Enumerazione JET_param

Parametri di sistema ESENT.

Spazio dei nomi: Microsoft. ISAM. esent. Interop
Assembly: Microsoft. ISAM. esent. Interop (in Microsoft.Isam.Esent.Interop.dll)

Sintassi

'Declaration
Public Enumeration JET_param
'Usage
Dim instance As JET_param
public enum JET_param

Members

Nome del membro Descrizione
SystemPath Questo parametro indica il percorso file system relativo o assoluto della cartella che conterrà il file del checkpoint per l'istanza. Il percorso deve terminare con un carattere barra rovesciata, che indica che il percorso di destinazione è una cartella.
TempPath Questo parametro indica il percorso file system relativo o assoluto della cartella o del file che conterrà il database temporaneo per l'istanza di. Se il percorso è una cartella che conterrà il database temporaneo, deve terminare con un carattere barra rovesciata.
LogFilePath Questo parametro indica il percorso file system relativo o assoluto della cartella che conterrà i log delle transazioni per l'istanza. Il percorso deve terminare con un carattere barra rovesciata, che indica che il percorso di destinazione è una cartella.
BaseName Questo parametro imposta il prefisso di tre lettere usato per molti dei file usati dal motore di database. Il file del checkpoint, ad esempio, è denominato EDB. CHK per impostazione predefinita, perché EDB è il nome di base predefinito.
EventSource Questo parametro fornisce una stringa specifica dell'applicazione che verrà aggiunta a qualsiasi messaggio del registro eventi emesso dal motore di database. In questo modo è possibile correlare facilmente i messaggi del log eventi con l'applicazione di origine. Per impostazione predefinita, verrà usato il nome dell'eseguibile dell'applicazione host.
MaxSessions Questo parametro riserva il numero richiesto di risorse della sessione per l'utilizzo da parte di un'istanza. Una risorsa di sessione corrisponde direttamente a un tipo di dati JET_SESID. Questa impostazione influirà sul numero di sessioni che possono essere usate contemporaneamente.
MaxOpenTables Questo parametro riserva il numero richiesto di risorse dell'albero B + per l'utilizzo da parte di un'istanza. Questa impostazione influirà sul numero di tabelle che possono essere usate contemporaneamente.
MaxCursors Questo parametro riserva il numero richiesto di risorse del cursore per l'utilizzo da parte di un'istanza. Una risorsa di cursore corrisponde direttamente a un tipo di dati JET_TABLEID. Questa impostazione influirà sul numero di cursori che possono essere utilizzati contemporaneamente. Una risorsa cursore non può essere condivisa da sessioni diverse, pertanto questo parametro deve essere impostato su un valore sufficientemente elevato in modo che ogni sessione possa usare tutti i cursori richiesti.
MaxVerPages Questo parametro riserva il numero richiesto di pagine dell'archivio versioni per l'utilizzo da parte di un'istanza.
MaxTemporaryTables Questo parametro riserva il numero richiesto di risorse della tabella temporanea per l'utilizzo da parte di un'istanza di. Questa impostazione influirà sul numero di tabelle temporanee che possono essere usate contemporaneamente. Se questo parametro di sistema è impostato su zero, non verrà creato alcun database temporaneo e le attività che richiedono l'utilizzo del database temporaneo avranno esito negativo. Questa impostazione può essere utile per evitare l'i/O necessario per creare il database temporaneo se è noto che non verrà utilizzato.

Per l'utilizzo di una tabella temporanea è inoltre necessaria una risorsa Cursor.

