Utilizzare la Creazione guidata Gruppo di disponibilità (SQL Server Management Studio)

Questo argomento descrive come usare la Creazione guidata gruppo di disponibilità (in SQL Server Management StudioSQL Server Management Studio) per creare e configurare un gruppo di disponibilità AlwaysOn in SQL Server 2017SQL Server 2017. Tramite un gruppo di disponibilità vengono definiti un set di database utente di cui verrà eseguito il failover come unità singola e un set di partner di failover, noti come repliche di disponibilità, che supportano il failover.

Nota

Per un'introduzione ai gruppi di disponibilità, vedere Panoramica di Gruppi di disponibilità AlwaysOn (SQL Server).

Nota

In alternativa all'utilizzo della Creazione guidata Gruppo di disponibilità, è possibile usare Transact-SQLTransact-SQL o i cmdlet di PowerShell per SQL ServerSQL Server. Per altre informazioni, vedere Creare un gruppo di disponibilità (Transact-SQL) o Creare un gruppo di disponibilità (SQL Server PowerShell).

Prima di iniziare

Prima di iniziare a creare il primo gruppo di disponibilità, è consigliabile leggere questa sezione.

Prerequisiti, restrizioni e raccomandazioni

Nella maggior parte dei casi, è possibile usare la Creazione guidata Gruppo di disponibilità per completare tutte le attività necessarie per la creazione e la configurazione di un gruppo di disponibilità. Potrebbe tuttavia essere necessario completare manualmente alcune attività.

  • Prima di creare un gruppo di disponibilità, verificare che le istanze di SQL ServerSQL Server che ospitano repliche di disponibilità si trovino in un nodo del Clustering di failover di Windows Server (Windows Server Failover Clustering, WSFC) diverso all'interno dello stesso cluster di failover WSFC. Inoltre, verificare che ciascuna delle istanze del server soddisfi tutti gli altri prerequisiti Gruppi di disponibilità Always OnAlways On availability groups. Per altre informazioni, si consiglia di leggere Prerequisiti, restrizioni e consigli per i gruppi di disponibilità AlwaysOn (SQL Server).

  • Se un'istanza del server selezionata come host per una replica di disponibilità è in esecuzione in un account utente di dominio e non dispone ancora di un endpoint del mirroring del database, tramite la procedura guidata è possibile creare l'endpoint e concedere l'autorizzazione CONNECT all'account del servizio dell'istanza del server. Se, tuttavia, il servizio SQL ServerSQL Server viene eseguito come account predefinito, ad esempio Sistema locale, Servizio locale o Servizio di rete, oppure come account non di dominio, è necessario usare certificati per l'autenticazione dell'endpoint e non sarà possibile creare un endpoint del mirroring del database nell'istanza del server tramite la procedura guidata. In tal caso, è consigliabile creare gli endpoint del mirroring del database manualmente prima di avviare la Creazione guidata Gruppo di disponibilità.

    Per usare i certificati per un endpoint del mirroring del database:

    CREATE ENDPOINT (Transact-SQL)

    Utilizzare certificati per un endpoint del mirroring del database (Transact-SQL)

  • Le istanze del cluster di failover di SQL Server non supportano il failover automatico da gruppi di disponibilità, pertanto le replica di disponibilità ospitate da un'istanza del cluster di failover possono essere configurate solo per il failover manuale.

  • Prerequisiti per eseguire la sincronizzazione dei dati iniziale completa tramite procedura guidata

    • Tutti i percorsi di file dei database devono essere identici in ogni istanza del server in cui è ospitata una replica per il gruppo di disponibilità.

    • In un'istanza del server in cui è ospitata una replica secondaria non può essere presente alcun nome di database primario. Ciò significa che non può essere ancora presente alcun nuovo database secondario.

    • Sarà necessario specificare una condivisione di rete affinché la procedura guidata sia in grado di creare e accedere ai backup. Per la replica primaria, all'account usato per avviare il Motore di databaseDatabase Engine devono essere associate le autorizzazioni del file system in lettura e scrittura per una condivisione di rete. Per le repliche secondarie, all'account deve essere associata l'autorizzazione di lettura per la condivisione di rete.

      Importante

      I backup del log faranno parte della catena di backup del log. Archiviare i file di backup del log in modo appropriato.

