Comportamento di individuazione automatica imprevisto quando le impostazioni del Registro di sistema sono in sono posizionate nella chiave di individuazione automatica \Autodiscover

Sintomi

Quando Microsoft Outlook tenta di recuperare le informazioni sul servizio di individuazione automatica da un server che esegue Microsoft Exchange Server, è possibile che si verifichino risultati imprevisti se si utilizza uno o più valori del Registro di sistema disponibili che possono essere utilizzati per controllare il servizio di individuazione automatica.

Causa

Quando Outlook tenta di contattare il servizio di individuazione automatica sul server di Exchange con il ruolo del server Accesso client (CAS), può utilizzare diversi metodi per raggiungere il servizio, a seconda della topologia client-server. I metodi attualmente implementati utilizzati da Outlook sono:

  • Ricerca SCP
  • Query del dominio radice HTTPS
  • Query sul dominio di individuazione automatica HTTPS
  • File XML locale
  • Metodo di reindirizzamento HTTP
  • Query record SRV
  • URL memorizzato nella cache del profilo di Outlook (novità di Outlook 2010 versione 14.0.7140.5001 e versioni successive)
  • Connessione diretta a Office 365 (novità di Outlook 2016 versione 16.0.6741.2017 e versioni successive)

Per impostazione predefinita, Outlook tenterà uno o più di questi metodi se non è in grado di raggiungere l'Individuazione automatica. Ad esempio, in uno scenario con un computer non aggiunto a un dominio, Outlook tenterà di connettersi agli URL predefiniti (ad esempio, https://autodiscover.contoso.com/autodiscover/autodiscover.xml) utilizzando il DNS. Se questo ha esito negativo, Outlook proverà il metodo di reindirizzamento HTTP. Se anche questo ha esito negativo, Outlook proverà a utilizzare il metodo di ricerca del record SRV. Se tutti i metodi di ricerca hanno esito negativo, Outlook non sarà in grado di ottenere la configurazione di Outlook via Internet e le impostazioni dell'URL.

Per ulteriori informazioni sui diversi metodi di connessione di individuazione automatica utilizzati da Outlook, vedere i seguenti documenti del servizio di individuazione automatica di Exchange:

In alcuni scenari, tuttavia, è possibile utilizzare i valori del Registro di sistema o dei criteri relativi all'individuazione automatica per controllare i metodi utilizzati da Outlook per raggiungere l'individuazione automatica. Tuttavia, la configurazione errata dei valori del Registro di sistema o dei criteri relativi all'individuazione automatica potrebbe impedire a Outlook di ottenere informazioni di individuazione automatica.

Risoluzione

Per risolvere questo problema, esaminare i dati del Registro di sistema relativi all'individuazione automatica che potrebbero essere disponibili nel client Outlook per assicurarsi che i dati siano configurati correttamente. Inoltre, se non si è certi che i dati del registro di sistema siano necessari, è consigliabile modificare i dati per ciascuno di questi valori del Registro di sistema su zero (0) e quindi verificare con Outlook se si riscontra una differenza nell'individuazione automatica.

Importante

In questa sezione, metodo o attività viene illustrata la procedura per modificare il Registro di sistema. Poiché l'errata modifica del Registro di sistema può causare seri problemi, Di conseguenza, attenersi scrupolosamente alla procedura indicata. Per una maggiore protezione, eseguire il backup del Registro di sistema prima di modificarlo. In questo modo sarà possibile ripristinare il Registro di sistema se si verifica un problema. Per ulteriori informazioni sull'esecuzione del backup e del ripristino del Registro di sistema, fare clic sul numero dell'articolo della Microsoft Knowledge Base riportato di seguito: 322756 Come eseguire il backup e il ripristino del Registro di sistema in Windows

  1. Avviare l'editor del Registro di sistema

  2. Individuare e selezionare la sottochiave seguente del Registro di sistema:

    HKEY_CURRENT_USER\Software\Microsoft\Office\x.0\Outlook\AutoDiscover

    Nota

    x.0 in questo percorso del Registro di sistema corrisponde alla versione di Outlook (16.0 = Outlook 2016, 15.0 = Outlook 2013, 14.0 = Outlook 2010, 12.0 = Outlook 2007).