LogFileSize Questo parametro consente di configurare le dimensioni dei file di log delle transazioni. Ogni file di log delle transazioni è a dimensione fissa. La dimensione è uguale all'impostazione del parametro di sistema in unità di 1024 byte.
LogBuffers Questo parametro consente di configurare la quantità di memoria utilizzata per memorizzare nella cache i record del log prima che vengano scritti nel file di log delle transazioni. L'unità per questo parametro è la dimensione settoriale del volume che include i file di log delle transazioni. La dimensione del settore è quasi sempre di 512 byte, quindi è sicuro presupporre che le dimensioni dell'unità. Questo parametro ha un effetto sulle prestazioni. Quando il motore di database è sottoposto a un carico di aggiornamento intenso, questo buffer può essere pieno molto rapidamente. Una dimensione della cache maggiore per il file di log delle transazioni è essenziale per le prestazioni di aggiornamento ottimali in una condizione di carico elevato. Il valore predefinito è troppo piccolo per questo caso. Non impostare questo parametro su un numero di buffer maggiore (in byte) della metà delle dimensioni di un file di log delle transazioni.
CircularLog Questo parametro consente di configurare il modo in cui i file di log delle transazioni vengono gestiti dal motore di database. Quando la registrazione circolare è disattivata, tutti i file di log delle transazioni generati vengono conservati su disco fino a quando non sono più necessari perché è stato eseguito un backup completo del database. Quando la registrazione circolare è attiva, solo i file di log delle transazioni più piccoli rispetto al checkpoint corrente vengono conservati su disco. Il vantaggio di questa modalità è che non è necessario che i backup ritirino i vecchi file di log delle transazioni.
DbExtensionSize Questo parametro controlla la quantità di spazio che viene aggiunta a un file di database ogni volta che deve espandersi per contenere più dati. Le dimensioni sono le pagine del database.
PageTempDBMin Questo parametro controlla la dimensione iniziale del database temporaneo. Le dimensioni sono le pagine del database. Una dimensione pari a zero indica che devono essere utilizzate le dimensioni predefinite di un database normale. È spesso consigliabile che le piccole applicazioni configurino il database temporaneo in modo che sia il più piccolo possibile. L'impostazione di questo parametro su SystemParameters. PageTempDBSmallest consentirà di ottenere il database temporaneo più piccolo possibile.
CacheSizeMax Questo parametro consente di configurare la dimensione massima della cache delle pagine del database. Le dimensioni sono le pagine del database. Se questo parametro viene lasciato al valore predefinito, le dimensioni massime della cache verranno impostate sulle dimensioni della memoria fisica quando viene chiamato JetInit.
CheckpointDepthMax Questo parametro controlla il modo in cui le pagine del database vengono scaricate dalla cache delle pagine del database per ridurre al minimo il tempo necessario per il ripristino da un arresto anomalo del sistema. Il parametro è una soglia in byte per informazioni sul numero di file di log delle transazioni che dovranno essere riprodotti dopo un arresto anomalo del sistema. Se la registrazione circolare è abilitata utilizzando JET_param. CircularLog quindi questo parametro controllerà anche la quantità approssimativa di file di log delle transazioni che verranno conservati su disco.
OutstandingIOMax Questo parametro controlla il numero di I/o di file di database che possono essere accodati per singolo disco nel sistema operativo host alla volta. Un valore più elevato per questo parametro può migliorare significativamente le prestazioni di un'applicazione di database di grandi dimensioni.
StartFlushThreshold Questo parametro controlla quando la cache delle pagine del database inizia a rimuovere le pagine dalla cache per creare spazio per le pagine che non sono memorizzate nella cache. Quando il numero di buffer di pagina nella cache scende al di sotto di questa soglia, viene avviato un processo in background per ripristinare il pool di buffer disponibili. Questa soglia è sempre relativa alle dimensioni massime della cache impostate dal JET_paramCacheSizeMax. Anche questa soglia deve essere sempre inferiore alla soglia di arresto impostata dal JET_paramStopFlushThreshold. L'altezza della distanza della soglia iniziale determina il tempo di risposta che la cache delle pagine del database deve avere per produrre i buffer disponibili prima che siano necessari per l'applicazione. Una soglia di inizio elevata offrirà al processo in background più tempo per rispondere. Tuttavia, una soglia di avvio elevata implica una soglia di arresto superiore e che ridurrà le dimensioni effettive della cache delle pagine del database per le pagine modificate (Windows 2000) o per tutte le pagine (Windows XP e versioni successive).
