Configurare un nome di dominio personalizzato per l'endpoint di archiviazione BLOB

È possibile configurare un nome di dominio personalizzato per l'accesso ai dati BLOB nell'account di archiviazione di Azure. L'endpoint predefinito per l'archiviazione BLOB è <storage-account-name>.blob.core.windows.net. Se si esegue il mapping di un dominio personalizzato e di un sottodominio come www.contoso.com all'endpoint BLOB per l'account di archiviazione, anche gli utenti potranno accedere ai dati BLOB dell'account di archiviazione usando tale dominio.

Importante

Archiviazione di Azure non supporta ancora in modo nativo HTTPS con domini personalizzati. Attualmente è possibile Usare la rete CDN di Azure per accedere ai BLOB con domini personalizzati tramite HTTPS.

La tabella seguente riporta gli URL di esempio per i dati BLOB presenti in un account di archiviazione denominato mystorageaccount. Il dominio personalizzato registrato per l'account di archiviazione è www.contoso.com:

Tipo di risorsa URL predefinito URL di dominio personalizzato
Account di archiviazione http://mystorageaccount.blob.core.windows.net http://www.contoso.com
BLOB http://mystorageaccount.blob.core.windows.net/mycontainer/myblob http://www.contoso.com/mycontainer/myblob
Contenitore radice http://mystorageaccount.blob.core.windows.net/myblob or http://mystorageaccount.blob.core.windows.net/$root/myblob http://www.contoso.com/myblob or http://www.contoso.com/$root/myblob

Mapping di dominio diretto e con sottodominio intermedio

Esistono due modi per puntare il dominio personalizzato all'endpoint BLOB per l'account di archiviazione: mapping CNAME diretto e utilizzo del sottodominio intermedio asverify.

Mapping diretto del record CNAME

Il primo e più semplice metodo consiste nel creare un record di nome canonico (CNAME) che esegue il mapping del dominio personalizzato e del sottodominio direttamente all'endpoint BLOB. Un record CNAME è una funzionalità Domain Name System (DNS) tramite cui viene eseguito il mapping di un dominio di origine a uno di destinazione. In questo caso il dominio di origine è il proprio dominio personalizzato e sottodominio, ad esempio www.contoso.com. Il dominio di destinazione è l'endpoint del servizio BLOB, ad esempio mystorageaccount.blob.core.windows.net.

Il metodo diretto è descritto in Registrare un dominio personalizzato.

Mapping intermedio con asverify

Anche il secondo metodo usa record CNAME ma prima impiega un sottodominio speciale riconosciuto da Azure per evitare tempi di inattività: asverify.

Il processo di mapping del dominio personalizzato a un endpoint di BLOB può tuttavia comportare un breve periodo di inattività del dominio durante la relativa registrazione nel portale di Azure. Se il dominio personalizzato supporta attualmente un'applicazione con un contratto di servizio in base al quale non sono consentiti tempi di inattività, è possibile usare il sottodominio asverify di Azure per fornire un passaggio di registrazione intermedio. Questo passaggio intermedio assicura che gli utenti possano accedere al dominio durante l'applicazione del mapping DNS.

Il metodo del sottodominio intermedio è trattato in Registrare un dominio personalizzato usando il sottodominio asverify.

Registrare un dominio personalizzato

Eseguire questa procedura per registrare il dominio personalizzato se il fatto che il dominio sia temporaneamente non disponibile per gli utenti non costituisce un problema oppure se il dominio personalizzato al momento non ospita un'applicazione.

Se invece il dominio personalizzato supporta un'applicazione per cui non sono consentiti tempi di inattività, eseguire la procedura descritta in Registrare un dominio personalizzato usando il sottodominio asverify.

Per configurare un nome di dominio personalizzato, è necessario creare un nuovo record CNAME nel DNS. Il record CNAME specifica un alias per un nome di dominio. In questo caso viene usato per eseguire il mapping dell'indirizzo del dominio personalizzato all'endpoint dell'archiviazione BLOB per l'account di archiviazione.

