informazioni interessanti sui client, inclusi i passaggi per l'installazione di diversi client, in Accesso alle app in Azure RemoteApp.

  • Quali dispositivi e sistemi operativi sono supportati dalle applicazioni client? Per prima cosa, computer e tablet:

    • Windows 10 (anteprima client)
    • Windows 8.1 e Windows 8
    • Windows 7 Service Pack 1
    • Mac OS X
    • Windows RT
    • Tablet Android
    • iPad

      E i telefoni:

    • iPhone
    • Telefono Android
    • Windows Phone

      Scaricare ora un client di RemoteApp.

  • Azure RemoteApp supporta i thin client? Sì, sono supportati i thin client Windows Embedded seguenti:

    • Windows Embedded Standard 7
    • Windows Embedded 8 Standard
    • Windows Embedded 8.1 Industry Pro
    • Windows 10 IoT Enterprise
  • Quale versione di Windows Server è supportata per Host sessione Desktop remoto (RDSH)? Windows Server 2012 R2.

Supporto, commenti e suggerimenti

Come contribuire al miglioramento

Non tutti sanno che oltre alla classificazione di questo articolo e all'aggiunta di commenti di seguito, è possibile apportare modifiche all'articolo stesso. Mancano informazioni? Alcune informazioni non sono corrette? Qualcosa non è abbastanza chiaro? Scorrere verso l'alto e fare clic su Modifica in GitHub per apportare modifiche e suggerire miglioramenti, che saranno esaminati e approvati per poi essere applicati a questo articolo.