StopFlushThreshold Questo parametro controlla quando la cache delle pagine del database termina la rimozione di pagine dalla cache per creare spazio per le pagine non memorizzate nella cache. Quando il numero di buffer di pagina nella cache supera questa soglia, il processo in background che è stato avviato per ripristinare il pool di buffer disponibili viene arrestato. Questa soglia è sempre relativa alle dimensioni massime della cache impostate dal JET_paramCacheSizeMax. Anche questa soglia deve essere sempre maggiore della soglia iniziale impostata da JET_paramStartFlushThreshold. La distanza tra la soglia iniziale e la soglia di arresto influiscono sull'efficienza con cui le pagine del database vengono scaricate dal processo in background. Un gap maggiore renderà più probabile che le Scritture nelle pagine adiacenti vengano combinate. Tuttavia, una soglia di arresto elevata ridurrà le dimensioni effettive della cache della pagina del database per le pagine modificate (Windows 2000) o per tutte le pagine (Windows XP e versioni successive).
Ripristino Questo parametro è l'opzione master che controlla il ripristino di arresto anomalo del sistema per un'istanza di. Se questo parametro è impostato " su on " , verrà usato il ripristino in stile Ariete per portare tutti i database nell'istanza in uno stato coerente in caso di arresto anomalo di un processo o di un computer. Se questo parametro è impostato su " off " , tutti i database nell'istanza verranno gestiti senza il vantaggio del ripristino dell'arresto anomalo del sistema. Ciò significa che se l'istanza non viene arrestata in modo corretto utilizzando JetTerm prima dell'uscita del processo o dell'arresto del computer, il contenuto di tutti i database in tale istanza sarà danneggiato.
EnableOnlineDefrag Questo parametro controlla il comportamento della deframmentazione in linea quando viene avviato tramite JetDefragment (JET_SESID, JET_DBID, String, Int32, Int32, DefragGrbit) e JetDefragment2 (JET_SESID, JET_DBID, String, Int32, Int32, JET_CALLBACK, DefragGrbit).
CacheSize Questo parametro può essere utilizzato per controllare le dimensioni della cache delle pagine del database in fase di esecuzione. In genere, la cache ne ottimizza automaticamente le dimensioni come funzione dei livelli di attività del database e del computer. Se l'applicazione imposta questo parametro su zero, le dimensioni della cache vengono ottimizzate in questo modo. Tuttavia, se l'applicazione imposta questo parametro su un valore diverso da zero, la cache si adatterà a tale dimensione di destinazione.
EnableIndexChecking Quando questo parametro è impostato su true, ogni database viene controllato in fase di JetAttachDatabase per gli indici delle colonne chiave Unicode compilate con una versione precedente della libreria NLS nel sistema operativo. Questa operazione deve essere eseguita poiché il motore di database rende permanente le chiavi di ordinamento generate da LCMapStringW e il valore di queste chiavi di ordinamento viene modificato da release a Release. Se viene rilevato un indice primario in questo stato, JetAttachDatabase avrà sempre esito negativo con JET_err. PrimaryIndexCorrupted. Se vengono rilevati indici secondari in questo stato, esistono due possibili risultati. Se AttachDatabaseGrbit. DeleteCorruptIndexes è stato passato a JetAttachDatabase, questi indici verranno eliminati e JET_wrnCorruptIndexDeleted verranno restituiti da JetAttachDatabase. Questi indici dovranno essere ricreati dall'applicazione. Se AttachDatabaseGrbit. DeleteCorruptIndexes non è stato passato a JetAttachDatabase, la chiamata avrà esito negativo con JET_errSecondaryIndexCorrupted.
EventSourceKey Questo parametro può essere utilizzato per controllare il registro eventi utilizzato dal motore di database per i messaggi del log eventi. Per impostazione predefinita, tutti i messaggi del registro eventi vengono inviati al registro eventi dell'applicazione. Se viene configurato il nome della chiave del registro di sistema per un altro log eventi, i messaggi del registro eventi verranno invece inseriti.
NoInformationEvent Quando questo parametro è impostato su true, i messaggi del registro eventi informativi normalmente generati dal motore di database verranno eliminati.
EventLoggingLevel Configura il livello di dettaglio dei messaggi EventLog che vengono emessi al log eventi dal motore di database. I numeri più alti comporteranno messaggi EventLog più dettagliati.
DeleteOutOfRangeLogs Eliminare i file di registro che non corrispondono (generazione saggia) durante il ripristino soft.
CacheSizeMin Questo parametro consente di configurare la dimensione minima della cache delle pagine del database. Le dimensioni sono le pagine del database.
PreferredVerPages Questo parametro rappresenta una soglia relativa a MaxVerPages che controlla l'utilizzo discrezionale delle pagine della versione da parte del motore di database. Se la dimensione dell'archivio versioni supera questa soglia, le informazioni utilizzate solo per le attività in background facoltative, ad esempio il ripristino dello spazio eliminato nel database, vengono invece sacrificate per mantenere la stanza per le informazioni transazionali.
DatabasePageSize Questo parametro consente di configurare le dimensioni della pagina per il database. La dimensione della pagina è la più piccola unità di allocazione dello spazio possibile per un file di database. Anche le dimensioni della pagina del database sono molto importanti perché imposta il limite superiore per le dimensioni di un singolo record nel database.