In genere è possibile gestire le impostazioni DNS del dominio sul sito Web del registrar del dominio. Ogni registrar prevede un metodo simile ma leggermente diverso per specificare un record CNAME. Il concetto di base è tuttavia identico. Alcuni pacchetti di base di registrazione dei domini non offrono la configurazione dei DNS, quindi può essere necessario aggiornare il pacchetto prima di creare il record CNAME.

  1. Passare all'account di archiviazione nel portale di Azure.
  2. In SERVIZIO BLOB nel pannello menu selezionare Dominio personalizzato per aprire il pannello Dominio personalizzato.
  3. Accedere al sito Web del registrar di dominio e passare alla pagina di gestione dei DNS. Queste informazioni possono essere disponibili in una sezione come Domain Name, DNS o Name Server Management.
  4. Individuare la sezione per la gestione dei record CNAME. Potrebbe essere necessario passare a una pagina di impostazioni avanzate e cercare le parole CNAME, Alias o Subdomains.
  5. Creare un nuovo record CNAME e specificare un alias di sottodominio, ad esempio www o photos. Specificare quindi un nome host, che corrisponde all'endpoint di servizio BLOB, nel formato mystorageaccount.blob.core.windows.net, dove mystorageaccount è il nome dell'account di archiviazione. Il nome host da usare nell'elemento #1 è visualizzato del pannello Dominio personalizzato nel portale di Azure.
  6. Nella casella di testo del pannello Dominio personalizzato del portale di Azure immettere il nome del dominio personalizzato, incluso il sottodominio. Ad esempio, se il dominio è contoso.com e l'alias di sottodominio è www, immettere www.contoso.com. Se il sottodominio è photos immettere photos.contoso.com. Il sottodominio è obbligatorio.
  7. Selezionare Salva nel pannello Dominio personalizzato per registrare il dominio personalizzato. Se la registrazione ha esito positivo verrà visualizzata una notifica nel portale che informa che l'account di archiviazione è stato aggiornato correttamente.

Dopo che il nuovo record CNAME è stato propagato tramite DNS, gli utenti possono visualizzare i dati BLOB usando il dominio personalizzato, purché dispongano delle autorizzazioni appropriate.

Registrare un dominio personalizzato usando il sottodominio asverify

Usare questa procedura per registrare un dominio personalizzato che attualmente supporta un'applicazione con un contratto di servizio in base al quale non sono consentiti tempi di inattività. Creando un record CNAME che punti da asverify.<subdomain>.<customdomain> a asverify.<storageaccount>.blob.core.windows.net è possibile preregistrare il dominio con Azure. È quindi possibile creare un secondo record CNAME che punta da <subdomain>.<customdomain> a <storageaccount>.blob.core.windows.net. A questo punto il traffico diretto al dominio personalizzato verrà indirizzato all'endpoint BLOB.

Il sottodominio asverify è un sottodominio speciale riconosciuto da Azure. Anteponendo asverify al proprio sottodominio, si consente ad Azure di riconoscere il dominio personalizzato senza modificare il relativo record DNS. Quando si modifica il record DNS per il dominio, verrà eseguito il mapping all'endpoint BLOB senza tempi di inattività.