      Se non è possibile usare la procedura guidata per eseguire la sincronizzazione dei dati iniziale completa, sarà necessario preparare i database secondari manualmente. Tale operazione può essere eseguita prima o dopo l'esecuzione della procedura guidata. Per altre informazioni, vedere Preparare manualmente un database secondario per un gruppo di disponibilità (SQL Server).

Sicurezza

Autorizzazioni

Sono necessarie l'appartenenza al ruolo predefinito del server sysadmin e l'autorizzazione server CREATE AVAILABILITY GROUP oppure l'autorizzazione ALTER ANY AVAILABILITY GROUP o CONTROL SERVER.

È inoltre necessaria l'autorizzazione CONTROL ON ENDPOINT se si desidera gestire l'endpoint del mirroring del database tramite la Creazione guidata Gruppo di disponibilità.

Utilizzo della Creazione guidata Gruppo di disponibilità

  1. In Esplora oggetti connettersi all'istanza del server che ospita la replica primaria.

  2. Espandere il nodo Disponibilità elevata AlwaysOn e il nodo Gruppi di disponibilità.

  3. Per avviare la Creazione guidata Gruppo di disponibilità, selezionare il comando Creazione guidata Gruppo di disponibilità .

  4. Quando si esegue la procedura guidata per la prima volta, viene visualizzata una pagina Introduzione . Per ignorare questa pagina in futuro, è possibile fare clic su Non visualizzare più questa pagina. Dopo avere letto questa pagina, fare clic su Avanti.

  5. Nella pagina Specifica nome del gruppo di disponibilità immettere il nome del nuovo gruppo di disponibilità nel campo Nome gruppo di disponibilità . Questo nome deve essere un identificatore di SQL ServerSQL Server valido e univoco nel cluster di failover WSFC e nell'intero dominio. La lunghezza massima consentita per il nome del gruppo di disponibilità è 128 caratteri.

  6. Nella griglia della pagina Seleziona database sono elencati i database utente sull'istanza del server connessa idonei per diventare i database di disponibilità. Selezionare uno o più dei database elencati per usarli nel nuovo gruppo di disponibilità. Questi database diventeranno inizialmente i database primariiniziali.

    Per ogni database elencato, nella colonna Dimensioni viene visualizzata la dimensione del database, se nota. La colonna Stato indica se un determinato database soddisfa i prerequisiti per i database di disponibilità. Se i prerequisiti non vengono soddisfatti, una breve descrizione dello stato indica il motivo per il database non è idoneo; ad esempio, se non usano il modello di recupero con registrazione completa. Per altre informazioni, fare clic sulla descrizione relativa allo stato.

    Se si modifica un database per renderlo idoneo, fare clic su Aggiorna per aggiornare la griglia dei database.

    Se il database contiene una chiave master di database, immettere la password per la chiave master di database nella colonna Password.

  7. Nella pagina Specifica repliche specificare e configurare una o più repliche per il nuovo gruppo di disponibilità. In questa pagina sono incluse quattro schede. Queste schede vengono presentate nella tabella seguente. Per altre informazioni, vedere l'argomento Pagina Specifica repliche (Creazione guidata Gruppo di disponibilità: Aggiungi replica).

    Scheda Breve descrizione
    Repliche Usare questa scheda per specificare ogni istanza di SQL ServerSQL Server che ospiterà una replica secondaria. Si noti che la replica primaria sarà ospitata nell'istanza del server a cui si è attualmente connessi.
    Endpoint Usare questa scheda per verificare eventuali endpoint del mirroring di database esistenti e, inoltre, se tale endpoint risulta mancante in un'istanza del server i cui account del servizio usano l'autenticazione di Windows, per creare l'endpoint automaticamente.