  3. Rivedere i seguenti possibili valori DWORD che possono essere posizionati nella sottochiave di individuazione automatica \Autodiscover.

    • PreferLocalXML

    • PreferProvidedEmailInAutoDiscoverAuthPrompts

      Questo valore consente agli amministratori di Exchange di specificare se gli utenti verranno autenticati utilizzando l'e-mail dell'account configurato o il nome dell'entità utente (UPN) durante gli scenari di individuazione automatica. Per ulteriori informazioni, vedere Aggiornamento del 5 novembre 2019 per Outlook 2016 (KB4484139).

    • ExcludeHttpRedirect

    • ExcludeHttpsAutoDiscoverDomain

    • ExcludeHttpsRootDomain

    • ExcludeScpLookup

    • ExcludeSrvRecord

    • ExcludeLastKnownGoodURL (si applica solo a Outlook 2010 versione 14.0.7140.5001 e versioni successive)

    • ExcludeExplicitO365Endpoint (si applica solo a Outlook 2016 versione 16.0.6741.2017 e versioni successive)

    Nota

    Alcuni documenti indicano che ExcludeSrvLookupvalue viene utilizzato da Outlook in questo scenario. Purtroppo questa documentazione non è corretta in quanto il valore ExcludeSrvLookup non esiste nel codice di Outlook. Solo il valore ExcludeSrvRecordregistry viene utilizzato da Outlook per controllare la ricerca record SRV per l'individuazione automatica. Pertanto, se si trova un valore denominato ExcludeSrvLookup nella sottochiave di individuazione automatica \Autodiscover, è possibile modificare in modo sicuro il valore su 0.

  4. Ripetere il passaggio 3 utilizzando la seguente sottochiave del Registro di sistema:

    HKEY_CURRENT_USER\Software\Policies\Microsoft\Office\x.0\Outlook\AutoDiscover

    Nota

    x.0 in questo percorso del Registro di sistema corrisponde alla versione di Outlook (16.0 = Outlook 2016, 15.0 = Outlook 2013, 14.0 = Outlook 2010, 12.0 = Outlook 2007).

Ulteriori informazioni

È possibile utilizzare la seguente procedura in Outlook per determinare il metodo con cui Outlook sta tentando di recuperare le informazioni di individuazione automatica da Exchange:

  1. Avviare Outlook.
  2. Premere CTRL, fare clic con il pulsante destro del mouse sull'icona di Outlook nell'area di notifica e quindi scegliere Verifica configurazione automatica posta elettronica.
  3. Verificare che l'indirizzo di posta elettronica sia stato immesso correttamente nella casella Indirizzo di posta elettronica.
  4. Immettere la password se non si è connessi a un dominio o se si accede a una cassetta postale diversa dalla propria.
  5. Fare clic per deselezionare le caselle di controllo Usa Guessmart e Secure Guessmart Authentication.
  6. Fare clic su Test.
  7. Esaminare i dettagli nella scheda Registro.

Nella figura seguente viene illustrata la scheda Registro quando i valori ExcludeScpLookup e ExcludeHttpsAutoDiscoverDomain sono stati impostati su 1.

Screenshot della scheda Registro

Confrontare queste informazioni solo quando il valore di ExcludeScpLookup è impostato su 1.

Screenshot della scheda Registro 2

Nota

Ignorare gli errori in queste cifre, perché queste informazioni hanno il solo scopo di mostrare i diversi tentativi di ricerca effettuati da Outlook.

Inoltre, se si abilita la registrazione in Outlook (2007 o 2010), i diversi tentativi di individuazione automatica sono disponibili nel file %temp% Olkdisc.log. Questo file di registro include anche tutte le impostazioni del Registro di sistema configurate per escludere uno dei metodi di ricerca di individuazione automatica. Nella figura seguente, è possibile vedere chiaramente che i valori ExcludeScpLookup ed ExcludeHttpsAutoDiscoverDomain sono entrambi impostati su 1.

Screenshot del file di log

Per ulteriori informazioni sulla gestione lato client e l'amministrazione di individuazione automatica, vedere il seguente articolo della Knowledge Base:

2612922 Come controllare l'individuazione automatica di Outlook utilizzando criteri di gruppo