  1. Passare all'account di archiviazione nel portale di Azure.
  2. In SERVIZIO BLOB nel pannello menu selezionare Dominio personalizzato per aprire il pannello Dominio personalizzato.
  3. Accedere al sito Web del provider DNS e passare alla pagina di gestione dei DNS. Queste informazioni possono essere disponibili in una sezione come Domain Name, DNS o Name Server Management.
  4. Individuare la sezione per la gestione dei record CNAME. Potrebbe essere necessario passare a una pagina di impostazioni avanzate e cercare le parole CNAME, Alias o Subdomains.
  5. Creare un nuovo record CNAME e fornire un alias di sottodominio che include il sottodominio asverify. Ad esempio asverify.www o asverify.photos. Specificare quindi un nome host, che corrisponde all'endpoint di servizio BLOB, nel formato asverify.mystorageaccount.blob.core.windows.net, dove mystorageaccount è il nome dell'account di archiviazione. Il nome host da usare viene visualizzato nell'elemento #2 del pannello Dominio personalizzato nel portale di Azure.
  6. Nella casella di testo del pannello Dominio personalizzato del portale di Azure immettere il nome del dominio personalizzato, incluso il sottodominio. Non includere asverify. Ad esempio, se il dominio è contoso.com e l'alias di sottodominio è www, immettere www.contoso.com. Se il sottodominio è photos immettere photos.contoso.com. Il sottodominio è obbligatorio.
  7. Selezionare la casella di controllo Usa convalida CNAME indiretta.
  8. Selezionare Salva nel pannello Dominio personalizzato per registrare il dominio personalizzato. Se la registrazione ha esito positivo verrà visualizzata una notifica nel portale che informa che l'account di archiviazione è stato aggiornato correttamente. A questo punto, il dominio personalizzato è stato verificato da Azure, ma il traffico verso il dominio non è ancora instradato all'account di archiviazione.
  9. Tornare al sito Web del provider DNS e creare un altro record CNAME tramite cui eseguire il mapping del sottodominio all'endpoint del servizio BLOB. Specificare ad esempio il sottodominio www o photos (senza asverify) e il nome host mystorageaccount.blob.core.windows.net, dove mystorageaccount è il nome dell'account di archiviazione. Con questo passaggio viene completata la registrazione del dominio personalizzato.
  10. Infine è possibile eliminare il record CNAME creato contenente il sottodominio asverify, poiché è stato necessario solo come passaggio intermedio.

Dopo che il nuovo record CNAME è stato propagato tramite DNS, gli utenti possono visualizzare i dati BLOB usando il dominio personalizzato, purché dispongano delle autorizzazioni appropriate.

Testare un dominio personalizzato

Per verificare che il mapping del dominio personalizzato all'endpoint del servizio BLOB sia stato effettivamente eseguito, creare un BLOB in un contenitore pubblico all'interno dell'account di archiviazione. Quindi, in un Web browser utilizzare un URI nel formato seguente per accedere al BLOB:

http://<subdomain.customdomain>/<mycontainer>/<myblob>

È possibile ad esempio usare l'URI seguente per accedere a un Web Form nel contenitore myforms nel sottodominio personalizzato photos.contoso.com:

http://photos.contoso.com/myforms/applicationform.htm

Annullare la registrazione di un dominio personalizzato

Per annullare la registrazione di un dominio personalizzato per l'endpoint di archiviazione BLOB, usare una delle seguenti procedure.

Portale di Azure

Per rimuovere l'impostazione di dominio personalizzato eseguire le operazioni seguenti nel portale di Azure:

  1. Passare all'account di archiviazione nel portale di Azure.
  2. In SERVIZIO BLOB nel pannello menu selezionare Dominio personalizzato per aprire il pannello Dominio personalizzato.
  3. Cancellare il contenuto della casella di testo contenente il nome di dominio personalizzato.
  4. Fare clic sul pulsante Salva.

Dopo aver rimosso correttamente il dominio personalizzato, verrà visualizzata una notifica nel portale che informa che l'account di archiviazione è stato aggiornato correttamente.

Interfaccia della riga di comando di Azure 2.0

Usare il comando az storage account update dell'interfaccia della riga di comando e specificare una stringa vuota ("") per il valore dell'argomento --custom-domain per rimuovere la registrazione di un dominio personalizzato.

  • Formato del comando:

    az storage account update \
        --name <storage-account-name> \
        --resource-group <resource-group-name> \
        --custom-domain ""
    
  • Esempio del comando:

    az storage account update \
        --name mystorageaccount \
        --resource-group myresourcegroup \
        --custom-domain ""
    

PowerShell

Usare il cmdlet di PowerShell Set-AzureRmStorageAccount e specificare una stringa vuota ("") per il valore dell'argomento -CustomDomainName per rimuovere la registrazione di un dominio personalizzato.

  • Formato del comando:

    Set-AzureRmStorageAccount `
        -ResourceGroupName "<resource-group-name>" `
        -AccountName "<storage-account-name>" `
        -CustomDomainName ""
    
  • Esempio del comando:

    Set-AzureRmStorageAccount `
        -ResourceGroupName "myresourcegroup" `
        -AccountName "mystorageaccount" `
        -CustomDomainName ""
    

Passaggi successivi