Al momento è supportata una sola dimensione della pagina del database per processo. Ciò significa che se ci si trova in un singolo processo che contiene applicazioni diverse che usano il motore di database, è necessario che tutti condividano le dimensioni della pagina del database.

ErrorToString Questo parametro può essere usato per convertire un JET_ERR in una stringa. Questa operazione deve essere utilizzata solo con JetGetSystemParameter.
RuntimeCallback Configura il motore con un delegato JET_CALLBACK . Questo callback può essere chiamato per i motivi seguenti: FreeCursorLS, FreeTableLS o null. Per ulteriori informazioni, vedere JetSetLS (JET_SESID, JET_TABLEID, JET_LS, LsGrbit) . Questo parametro non può essere attualmente recuperato.
CleanupMismatchedLogFiles Questo parametro controlla il risultato di JetInit quando il motore di database è configurato per iniziare a utilizzare i file di log delle transazioni su disco con dimensioni diverse da quelle configurate. In genere, JetInit (JET_INSTANCE) recupererà correttamente i database, ma avrà esito negativo con LogFileSizeMismatchDatabasesConsistent per indicare che le dimensioni del file di log non sono configurate correttamente. Tuttavia, quando questo parametro è impostato su true, il motore di database eliminerà automaticamente tutti i vecchi file di log, avviando un nuovo set di file di log delle transazioni usando le dimensioni del file di log configurate. Questo parametro è utile quando l'applicazione desidera modificare in modo trasparente le dimensioni del file del log delle transazioni, ma continua a funzionare in modo trasparente negli scenari di aggiornamento e ripristino.
ExceptionAction Questo parametro controlla ciò che accade quando un'eccezione viene generata dal motore di database o dal codice chiamato dal motore di database. Se impostato su JET_ExceptionMsgBox, qualsiasi eccezione verrà generata al filtro eccezioni non gestite di Windows. In questo modo l'eccezione viene gestita come un errore dell'applicazione. Lo scopo è impedire che il codice dell'applicazione tenti erroneamente di rilevare e ignorare un'eccezione generata dal motore di database. Questa operazione non può essere consentita perché potrebbe verificarsi un danneggiamento del database. Se l'applicazione desidera gestire correttamente queste eccezioni, è possibile disabilitare la protezione impostando questo parametro su JET_ExceptionNone.
CreatePathIfNotExist Se questo parametro è impostato su true, tutte le cartelle mancanti in un percorso di file system in uso dal motore di database verranno create automaticamente. In caso contrario, l'operazione che usa il percorso di file system mancante avrà esito negativo con JET_err. InvalidPath.
OneDatabasePerSession Quando questo parametro è true, è possibile aprire un solo database usando JetOpenDatabase da una sessione specifica in una sola volta. Il database temporaneo è escluso da questa restrizione.
MaxInstances Questo parametro controlla il numero massimo di istanze che è possibile creare in un singolo processo.
VersionStoreTaskQueueMax Questo parametro controlla il numero di elementi di lavoro di pulitura in background che possono essere accodati al pool di thread del motore di database in un momento qualsiasi.

Vedi anche

Riferimento

Spazio dei nomi Microsoft. ISAM. esent. Interop