Abilitare e configurare FILESTREAM

Si applica a: sìSQL Server (tutte le versioni supportate)

Prima di iniziare a utilizzare FILESTREAM, è necessario abilitarlo nell'istanza del Motore di database di SQL Server. In questo argomento viene descritto come abilitare FILESTREAM utilizzando Gestione configurazione SQL Server.

Abilitazione di FILESTREAM

Per abilitare e modificare le impostazioni FILESTREAM

  1. Fare clic sul menu Start , scegliere Tutti i programmi, SQL Server, Strumenti di configurazione e quindi Gestione configurazione SQL Server.

  2. Nell'elenco dei servizi fare clic con il pulsante destro del mouse su Servizi di SQL Server e quindi scegliere Apri.

  3. Nello snap-in Gestione configurazione SQL Server trovare l'istanza di SQL Server in cui si vuole abilitare FILESTREAM.

  4. Fare clic con il pulsante destro sull'istanza e quindi scegliere Proprietà.

  5. Nella finestra di dialogo delle proprietà di SQL Server fare clic sulla scheda FILESTREAM .

  6. Selezionare la casella di controllo Abilita FILESTREAM per l'accesso Transact-SQL .

  7. Se si vogliono leggere e scrivere dati FILESTREAM da Windows, fare clic su Abilita FILESTREAM per l'accesso tramite il flusso di I/O dei file. Immettere il nome della condivisione di Windows nella casella Nome condivisione di Windows .

  8. Se ai dati FILESTREAM archiviati in tale condivisione devono accedere client remoti, selezionare Consenti ai client remoti l'accesso tramite flusso ai dati FILESTREAM.

  9. Fare clic su Applica.

  10. In SQL Server Management Studiofare clic su Nuova query per visualizzare l'editor di query.

  11. Nell'editor di query immettere il codice Transact-SQL seguente:

    EXEC sp_configure filestream_access_level, 2  
    RECONFIGURE  
    
  12. Fare clic su Execute.

  13. Riavviare il servizio SQL Server .

Procedure consigliate

Configurazione fisica e manutenzione

Quando si configurano i volumi di archiviazione FILESTREAM, tenere presenti le linee guida seguenti:

  • Disabilitare i nomi di file brevi nei sistemi FILESTREAM. La creazione di nomi di file brevi richiede tempi sensibilmente più lunghi. Per disabilitare i nomi di file brevi, usare l'utilità fsutil di Windows.

  • Deframmentare regolarmente i sistemi FILESTREAM.

  • Utilizzare cluster NTFS da 64 KB. I volumi compressi devono essere impostati su cluster NTFS da 4 KB.

  • Disabilitare l'indicizzazione nei volumi FILESTREAM e impostare disablelastaccess. Per impostare disablelastaccess, usare l'utilità fsutil di Windows.

  • Disabilitare l'analisi per la ricerca di virus nei volumi FILESTREAM quando non è non necessaria. Se tale analisi è necessaria, evitare di impostare criteri per l'eliminazione automatica dei file infetti.

  • Configurare e ottimizzare il livello RAID per la tolleranza di errore e le prestazioni richieste da un'applicazione.

Livello RAID Prestazioni di scrittura Prestazioni di lettura Tolleranza di errore Osservazioni
RAID 5 Normale Normale Eccellenti Le prestazioni sono più elevate rispetto all'utilizzo di un unico disco o di JBOD e meno elevate rispetto all'utilizzo di RAID 0 o RAID 5 con striping.
RAID 0 Eccellenti Eccellenti nessuno
RAID 5 + striping Eccellenti Eccellenti Eccellenti Opzione più costosa.
         

Progettazione fisica di database

Quando si progetta un database FILESTREAM, tenere presenti le linee guida seguenti:

  • Le colonne FILESTREAM devono essere associate a una corrispondente colonna ROWGUID uniqueidentifier. Questi tipi di tabelle devono inoltre essere associati a un indice univoco. Solitamente questo indice non è cluster. Se la logica di business dei database richiede un indice cluster, è necessario assicurarsi che i valori archiviati nell'indice non siano casuali. In caso contrario, l'indice verrà riordinato ogni volta che viene aggiunta o rimossa una riga dalla tabella.

  • Ai fini delle prestazioni, i contenitori e i filegroup FILESTREAM dovrebbero risiedere in volumi anziché nel sistema operativo, nel database di SQL Server , nel log di SQL Server o nel file di paging.

  • La gestione dello spazio e i criteri non sono supportati direttamente da FILESTREAM. È tuttavia possibile gestire lo spazio e applicare criteri in modo indiretto assegnando ogni filegroup FILESTREAM a un volume distinto e utilizzando le funzionalità di gestione di quest'ultimo.