    Nota: se un'istanza del server è in esecuzione in un account utente non di dominio, è necessario apportare una modifica manuale all'istanza del server prima di continuare con la procedura guidata. Per altre informazioni, vedere la sessione Prerequisitipiù indietro in questo argomento.
    Preferenze di backup Usare questa scheda per specificare le preferenze di backup per il gruppo di disponibilità nel suo complesso e le priorità di backup per le singole repliche di disponibilità.
    Listener Usare questa scheda per creare un listener del gruppo di disponibilità. Per impostazione predefinita, la procedura guidata non crea un listener.
  8. Nella pagina Seleziona sincronizzazione dei dati iniziale specificare come creare e aggiungere i nuovi database secondari al gruppo di disponibilità. Selezionare una delle opzioni seguenti:

    • Full

      Selezionare questa opzione se l'ambiente soddisfa i requisiti per l'avvio automatico della sincronizzazione dei dati iniziale. Per altre informazioni, vedere Prerequisiti, restrizioni e raccomandazioni, più indietro in questo argomento.

      Se si seleziona Completo, dopo avere creato il gruppo di disponibilità verrà eseguito il backup di ogni database primario e del relativo log delle transazioni su una condivisione di rete e verranno ripristinati i backup su ogni istanza del server in cui è ospitata una replica secondaria. Ogni database secondario verrà quindi aggiunto al gruppo di disponibilità.

      Nel campo Specificare un percorso di rete condiviso accessibile da tutte le repliche: specificare una condivisione di backup a cui abbiano accesso in lettura e scrittura tutte le istanze del server che ospitano repliche. Per altre informazioni, vedere la sessione Prerequisitipiù indietro in questo argomento.

    • Solo join

      Se sono stati preparati manualmente database secondari sulle istanze del server che ospiteranno le repliche secondarie, è possibile selezionare questa opzione. I database secondari esistenti verranno uniti al gruppo di disponibilità tramite la procedura guidata.

    • Ignora sincronizzazione dei dati iniziale

      Selezionare questa opzione se si desidera usare i backup dei database e del log dei database primari. Per altre informazioni, vedere Avviare lo spostamento dati su un database secondario AlwaysOn (SQL Server).

  9. Nella pagina Convalida viene verificato se i valori specificati in questa procedura guidata soddisfano i requisiti della Creazione guidata Gruppo di disponibilità. Per apportare una modifica, fare clic su Precedente per tornare a una pagina precedente della procedura guidata per modificare uno o più valori. Scegliere Avanti per tornare alla pagina Convalida, quindi fare clic su Ripeti convalida.

  10. Nella pagina Riepilogo rivedere le scelte effettuate per il nuovo gruppo di disponibilità. Per apportare una modifica, fare clic su Indietro per tornare alla pagina pertinente. Dopo avere apportato la modifica, fare clic su Avanti per tornare alla pagina Riepilogo .

    Importante

    Se l'account del servizio SQL ServerSQL Server di un'istanza del server che ospiterà una nuova replica di disponibilità non esiste già come account di accesso, ne verrà creato uno tramite la Creazione guidata Gruppo di disponibilità. Nella pagina Riepilogo vengono visualizzate le informazioni relative all'account di accesso da creare. Se si fa clic su Fine, viene creato questo account di accesso per l'account del servizio SQL Server e viene concessa l'autorizzazione CONNECT.

    Se si è soddisfatti delle selezioni, è possibile fare clic su Script per creare uno script dei passaggi eseguiti nel corso della procedura guidata. Per creare e configurare il nuovo gruppo di disponibilità, fare quindi clic su Fine.

  11. Nella pagina Stato viene visualizzato lo stato di avanzamento dei passaggi per la creazione del gruppo di disponibilità, ovvero configurazione di endpoint, creazione del gruppo di disponibilità e creazione di un join della replica secondaria al gruppo.

  12. Al termine di questi passaggi, nella pagina Risultati vengono visualizzati i relativi risultati. Se tutti questi passaggi sono stati eseguiti correttamente, il nuovo gruppo di disponibilità è completamente configurato. Se si verifica un errore durante uno dei passaggi, potrebbe essere necessario completare manualmente la configurazione o usare una procedura dettagliata per il passaggio errato. Per informazioni sulla causa di un determinato errore, fare clic sul collegamento "Errore" nella colonna Risultato .

    Al termine della procedura guidata, fare clic su Chiudi per uscire.

Attività correlate

Per completare la configurazione del gruppo di disponibilità

Contenuto correlato

Vedere anche

Endpoint del mirroring del database (SQL Server)
Panoramica di Gruppi di disponibilità AlwaysOn (SQL Server)
Prerequisiti, restrizioni e consigli per i gruppi di disponibilità AlwaysOn (SQL Server)